Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017

Esperienze dei visitatori

Questa sezione non è quella adatta per inserire commenti sulle strutture Dogwelcome visitate, per segnalare NUOVE strutture che ci accettano o che non ci hanno accettato o per chiedere info a Dogwelcome. Per chiedere info, se non avete trovato nel sito ciò che cercate, scriveteci una mail, grazie ! :)
Per commentare la strutture inserite su Dogwelcome dove siete stati occorre aprire la scheda della singola struttura visitata (ricercandola dalla maschera di ricerca in home page) ed inserire il vostro commento dal link apposito che troverete nella scheda struttura e nella colonna a destra;
- se volete inserire nella nostra lista nera una struttura in cui siete incappati per caso e che non vi ha accettato, occorre aprire una nuova scheda dal link 
SEGNALA STRUTTURASOLO se non è già in lista nera. (Se lo è, recensitela)
- se volete proporre a Dogwelcome una NUOVA struttura da inserire occorre aprire una nuova scheda dal link 
SEGNALA STRUTTURA, solo se non è già in lista (se lo è, recensitela)
- SE VOLETE COMMENTARE UNA SITUAZIONE, UNA ZONA, in regioni, stati, città eccetera, occorre controllare se una zona è già recensita o meno (sezione Destinazioni 
Italia estero), e se lo è, aggiungere il commento tramite l'apposito link nella scheda; se invece non è ancora presente nel database, occorre aprire una nuova scheda di segnalazione (Italia estero
), compilarla ed inserire in quel contesto il vostro commento.
La sezione in cui vi trovate ora è dedicata alle esperienze avute in generale, alle riflessioni, a commenti che non siano inerenti le strutture, gli autogrill, i parchi, le spiagge, i negozi. Tutte le categorie appena citate hanno la loro sezione dedicata.
Ci sono in lista da moderare in questa sezione centinaia di post che sarebbero dovuti afferire ad altre sezioni, come il caso di alcuni dei post qui sotto - chiediamo quindi un po' di pazienza se non vedete ancora online ciò che avete scritto: dobbiamo trasferire i post ad uno ad uno altrove, nelle sezioni adatte
Grazie a tutti, bauu !!


Di seguito, le vostre esperienze:

Da pochi mesi sono diventato possessore di un cane e mi sono trasferito con la mia famiglia e il cane in vacanza a Villasimius (CA), una bellissima località in Sardegna sede anche dell'omonima Area Marina Protetta. Solo questa sera ho scoperto - con sorpresa e certamente per mia disinformazione - che i cani "non possono fare il bagno al mare" come segnalato a mia moglie, con fermezza, da una guardia della Protezione Civile, mentre stava per condurre il nostro cane in acqua, da una caletta di scogli e sabbia - cosa che in verità abbiamo fatto per tutto il mese.
Gradirei sapere quale è la norma o ordinanza specifica che dispone tale divieto e se tale norma è riferita all'intero specchio d'acqua della costa del comune in questione o se è limitata al cosiddetto arenile. Pongo a Voi questo quesito perchè da parte della guardia della Protezione Civile non sono riuscito ad ottenere alcun dettaglio. Vi ringrazio anticipatamente per quanto potrete chiarirmi.


Inserito il 27-12-2009 01:55:05 da Michele Cuccaro


Risposta Dogwelcome
(la risposta si trova leggendo la nostra pagina dedicata alle spiagge)

Salve ! Ecco una foto del mio Milo che dopo aver scavato una bella buca ci si è messo dentro per stare fresco e guarda mia moglie come a dire: "Perchè, cos' ho fatto di male ?" Non è abituato al mare, e ogni cosa che fa ha paura potrebbe essere sbagliata... I primi giorni per qualsiasi cosa cercava un conforto nel nostro sguardo. Esempio: faceva una buca, e appena fatta guardava se stavamo per sgridarlo, oppure si alzava per portarlo a fare un giro fuori dalla spiaggia ? Stava lì a guardare come reagivamo al suo sguardo... mi ha emozionato....

Bella vacanza, e peccato per la legge che comunque non li accetta. Devo dire che dopo i primi giorni avendo uno zaino solo per lui (spray igienici, sacchetti, paletta, rotolo di scottex ecc...) le persone hanno proprio cambiato atteggiamento nei nostri confronti e in meglio....
Non riporto problemi nemmeno per le strade di Olbia (SS) dove, pur essendo stato attento, me l'ha piazzata proprio di fronte a una bancarella con i vigili e i turisti... io mi sono fermato ho messo giù lo zaino ho tirato fuori una ventina 20ina di 'utensili' ho raccolto, pulito, scottex, spray e scottex ancora... Il vigile mi viene vicino e io tremo... Invece lui : "Se mi lucidi così tutto il marciapiede ti pago..." Sorride e se ne va... In effetti, dove avevo pulito, il marciapiede era bianco, candido e lucente....
Non so: io ce l'ho messa tutta a rispettare gli altri, le vie, le spiagge ecc... Ed è andata bene... Ho preso un gelato al tavolo fuori all'aperto con il cane al centro e mi hanno accettato benissimo scherzando anche con il cane. Al ristornate a Olbia non sono andato, ma ho chiesto e nei tavoli fuori non avrei avuto problemi, mentre in un altro ristorante vicino Arzachena sono andato e ho cenato fuori senza problemi e quando ho chiesto se ci fosse stato un tavolo fuori perchè avevo un cane mi ha risposto: se non è grande anche dentro, non c'è problema...

In spiaggia:
Spiaggia Bianca: non accettato dallo stabilimento, ma nelle due spiagge seguenti dove si arriva camminando è tutto isolato e non ci sono problemi, a parte la legge (comunque si tratta di fazzoletti di sabbia, e scogli di via impervia e difficilmente si avranno problemi perchè è isolato) quindi le multe
Pittulongu: sconsigliabile all'inizio della spiaggia per via della folla, tuttavia in fondo alla fine è uso comune, infatti sembra una zona dove la legge sembra non arrivare, è un po' come se fosse uno spazio auto gestito dove nel rispetto sia chiaro si è abbastanza liberi e tranquilli, poi attraversando la montagna si arriva su delle spiagge di scogli abbandonate (di fronte a Tavolara) dove si può proprio stare tranquilli, perchè lì di turistico non c'è nulla....
Mare e rocce: Tranquilla, però affollata, bisogna mettersi in disparte... Qua è altalenante l'umore, si passa a dei giorni in cui c'è la persona che ti viene a dire che lì non ci potresti stare ai giorni in cui il tuo cane sembra essere il re della spiaggia tanto è ben accettato dalle persone... Comunque nell'infrazione non si è soli, ci sono anche VIP in incognito con il loro ombrellone e cagnolino... io stavo sempre ai lati, ed ero l'ultimo dei problemi visto che arrivavano ogni tanto dei Terranova !!!!! Liberi, che si buttavano in acqua e poi ritornavano alle loro case da soli... Nonchè Pitbull e Alani senza museruola...mah... Comunque ero illegale anche io e di questo ne devo essere consapevole, pur tenendolo legato sempre a non più di due metri e il solito zaino sempre al seguito....
Bados: lasciate perdere, non ci sono spazi per mettersi in disparte si è sempre troppo al centro della situazione e il cane potrebbe dar fastidio....
Che dire !!!! Io ho passato una meravigliosa vacanza con il mio cane e non ho avuto problemi, penso di averci messo molto del mio e di essermi comportato bene, spero che tutto questo la prossima estate continui a bastare per non dare problemi agli altri e alla legge.... Bau a tutti!!!!


Inserito il 27-12-2009 01:54:37 da Stefano Galletti, con Milo - estate 2005


Risposta Dogwelcome
Bravo Stefano ! Meriti proprio, da parte nostra, l'appellativo di "Perfetto Viaggiatore con Quadrupede al seguito" :o) - sebbene, ogni tanto, alzare la testa per chiedere i nostri diritti non è un reato... ;o)
Ricordiamo ai nostri visitatori che, ancora nel 2005, l'accesso dei cani in spiaggia in Sardegna è vietato su tutta la costa. Occhio alle multe !

Sono stata in vacanza a Riccione (RN), "La perla dell'Adriatico", ma più che una perla, è stata una grossa imitazione ! Sono anni ormai che frequento questa spiaggia, potevo portarvi la mia cucciola Penelope a correre, potevo portarla in spiaggia con me in qualsiasi momento: il gestore del bagno mi ha sempre autorizzato senza nessun problema. Quando ho prenotato la mia vacanza con Penelope, ho chiesto (oltre all'agenzia che mi ha affittato l'appartamento) ai gestori del bagno se potevo, come gli anni scorsi, portarmi la mia cucciola in spiaggia. La risposta: "Tranquilla, tutto come gli anni scorsi !!"
Felicissima partiamo con la famiglia e la cucciola per il mare. Delusione assoluta quando scopro che la Capitaneria di Porto [il veto l'ha messo la Regione - per correttezza - NdR] ha messo un veto sulle bestie in spiaggia: multe da oltre 1000 euro. Ora mi domando: può essere giusto, può essere vero che un cane disturbi ? Se noi parliamo loro abbaiano: è una cosa così grave?
Quello che non riesco a capire è questo: io non posso portare la mia cucciola (questo riguarda non solo me in prima persona ma tutti gli amici degli animali) in spiaggia neanche per fare una passeggiata quando ai gestori degli stabilimenti balneari è permesso tutto: c'erano cani, gatti, canarini, cocorite e quant'altro una persona possa immaginare, volete sapere dove ? Dentro gli stabilimenti, dove abita il gestore d'estate !
Perchè mi viene fatta una campagna pubblicitaria per non abbandonare il mio piccolo amico e poi non lo posso portare da nessuna parte ? Perchè le persone non si rendono conto che un cucciolo, di qualsiasi razza sia, è un essere vivente, pensante e con dei sentimenti ?
Sto ripensando a tornare a fare le mia vacanze in Trentino: loro accettano tutti gli esseri allo stesso modo - sia a due, che a quatttrozampe !!!


Inserito il 27-12-2009 01:52:53 da Edi A. - estate 2005


Axe e Valeria tentano di fare un giro attorno alle mura, a Massa Marittima (GR). Niente giro, i cani non possono accedere... :o(


Inserito il 27-12-2009 01:43:11 da Axe e Valeria


Mi chiamo Anna e sono proprietaria di una bellissima "bastardina" di 7 anni di nome Caty, che è la gioia mia e di mio marito. Voglio raccontarvi questa storia: è la prima volta che mi sfogo, quindi abbiate un po' di pazienza !
Quest'anno io e mio marito avevamo deciso, dopo anni di ferie "forzate" in Francia, di cercare di fare una vacanza in Italia (essendo noi italiani doc). Avevamo bisogno di un albergo e una spiaggia che ci permettessero di portare con noi la nostra cagnolina come facciamo sempre. E' iniziato così un faticoso e arduo lavoro di due giorni di full immersion in internet per verificare con vari siti qual'era il posto più vicino a noi che avesse un albergo e una spiaggia in grado di accettare piccoli animali.
Dopo tante telefonate e informazioni prese, stanchi e delusi (anche quando sono accettati ci sono un sacco di restrizioni) abbiamo visto la foto di un bagno a Laigueglia che prendeva i cani. A quel punto rimaneva l'albergo. Siamo stati due giorni su internet a girare tutti i siti e quindi anche il vostro. Abbiamo fatto non so quante telefonate agli alberghi che erano segnalati. Ma tutti, tranne uno, ci hanno risposto che si, accettavano animali di piccola taglia, ma che non avremmo potuto portarla con noi sia per colazione sia per pranzo o cena. Insomma accettati solo fino a che se ne stanno chiusi in stanza. A quel punto abbiamo optato per un hotel, in effetti l'unico che voi segnalate su Laigueglia. Possiamo fortunatamente permetterci alberghi da quattro stelle ma l'unico che c'è a Laigueglia non prende i cani. Siamo partiti con mille speranze e la gioia di poter finalmente fare una vacanza in Italia con la nostra cagnolina.

Arrivati a Laigueglia abbiamo preso possesso della camera dell'albergo. Era decisamente fuori mano (la macchina di mio marito ha fatto perfino fatica ad arrivare su in cima). Quando l'abbiamo visto ci siamo chiesti chi ce l'avesse fatto fare (Caty naturalmente). La signora però che ci ha accolti era gentilissima, e ci siamo convinti che in fondo potevamo anche resistere. A quel punto disfiamo i bagagli e con le nostre salviette e cane al seguito abbiamo chiesto informazioni sul bagno che accetta i cani. Dopo vari tentativi di parcheggio (all'incirca 30 minuti) che ha messo a dura prova i nostri nervi, ci avviamo a piedi sul lungomare per raggiungere finalmente la nostra meravigliosa spiaggia vista sul sito dei gestori stessi (...che fregatura internet a volte...) !!!!

Arrivati, un ragazzo gentile ci accoglie e io, come sempre abituata, mi avvio verso la zona sdraio. Lui gentilmente ci ferma e ci dice che avremmo dovuto andare più in là e di seguirlo. Io già non capivo perchè ci stava deviando in un'altra direzione. Ad un certo punto, ci siamo ritrovati su un pezzo di spiaggia deserta (e quale pirla ci sarebbe andato) con sdraio che sembravano dell'anteguerra. Era il famoso ghetto di chi ha la "disgrazia" in Italia di possedere un cane. A quel punto chiedo spiegazioni della foto che avevo visto sul loro sito internet e dove fosse la spiaggia che pubblicizzano. Il ragazzo gentilmente ci risponde (io cominciavo ad essere alquanto alterata) che noi non potevamo accedere a quella del bagno frequentato naturalmente solo da esseri "umani" (si fa per dire), e che il Comune li aveva autorizzati solamente ad utilizzare quel pezzo di spiaggia in più che avevano, il "ghetto" appunto.

Ero allibita: mi sentivo un'italiana "frodata" da italiani. Hanno anche avuto il coraggio di dirci che il costo per quel posto era di 20 euro al giorno. Ma come era possibile essere finiti in quel modo ? Non vi sto ad elencare gli odori che si sentivano più ci si avvicinava al "ghetto". Il ragazzo inoltre ci comunica che quello era l'unico posto possibile per noi con il cane visto che gli altri bagni non ci avrebbero ospitato. "Sa, è vietato in Italia portare i cani sulla spiaggia" (come se non lo sapessi !!!). A questo punto io e mio marito ci siamo guardati in faccia e abbiamo pensato la stessa cosa !

Siamo tornati in albergo e abbiamo parlato con la signora, che ha capito la situazione. A conti fatti abbiamo pagato una giornata (meno cinque euro che ci hanno tolto per grazia ricevuta), dopo che mio marito aveva fatto notare che eravamo appena arrivati e che non avevamo fatto nemmeno colazione). Pagato il danno abbiamo rifatto le valigie in 5 minuti, ripreso la macchina diretti finalmente in Francia !!! A Juan les Pins, che già conoscevamo.
In men che non si dica abbiamo subito trovato un albergo a 4 stelle in centro, prenotato subito la stanza per la nostra vacanza e per di più, come al solito, abbiamo fissato anche due lettini e ombrellone (non sdraio ma lettini!!!) alla spiaggia privata dell'hotel proprio lì di fronte all'albergo (oltretutto per tutta la vacanza non abbiamo utilizzato la macchina, non ce n'era bisogno).
Certo non eravamo nella nostra "incivile Italia", ma ormai ci riteniamo un po' francesi (visto la nostra presenza in quei luoghi ormai da anni). Amo la loro civiltà nei confronti di chi possiede un cane. Siamo stati bene come al solito, Caty veniva con noi dappertutto, a fare colazione la mattina, a cena la sera nei ristoranti del centro e sui nostri bei lettini sdraiata con noi in più si divertiva ogni tanto a zampettare nell'acqua senza che nessuno ci guardasse storto come puo’ capitarti qui in Italia. ora siamo tornati e credo che non cercheremo più di fare una vacanza in Italia, sarebbe tempo perso!
Continueremo a regalare i nostri soldi ai francesi, e se l'Italia non ci considera perchè abbiamo un cane, vorrà dire che diventeremo francesi a tutti gli effetti !! (ormai sto imparando anche bene la lingua).

Scusate se mi sono dilungata e a nome nostro un saluto di “cuore“ a tutti i Comuni ed albergatori italiani.

[giusto per conoscenza: l'albergo che avevamo trovato l'avevamo scelto perchè la cagnolina potesse stare con noi anche a cena e colazione (cosa importante per noi xchè lei ha paura a restare sola in un posto che non conosce). Non ho niente da dire per la proprietaria (amante dei cani e veramente gentile) ed è comunque carino per chi vuole spendere poco. Appena arrivati in cima, però, abbiamo pensato subito che la sera non saremmo usciti per cena o per fare un giro in paese proprio per la scomodità di scendere e salire (due macchine lì non ci passano). Andare a piedi, beh, non tutti siamo in grado di fare chilometri ogni sera... ecco perchè la decisione di andare via, dopo aver visto naturalmente anche la spiaggia...]


Inserito il 27-12-2009 01:41:14 da Anna Chiariello, autunno 2005


Risposta Dogwelcome
Il nostro commento: è pur vero che in Italia, sopratutto in alcune zone o Comuni, ci si deve accontentare di quello che c'è... Peccato però che non abbiate conosciuto prima il nostro servizio, avremmo avuto altre destinazioni da proporvi... sebbene a Laigueglia si siano trovati bene più visitatori, v. commenti sul nostro sito sull'Hotel, un accogliente e pulito tre stelle (l'unico che accetta volentieri cani di tutte le taglie nella zona) e sulla nostra lista spiagge :o) - a proposito della spiaggia, non vorremmo che gli odori siano stati lasciati da qualcuno che non ha portato ogni 2 ore a fare la pipì il proprio cagnolotto che stava con lui in spiaggia, e che quindi abbiano lasciato far fare la pipì lì qualche Fido... cosa assolutamente da evitare, e della quale dobbiamo sempre tener conto. A causa del comportamento maleducato di qualcuno, ci andiamo di mezzo tutti... Per finire: certo, la Francia è tutt'altra cosa... :o)

Riceviamo il 14 luglio 2006: Siamo appena tornati io, Gianfranco e il nostro Popo (labrador) da uno squisito alberghetto a 200 metri sopra il mare (terrazza con vista stupenda) a Laigueglia [lo stesso di cui si parla qui sopra, NdR]. Ringraziamo il proprietario per l'ospitalità e per il trattamento riservato a noi e il nostro Popo che abbiamo tenuto tranquillamente con noi dappertutto, in camera e a mangiare. Infatti abbiamo già programmato di tornare; carina anche la spiaggia di Capo Mele con libero accesso per i cani, dove abbiamo conosciuto tanti amici noi ma sopra tutto Popo !

Il nostro commento era probabilmente azzeccato... ;o))) - Noi di dogwelcome

Buongiorno, sono proprietaria di uno splendido e dolcissimo meticcio di quasi due anni. Ho da sempre avuto in famiglia dei cani e per me sono davvero componenti essenziali del nucleo familiare. Quest'anno, come tutti gli anni, mi sono recata in Sardegna, a Villasimius (CA) per passare le ferie estive in compagnia, ovviamente, della mia migliore amica a quattro zampe.
Si parla tanto (PER FORTUNA) di non abbandonare gli animali e si inaspriscono le pene (tutte cose assolutamente essenziali e irrinunciabili) ma non si fa, a mio avviso, abbastanza per facilitare i proprietari a portare i cani in vacanza.

Parlo della mia esperienza personale:
- solo pochi alberghi accettano animali;
- pochissimi ristoranti li accettano;
- pochissimi negozi (bar, panetterie, negozi di artigianato tipico, negozi di prodotti alimentari tipici, ecc.) li fanno entrare;
- NESSUNA spiaggia consente il loro accesso, se non tra le 19.30 e le 7.30.

Come nelle città ci sono gli appositi recinti per cani, perché non ci deve essere posto per loro anche in spiaggia (anche non attrezzata, il padrone è capace di attrezzarsi da solo....) ? Che fastidio possono dare se i cani non disturbano i vicini di ombrellone e se non sporcano?
Il divieto a Villasimius in una fascia oraria è assurdo:
- se è dovuto a questioni igieniche, le stesse dovrebbero valere anche negli altri orari...
- se è per non disturbare le altre persone, perché allora la guardia costiera mi ha fermato in un giorno di pioggia, in pieno infuriare di maestrale, quando non c'era NESSUNO in spiaggia ?? Io il mio cane non lo avrei mai lasciato in città per tutto il periodo di ferie né a parenti o ad amici né presso le apposite strutture.
Ma si deve far capire che, oltre ad adottare misure per combattere l'abbandono, occorrerebbe anche (e, forse, soprattutto) promuovere una serie di iniziative per consentire ai nostri amici di seguirci ovunque, anche al mare.


Inserito il 27-12-2009 01:39:54 da Mara Cocco, Torino - autunno 2005


Risposta Dogwelcome
I contatti di dogwelcome.it con il Comune di Arzachena, Sardegna, per l'apertura formale di un tratto di spiaggia con accesso agli animali domestici continuano dal 2003... forse per l'anno prossimo avremo buone notizie ! (V. pagina dedicata alle news spiagge)

Ciao, sono Peggy, ed ho la fortuna che la mia amata padrona non mi lascia mai. Quest’anno grazie al vostro sito, come potete vedere, sono potuta andare al mare con mamma e nonna: peccato che non ho potuto fare il bagnetto speriamo che il prossimo anno ci sia più disponibilità da parte delle autorità competenti. Un appello al Signor Sindaco di San Mauro Mare (FC): “Caro Sindaco, come vede, sono una cagnolina molto ben educata: mi dia la possibilità - anche in orari stabiliti (io mi accontento ) di poter fare due salti nell’acqua con la mia famiglia, e permetta ai ristoratori di potermi far entrare in sala, io me ne sto buona buona sotto il tavolo e non disturbo nessuno. Ciao Sindaco, spero di potermi godere anche il prossimo anno una ancora più bella vacanza con la mia famiglia a San Mauro a Mare. BAU BAU, Peggy

Grazie per avermi inviato la lista delle spiagge. Sono stata al mare un mese fa, mi sono trovata abbastanza bene, fortunatamente non ho grossi problemi con la mia Peggy, una barboncina nana che si fa voler bene da tutti: lei è molto ubbidiente, quindi non ha creato fastidi nei confronti di nessuno, ma il fastidio secondo il mio modesto parere non sono i cani che stanno in spiaggia (quando hanno dei due zampe rispettosi dell'ambiente e dei simili) ma gli umani che passeggiano e vengono a disturbare i nostri amici a quattrozampe... Mi sono sentita spesso come dentro a uno zoo: la mia Peggy, come molti barboncini ha gli occhi delicati e quando la porto al mare le metto gli occhiali, che lei, più intelligente di qualche due gambe, tiene tranquillamente - non ci crederete, eravamo l'attrazione di San Mauro Mare... Fosse servito a qualche cosa ? A far pensare che anche i cani sono creature viventi e non il gioco per qualche mese. Nonostante tutto, la mia esperienza al mare la posso definire più che positiva, visto quello che c'è in giro...


Inserito il 27-12-2009 01:39:05 da Daniela, nonna Santina e la grande piccola Peggy, luglio 2005


Buon Giorno!
Sono una discreta viaggiatrice ed una profonda amante della natura. Da quattro anni possiedo un cane di piccola taglia e da 4 anni, appunto, sono venuta a conoscenza delle mille difficoltà che ci sono a viaggiare con un quattrozampe seppur di piccola taglia. Non ho la possibilità di lasciare il mio cane da amici o parenti per il periodo delle ferie, e sinceramente escludo anche l'idea di lasciarlo presso un rifugio (il cane di una mia conoscente è morto dopo averlo lasciato per il periodo delle ferie presso un rifugio per il secondo anno consecutivo).
...e così, la mia cagnetta e diventata una buona compagna di viaggi!!! Ha già viaggiato in pullman, treno, auto, nave e...... aereo!!!! Ho sempre richiesto di far viaggiare la mia cagnetta con me e cioé, mai nelle stive di una nave o di un aereo ma sempre in cabina; anche per questo ho sempre dovuto sborsare di più. Questo non mi spaventa, la cosa che mi fa più rabbia e il fatto che viaggiare con un animale domestico oggi giorno sembra proprio un tabù.
Le agenzie viaggio e gli operatori turistici non ne sanno proprio niente, per non parlare delle compagnie aeree..... Ed allora perché ci meravigliamo se la gente abbandona cani, gatti ed animali di ogni genere.
Due settimane fa mi sono recata in un'agenzia viaggi della mia città. Ho acquistato un biglietto aereo per me e la mia cagnetta per le Canarie. La mia richiesta era chiara, (come sempre): acquistavo il biglietto solo se l'agenzia ovvero la compagnia aerea confermava il volo del cane in cabina. E dopo aver fornito il peso (8kg) e le misure della gabbietta, arrivò la conferma! Il cane poteva viaggiare in cabina con me.
Acquistai il biglietto (con conferma scritta: "cane in cabina"!!!!!). Il giorno della partenza mi sono recata in aereoporto a Venezia. Dopo aver eseguito il check-in hanno chiamato dall'aereo per comunicarmi che non potevo imbarcare il cane in cabina, poiche' quest'ultimo pesava 9 kg anziche' 8 come comunicatogli in precedenza. E poi negli 8 kg dovevano essere compresa la gabbietta!! Figurarsi... le compagnie aeree sono sempre così chiare in merito.
Ma perchè non dirmelo prima, perché non inviarmi informazioni dettagliate riguardo il trasporto del cane in aereo, visto e constatato che ogni compagnia aerea ha le sue regole. Avevo pesato il cane un mese prima dal mio veterinario, 8 kg!!
Non farò mai viaggiare il mio cane nella stiva di un aereo, grazie! Il mio cane non é un b a g a g l i o !! E' vivo e respira!! E così ho dovuto rinunciare al volo e al viaggio.
Grazie all'agenzia viaggi ed alla compagnia aerea che ora non mi rimborserà il costo del volo. Ma chi se ne frega dei soldi!!! E'mai possibile che non ci sia un'associazione nazionale o internazionale che tutela i viaggi di questi poveri animali!! Che v e r g o g n a, fanno volare gente pericolosa, rumorosa e sporca, e poi mi vengono a parlare di norme di sicurezza e norme igenico-sanitarie! Ma fatemi il piacere!
Ho contattato Voi per avere maggiori informazioni.
Ringrazio per la cortese attenzione e Vi saluto molto cordialmente


Inserito il 27-12-2009 00:57:50 da Francesca Lo Grasso


Risposta Dogwelcome
Cara Francesca, peccato che non ci abbia incontrato prima... Nella nostra pagina dedicata al trasporto aereo vi sono tutte le indicazioni di cui avevi bisogno. Purtroppo ti possiamo confermare che il peso massimo accettato per i cani in cabina dalle compagnie aeree (tutte) comprende anche il trasportino... quindi, in definitiva, sono accettati in cabina solamente minicagnolini al di sotto dei 6/6,5 kg e gatti... il resto del peso è quello del trasportino, come dicevamo. Anche noi la pensiamo come te: i nostri amici pelosi non sono bagagli, e noi in primis rinunciamo a fare vacanza in aereo qualora i nonni dogsitter (i nostri genitori) non possano curarli perchè impegnati, dedicando loro tutto l'amore e l'attenzione che si meritano i nostri bau, che sono di taglia media, e quindi... niente viaggi aerei in cabina=niente viaggi in aereo. Nonostante questo, abbiamo dato dritte per far volare vari bau dei nostri visitatori che superano il peso massimo per l'imbarco in cabina, dando le indicazioni opportune affinchè il viaggio in stiva si possa svolgere in sicurezza ed in tranquillità, avvertendo dei possibili rischi e pericoli... è bene ricordare che i nostri amici pelosi sono nelle nostre mani, e che siamo responsabili di ogni decisione che li riguarda. Ci sono, inoltre, alcuni casi in cui il viaggio aereo in stiva è indispensabile (traslochi, viaggi di lavoro prolungati) e in queste evenienze, il consiglio che diamo in genere è quello di portare con sè il bau, piuttosto che lasciarlo in mani inesperte, pensioni lager o -sigh- doversi separare dal nostro amico del cuore solo perchè la destinazione prevede un volo in aereo... un bausaluto a te !!!

Cari amici, vivo a Pavona (RM) e ho due labrador dolcissimi, Ercole e Olivia. La femmina, che ha solo 7 mesi, ha rischiato di morire per un boccone di carne avvelenata e il maschio è stato preso a bastonate in un giardino dove lo porto spesso a giocare. Qui le persone sono le vere bestie del posto, ormai i proprietari di cani vivono nel terrore. In tutti i giardini il sindaco ha vietato l'accesso ai cani ma io li porto lo stesso, e sono costretta ad uscire con il bastone per difendere i miei teneroni che non farebbero mai del male a nessuno. Vorrei dire a queste bestie infami che non dovrebbero avere paura dei miei cani ma io potrei impazzire se provassero ancora a fare loro del male. Sono persone schifose ed ignoranti, c'e addirittura un imbecille che ci tira i sassi con la fionda dal balcone. E le autorità ? SE NE FREGANO !!! OVVIAMENTE NEANCHE IL SINDACO QUI E CIVILIZZATO. MA POSSIBILE CHE NEL 2004 L'UOMO E ANCORA IL PIU IGNORANTE DEGLI ANIMALI? AIUTATECI, NON SI PUO' VIVERE COSI'...


Inserito il 27-12-2009 00:57:08 da anonima


Io ho un carlino tanto simpatico e quest'anno ho il problema della spiaggia: possibile che non si possano organizzare manifestazioni per dare un po' di libertà ai nostri amici animali e un pò di tranquillità a chi lavora tutto l'anno e decide giustamente di non abbandonare il nostro amico cane?


Inserito il 27-12-2009 00:56:46 da Giuseppe, giugno 2004


Risposta Dogwelcome
Caro Giuseppe, noi da parte nostra lo stiamo facendo, fin dall'apertura del nostro servizio... richiedici pure la nostra lista spiagge, dove ne troverai varie dove poter andare con il tuo carlino... e per il 2006 avremo spiagge nuove tutte per noi !!! Guarda la ns pagina spiagge news... :o)

Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2019
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.