Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017

Multimedia

Materiale multimediale interessante

torna a Multimedia

Ti è piaciuto "The Matrix" ?
Allora fatti portare da Moopheus
a vedere


 


 

Un gioco istruttivo da fare al PC... se sei dotato di ironia, clicca qui

 



Gradisci un hamburger di pollo ?

 

SII anche tu DEI NOSTRI !!!

 

Ma cosa mangiano i vegan ?
...Ecco cosa mangiamo... :o)


(la panna e lo yogurt che vedete nel video sono ovviamente di soia o cereali)

 

L'uomo non è onnivoro !

 



Guarda il video e non piangere, ma sterilizza !!!

Versione in inglese

Versione in spagnolo

 


 

Il terribile video della PETA contro le pellicce di cane e gatto

 


Pellicce ? ORRORE !
Saranno i cinesi a farle, ma a comprarle sono anche gli europei...


da un'indagine della PSA

Guarda il video originale, diffuso già nel 2004 anche da noi
ATTENZIONE: immagini forti


Libri da leggere:

Potete essere vegetariani convinti o, al contrario, strenui sostenitori del consumo di carne: questo libro avrà comunque molto da dirvi. Non è infatti un manifesto del vegetarianesimo, ma un'indagine dettagliata e rigorosa sulla carne animale, la sua produzione e il suo consumo. Da dove viene la carne che finisce sui nostri piatti? Com'è prodotta? Come sono trattati gli animali e in che misura è importante? Quali effetti ha mangiare gli animali sul piano economico, sociale e ambientale? Jonathan Safran Foer, autore di culto diventato famoso con il suo romanzo d'esordio Ogni cosa è illuminata, parte da queste domande per compiere una riflessione appassionata su un tema che definisce a ragione «spinoso, frustrante e di grande risonanza», perché va a toccare tasti delicati come l'etica personale e dell'intera società, l'economia globale, le tradizioni più antiche, la nostra salute e quella dei nostri figli. Confermando la sua vocazione di narratore, il giovane scrittore americano sceglie di raccontarci tutto in un libro che è frutto di una grande quantità di ricerche e ha l'obiettività di un lavoro giornalistico, ma è anche una storia e come tale è stato concepito e realizzato. Una storia in cui trovano posto i ricordi dell'infanzia (dove la celeberrima madeleine proustiana cede il posto al pollo con le carote cucinato dalla nonna); campeggiano i dubbi e i sentimenti destati dalla recente paternità («Nutrire mio figlio non è come nutrire me stesso: è più importate»); si affollano le riflessioni sul rapporto tra uomini e animali (spassoso il racconto del colpo di fulmine per la bastardina George adottata dall'autore). A questi si alternano i resoconti delle incursioni notturne negli allevamenti intensivi di polli e nei macelli industriali, le indagini sull'inquinamento causato dallo smaltimento delle deiezioni suine e bovine, le inquietanti scoperte sulle massicce dosi di antibiotici e ormoni somministrati agli animali allevati in batteria e le nefaste conseguenze sulla salute dei consumatori.
Il successo della carne prodotta industrialmente è garantito, secondo Foer, dal fatto che nessuno, eccetto gli addetti ai lavori, ha modo di vedere in quali condizioni siano realmente allevati i capi di bestiame. Se coloro che consumano abitualmente il frutto della moderna industria zootecnica potessero constatare con i propri occhi i modi di vita innaturali e disumani a cui sono costretti i loro futuri pasti, difficilmente continuerebbero a consumarli a cuor leggero. La produzione intensiva ha aumentato la disponibilità di cibo, per tutti e a bassi costi, ma siamo davvero certi che questo sia sufficiente a giustificare i maltrattamenti di milioni di polli, vacche e maiali e i rischi alla salute a cui sottoponiamo il nostro fisico? Chi sostiene questo sistema perverso, che fa sì che quasi un terzo delle terre emerse del pianeta sia destinato al bestiame, che la gabbia standard di una gallina ovaiola sia più piccola di un foglio A4, che l'allevamento degli animali sia la causa numero uno del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici, evidentemente ritiene che il fine giustifichi i mezzi. Davvero "niente importa", pur di salvaguardare interessi economici e soddisfazione della gola? Non ci sono alternative possibili? In fondo le statistiche ci dicono che il consumo di carne nei paesi occidentali è sproporzionato rispetto ad altri tipi di alimenti (gli americani scelgono di mangiare meno dello 0,25% del cibo commestibile conosciuto del pianeta) e che anche il ben calibrato consumo di prodotti di origine vegetale fornisce una quantità di proteine sufficiente al nostro fabbisogno. Inoltre come non considerare le implicazioni etiche delle nostre scelte: «Per quanto oscuriamo o ignoriamo questo fatto – ci ricorda Foer, che insieme alla moglie ha sposato la causa vegetariana, – sappiamo che l'allevamento intensivo è inumano nel senso più profondo del termine. E sappiamo che la vita che creiamo per gli esseri viventi più in nostro potere ha un'importanza profonda. La nostra reazione all'allevamento intensivo è in definitiva un test su come reagiamo all'inerme, al più remoto, al senza voce.»
Questo libro, che è insieme racconto, inchiesta e testimonianza, ci invita con determinazione e con passione a riflettere e a non accettare passivamente le regole del mercato. Non ci fornisce una soluzione, ma dati oggettivi e spunti su cui ragionare, per farci un'idea della situazione e affrontarla ciascuno secondo le proprie esigenze, i propri valori e le proprie convinzioni personali. Uscito in Italia a marzo 2010.
Recensione tratta da www.ibs.it

 

Film da vedere:



Guardalo - Scaricalo

EARTHLINGS (Terrestri) è un documentario sull'assoluta dipendenza dell'umanità dagli animali (usati come compagnia, come cibo, come vestiario, per divertimento e per la ricerca scientifica) ma illustra anche la nostra completa mancanza di rispetto per questi cosiddetti "fornitori non umani".
Il film è narrato dall'attore Joaquin Phoenix, nomitato dall'Academy Award (GLADIATOR) e la colonna sonora è di Moby, artista acclamato dalla critica. Attraverso uno studio approfondito svolto all'interno di negozi di animali, allevamenti di animali domestici, rifugi, ma anche negli allevamenti intensivi, nell'industria della pelle e della pelliccia, in quella dello sport e dell'intrattenimento, e infine nella professione medica e scientifica, EARTHLINGS usa telecamere nascoste e filmati inediti per tracciare la cronaca quotidiana di alcune delle più grandi industrie del mondo, che basano i loro profitti interamente sugli animali.
Potente e informativo, EARTHLINGS è un film che fa riflettere ed è finora il più completo documentario mai prodotto sulla correlazione tra la natura, gli animali e gli interessi economici degli umani. Ci sono molti film ben fatti sui diritti animali, ma questo li supera tutti. EARTHLINGS DEVE essere visto!

 


Fast Food Nation
di Richard Linklater - 2006
Tratto dal libro di Eric Schlosser - Il libro si può leggere su Google Books - click qui -

L'intreccio di diverse storie, alcune incompiute, non mi pare una pecca del film, anzi. Sarò stato condizionato dalla definizione del film come fortemente 'politico' - nella recensione citata nelle locandine - ma lo sguardo del regista sembra andare ben oltre il tema alimentare o ecologista, per coinvolgere il dramma di una società cinica, la cui umanità e legalità alla prova dei fatti si riducono, l'una, a ingenuità; l'altra, ad enunciazione di principio facilmente e impunemente violata. Le decisioni (e quindi le vicende umane) sono determinate solo più dall'interesse pragmatico di ciascuno, che sia il 'produttore' di carne che sfrutta la manipolabilità del mercato e dei lavoratori per aumentare i dividendi, ovvero l'ossessione sessuale del responsabile del capo-reparto dello stabilimento, o ancora la disperazione (e l'amore) della messicana innocente di cuore che si piega al capo-reparto (in senso non metaforico) per ottenere le peggiori mansioni nel peggiore dei posti di lavoro. Nessuna speranza oltre l'indignazione: in America (che è non un luogo fisico ma una prospettiva del XX secolo) la speranza e la dignità dell'uomo si comprano e si vendono ogni giorno per meno di 80 dollari; servite con un sorriso e contorno di patate fritte. - recensione tratta da MyMovies.it, scritta da Alberto D.


 

Brani musicali consigliati:

DALLA PARTE
DEL TORO
- Caparezza -
(Habemus capa, 2006)

Accendi l'audio del PC e ascolta !

Io sono il toro dalla grande mole, ma mi mancano le parole, tipo yeti tu mi credi abominevole perchè mi vedi precipitevole, ma è solamente l'indole con cui mi dipingono le favole, io di natura sono ragionevole anche se di cultura debole.
Il torero che lo sa fa l'autorevole, si comporta con me come un onorevole, vuole impormi le sue regole, per la fama ammazzerebbe pure la prole. Della corrida si crede l'Ercole, beh, molli la spada e mi prenda a sventole.

Matador il fato è mutevole, ma stavolta sono io che batto te... olè.

Matador te la prendi con me, ma stavolta sono io che prendo te. Non c'è più via d'uscita, è finita, amico, devi perdere. Rinfodera la spada perchè è il tuo sangue quello nella polvere. Senti i paganti sugli spalti, in tanti sono dalla parte del toro... olè

Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè

Io sono il Toro, ma sei tu quello Seduto giù, caduto per mano di un Sioux, Manitù tutto si è compiuto, ero sotto tiro e mi sono scatenato come il toro di De Niro, preso in giro dal tuo ingegno, respiro sdegno, mo' con la muleta fatti il legno. Già che sono un segno di terra ti lascio a terra con un segno: non toccare il toro, quando è nero paghi pegno! Troppi tori ingoiano le briciole, di aggressori con tanto di pentole, la vita è riprovevole poichè fa la gioia del colpevole ed io che la volevo incantevole, come pioggia cado dalle nuvole, tu voltati come un girasole che ora sono io che batto te... olè.

Matador te la prendi con me, ma stavolta sono io che prendo te Non c'è più via d'uscita, è finita, amico, devi perdere. Rinfodera la spada perchè è il tuo sangue quello nella polvere. Senti i paganti sugli spalti, in tanti sono dalla parte del toro... olè

Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè

Questa è la rimonta del cornuto, ti ho trafitto col capo puntuto e tu chiedi aiuto? Meglio che stai muto, mo' che sei passato dall'arena al cimitero in meno di uno starnuto. Ti sei spinto nel mio labirinto e ti ho vinto, Arianna ha rotto il filo, Teseo ti sei estinto.
Ora sono troppi i tori fuori dal recinto col capo cinto come Moreno e Hillary Clinton. Che spavento! La mandria non è doma e sgomita nei vicoli affollati di Pamplona, c'è chi prega affidandosi ad un'icona, stai più sicuro in una balena come Jona, in zona, scatta la guerriglia contro chi mi umilia con la picca e la banderilla, e senza briglia io sto puntando te, sigaro avana e cammisella in picchè.

Matador te la prendi con me, ma stavolta sono io che prendo te Non c'è più via d'uscita, è finita, amico, devi perdere. Rinfodera la spada perchè è il tuo sangue quello nella polvere. Senti i paganti sugli spalti, in tanti sono dalla parte del toro... olè

Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè
Dalla parte del toro... olè !


Photo credits: Latortura.es
Combatti anche tu questo orrendo "spettacolo" !!!


 

WILD SPAIN - SKA-P (Lágrimas y Gozos, 2008)

Amigos extranjeros, van a alucinar
van a degustar una extrema crueldad
Somos los mejores en atormentar somos los mejores en martirizar nuestras fiestas populares nunca las olvidarán
El toro de la Vega, el toro de San Juan el toro embolao o el toro enmaromao
La sangre y dolor es plato principal el sufrimiento ajeno es magistral goce con nosotros viendo agonizar a un animal
Ésta es la imagen que ofrecemos al resto de la humanidad profesionales del tormento más cruel menos mal que en ésta tierra no todo el mundo es igual
Oh Oh Oh, Bienvenidos a la España medieval
so welcome to the wild Spain
El sadismo de una salvaje humillación
Sangrientas tradiciones son aberraciones a la moral disfrazar de cultura la irracionalidad
Sangrientas tradiciones son aberraciones a la moral despreciando la vida y la muerte de un animal
Vuestra tradición es nuestra maldición no habrá descanso hasta la abolición Ésta es la imagen que ofrecemos…
Oh Oh Oh, Bienvenidos a la España medieval
so welcome to the wild Spain El sadismo de una salvaje humillación Oh Oh Oh, garrulismo, exaltación de la violencia
welcome to the wild Spain
El sadismo de una salvaje humillación
Nuestro desprecio para el torturador
No habrá descanso hasta la abolición
¡¡YOU CAN HELP US TO STOP THIS!

 

Amigos extranjeros, van a alucinar
van a degustar una extrema crueldad
Somos los mejores en atormentar somos los mejores en martirizar nuestras fiestas populares nunca las olvidarán
El toro de la Vega, el toro de San Juan el toro embolao o el toro enmaromao
La sangre y dolor es plato principal el sufrimiento ajeno es magistral goce con nosotros viendo agonizar a un animal
Ésta es la imagen que ofrecemos al resto de la humanidad profesionales del tormento más cruel menos mal que en ésta tierra no todo el mundo es igual
Oh Oh Oh, Bienvenidos a la España medieval
so welcome to the wild Spain
El sadismo de una salvaje humillación
Sangrientas tradiciones son aberraciones a la moral disfrazar de cultura la irracionalidad
Sangrientas tradiciones son aberraciones a la moral despreciando la vida y la muerte de un animal
Vuestra tradición es nuestra maldición no habrá descanso hasta la abolición Ésta es la imagen que ofrecemos…
Oh Oh Oh, Bienvenidos a la España medieval
so welcome to the wild Spain El sadismo de una salvaje humillación Oh Oh Oh, garrulismo, exaltación de la violencia
welcome to the wild Spain
El sadismo de una salvaje humillación
Nuestro desprecio para el torturador
No habrá descanso hasta la abolición
¡¡YOU CAN HELP US TO STOP THIS!



VERGŰENZA - SKA-P (Planeta Eskoria, 2000)

Verguenza !!! Entre el Atlántico y el mar Mediterráneo hay una tierra de mar y mucho sol que desde antaño se viene practicando una asquerosa y sucia tradición:
Un individuo vestido de payaso tortura y martiriza hasta la muerte a un animal y el graderío estalla de locura cuando el acero anuncia su final
Banderilleros sedientos de violencia van torturando sin ninguna compasión los picadores prosiguen la matanza acentuando punzadas de dolor
Malherido, enviste con bravura contra el frío del acero que destroza su interior agonizando en un charco de sangre, el puntillero remata la función
Festejo criminal, vergüenza...
Torero, eres la vergüenza de una nación, Torero, eres la violencia en televisión. Torero, eres asesino por vocación, Torero, me produce asco tu profesión
Llamar cultura al sadismo organizado, a la violencia, a la muerte o al dolor es un insulto a la propia inteligencia, al desarrollo de nuestra evolución
Tu indiferencia les hace poderosos, manifiesta tu repulsa a la fiesta criminal no colabores con un juego de dementes, taurinos al código penal
Festejo criminal, vergüenza...
Torero, eres la vergüenza de una nación Torero, eres la violencia en televisión Torero, eres asesino por vocación Torero, me produce asco tu profesión
Festejo criminal, vergüenza !!!

 

Vergogna !!! Tra l'Atlantico e il Mar Mediterraneo c'è una terra di mare e molto sole che da tempo pratica una schifosa e sporca tradizione:
Un individuo vestito da pagliaccio tortura e martirizza fino alla morte un animale e gli spalti impazziscono quando l'acciaio annuncia la sua fine
Banderilleros assetati di violenza tortutano senza alcuna compassione, i picadores proseguono la mattanza accentuando punture di dolore
Ferito, con coraggio affronta il freddo dell'acciaio che distrugge le sue interiora, agonizzando in una pozza di sangue, e il puntillero ripete la sua funzione
Festa criminale, vergogna...
Torero, sei la vergogna di una nazione, Torero, sei la violenza in televisione. Torero, sei assassino per vocazione, Torero, mi fa schifo la tua professione
Chiamare cultura il sadismo organizzato, la violenza, la morte ed il dolore è un insulto alla propria intelligenza, allo sviluppo della nostra evoluzione
La tua indifferenza dà loro potere, manifesta la tua repulsione alla festa criminale, non collaborare con un gioco da dementi, amanti della corrida da codice penale
Festa criminale, vergogna..
Torero, sei la vergogna di una nazione, Torero, sei la violenza in televisione. Torero, sei assassino per vocazione, Torero, mi fa schifo la tua professione.
Festa criminale, vergogna !!!

Thanks to: Serena, per averci inviato il testo - Traduzione: Annalaura, Dogwelcome

 

PICASSO'S HORSE - LYVON

 

 

Come bevono i cani ? - da MSN Videos


Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2020
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.