Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017
Spiagge per cani libere, lidi attrezzati e piscine cani ammessi

La cronistoria di come si sono svolti i fatti in Italia
dall'anno 2000 e l'impegno profuso da Dogwelcome
per l'ottenimento della situazione attuale


No, non è Gacchan Dogwelcome... E' la sua sosia Aisha !! :)

Innovativa ordinanza della Capitaneria di porto.
- PESCARA - Sarà la prima stagione balneare a misura degli amici a quattro zampe. Le spiagge di tutto l'Abruzzo, al debutto dell'estate 2001, si apriranno infatti anche ai cani di piccola taglia. Volpini, barboncini, yorkshire, esemplari di tutte la razze purché di peso inferiore ai sette chilogrammi [!!!], potranno trovare posto insieme ai padroni sotto l'ombrellone. Quella che parte dalla Capitaneria di porto di Pescara è una piccola rivoluzione: è la prima volta in Italia, infatti, che viene permesso l'accesso degli animali negli stabilimenti che sorgono sul litorale di una intera regione. Al rischio di multe milionarie per i proprietari che portavano gli animali in spiaggia durante il periodo della tintarella, si sostituisce dunque l'opportunità di farsi accompagnare sotto la "palma" dal proprio cane. A introdurre la novità è l'ordinanza balneare che il comandante Ferdinando Lavaggi emanerà a giugno e che resterà in vigore sino a fine settembre. "L'indicazione di tener conto di queste esigenze è un indirizzo nazionale", spiega Lavaggi, "dal blocco totale si passa all'apertura: ma l'accesso è condizionato all'assenso del gestore dello stabilimento e al rispetto di regole rigide. E' una iniziativa che nasce anche dalla volontà di ridurre il fenomeno degli abbandoni degli aninali nel periodo estivo".E' soddisfatta Francesca Nastasi, referente dell'Ente nazionale protezione animali (Enpa) per L'Aquila centro e responsabile nazionale della campagna "Cani in spiaggia", che lo scorso anno aveva promosso a Giulianova una prima sperimentazione, cui avevano aderito l'85 per cento degli stabilimenti: "Finora l'accesso dei cani è stato possibile in pochi e isolati impianti sparsi per la Penisola. E' la prima volta che viene reso possibile, grazie alla sensibilità del comandante Lavaggi, capo del compartimento marittimo, sulle spiagge di una intera regione, oltre che della disponibilità delle associazioni di categoria e del servizio veterinario regionale". La possibilità di accesso degli animali alle spiagge assicura l'Enpa, si tradurrà in un vantaggio sotto il profilo turistico: "Sono già stata contattata dal Touring club, a cui che si rivolgono i turisti stranieri che desiderano avere informazioni sui luoghi dove è possibile soggiornare con i loro compagni a quattro zampe", annuncia Francesca Nastasi, "questa è una grande opportunità, spero che tutti i proprietari riescano a comprenderlo, rispettando le regole".

Vietato mettere a dieta il peloso per riuscire a portarlo in spiaggia in Abruzzo !!! :-))) - N.d.A. -

Aggiornamento 2005: a Giulianova spiagge off-limits per i cani, non accettati nemmeno quelli al di sotto dei 7 kg di peso...!

PIOMBINO - 31 mag 2001 - Rumore in Toscana: la spiaggia dello splendido golfo di Baratti avrà un tratto di arenile aperto anche ai cani, che potranno fare il bagno. L’ordinanza, che va in controtendenza, è firmata dal sindaco di Populonia, Guerrieri.

SAN MAURO PASCOLI - 4 giugno 2001 - Esordio per i clienti il 16 giugno. È uno stabilimento privato, con 6 bagnini.
Sull'Adriatico apre la prima spiaggia per cani.
Previste regole e obblighi per gli amici a quattro zampe ma potranno fare vacanza con i padroni. Ad abbattere l'ultimo tabù in fatto di vita sociale per i vari Fido, Bull e Laika, ci ha pensato una intraprendente società romagnola, la «Grandi Spiagge», sei bagnini riuniti in un unico grande stabilimento balneare con 1.200 posti ombrellone che ha previsto anche il beach-dog. Sì, proprio una vera e propria zona mare in cui il migliore amico dell'uomo possa tranquillamente sollazzarsi in vacanza con l'amato padrone. Le ordinanze della capitaneria di Porto, fino ad ora vietavano ai cani l'ingresso sul bagnasciuga di giorno come di notte, d'inverno come in piena estate. Laddove non sono riuscite le associazioni ambientaliste, ce l'hanno fatta i bagnini della riviera, sempre a caccia di iniziative per accontentare la clientela più esigente. «Quello dei cani in vacanza è un problema sociale - è l'opinione di Alessandro Del Vecchio, 31 anni, bagnino dalla nascita e portavoce di «Grandi Spiagge» -. L'80% dei turisti in zona ha con sé o vorrebbe portarsi appresso l'animale in ferie, ma è frenato dai divieti, come l'interdizione dalla spiaggia dei quattrozampe».
Divieto che tuttavia non riguarda lo stabilimento di San Mauro, non di proprietà demaniale ma privata, organizzato dai sei bagnini riuniti in società, con tanto di animatori professionisti e baby club: giochi e azioni creative all'ombra tutto il giorno. Fido e familiari vi metteranno piede, anzi zampa, a partire dal 16 giugno. Ottenuta la benedizione dell'Amministrazione, restano ora da soddisfare solo le richieste del Servizio Veterinario della Usl. I turisti con cane saranno tenuti a rispettare una serie di regole, dall'obbligo del guinzaglio alla pulizia dei bisognini fino all'allontanamento dell'animale nel caso in cui i latrati risultino fastidiosi per i vicini di ombrellone. E nel caso di zuffe tra quattrozampe di razze diverse ? Per ora, i bagnini stanno attrezzando la zona riservata con fornitori automatici di palette e sacchetti di plastica, in attesa di ricevere i primi risultati in termini economici.
.......
Il pensiero va alla brutale pratica dell'abbandono dei cani che si verifica specie nel periodo estivo. Fido e Yago al mare, dunque, a prendere tranquillamente il sole a due passi di distanza dal padroncino, o a sgranchirsi le zampe sulle rocce che delimitano il beach dog.
Da: "L'Avvenire online"

 

Lilly di Raffaella e  Marco che fa il bagno nel Lago Maggiore
La Lillina di Raffaell@ e Marco, a mollo nel Lago Maggiore  :o)

SANT'ANTIOCO (CA) - 6 giugno 2001 - Una spiaggia per l'amico Fido: un settore dell'arenile sarà a disposizione dei cani.
Anche gli amici a quattro zampe quest'anno potranno prendere la tintarella. La società "Ochia" che si occupa della pulizie spiagge ha chiesto e ottenuto la possibilità di riservare un settore degli arenili ai bagnanti con al seguito un cagnolino. Sia chiaro: Bobby non potrà fare il bagno e sarà costretto a stare al guinzaglio nel suo spazio. Una novità assoluta per Sant'Antioco e le sue spiagge che costituisce una prima risposta agli amanti dei cani che sono in aumento non solo in città ma anche fra i turisti che scelgono l'arcipelago sulcitano per le loro vacanze. Ma gli amanti degli animali non si accontentano. Il sogno va oltre e lascia immaginare una spiaggia con tanti dalmata, coker, barboncini e yorkshire. La cosa non è poi così difficile. Gli amici di Fido vogliono poter andare in spiaggia in compagnia dei cagnolini ma il divieto imposto da un ordinanza costringe Fido a restare legato al guinzaglio negli spazi destinati allo scopo. Come superare il problema? D'altronde anche i proprietari dei cani si rendono conto che portarli in spiaggia rappresenterebbe un vero problema per gli altri bagnanti. Eppure, la soluzione c'è. La spiaggia di Is Pruinis, già in parte compromessa dalla presenza del depuratore fognario e dal divieto di balneazione ha portato gli amici degli animali a suggerire la giusta ricetta non solo per consentire a Fido di poter andare al mare, ma anche per rivalorizzare un arenile completamente abbandonato. Dall'idea, tra l'altro, potrebbero nascere anche alcuni posti di lavoro stagionali. Un biglietto giornaliero per chi abbaia e qualche bibita ghiacciata per chi paga. Inoltre, è risaputo che in tutta Italia sono solamente due le spiagge dove è consentito portare i cani. La richiesta che è in corso di predisposizione illustra anche la possibilità di attirare l'attenzione verso Sant'Antioco di tutti quei turisti costretti a rinunciare alle vacanze piuttosto che lasciare il cane a casa (sempre meglio di chi gli abbandona in autostrada) o sofferente sotto l'ombrellone, senza la possibilità di muoversi e giocare in spiaggia. Un passo avanti è stato fatto, ma l'idea degli amici del cane non è da sottovalutare. D'altronde, se a Is Pruinis vige un divieto di balneazione, perché non destinarla proprio a Bobby e Briciola, che al mare si divertono? In tal modo si potrebbe superare anche quel problema "igienico" che viene meno soprattutto alla vista di un Terranova che effettua un salvataggio in mare. E i turisti che portano in vacanza anche loro, cominciano a crescere a Sant'Antioco. Bellissimi esemplari di razza hanno fatto la loro comparsa in questi ultimi anni ma oltre alla passeggiata in centro, durante il giorno devono aspettare con sofferenza che il loro padrone rientri dalla spiaggia. Certo, vederli sdraiati con occhiali da sole e cannuccia sarà impossibile da realizzare, ma gli amici dei cani si accontentano di molto meno. Una spiaggia per bobby, affinché capisca che l'uomo non è poi così cattivo.
Da: "La Nuova Sardegna online" - ATTENZIONE: SPIAGGIA CHIUSA DAL 2002

LIVORNO - 11 giugno 2001 - È stata una grande festa, con una colonna sonora di tanti "bau-bau" gioiosi, con una miriade di cani che si rincorrevano sulla battigia prima di un tuffo ristoratore. Una festa che Livorno, città di mare, ha fortemente voluto nel giorno in cui ha inaugurato la sua «spiaggia per cani», un fazzoletto di 2mila metri quadrati sul lungomare storico di Livorno, vicino alla Rotonda di Ardenza immortalata sulle tele di Giovanni Fattori e dei Macchiaioli. Il sindaco Gianfranco Lamberti si è presentato puntuale alle 11 sulla piccola discesa che conduce alla spiaggia del Felciaio dove nei giorni scorsi l'Ufficio tutela ambientale, con Asl, Asa, Aamps e ditte private, ha provveduto ad una radicale opera di bonifica e sistemazione. Una spesa di 25 milioni, di cui 13 proprio per la pulizia, la disinfestazione e la derattizzazione della zona. Gli altri soldi sono serviti per comprare la colonnina che distribuisce i sacchetti (500 lire) per il recupero dei bisognini e realizzare altri servizi, quali la doccia per gli animali. E' stato proprio il sindaco a innalzare sul pennone la bandierina bianca con l'immagine del cane (per ora senza nome, devono sceglierlo i bambini) che con le pinne (quattro), la maschera e il boccaglio troneggia sui manifesti della nuova spiaggia. A dare una mano al sindaco per l'inaugurazione l'onorevole Marida Bolognesi e l'assessore comunale Pamela Ognissanti che, mentre tiravano la cordicella che innalzava la bandierina, avevano momentaneamente affidato i loro labrador, Tea ed Emily, all'assessore alla Tutela degli animali Simone Maltinti. «E' un gesto di affetto nei confronti dei cani e di una città, Livorno, che i cani li ama davvero. Lanciamo anche un appello ai proprietari - ha detto il sindaco - di pulire sempre dove i cani sporcano e ci auguriamno che questo non accada solo sulla spiaggetta, ma da ora in avanti anche per le strade e sui marciapiedi». L'idea della spiaggia era stata lanciata da tempo, a partire dalla Circoscrizione 5 e poi, via via, dai proprietari, dalle assocializioni ambientaliste e animaliste. Che poi Livorno sia una città amante degli animali è evidente dalle parole dell'assessore Maltinti: «In un anno siamo riusciti a far adottare 160 cani abbandonati».
Da: "Il Tirreno Internet"

CAGLIARI - 15 giugno 2001 - Da luglio al Poetto uno stabilimento per i cani
Il primo "Bau Beach" in Sardegna dovrebbe aprire i battenti a fine giugno al Poetto. Sarà situato a quattrocentocinquanta metri di distanza dallo stabilimento “Lido Mediterraneo”, tra due postazioni balneari già esistenti. I nostri amici a quattro zampe potranno godersi sole, gioco e bagni. Tutto questo, ovviamente, approvazione regionale e comunale permettendo. Il progetto dell’originale stabilimento balneare, con spazi destinati anche ai cani, è stato presentato ufficialmente all’assessorato agli Enti locali, Finanze e Urbanistica della Regione il 15 marzo 2000 dalla cooperativa “All friends”. «A dire la verità - spiega Simona Ferino, presidente della cooperativa - mi sono interessata della questione nel ’99. La nostra cooperativa è formata da quattro socie. L’idea di aprire un “Bau Beach” è venuta vedendo l’esempio di una struttura simile a Fregene. In tutta Italia questo sarebbe il quarto». L’area totale del “Bau Beach” sarebbe di 1360 metri quadri, di cui ventidue per un gazebo-reception, quattrocento destinati a uno spazio per i cani di taglia grande, trecentodieci a quelli di taglia piccola, trecentosedici metri quadri da destinare a ombrelloni e sdraio, trenta per sosta natante e i restanti duecentottantadue metri quadri per le pedane, gli spogliatoi, le docce, i wc e i servizi per i cani. «Offriremo un servizio alle persone che hanno un cane e non vogliono lasciarlo a casa. I cani dovranno essere in regola con le vaccinazioni. La prima volta sarà necessario presentare all’ingresso dello stabilimento il libretto sanitario. Le femmine in calore non potranno accedere ai recinti per questioni comprensibili a tutti». Che fare in caso di cani con carattere particolarmente “irritabile”? «Contiamo nella collaborazione del padrone. In casi di questo genere, il cane potrà accedere ai recinti solo con la museruola». Prevista anche una corsia di accesso per permettere ai cani di fare il bagno in mare. «Tanti storceranno il naso. Ma al contrario di ciò che si può pensare i cani non fanno nessun “bisognino” mentre sono in acqua. Inoltre sarebbero portati in una corsia specifica e non potrebbero sconfinare». Pericolo infezioni o malattie per i bagnanti? Da escludere. «Le aree verranno disinfettate più volte nell’arco della giornata e saranno accettati cani che siano in buono stato di salute certificato dalle vaccinazioni nel libretto sanitario. Inoltre se un cane vive in casa è sicuramente sottoposto a tutti i controlli veterinari necessari». Anche i cani potranno fare la doccia. «Oltre allo spazio destinato alle docce per i bagnanti, ne abbiamo previsto un altro destinato a quelle per i cani. La salsedine fa male al pelo». I cani, o meglio, i padroni pagheranno il biglietto d’ingresso. «Non abbiamo ancora deciso come strutturare i pagamenti. Attendiamo l’approvazione del progetto. Potrebbe essere un’idea quella di far pagare una piccola quota associativa mensile oppure settimanale o giornaliera. Vedremo». Non dovrebbero esserci problemi con la Capitaneria di Porto. «L’iniziativa - spiegano all’assessorato agli Enti locali della Regione - è stata accolta con favore e sensibilità dalla Capitaneria perché si tratta di un progetto di un’area attrezzata. Ora la pratica è in fase di istruttoria. Si stanno facendo le ultime verifiche. Non dovrebbero comunque esserci problemi». Chi del progetto del "Bau Beach" non è stato informato e cade dalle nuvole è il sindaco Davide Galantuomo. «Apprendo la notizia in questo momento. Non posso dare pareri in merito fino a che non riceverò il progetto ufficiale approvato dalla Regione. Successivamente verrà portato in Giunta». L’ultima parola spetterà dunque al Comune. Fino ad allora la spiaggia sarà off-limits per i cani.
Da: "L'Unione Sarda internet" - ATTENZIONE: SPIAGGIA CHIUSA DAL 2002

ORTONA - 15 giugno 2001 - Cani ammessi in spiaggia: è questa la novità dell'estate appena iniziata.
L'ordinanza della capitaneria ammette l'ingresso di Fido sull'arenile a condizioni ben precise. Ma già nel primo scorcio della bella stagione si moltiplicano le proteste per «i cani liberamente a spasso sulla battigia». Dal circomare di Ortona ricordano che i cani sono ammessi se «di piccola taglia (6-7 chili), solo nelle ultime file o in appositi spazi, se tenuti sempre al guinzaglio sotto l'ombrellone». Condizioni chiare che escludono la possibilità di portarli a fare il bagno. Restando l'obbligo per il padrone (per la verità quasi mai rispettato) di portare paletta e secchiello per provvedere alla pulizia e raccogliere i "bisognini". «Siamo contenti della nuova regolamentazione», dice Emanuele Villante del Wwf, «così strutturata, l'ordinanza ci sta bene. Occorre però che i soggetti chiamati a vigilare l'osservanza di tali norme siano presenti nelle spiagge e puniscano i trasgressori». L'invito è, sì, rivolto agli uomini della capitaneria ma anche a tutti i gestori degli stabilimenti balneari. Infine, ricordando che, comunque, potrebbe non essere opportuno portare i cani in spiaggia, Emanuele Villante esprime perplessità sul silenzio della regolamentazione limitatamente alle spiagge libere, silenzio che farebbe solo supporre un divieto categorico di accesso.
Da: "Il Centro Internet"

TRIESTE - fine luglio 2001 - «Fido beach» all’ex Cedas: sarà l’ex Cedas di Barcola il «Fido beach» di Trieste, un bagno «franco» dove i proprietari di cani potranno far scorrazzare e nuotare felici i propri animali, senza il rischio di incorrere in divieti e multe. La notizia è di quelle destinate a far rumore, sia tra gli amici dei «quattrozampe» ma anche e soprattutto tra gli habituès del bagno Cedas, che potrebbero essere anche non contentissimi della novità. Si parla da tempo di un bagno per cani, un’esigenza evidenziata con convinzione dai cinofili. E l’iniziativa dell’assessore agli affari generali del Comune Fulvio Sluga boccia un’ipotesi precedente, nata tempo fa in un incontro tra la Capitaneria e l’ex assessore Tomasini, che sembrava una soluzione definitiva. Si era immaginato, infatti, di creare il nuovo bagno nei pressi della Società velica Barcola-Grignano. Il sito consiste in una sorta di terrapieno da attrezzare e adattare completamente a spiaggia. Sarebbe stata proprio l’impossibilità di realizzare questo adeguamento in tempi brevi a spingere la nuova giunta comunale alla bocciatura del progetto. Spiega l’assessore Sluga: «La zona dell’ex Cedas, pur non essendo di proprietà comunale, ci è sembrata l’idea più praticabile per rispettare le esigenze dei cani e dei loro padroni». Dopo numerosi sopralluoghi fatti nei giorni scorsi, l’Amministrazione comunale si sta attivando per ottenere dalla Capitaneria di Porto la concessione per l’area in questione. «Comunque – continua l’assessore – il bagno dovrà essere dotato dei servizi indispensabili (ndr servizi igienici e bagnino), migliorandone anche quelli già esistenti, per garantire la balneazione ai cittadini, oltre che agli amici a quattro zampe». Se la Capitaneria darà il proprio assenso, il Comune attuerà il progetto di fattibilità per gli interventi necessari, che verranno svolti nell’ambito di un programma complessivo di riqualificazione della riviera barcolana. Ma per quest’anno Fido dovrà rassegnarsi a rinunciare a una spiaggia tutta sua.
Da: "Il Piccolo Internet" - ATTENZIONE: SPIAGGIA MAI APERTA


Il bau di Elisa al mare

MARINA JULIA - fine luglio 2001 - Una «Fido beach» a Marina Julia: nasce la prima spiaggia in regione dedicata agli amici a quattro zampe. Una notizia che riempie di gioia coloro i quali, giustamente, nemmeno d'estate vogliono separarsi dai loro cani, ma che, sino ad oggi, erano costretti a ripiegare su spiaggie di fortuna o a rinunciare al mare. L'idea, che ha recepito un'autorizzazione emessa alla fine di giugno dalla Capitaneria di Porto di Monfalcone, è venuta a Giovanni Cociani, storico titolare dello stabilimento balneare «La Playa» che ha provveduto a recintare un'apposita area, segnalarla con dei cartelli e ad offrire così un'opportunità in più a turisti e bagnanti della domenica. «Tu e il tuo... cane», con il fido amico rappresentato da un simpatico disegno: c'è scritto così all'esterno della prima «Dogs Beach» del Friuli-Venezia Giulia. Un'altra è destinata a sorgere a Lignano, nei pressi della foce del Tagliamento. Al momento dell'ingresso il cane viene registrato, proprio come in un albergo, gli viene controllato il certificato di vaccinazione, poi può tranquillamente «sdraiarsi» al sole assieme al suo padrone. C'è ovviamente uno spazio all'ombra, dei posti per potersi abbeverare e anche un'area dove il quattrozampe può essere lavato. All'occorrenza, inoltre, c'è anche la disponibilità di un veterinario. Per il momento, però, Fido non può entrare in acqua. C'é bisogno di appositi accorgimenti, ma Cociani promette che anche questo sarà fatto. Legittima la soddisfazione dei proprietari di cani e delle associazioni zoofile. «Guardiamo con favore a questa realizzazione - commenta Sabrina Ballarin, presidente del Gruppo Ambiente di Ronchi dei Legionari - una novità che colma una lacuna esistente da sempre. Una piacevole novità anche perché ci allontana dai pregiudizi che da sempre la gente ha nei confronti degli animali nelle spiaggie. C'era chi, persino, li additava come possibili generatori di inquinamento marino. Ora c'è un'area tutta per loro e nessuno potrà protestare». Sulla stessa lunghezza d'onda anche Michele Tonzar, di Legambiente. «L'iniziativa - ha detto - migliora complessivamente quella che è l'offerta turistica del litorale non solo per le persone, ma anche per i loro compagni di viaggio. Essa, poi, ci avvicina ulteriormente a quelli che sono gli standard europei, offrendo delle chances in più a quanti vogliano trascorrere un periodo di vacanza nella nostra regione».
Da: "Il Piccolo Internet" ATTENZIONE: SPIAGGIA CHIUSA

SANT'ANTIOCO (CA) - 7 agosto 2001 - Cani in spiaggia: a Coa Quaddus è possibile portarli. Lo stabilimento balneare della «Ochia» offre la possibilità di tenere il proprio cane in un apposito spazio, dedicato al migliore amico dell'uomo. In questi giorni, la cittadina annovera fra i turisti in vacanza anche tanti bellissimi esemplari di razza e qualche meticcio. E' prevalso il buon senso di chi va in ferie senza abbandonare «Fido» che ora può andare anche al mare.
da: "La Nuova Sardegna online"- ATTENZIONE: SPIAGGIA CHIUSA DAL 2002

TRIESTE - 14 agosto 2001 - Si apre oggi, a sorpresa, un'altra «BauBeach» nella riviera triestina, dopo che una prima ipotesi - lo stabilimento in zona Cedas - vede tempi lunghi di realizzazione. La prima spiaggia per cani&padroni di Trieste si trova in realtà in uno dei più noti stabilimenti balneari triestini, Castelreggio, a Sistiana. All'interno dello storico stabilimento, da questa mattina, i cani sono i benvenuti: i gestori hanno recintato una zona ad hoc, e per i quattro zampe l'ingresso è anche gratuito. Diversamente da come accade in altre spiagge italiane ove ai cani è permesso entrare, non si tratta di una soluzione a cui doversi adattare: spesso, infatti, ai turisti con cani a seguito viene riservata la zona più fangosa, più esposta al sole o più brutta della costa. A Castelreggio, invece, la Baubeach si compone di un pezzo di pineta, all'ombra, con tutte le comodità per i padroni. I cani - grandi, piccoli, di razza o meticci - entrano gratuitamente, e per la loro presenza non è dovuto alcun sovrapprezzo, mentre i padroni pagano il normale biglietto di ingresso. L'unico divieto, per il momento, riguarda la balneazione, e i quattro zampe devono accontentarsi di stare con i padroni mentre prendono la tintarella. «Abbiamo aderito - spiega il gestore di Castelreggio, Domenico Ferrarese - alla circolare inviata dalla Capitaneria di porto, e ci è giunta nei giorni scorsi l'autorizzazione del comparto marittimo di Trieste ad aprire la BauBeach. Il tempo di delimitare la zona e organizzarci, e il via libera il 14 agosto». Le speranze di una spiaggia aperta ai cani a Barcola erano invece sfumate vista l'impossibilità di realizzare in breve tempo l'adattamento del terrapieno nei pressi della Società velica di Barcola Grignano. L'assessore comunale Sluga si è impegnato a realizzare la Fido beach in zona Cedas, ma anche qui le richieste e i lavori di adeguamento prevedono tempi lunghi. BauBeach di Castelreggio permetterà l'ingresso a dodici cani e annessi padroni. L'iniziativa ha certezza di esistere solo fino a ottobre: la concessione a Domenico Ferrarese del pezzo di costa di Castelreggio, infatti, scade al termine di questa stagione balneare, e non è dato sapere cosa accadrà l'anno prossimo, vista l'imminenza del progetto di recupero dell'intera Baia, anche se lo stesso Ferrarese ha fatto ricorso al Tar chiedendo il prolungamento della concessione per 6 anni. Intanto altre spiagge per cani sono in via di realizzazione in regione: la prima, già attiva da alcune settimane, si trova a Marina Julia, nell'ambito dello stabilimento «la Playa», mentre un'altra spiaggia aperta anche ai cani dovrebbe venir realizzata a Lignano, nei pressi della foce del Tagliamento.
Da: "Il Piccolo Internet"

ARZACHENA (SS) - 10 ottobre 2001 - L'Aast ai sindaci: attrezzate le spiagge anche per i cani
Un'estate da dimenticare per i migliori amici dell'uomo. Spiagge della Gallura off-limits quasi dappertutto e comunque disco rosso da parte delle amministrazioni, a esclusione di quella di Olbia. Inutile dire quali e quanti problemi abbiano creato i divieti ai numerosi turisti possessori di un cane. Certo, ci sono anche i diritti dei bagnanti che non tollerano la presenza di Fido, ma la questione non si può risolvere a colpi di divieti. Non a caso tantissimi proprietari di animali hanno lamentato l'ostracismo verso i loro "amici". Ed ecco mobilitarsi le associazioni come quella dei cani di salvamento "Dei dell'acqua" che a settembre organizza una giornata tutta per loro a Capriccioli. Il commissario dell'Azienda di soggiorno di Arzachena Franceschino Bardanzellu, in quell'occasione anticipa l'invio di una lettera ai sindaci della Gallura costiera per sensibilizzarli al problema. La missiva è stata spedita proprio ieri - controfirmata dalla "Dei dell'acqua", dal Cota, dalla Lida e dalla Confcommercio di Olbia - ai primi cittadini di Budoni, Loiri-Porto San Paolo, Olbia, Golfo Aranci, Arzachena, Palau, La Maddalena, Aglientu, Trinità, Badesi e al Parco nazionale di La Maddalena. In essa, «preso atto delle notizie sempre più frequenti di casi di randagismo e di soppressione di animali; rilevato che innumerevoli liti, anche di natura giudiziaria, sono riconducibili alla frequentazione dei siti di balneazione da parte di animali domestici», si chiede «l'adozione di misure urgenti e concrete per arginare il fenomeno», tra le quali «dotare il proprio comune di un canile e reperire e attrezzare a norma un tratto di arenile cui sia possibile accedere anche con il cane».
Da: "La Nuova Sardegna online"


Gastone di Valentina in spiaggia in Corsica

VENEZIA - 24 ottobre 2001 - Municipalità: al vaglio la spiaggia per cani
Verrà discussa oggi nella riunione di giunta della Municipalità del Lido la proposta avanzata dall'associazione culturale Malamocco-Alberoni in merito alla creazione di una spiaggia per i cani proprio lungo l'arenile libero degli Alberoni. Da due anni si parla con insistenza anche al Lido di questo progetto, ma finora nulla era stato fatto di concreto malgrado alcuni contatti fossero stati presi anche dalla Dingo con i gestori della Bau Beach di Fregene a pochi chilometri da Roma. Prendendo invece spunto dal Bau Village di Albisola, in provincia di Savona, l'Acma ha rilanciato il progetto con numerose operazione collaterali, compreso un programma di intrattenimento con percorsi di agility dog, docce all'aperto e cabine attrezzate per permettere anche ai padroni di stare al mare con i propri amici a quattro zampe. L'area individuata sarebbe quella compresa tra la Casa di Maria Immacolata, quella dell'Opera Santa Maria della Carità e quella dell'ex Istituto Figlie di San Giuseppe del Caburlotto. «Siamo tutti favorevoli a questa iniziativa - ha detto Michele Zampedri, vicepresidente della Municipalità del Lido - Vogliamo appoggiare questa iniziativa perché ci sembra un'ottima idea e daremo via all'iter burocratico».
Da: "La Nuova Venezia internet"

LADISPOLI (Roma) - ORDINANZA BALNEARE N. 36/2001
MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia
IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL'AREA V^ - SERVIZIO 2 DEL COMUNE DI LADISPOLI Di concerto con IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI CIVITAVECCHIA
Art. 4.2.5 - Vietato condurre e far permanere qualsiasi animale anche se munito di regolare museruola o/e guinzaglio. Sono esclusi dal divieto i cani guida per i non vedenti e, previa autorizzazione del Comune (per verifica brevetto), i cani da salvataggio al guinzaglio. L'Amministrazione Comunale si riserva di individuare e di attrezzare idonea area demaniale marittima e specchio acqueo ad essa antistante da destinare ad uso esclusivo di utenti con animali al seguito.

Un amico di  Gacchan in spiaggia
Gacchan Dogwelcome che osserva un amico peloso in spiaggia :)

CECINA (LI) - 23 aprile 2002 - Una novità nell'ordinanza già approvata dalla giunta che stabilisce le regole in spiaggia ed in mare durante la stagione estiva. Due spiagge saranno riservate ai cani. Una di 100 metri nella zona sud dell'arenile cecinese, l'altra di 60 metri nella zona nord. «Un provvedimento - ha detto il sindaco Pacini - che viene incontro alle numerose richieste di cittadini residenti, ma anche di molti turisti che arrivano al mare con i propri cani». Per il resto nell'ordinanza restano valide le vecchie norme e cioè che i cani non possono essere portati in spiaggia anche se muniti di regolare museruola e guinzaglio. Il provvedimento è stato preso in accordo con le associazioni di categoria Confesercenti e Confcommercio, con il locale ufficio della Guardia costiera e con l'Asl 6.
Da: "Il Tirreno"

TRIESTE - 17 maggio 2002 - Ritorna d'attualità la «Fido beach».
La terza circoscrizione ha approvato infatti una mozione presentata dal capogruppo di Rifondazione comunista, Lorenzo Lorusso, per impegnare sindaco e giunta a predisporre studi tecnici e ambientali atti a individuare un breve tratto di spiaggia da destinare ai bagnanti possessori di cani. Nel documento si segnala l'importanza di venire incontro ai cittadini, che vogliano usufruire, insieme al loro quattrozampe, degli analoghi vantaggi e possibilità messi a disposizione di tutti gli altri utenti.
Da: "Il Piccolo"

CASTAGNETO CARDUCCI (LI) - 11 maggio 2002
Il Comune non riserva una spiaggia per i cani. Ma lascia la possibilità di apertura ai gestori di stabilimenti balneari. Nell'ordinanza di Castegneto Carducci in Toscana che disciplina le attività balneari per l'anno 2002, l'articolo 5 parla chiaro: «I concessionari possono, nell'ambito della propria concessione individuare aree debitamente attrezzate e recintate per l'altezza non superiore a metri 1,30, da destinare a ricovero di animali domestici, salvaguardando comunque l'incolumità e la tranquillità del pubblico e assicurando le necessarie condizioni igieniche secondo le vigenti normative, fermo restando l'obbligo di garantire l'accesso al mare da parte dei soggetti portatori di handicap con la predisposizione di idonei percorsi perpendicolari alla battigia; i concessionari o i gestori potranno altresì predisporre, al fine di consentire la loro mobilità all'interno delle aree in concessione altri percorsi da realizzarsi in materiale plastico o legno, da posizionare sulla spiaggia, anche se detti percorsi non risultino riportati nel titolo concessorio». L'unica possibilità per andare al mare con il proprio cane è lasciata ai gestori dei bagni in quanto sono autorizzati a fare delle zone debitamente attrezzate e recintate da destinarsi a ricovero degli animali domestici. Il Comune di Castagneto non ha individuato spiagge libere aperte ai cani. Questo stop - come scrive "Il Tirreno" - ha suscitato una grossa delusione tra gli amici degli animali. Alcune persone si attendevano che alcune zone della spiaggia fossero riservate a chi ama andare al mare con il proprio cane, mentre invece viene riproposto il divieto di portare animali e quindi anche i cani sulla spiaggia. Mentre ci viene suggerito dall'ufficio comunale che l'Arci, come titolare di concessione demaniale, potrebbe destinare parte della propria concessione a ricovero di animali domestici. Altra ipotesi: quando sarà approvato il piano della costa per le aree pubbliche attrezzate ci potrebbero essere anche provvedimenti per l'accesso ai cani. Sempre in provincia di Livorno, a San Vincenzo, il Comune ha emanato un'ordinanza di totale divieto di accesso dei cani agli arenili.
Segnalato da: Federica

SANREMO (IM) - 28 maggio 2002
Sì agli animali in spiaggia, purché siano accettati dai concessionari degli stabilimenti e vengano rispettate le prescrizioni igieniche e di sicurezza. E´ una delle novità sostanziali previste dall´ordinanza comunale per la «disciplina delle attività balneari», illustrata ieri dall´assessore competente Carlo Alberto Nebbia Colomba, alla presenza del comandante del porto Andrea Conte.
Da: La Stampa

VENEZIA - 29 maggio 2002
Al Lido di Venezia, l'associazione culturale Malamocco-Alberoni gestirà un pezzo di arenile dedicato come spiaggia riservata per soli "fido e mici". La bau-bau beach sarà recintata e attrezzata con palette e cestini, in modo che i proprietari stiano tranquilli mentre i loro amici a quattro zampe si abbronzano e, magari, iniziano qualche amore da spiaggia.
Da: Il Gazzettino - ATTENZIONE: SPIAGGIA MAI APERTA

LUCCA - 8 luglio 2002
ATTENZIONE!!! Coloro che sono interessati a trascorrere le vacanze a Viareggio o Marina di Vecchiano (PI) sappiano che le spiagge, anche quelle libere (ma dov'è la libertà ?), sono vietate per tutti gli animali ed in particolare per noi bau bau. Ringraziamo i sindaci che non hanno predisposto nessuna zona riservata a noi ed ai nostri amici proprietari, alla faccia di tutte le iniziative contro l'abbandono degli animali nel periodo estivo. Ciao e bau a tutti.
Segnalato da: Rex

MONTE ARGENTARIO - Sulle spiagge del Comune di Monte argentario è vietato: 2.8 Condurre e far permanere qualsiasi tipo d'animale, anche se munito di regolare museruola e/o guinzaglio. Sono esclusi dal divieto i cani guida per i non vedenti
Segnalato da: Federica, segugia Dogwelcome

EMILIA ROMAGNA - ORDINANZA BALNEARE N. 1/2002 - Assessorati turismo e commercio, Direzione generale attività produttive, commercio, turismo, e Servizio qualità aree turistiche - Ordinanza approvata con determina del Responsabile del Servizio n. 2987 del 10.4.2002
Art. 4/h: E' vietato condurre o far permanere qualsiasi tipo di animale, anche se munito di museruola e guinzaglio, ivi compresi quelli utilizzati dai fotografi e dai cine-operatori. Sono esclusi dal divieto i cani di salvataggio al guinzaglio impegnati per il servizio di salvamento, ed i cani guida per i non vedenti. I concessionari hanno tuttavia facoltà, nell'ambito del proprio impianto e previa autorizzazione della Regione e delle autorità competenti sotto il profilo igienico-sanitario, di individuare aree debitamente attrezzate per l'accoglienza di animali domestici, salvaguardando comunque l'incolumità e la tranquillità dell'utenza balneare. I Comuni, nelle zone di spiaggia libera, possono individuare con apposita ordinanza e previa comunicazione alla Regione, aree appositamente delimitate segnalate ed attrezzate con l'indicazione contestuale dell'orario di utilizzo ove è consentito l'accesso con animali.

22.08.2002
Fa fare bagno al cane, multato un bresciano sulla spiaggia di Sciacca
Una pratica molto diffusa, in estate, tra i proprietari di cani, ovvero far fare il bagno in mare al proprio "fido", è costato a un turista bresciano ben mille euro di multa. L'uomo, in villeggiatura a Sciacca, ha portato il cane in spiaggia e gli ha fatto fare "un tuffo". Sono immediatamente intervenuti i militari dell'ufficio marittimo che hanno staccato ricevuta della costosa ammenda.
Sul litorale di Muciare, nella zona sottostante le terme di Sciacca, il visitatore aveva ritenuto di non violare alcun regolamento nel regalare qualche sollazzo al proprio volpino, benché un minimo di disappunto qua e là trapelasse tra numerosi bagnanti presenti in quel momento sulla spiaggia. Così, appena il cane è entrato in acqua, qualcuno dei presenti ha pensato bene di avvisare l'ufficio circondariale marittimo, che ha inviato sul posto una motovedetta con due militari. I due ufficiali hanno contestato al vacanziere l'infrazione e imposto quello che a lui è sembrato un arbitrario balzello. Al punto che, andato su tutte le furie, si è rifiutato di firmare il verbale e preannunciato ricorso, sostenendo che nell'area in questione non c'erano divieti specifici e che altri già avevano portato sulla battigia i propri amici a quattro zampe."
Tratto da: www.tgcom.it

Molly di  Silvia in spiaggia in Corsica
Molly di Silvia in spiaggia in Corsica

29 lug 2003: È stata approvata anche dal Senato la nuova Legge sulla nautica da diporto. Le multe per la violazione al divieto di accesso dei cani in spiaggia passano da 1032 € (che però i gestori delle eventuali strutture attrezzate dovranno comunque pagare se non faranno rispettare le regole), a una cifra tra i 100 e i 1000 €, che però sarà pagabile con 200 €, non abbiamo ben capito come mai sia così ma è già qualcosa...
Per maggiori informazioni: www.guardiacostiera.it

LETOJANNI (ME): Spiaggia, luoghi di svago per i bambini e piazze dichiarati off limits a tutti i cani, senza differenza di razza ed anche se di piccola taglia. Motivi di sicurezza di natura igienico-sanitaria hanno indotto, infatti, il sindaco Gianni Mauro a firmare un'ordinanza, con la quale vengono impartite direttive in merito ai comportamenti che devono assumere i padroni, quando portano a spasso i loro fidi amici. È stato predisposto, infatti, il divieto assoluto di accesso dei quadrupedi in questione anche sull'arenile.
Segnalato da Federica, agosto 2003

BARI, 23 aprile 2004:
La Regione Puglia permette ingresso cani in tutte le spiagge attrezzate da Comuni o concessionari privati.
"Con la pubblicazione sul bollettino ufficiale dell'ordinanza dell'assessorato regionale al demanio marittimo, la Regione Puglia viene incontro alla esigenze di allungare la stagione balneare, più volte prospettate daglioperatore turistici". Lo afferma in una nota l'assessore regionale agli affari generali, Roberto Ruocco. "Il provvedimento, infatti - aggiunge - prevede che l'attivita' estiva sui litorali possa svolgersi dal primo aprile al 31 ottobre, dalle 8,30 alle 20,30 e che anche dopo quest'ora le strutture autorizzate possano svolgere servizi di ristorazione, bar, discoteca, secondo la normativa dei rispettivi comuni". "Un'altra novita' - continua - riguarda la possibilità di condurre e far permanere sulle spiagge qualsiasi animale domestico, in aree appositamente attrezzate dai comuni o dai singoli concessionari, sulla base delle normative sanitarie vigenti e a condizione che non arrechino disturbo e danni all'utenza circostante. Restano a carico di tutti i comuni rivieraschi, comunque, l'obbligo della pulizia dei litorali e la segnalazione dei limiti delle acque interdette alla navigazione, che sono state portate a 200 metri dalla riva e a 100 metri davanti alle coste a picco".
Segnalato dalla segugia Dogwelcome Federica

PORTO SANTA MARGHERITA DI CAORLE (VE)
Totalmente vietata ai cani !
Da molti anni mi reco regolarmente con il mio Flut (meticcio di taglia media)in questa località marittima essendo proprietaria di una casetta estiva. Ogni anno aumentano i cartelli di divieto di accesso per i cani: pineta, sotto-portico della via principale dove ci sono i negozi, piccolo giardino vicino alla chiesa e infine la spiaggia... a qualsiasi ora.
Una mattina alle 6.00 circa ero sul bagnasciuga (che dovrebbe essere demanio pubblico!) con il mio amico Flut tenuto scrupolosamente al guinzaglio e...siamo stati rincorsi e quasi travolti da un trattore che puliva la spiaggia, siamo stati cacciati via con urla e insulti e alla mia domanda: 'scusi ma dove posso portare a passeggio il mio cane?' la risposta è stata: 'il cane lo deve tenere chiuso in casa!'.
Complimenti al sindaco e a tutti gli abitanti di Porto S. Margherita !
Segnalato da: rosanna.digiorgio@...... , febbraio 2005 

ARZACHENA (SS) 18 maggio 2005: consegnate le firme dei visitatori di www.dogwelcome.it che chiedono insieme a noi ed a una volontaria di Olbia, nostra referente sul posto, che venga aperto formalmente ai cani (stiamo segnalando da tre anni almeno la spiaggia nella nostra lista spiagge, ma con l'avvertenza di stare all'occhio con le multe...) il tratto di spiaggia denominato "Lu Postu", nelle vicinanze di Arzachena, spiaggia dove già passeggiano i cavalli. Vi sapremo presto dire se le Autorità cittadine sapranno rispondere positivamente... intanto, al 20 giugno 2005 possiamo dirvi che la richiesta verrà portata in Giunta nei prossimi giorni: si può per ora quindi parlare di accoglimento positivo.

OTRANTO (LE) 25 maggio 2005: Consegnate le firme raccolte da www.dogwelcome.it per la richiesta di aprire un tratto di litorale ai cani in zona Laghi Alimini, Otranto, con la collaborazione di una volontaria sul posto.

4 ottobre 2005: Grazie alla nostra petizione ed alla sensibilità dimostrata dal Sindaco di Otranto, Francesco Bruni, è stata inclusa nel piano coste 2006 per la zona di Otranto una nuova spiaggia con accesso ai cani.
Sinora la zona era completamente sprovvista di spazi del genere, e si rischiava una multa se si portava il cane in spiaggia, in barba a tutte le campagne contro l'abbandono estivo. Abbiamo dovuto aspettare qualche mese, ma ne è valsa la pena... la zona dedicata ai *Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito* sarà in prossimità della "Colonia Trieste", nel tratto denominato "Laghi Alimini", in provincia di Lecce. Ora si tratta di vedere in che maniera sarà gestita: abbiamo inviato a suo tempo, assieme alla petizione per ottenere una spiaggia libera, il regolamento-tipo da noi suggerito, che speriamo verrà adottato.

Ringraziamo Tina G., che ci ha aiutato direttamente sul posto consegnando al Sindaco le petizioni, nonchè il gruppo CDA di Lugano che ha aderito alla nostra iniziativa raccogliendo firme nel Canton Ticino (Svizzera).

Clicca per vedere l'articolo !


Aggiornamento aprile 2006 - la situazione è in stallo: la zona promessa dal Sindaco era stata promessa anche ad un privato in concessione... L'adesione del privato pare che ci sarebbe, ma in questo caso sarebbero maggiori gli ostacoli burocratici per dare accesso ai cani, questo dice il Comune. Allora abbiamo chiesto (e per noi in ogni caso sarebbe stata la soluzione migliore) di aprire un tratto comunale di spiaggia libera... la risposta è stata che il Comune avrebbe valutato il tutto. Ci siamo messi allora in ogni caso in contatto con il Demanio regionale, affinchè ci potesse dare sostegno, e ci è stata richiesta copia del regolamento-tipo che proponiamo, dando un ok di massima al progetto. In Regione i pareri sono positivi e c'è la volontà di darci una mano: a presto, quindi, per le ultime notizie ! 

Aggiornamento 5 maggio 2006 - la doccia fredda... Sorpresa !!! Questa mattina abbiamo chiamato il Comune di Otranto per vedere a che punto era la situazione, dopo avere nel frattempo sentito più volte il responsabile regionale al demanio, il quale ci ha di nuovo confermato che da parte della Regione sarebbe stato accordato il permesso di concedere tratti di arenile con accesso ai cani in Puglia (stiamo aspettando copia dell'Ordinanza balneare), ma... da parte dell'Ufficio tecnico comunale ci viene ri-comunicato che la spiaggia promessa ai Laghi Alimini è ormai stata data in concessione (e questo già lo sapevamo: ma ora, niente più notizie sul gestore che sembrava avere dato parere positivo all'accoglimento dei quadrupedi) e che quindi in quella zona il progetto non poteva avere seguito perchè non c'era il nulla osta dalla Regione (che da parte sua, NON ha mai ricevuto la richiesta da parte del Comune, abbiamo poi saputo...). Alla nostra proposta di riservare un tratto di spiaggia libera comunale ai conduttori di cani, ci viene risposto che... il Comune non ha i fondi per potere intraprendere il progetto. Rispondiamo che non serve null'altro che un cartello con stampato il regolamento e qualche paletto, ma che soprattutto serve la volontà di appoggiare un progetto del genere, come promessoci dal Sindaco...

Abbiamo capito di essere stati presi in giro per benino...

Il Comune di Otranto ha deliberato quest'inverno un bando da €. 94.000,00 (V. http://www.comune.otranto.le.it) per la riqualificazione del lungomare (4° intervento), ed uno da €. 1.500.000,00 per la sistemazione dell'area portuale... non ci sono in Comune 5€ per un cartello plastificato e un centinaio di euro al massimo per comprare dei paletti in legno ed una corda per delimitare il tratto di spiaggia con accesso ai cani (visto che in Italia bisogna "delimitare", a quanto pare...) ? A meno che il destinare un tratto di spiaggia sia ritenuto "dequalificazione" dell'area... al contrario di quanto il Sindaco affermava nell'articolo, ovvero che l'area da riservare sarebbe stata una delle migliori a disposizione...

E stavolta (dopo esserci congratulati ad ottobre 2005 con il Sindaco per la sensibilità per avere accolto la nostra richiesta), gli diciamo: Grazie per la bufala, Sig. Sindaco !!!
E la prossima volta, sia gentile, si risparmi di rilasciare interviste che parlano di prove di civiltà, perchè la prova che ci ha dato il Comune da Lei amministrato è, al contrario, quella di avere preso in giro tantissimi cittadini della Sua zona, ovvero tutti quelli che hanno letto l'articolo sul Corriere del Mezzogiorno uscito ad ottobre 2005, nonchè gli innumerevoli visitatori del nostro sito. Andremo tutti quanti in vacanza altrove, se non ci vuole accogliere nelle spiagge di Otranto.

Qualora vi siano ulteriori sviluppi non mancheremo di tenervi informati.

Aggiornamento 13 luglio 2006: A seguito di una lettera via mail inviata a maggio al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ed all'Assessore Minervini abbiamo avuto risposta dal Presidente, il quale appoggia la nostra richiesta ed ha contattato a sua volta il Comune di Otranto... speriamo vi siano notizie positive presto !!!

3 marzo 2006: Aprirà grazie all'impegno di Dogwelcome
la prima spiaggia con accesso ai cani sull'isola d'Elba !

Una delle richieste inviate da Dogwelcome agli otto Comuni nonchè alla Comunità montana dell'isola d'Elba, ha avuto riscontro positivo: grazie alla sensibilità dimostrata dal Sindaco, Dott. Maurizio Papi, verrà inclusa nell'ordinanza balneare 2006 nel Comune di Porto Azzurro la prima spiaggia dell'isola con accesso ai cani !
Fino ad oggi tutta la costa dell'isola era completamente sprovvista di spiagge con accesso ai cani, e come al solito, le multe erano in agguato...
Dopo due mesi di contatti intercorsi con i vari Comuni via posta ordinaria e telefono, il 2 marzo 2006 la conferma definitiva dal Comune di Porto Azzurro... l'arenile dedicato ai *Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito* sarà nella zona denominata "Mola".


L'Ordinanza all'Elba

Aggiornamento aprile 2006 - A Mola il Comune sta preparando la spiaggia, che sarà attrezzata e preparata di tutto punto [sebbene la nostra (e vostra) richiesta, anche in un'ottica di non complicare le cose, sia stata quella di lasciare accesso in un tratto libero], come ci viene comunicato dai contatti locali. A presto per la data dell'apertura definitiva !
Probabilmente ci saranno notizie anche per altri 4 Comuni dell'Elba: ve lo sapremo dire a breve.
Siamo ovviamente riconoscenti con il Sig. Sindaco Papi perchè si è mostrato sensibile al tema.

AGGIORNAMENTO 14 giugno 2006 SPIAGGE ALL'ELBA: stiamo tuttora tenendo contatti con i Comuni che si sono dichiarati disponibili... nel frattempo il Comune di Marciana ci ha mandato una lettera dove ci comunica che sono molto spiacenti ma che, a causa dell'esiguità di spiagge nel Comune, lo stesso è impossibilitato a destinare un tratto di arenile con accesso ai cani.

PORTO AZZURRO: Vi saranno cabine, ombrelloni, ed una minitariffa da pagare (anche per questo aspetto abbiamo pregato più volte di lasciare libero accesso ma la nostra richiesta purtroppo non è stata accolta) perchè la spiaggia sarà sorvegliata e la persona addetta sarà, giustamente, retribuita.
La situazione immortalata nelle prime 4 foto che seguono è quella di fine giugno. Il fondale è basso, ed i bau, anche quelli piccini, saranno felici di sguazzare... è perfetta per giocare a palla con loro. Essendo stata ricavata da una parte di un canneto, il fondo è di terra, quindi abbiamo capito perchè attrezzarla con le sdraio...
AGGIORNAMENTO AGOSTO 2006: è stato steso del ghiaino (un po' scomodo, per la verità...) sulla porzione riservata ai cani e... l'acqua è caldissima, essendoci il fondo basso, e pare che i bau non ci stiano entrando molto volentieri... Sono arrivate le cabine e vi è acqua dolce a disposizione. Vedremo se il Sindaco vorrà venirci incontro per un ulteriore spazio, in futuro.

La spiaggia di Mola a lavori appena iniziati (giugno 2006)
 


I lavori proseguono... (foto di romap@......)


La spiaggia è pronta ! (foto di Linda C., 11 ago 2006)


CAPOLIVERI: NON è passata la proposta in Giunta (14-6-2006): per quest'anno, niente spiaggia con accesso ai cani a Capoliveri... peccato...

PORTOFERRAIO: nonostante sinora l'Assessore preposto ci avesse assicurato che le cose stavano andando avanti, dandoci anche i nomi di due possibili spiagge da destinare, alla telefonata di stamattina in Comune il responsabile al Demanio ci ha comunicato che "l'ufficio si sta occupando di altri argomenti", e che sulla scrivania dell'Ufficio non vi è alcuna pratica riguardante l'accesso dei cani in spiaggia. Proveremo a riparlare con l'Assessore, appena lo troveremo disponibile.

RIO MARINA: individuati due piccoli tratti di spiaggia poco frequentati ai lati di una spiaggia più grande. Il problema qui è che quei tratti non fanno capo al Comune, ma alla Capitaneria di Porto, trattandosi di spiagge all'interno del demanio minerario dello stato (l'entroterra è territorio minerario tutelato) e quindi il Comune sta attendendo riscontro dalla Capitaneria. Presto avremo nuove notizie.

CAMPO NELL'ELBA: La spiaggia proposta all'inizio, non attrezzata, libera, e raggiungibile solo a piedi, con ovviamente un regolamento (probabilmente il nostro regolamento-tipo) da rispettare, non è stata approvata, a causa delle lamentele di chi ha la casa estiva nelle vicinanze, evidentemente poco tollerante nei confronti dei nostri amici, ed è quindi stata proposta un'altra spiaggia. A presto per le ultime notizie...

AGGIORNAMENTO 14 luglio 2006: Abbiamo avuto l'ottima notizia dal Comune !!! La delibera è stata fatta, stiamo aspettando la copia - è stata dedicata ai Viaggiatori con Quadrupedi al seguito la spiaggia di Fonza, al limite est del territorio del Comune di Campo nell'Elba ! E' una spiaggia selvaggia raggiungibile con una strada sterrata (ben tenuta) di circa 3-4 km che si inerpica dandovi una bellissima visione della zona del golfo di Marina di Campo, e poi discende verso il mare. Portate ombrellone e acqua, e godetevi l'atmosfera di una spiaggia lasciata così come la Natura l'ha creata, con attorno la stupenda macchia mediterranea che emana il dolce profumo dell'elicriso... La spiaggia di Fonza si raggiunge precisamente prendendo la stradina che porta ai parcheggi del campeggi in zona Foce a Marina di Campo. Si tiene la destra, sinchè non si trova un bivio con il cartello Via Fonza, la si prende, si sale, e la spiaggia vi appare a destra, con gli stupendi colori dati dal suo fondale inizialmente di pietre e poi di morbida sabbia... Dopo qualche curva, arrivati in fondo alla strada, vedrete una casa color salmone davanti alla quale si diparte uno sterrato di circa 100 mt da fare a piedi: siete arrivati. Si tratta di una spiaggia di ciottoli, come del resto tante altre spiagge elbane. L'accesso all'acqua per i bau sarà semplice, un po' meno per i bipedi, ma una volta individuate le pietre giuste, farete 1000 bagni stupendi !!!
AGGIORNAMENTO 1 agosto 2006: abbiamo finalmente ricevuto la delibera - è stato approvato il regolamento-tipo che proponiamo per spiagge promiscue (persone con cane e persone senza cane) ma... non è stato concesso il bagno in acqua ai cani. Abbiamo di nuovo preso contatti con il Comune per ringraziare di avere dato accesso alla spiaggia, e nel contempo per chiedere di modificare il regolamento e lasciare accesso ai cani in acqua.


La spiaggia di Fonza


Lo staff Dogwelcome alla spiaggia di Fonza


Dove si trova

Da Baubeach Lazio: alle ore 18.40 del 15/6/06, a meno di 24 ore dall’evento, ho il dovere di informarVi che il gestore dello stabilimento “il Pellicano”, che avrebbe dovuto ospitare il Baubeach in questa stagione 2006, asserisce che, per “motivi amministrativi” relativi al Comune di Fiumicino esistono problemi relativi all' inaugurazione prevista per domani. Bloccando tutta l'organizzazione, già avviata da diversi giorni, la spiaggia è quindi non attrezzata ad accogliere i cani, nonostante l'Autorizzazione sanitaria ottenuta dalla USL Roma D, per nostro interessamento. Io non so che dire… Ma di contro sò che solamente dimostrando la nostra presenza e quantità, potremo abbattere anche questo scoglio. Quindi Vi invito a partecipare, con o senza i vostri cani, sia domani che sabato, presso il LUNGOMARE DI PONENTE 53, FREGENE, rendendo evidente la necessità di una soluzione riguardo la sospirata apertura. Non riesco a comprendere le motivazioni che ci hanno portati a questa situazione. Di fatto il Baubeach è stato dalla sua nascita (1998) considerato “un esempio di civiltà”, apprezzato anche dai turisti stranieri, oltre che dai 240.000 proprietari di cani residenti nella sola Provincia di Roma. Da sempre abbiamo lavorato per favorire le adozioni dei cani dei rifugi, facendone andare a casa circa 800, abbiamo creato informazione e sensibilizzazione intorno alla convivenza tra l’essere umano e le altre specie, in particolare il Cane, creatura amata a buona ragione da tante famiglie. Abbiamo lottato per far si che i diritti di queste famiglie, di queste persone, fossero gli stessi di chi non aveva deciso di convivere con un Cane: forse questo è un reato? E allora mi si spieghi perché la nostra attività viene così boicottata, anche quando legalmente parlando esistono tutti gli estremi per realizzarla. Ci siamo impegnati a creare una condizione di quasi isolamento all’interno di questa struttura, così centrale rispetto alla vecchia sede. Garantiamo a chiunque mal tolleri la presenza di cani nell’arenile, che si tratta di una zona tutelata e controllata a dovere. Si teme forse l’inquinamento atmosferico? Di fatto l’Amministrazione, a detta del Gestore, "si riserva" di dare il suo parere… Di fatto l’Autorizzazione che legalmente autorizza i cittadini a condurre cani nell’area attrezzata del Pellicano, sembra non bastare per poter aprire la stagione balneare. Di fatto saremo a difendere i nostri diritti con chi crede siano tali. E’ la nostra unica occasione di farci sentire! Grazie! Vi aspetto, Patrizia Daffinà - Baubeach

Aggiornamento 14 luglio 2006: il Baubeach riapre a Ostia, proprio accanto al Porto di Roma, davanti al ristorante "La Baia di Tiberio"

CONTRORDINE, 17 luglio 2006: Sollevazione popolare dei residenti, niente Baubeach...  E' pazzesco !!! "I cani sporcano e portano malattie", e occupano la zona dedicata alla spiaggia con accesso ai cani... Tenetevi in contatto per le ultime news

2007: al posto del Baubeach romano aprirà il Baucountry Nature Park, un ‘Oasi benessere - giochi acquatici a misura della coppia persona-cane' (V. ns lista "Parchi, musei, divertimenti..." L’inaugurazione è prevista per il 23 giugno.
ATTENZIONE: NON RIAPRIRA' NEL 2008

SANTA MARGHERITA LIGURE (GE): inaugurazione il 17 giugno 2006 di una nuova spiaggia con accesso ai cani - 4 cani alla volta, con regolamento da osservare (ci era stato richiesto il nostro regolamento-tipo tempo fa dal Comune, è stato adottato un regolamento simile) che abbiamo inserito all'interno della nostra lista spiagge Italia. Certo che 4 cani alla volta è un po' pochino...


Una delle più belle vacanze con la nostra Peggy nella nuova spiaggia per cani a Santa Margherita Ligure (GE), un po’ piccola ma è un passo avanti. (Adriana e Roberto, con Peggy - estate 2006)

Un commento sulla spiaggia di S. M. Ligure: Carissimi Amici di Dogwelcome, proprio ieri siamo stati col nostro Labrador di 1 anno a Santa Margherita Ligure e data la giornata splendida, abbiamo cercato la famosa bau bau beach per permettere al cucciolo di farsi un bel bagno.... Morale della favola, la "spiaggia" così come la definiscono, non esiste, sono solo scogli e per arrivare al mare, i cani dovrebbero tuffarsi in carpiato, e non so come risalire !!! Trovo che il Comune abbia preso in giro tutti pubblicizzando questo assurdo ammasso di rocce spacciandolo per spiaggia... Da parte nostra, noi non torneremo piu' a Santa Margherita Ligure.... Grazie di cuore a tutti voi, per il fantastico lavoro che fate. Saluti, Manu – 12 marzo 2007

Cari amici di Dogwelcome, vorrei solo fare una precisazione in merito alla email dei ragazzi che hanno vistato la spiaggia nel marzo di quest'anno. La spiaggia è stata inaugurata a giugno del 2006, ed era vi assicuro (vi manderò una foto) 3/4 volte più grande rispetto alla attuale. Noi siamo stati magnificamente con la nostra Peggy per 15 giorni nel mese di Agosto 2006, ed erano fortunatamente presenti ben più di 4 cani (come previsto dal regolamento),senza per questo creare scompiglio e zuffe. La spiaggia è stata purtroppo rovinata da una forte mareggiata verso la fine di Agosto 2006 L'amministrazione essendo fine stagione non è intervenuta a causa del mare agitato che avrebbe reso vano ogni lavoro, ma ci ha garantito che nella stagione 2007 sarà ripristinata totalmente (questo è la nostra speranza). Invitiamo i nostri amici a 4 zampe a tornare con l'inizio della bella stagione e a giudicare di persona. Adriana e Roberto, con Peggy - marzo 2007

Ci fa moltissimo piacere che il regolamento che parla di un massimo di 4 cani alla volta non sia seguito alla lettera, e che la spiaggia verrà ripristinata per la prossima stagione ! A sentire il commento di Manu abbiamo pensato alla solita operazione esclusivamente turistica, ma con piacere possiamo pensare che forse non è così ?
In attesa di poter dare un'occhiata anche personalmente, grazie a tutti voi per i report inviati ! :o) - [Noi di Dogwelcome]

5 ottobre 2007: riceviamo foto e commento sulla spiaggia di Santa Margherita Ligure:

Questo schifo è il posto riservato a Santa Margherita Ligure ai nostri pelosi, e c'è pure un cartello con 10000 regole assurde da seguire, ma per che cosa ??? Per questa schifezza ??? Non ci porterei il mio Axel, neanche con una pistola alla tempia.
Ciao, Donatella

Ehm, che dire, se non che siamo d'accordo ? A noi riservano sempre i posti peggiori ! :o( - [Noi di Dogwelcome]



Situazione al novembre 2008, dopo una mareggiata
Foto di: Roberto B.

La situazione in seguito è cambiata, o meglio, fortunatamente è cambiato il tratto dedicato. Trovate la nuova collocazione della spiaggia cani ammessi di Santa Margherita nel nostro database, facendo una ricerca avanzata


Milly, Briciola e Flavio al mare !
Milly, Briciola e Flavio al mare !


TOSCANA, inizio luglio 2006: Inaugurate altre spiagge con accesso ai cani - una in provincia di Pisa ed una in provincia di Livorno !


ANCONA, 8 luglio 2006: siamo stati contattati per un'eventuale apertura di un tratto di spiaggia nel comprensorio comunale... incrociate le dita !!!


CAORLE (VE), 13 luglio 2006: E' partita via raccomandata la nostra richiesta al Comune ed alla Capitaneria di porto affinchè venga dedicato un tratto del Lido di S. ta Margherita di Caorle all'accesso dei quattrozampe... a presto per l'eventuale riscontro che eventualmente riceveremo !

Da Caorle ci rispondono che i concessionari hanno il diritto di lasciare accesso ai cani rispettando le norme igienico-sanitarie ! Forza, gestori di lidi, che aspettate ???

Abbiamo avuto contatti con il gestore di un lido a Santa Margherita di Caorle (V. più sotto) e gli abbiamo fornito tutte le info inerenti l'accoglienza dei bau. Il lido ha iniziato ad accettare i nostri amici a quattro zampe. Evviva !


31 luglio 2006: Apre una spiaggia con accesso ai cani a CAPRERA (SS) !!!


5 agosto 2006: Aprono due tratti di spiaggia con accesso ai cani sulla costa di GENOVA !!!


26 agosto 2006: Siamo stati contattati dal Comune di BIBIONE (VE) per l'apertura di un secondo tratto, questa volta attrezzato, nel comprensorio comunale
2008: aperto accesso in un lido a Bibione ! (V. lista spiagge !)


10 gennaio 2007: Siamo stati contattati dall'Ufficio Tecnico del Comune di SIDERNO (RC) per l'apertura di un tratto di spiaggia con accesso ai cani nel Comune !


16 marzo 2007: Abbiamo richiesto alle autorità di VIAREGGIO (LU) che sia lasciato accesso ai bau in una delle spiagge libere del territorio Comunale... Il Demanio ha risposto che sta individuando un tratto in zona Migliarino - San Rossore - Massaciuccoli - speriamo in bene !!!
In seguito, dopo altri contatti...
spiagge per cani Viareggio


31 marzo 2007: Stiamo richiedendo al Comune di GIULIANOVA (TE) che sia ripristinato accesso ai bau nelle spiagge del territorio Comunale, accesso che negli scorsi anni c'era, ma che è stato negato dal 2006. Aggiornamento 12 lug 2007: Sono pervenute al Comune di Giulianova 397 mail di appoggio alla nostra richiesta - Grazie a tutti per la partecipazione, e continuiamo così !!!


10 aprile 2007: Riceviamo con piacere due mail da SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP), da parte del Resp. Settore Lavori Pubblici e Tutela Ambientale e dall'Assessore all'Ambiente, i quali ci chiedono info riguardo l'apertura di una spiaggia con accesso ai cani !
Abbiamo provveduto ad inviare il nostro regolamento tipo, e ci è stato comunicato che verrà incluso nell'Ordinanza Comunale di Tutela degli Animali. Siamo molto contenti !


7 maggio 2007: REGIONE SARDEGNA - Riceviamo una risposta (l'aspettavamo con trepidazione) alla nostra richiesta inviata via raccomandata RR alle Istituzioni regionali sarde, in primis al Presidente Renato Soru, per l'apertura di spiagge con accesso ai cani... Ebbene... Ce l'abbiamo fatta !!! 
La nuova Ordinanza Balneare 2007, nell'Art. G, proprio come avevamo richiesto a marzo 2007 facendoci portavoce di tutti voi (e noi ovviamente), dà la possibilità ai Comuni di individuare spazi da destinare all'accesso degli animali domestici !
La Regione (settore Demanio) ci ha dato riscontro, facendoci pervenire la nuova ordinanza elaborata ad aprile che ci è arrivata oggi via posta ordinaria. Siamo davvero felici !
E' caduto l'antipaticissimo divieto anche in Sardegna [ la nostra "spina nel fianco"... ;o) ], e se i Comuni sardi ci daranno una mano, presto potremo andare tranquilli a fare vacanza sull'isola, senza più rischiare una multa salata !!!
Abbiamo già provveduto ad evidenziare questa importante modifica a tutte le Capitanerie di Porto della costa sarda, affinchè possano agevolare i Comuni qualora vogliano intraprendere un'iniziativa del genere.


Fine giugno 2007: abbiamo preso contatto con il gestore di un lido privato di CAORLE (VE): noi abbiamo dato e continueremo a dare tutte le info le info che servono: ce la farà ??? Incrociamo le dita delle zampe ! A Caorle il Comune ha dato facoltà ai concessionari di aprire l'accesso ai cani, ma quando a spiagge comunali, purtroppo pare non se ne parli proprio...
[nota di Dogwelcome: operazione compiuta! Trovate la spiaggia il cui gestore abbiamo coadiuvato ai fini dell'apertura, in lista spiagge con accesso ai cani nel nostro database ;)  )


12 luglio 2007: apre un tratto con accesso ai cani a VENTIMIGLIA (IM) !!!


Marzo 2008: abbiamo scritto al Comune di RECCO (GE), che con un'ordinanza datata febbraio 2008 ha vietato l'accesso dei cani in spiaggia anche d'inverno. Troviamo la cosa realmente assurda... Abbiamo invitato, nella nostra newsletter di aprile 2008, i nostri soci e visitatori a scrivere al Comune per appoggiare la nostra richiesta di modifica dell'ordinanza, e richiedendo di aprire uno spazio di accesso per i nostri bau, ma sinora nebbia... Nessuna risposta da parte del Comune.
Toc toc !! Amministratori del Comune di Recco, ci siete ???


Maggio 2008: ci stiamo attivando con alcuni Comuni dell'ABRUZZO, nonchè con il Consorzio di promozione turistica regionale. Sebbene vi sia possibilità da parte della Regione di lasciare accesso ai cani al di sotto dei 7 kg in spiaggia (nelle ultime file) i Comuni temporeggiano...


Maggio 2008: il Comune di GROTTAMMARE (AP) sta facendo uno studio di fattibilità per una possibile apertura. Siamo in contatto con il Comune, al quale abbiamo fornito le informazioni che servono, nonchè il regolamento-tipo che proponiamo.


Maggio 2008: siamo stati contattati dall'ASL1 di PESARO per una possibile apertura... speriamo in bene !!


Giugno 2008: siamo in contatto anche con CAGLIARI, dove c'è un grandissimo bisogno di spiagge con accesso ai cani.


Giugno 2008: Dietrofront sui cani in spiaggia. I bagnini: ora un progetto serio - SENIGALLIA (AN) - Annullato l’atto della discordia, i bagnini adesso chiedono al Comune un incontro ufficiale per poter parlare del rilancio turistico favorendo anche quei clienti degli stabilimenti a cui piacerebbe arrivare in spiaggia con i propri cani.
L’ufficialità del ritiro dell’ordinanza firmata dal dirigente Paolo Mattei è arrivata nella tarda mattinata di ieri, confermando le indiscrezioni anticipate dal Corriere Adriatico. “Dopo alcune perplessità espresse dagli operatori balneari in conseguenza di questo atto - si legge in una nota del Comune - lo stesso è stato anche oggetto di una recente interrogazione consiliare, che ha indotto il segretario comunale a successivi approfondimenti. E proprio sulla base dei rilievi emersi il dirigente firmatario dell’ordinanza è giunto oggi ad assumere la decisione dell’annullamento. È bene precisare che la riconosciuta illegittimità - continua la nota dell’amministrazione di Senigallia - deriva da una questione di forma e riguarda in particolare un contrasto tra le fonti normative emesse dal Comune, mentre non ha assolutamente alcuna attinenza con il fatto che il Comune possa autorizzare l’ingresso degli animali di affezione in spiaggia. Proprio in questo senso rimane comunque fermo intendimento dell’Amministrazione comunale quello di procedere a creare tutte le condizioni necessarie per giungere in tempi brevi a offrire la concreta possibilità di ospitare animali da affezione sulla “spiaggia di velluto”, considerando che questa ulteriore caratteristica, sempre più richiesta da tanti cittadini e turisti, rappresenterebbe un ulteriore, prezioso elemento di qualificazione per la nostra offerta turistica”.L’annullamento dell’ordinanza 278 del 30 maggio è avvenuto nella giornata di ieri in autotutela per presunti vizi di legittimità. Soddisfatto il consigliere Enzo Monachesi, portavoce anche del coordinamento dei bagnini, che fin da subito aveva sollevato la questione portandola fino in Consiglio con una apposita interrogazione. “Adesso - sottolinea - siamo disposti a ragionare con il Comune attorno ad un progetto serio che si possa concretizzare per l’anno prossimo”.
Fonte: M.T.B.- CORRIERE ADRIATICO 26 GIUGNO 2008


News su CAORLE - il gestore di lido che abbiamo coadiuvato il 27 giugno 2008 ci comunica che: SIIIIII !!! Il lido apre l'accesso ai cani !!!!
Regolamento un po' "tosto", ma per il momento non siamo riusciti a strappare di più. Accesso solo ai bau sotto ai 10 kg per quest'anno.


26 giugno 2008: GENOVA - la spiaggia di Vesima nell'estate 2008 non aprirà perchè manca una scala. Ci avete scritto in tanti, di certo non si tratta di una bella notizia :(
27 giugno 2008: abbiamo contattato telefonicamente il gestore ed il Comune di Genova: la promessa è di aprire il 15 luglio, magari anche prima - a presto con le ultime news !
8 luglio 2008: abbiamo ricontattato i gestori ed il Comune di Genova, l'argomento verrà trattato in seduta comunale, pare al più presto...
23 luglio 2008: L'assessore che si occupa del tema ci comunica oggi che la scala è montata, ed augura a tutti buona spiaggia con il proprio cane ! Grazie Assessore !!!


VIESTE (FG) - luglio 2008 - pessima notizia - ordinanza balneare 2008: Vietato l'accesso dei cani nelle spiagge del territorio di Vieste.
Siamo in contatto con il Comune, abbiamo già inviato una richiesta di modifica, ed una richiesta di deroga per chi aveva già prenotato e versato la caparra per le vacanze 2008.


30 luglio 2008 - Cani in spiaggia, interviene il Sib: “Possono stare ma a certe condizioni”
Antonello Firullo, presidente regionale del Sib, il Sindacato Italiano Balneari aderente a Confcommercio, interviene sui presunti divieti di permanenza degli animali, soprattutto cani, in spiaggia. “Con specifico riferimento ai cani – afferma Firullo – mi preme sottolineare come la loro presenza non sia affatto vietata dai piani spiaggia. Esiste, piuttosto, una apposita circolare che ne permette l’ingresso purchè si tratti di animali riconosciuti dall’anagrafe canina, quindi con le vaccinazioni previste già fatte e con tutto quanto contemplato dalla normativa regolarmente espletato. Proprio con riferimento alla nuova normativa, aggiungo che le linee guida sui piani di utilizzo delle spiagge obbligano tutti i Comuni costieri dell’isola a contemplare la presenza sul proprio litorale, per darla eventualmente in concessione demaniale, di un’area attrezzata per la permanenza e l’addestramento degli animali. Si tratta di una normativa che il sindacato ha fortemente voluto e ottenuto, dopo la diffusione dell’apposita circolare da parte dell’assessorato regionale competente."
Fonte: Radio RTM

Un commento da parte nostra: sinora NESSUN COMUNE HA MAI CITATO/SEGUITO QUESTA CIRCOLARE. SE ESISTE, VIENE ASSOLUTAMENTE IGNORATA.
[Noi di Dogwelcome]


Gennaio 2009 - siamo stati contattati da un gestore di LATINA per una consulenza riguardo l'apertura ai nostri amici (lido privato)


4 marzo 2009: Partita la campagna per l'apertura di almeno un tratto di arenile e per l'apertura di spazi sgambamento a MASSA E CARRARA (MS)
Già contattato il demanio marittimo di Massa via fax, le lettere dirette agli amministratori comunali sono partite, ed i moduli delle petizione d'appoggio alle nostre richieste sono online ai link
/campagne/spiagge/petizionemassa.pdf
/campagne/spiagge/petizionecarrara.pdf

Campagna chiusa, risultato ottenuto!



http://www.loschermo.it/17849/


Ci risiamo: 2 maggio 2009, la famosa scala di VESIMA (GE) -vedere sopra- non c'è più. Speriamo di riaverla al più presto!!! Vi prego pensateci voi, la stagione è iniziata e in cani dove possono fare un bagno tranquillo... se abbiamo la spiaggia ma non la scala per arrivarci??!!
Cordiali Saluti. Isotta

Naturalmente ci siamo fatti sentire di nuovo affinchè la situazione potesse essere risolta. La spiaggia è stata nuovamente riattivata, anche se vi sono stati problemi anche in seguito.
Aggiornamento 2016: spiaggia fruibile, poi spiaggia sotto sequestro, poi spiaggia di nuovo fruibile. Come andrà nel 2017 ?



Abbiamo dato in questi anni consulenza a parecchi Comuni per l'apertura di nuovi tratti di spiaggia con accesso ai cani: in provincia di Genova, di Grosseto, nelle Marche, in Calabria, in prov. di Venezia, in Abruzzo, in prov. di Salerno, in Sardegna (aggiornamento 2016: aperte ora oltre 30 spiagge, a seguito della nostra richiesta di modifica dell'Ordinanza Regionale, richiesta che ha avuto riscontro positivo!) e in diverse altre zone italiane.
Qualora dovessimo essere costretti ad organizzare altre petizioni perchè le nostre richieste formali non saranno sufficienti a raggiungere lo scopo, contiamo sulla vostra partecipazione!
Tutti insieme abbiamo raggiunto ottimi risultati! 

Associazione Dogwelcome- www.dogwelcome.it

Buona vacanza con i vostri beniamini !
Furia di Elisa al mare vicino a Punta Ala

TROVA UNA SPIAGGIA CANI AMMESSI NEL NOSTRO DATABASE

Altri approfondimenti:
Speciale spiagge e cani
Spiagge e cani in Italia

Il bagno con Fido
Spiagge Bandiera Blu UE
Cosa serve per andare in spiaggia con il vostro cane?


Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2019
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su

Abbiamo in lista (aggiornata al 2017) oltre 900 spiagge frequentabili in Italia ed all'estero! 
ATTE
NZIONE: le spiagge accesso cani (soprattutto in Italia ma non solo) aprono e chiudono a seconda delle ordinanze balneari, a seconda dei Sindaci eletti, a seconda dei feedback che arrivano da parte dei turisti alle amministrazioni comunali. Dogwelcome da 18 anni raccoglie le informazioni in maniera più precisa possibile, ma non può ovviamente assicurare che una spiaggia data per accessibile lo sia per sempre. Vi preghiamo quindi di verificare, contattando direttamente i Comuni interessati, o i gestori della spiaggia in caso sia privata, che l'accesso sia permesso. 

Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.