Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017

Trasporti

Qualche consiglio per fare un viaggio insieme in tutta tranquillità



 

In caso di viaggio in macchina, ricordate di fare soste frequenti: anche il quattrozampe deve sgranchirsi e soprattutto fare pipì, proprio come voi. Tenete acqua fresca sempre a portata, in un recipiente con coperchio ermetico, sempre pronto a fare bere Fido e Micia, mantenuto all'ombra. Per rinfrescare una bottiglia d'acqua in PET è utile avvolgerla in un telo bagnato ed esporla davanti alle bocchette dell'aria del cruscotto, se non si dispone di climatizzatore.

Non tenete il climatizzatore dell'auto troppo alto d'estate: quando si torna alla temperatura esterna è uno shock per il nostro fisico e naturalmente anche per quello dei nostri amici.

Non lasciate MAI i vostri amici pelosi in macchina al sole, nemmeno con i finestrini abbassati ! Il sole gira, e dove c'è ombra, dopo dieci minuti può esserci il sole !
 


Chaac e Ken-di di Dogwelcome in auto

 

In macchina tenete un vaporizzatore d'acqua se le temperatura è alta. I cani gradiscono una rinfrescatina ogni tanto. Ma attenzione alle orecchie ! Se sono bagnate e dal finestrino entra aria, è possibile che il cane prenda un'otite. E' anche possibile che gli occhi si infiammino con troppa aria: per prevenire una congiuntivite è meglio fare attenzione.

Per quanto riguarda i gatti, che non gradiscono essere vaporizzati con acqua, è comunque meglio non facciano viaggi molto lunghi: se proprio siete costretti a farlo, offrite al gatto un ambiente tranquillo e possibilmente buio, così che il gatto riesca a schiacciare pisolini come tanto gli piace. E' utile coprire la gabbietta con un asciugamano, ma lasciate scoperta una parte della gabbietta (un lato), perchè circoli l'aria. In caso di alta temperatura, bagnate l'asciugamano: l'aria che girerà nella gabbia sarà più fresca !
Per la cassettina con la sabbietta del micio, basta comprare un trasportino ben ampio, e mettervi una cassettina stretta (va bene anche il fondo di una scatola, foderato con un sacchetto di plastica) che sia lunga come la larghezza del trasportino, in modo che la cassettina occupi tutto lo spazio opposto all'ingresso del trasportino, usando lo spazio in larghezza appunto, e lasciando un bel quadrato libero appena dopo l'ingresso, dove il micio potrà accoccolarsi in comodità.

Per quanto riguarda il cibo, è meglio dare da mangiare al quattrozampe all'arrivo a destinazione, a meno che la provata esperienza non ci garantisca che il peloso in questione non soffra il mal di trasporto.

 

Se dovete prendere un traghetto, NON LASCIATE MAI IL CANE IN MACCHINA NELLA STIVA !!!
Nelle stive NON c'è l'aria condizionata, ed il cane potrebbe morire di caldo: le temperature arrivano ad essere molto elevate, così come il tasso di umidità, cosa che rende il calore soffocante.

I quattrozampe, di solito, possono stare sul ponte assieme al conduttore. Alcune compagnie hanno gabbie apposite sui ponti all'aria aperta (V. sezione dedicata ai trasporti in nave e traghetto), dove gli animali sono obbligati a restare per tutta la durata del viaggio. In questo caso, andate a fare loro compagnia, se alloggiate per il viaggio in una comoda e fresca cabina :-) !!!

Se vi obbligano in treno o in traghetto a mettere la museruola al cane, fatelo: le conseguenze per voi ed il cane in caso di morsicature accidentali potrebbero essere pesanti.

In caso di passaggio di frontiera, tenete presente che in alcuni paesi è obbligatorio che il cane abbia fatto la vaccinazione antirabbica e che sia accompagnato da un certificato di buona salute recente, oltre che essere in possesso del Passaporto Europeo per animali d'affezione. Guardate il settore dedicato su questo sito per avere informazioni precise in merito.

Informatevi presso il Veterinario di fiducia [andrete dal veterinario prima di partire, vero ? :-) ] se la zona in cui vi recherete è infestata dalla filaria (centro-nord Italia), trasmessa dalle zanzare, o dalla leishmaniosi (centro-sud Italia, isole, bacino del Mediterraneo, ma ahinoi, si sta spostando al nord ed in zone dove non c'è mai stata), trasmessa dai pappataci. Entrambe sono letali per Fido e Micia. Fate sempre e comunque una profilassi preceduta da un prelievo di sangue dell'animale per la filariosi, e fate sempre e comunque una prevenzione delle punture di insetti contro la leishmaniosi con repellenti e zanzariere, collarini e zampironi. ATTENZIONE: LA LEISHMANIOSI ATTUALMENTE NON E' AL 100% CURABILE... PREVENITELA !!!

Sempre presso il Veterinario, informatevi sulle malattie che gli animali possono contrarre dove vi recherete, soprattutto se vi recate in destinazioni calde e/o esotiche, e chiedetegli qualci possono essere i medicinale e/o i disinfettanti da primo soccorso che potrebbero occorrervi.

Procuratevi una lista di veterinari vicini alla zona dove farete la vacanza: starete molto più tranquilli in caso di urgenza.

Come regola generale, è sempre meglio informarsi prima di partire di quelle che saranno le condizioni di viaggio del vostro amico peloso, per evitare qualsiasi tipo di sorpresa.

Riceviamo e pubblichiamo:

Una raccomandazione (che poi si è trasformata in un motivo di preoccupazione per noi) riguardo la Sardegna. Il veterinario ci ha raccomandato di fare in dicembre degli esami per verificare l'assenza di leishmaniosi. A detta dello stesso in Sardegna quasi il 50% dei cani ne è affetto e purtroppo non esiste terapia preventiva o vaccini. Se lo avessi saputo prima saremmo andati a villeggiare altrove e non avremmo rischiato... Sinceramente la percentuale di infezione riportatami mi sembra altissima e spero che il veterinario l'abbia esagerata solo per un eccesso di prudenza e per convincerci a fare gli esami. A sua detta il Frontline che usiamo regolarmente è quasi del tutto inefficace (ma se non protegge, neanche dalla zecche, che lo compriamo a fare ?). L'infezione si trasmette attraverso il morso di un pappatacio per il quale l'Advantix sembra essere più efficace. Spero di raccogliere altre testimonianze in merito e di essere un pò rassicurato in attesa degli esami per i quali purtroppo dovrò aspettare.
Cordiali saluti, Giorgio
- 15 luglio 2007

Il tema è presente nella ns pagina dedicata ai prodotti antiparassitari. Certamente c'è da stare all'occhio, ma non solo in Sardegna: tutta la costa mediterranea è colpita da questa malattia, e la stessa si sta spostando, a causa dei cambiamenti climatici, sempre più a nord... :-(
Quindi occhio se andate, oltre che in Sardegna, in Corsica, all'Isola d'Elba e nella costa toscana, nel Lazio, in tutto il sud Italia (particolarmente colpita la Sicilia), nella costa sud della Francia e della Spagna, oltre che in Grecia, Turchia, insomma dove le estati sono calde.
[Noi di Dogwelcome]

Pronto soccorso estivo per Fido e Micia
Problematiche estive
Pronto soccorso invernale
Vademecum per il viaggio
Nella valigia di Fido e Micia


 


 

Pagina online da ottobre 1999 - Aggiornata 2016

Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2019
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.