Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017
Vacanze con cane e gatto in Italia: Hotel, agriturismo, B&B, case vacanza, campeggi, spiagge per cani e molto altro

Vacanze con cane e gatto: recensioni inerenti le destinazioni
Umbria

Città della Pieve (PG)

All'Ingresso del Centro Storico c'è un cartello con scritto: "VIETATO INTRODURRE CANI"!!!

Segnalato da: Segnalato da: Silvana, dai Castelli Romani, e non solo... V. situazioni in "Lista nera"...

Commenti (3)

Inserito da Roberto, Marina, Kimba e Lilli

Confermo la presenza di cartelli OVUNQUE con il divieto di ingresso ai cani. Agosto 2008.

Inserito da Noi di Dogwelcome

Gennaio 2007: Riceviamo la smentita ufficiale (via telefono) da parte del Sindaco di Città della Pieve, il quale nega l'esistenza dei cartelli di divieto d'accesso all'interno della cittadina e ci invia l'ordinanza n. 30 del 22 maggio 2000 che vi riportiamo qui sotto:

Il Sindaco, considerata l'opportunità di dettare alcune regole di comportamento che i detentori di cani saranno tenuti ad osservare all'interno degli spazi pubblici comunali (Vie, Piazze, Giardini e Aree verdi comunali) per fini di prevenzione dei rischi alla salute ed incolumità pubblica fatto salvo in ogni caso il rispetto di ogni diversa disposizione di legge e di regolamento vigenti in materia:
VISTO che, soprattutto nel periodo estivo, data la maggiore affluenza dei cittadini negli spazi pubblici, si rendono necessarie alcune cautele nella tenuta degli animali onde evitare problemi igienico-sanitari e di sicurezza che possano minacciare l'incolumità dei cittadini;
TENUTO CONTO che si ritiene opportuno vietare l'accesso ai cani in determinate aree pubbliche riservate al transito pedonale nel periodo estivo o a determinati servizi per l'infanzia mentre in altri spazi si ritiene possibile permetterne l'accesso ma nel rispetto di alcune prescrizioni specifiche:
VISTO l'art. 83 del DPR 8/2/1954 (Norme di Polizia Veterinaria) recante disposizioni sulla profilassi della rabbia;
VISTO l'art. 22 del vigente regolamento di Polizia Urbana che testualmente recita:
" Fermo restando le vigenti disposizioni di igiene tutti i luoghi aperti al pubblico devono essere tenuti costantemente puliti e sgmbri da qualsiasi materiale. A tal fine è propibito deporvi, lasciarvi cadere o dar causa che vi cadano acqua, spazzatura o qualsiasi altra materia che ingombri, occupi o sporchi il suolo pubblico",
ORDINA QUALE AUTORITA' SANITARIA LOCALE,
1) Il divieto di introdurre cani, anche al guinzaglio, nelle seguenti aree pubbliche del capoluogo come da segnaletica apposta: Dal 1 giugno al 30 settembre di ogni anno:
- PARCO DELLA RIMEMBRANZA
- PINETA DELL'UNITA'
- VIALE ICILIO VANNI E GIARDINI PUBBLICI
in maniera permanente:
- PIAZZALE SANT'AGOSTINO
- PIAZZALE ANTISTANTE L'ASILO NIDO.
2) L'obbligo in tutto il territorio comunale di idonea museruola per i cani non condotti al guinzaglio quando si trovano nelle vie od in altro luogo aperto al pubblico (art. 83 del Reg. di Polizia Veterinaria).
3) L'obbligo in tutto il territorio comunale della museruola e del guinzaglio per i cani condotti nei locali pubblici e nei pubblici mezzi di trasporto (art. 83 del Reg. di Polizia Veterinaria)
4) L'obbligo in tutto il territorio comunale, in applicazione dell'art. 22 del vigente Regolamento comunale di Polizia Urbana, per i possessori di cani che sporchino con escrementi il suolo pubblico di provvedere, se presenti, all'immediata ripulitura degli stessi.
Per le violazioni alla presente ordinanza sarà applicata la sanzione amministrativa pecuniaria da £. 12.000 a £. 1.000.000 in base all'art. 106 del T.U.L.P.C. (R.D. 383/34) in combinato disposto con l'art. 10 della L 689/81, ferma restando l'applicabilità di sanzioni diverse per violazione di leggi e regolamenti in materia.
Ogni precedente ordinanza sindacale in tema di tenuta dei cani si intende revocata.
I vigili urbani e gli agenti della forza pubblica sono incaricati della esecuzione della presente ordinanza.
Il Sindaco,
Claudio Pallarino

Noi abbiamo correttamente informato: ora, ognuno tragga le proprie conclusioni. [noi di Dogwelcome]

Inserito da Anna e Giampaolo di Mestre (VE), con Emma e Cindy - gennaio 2007

Noi ci siamo andati la prima settimana di luglio 2006 - è pieno di cartelli anti-cane ovunque, perfino in un parcheggio x auto ne abbiamo trovato uno ! Ecco una foto, ci si rende benissimo conto dell'assurdità: un viale alberato, al termine del quale c'è una chiesa famosa (di cui non ricordo il nome perchè chiaramente non abbiamo potuto raggiungerla avendo i nostri due bau a seguito). Il "consorzio", dove vendevano terricci, vasi e mangimi per animali, ne vietava l'accesso... Il mio compagno è rimasto fuori coi cani mentre io compravo 2 scatolette d'emergenza ! Assurdo! L'unica isola di conforto, una gentilissima negoziante che, oltre a venderci del buonissimo zafferano, ha accolto i cani nel suo negozio di prodotti tipici umbri e ci ha fatto vedere con orgoglio le foto della sua bella cagnolotta appese dietro alla cassa ! (purtroppo abbiamo perso traccia del negozio)

Aggiungi un commento

Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2019
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.