Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2018

Esperienze dei visitatori

Questa sezione non è quella adatta per inserire commenti sulle strutture Dogwelcome visitate, per segnalare NUOVE strutture che ci accettano o che non ci hanno accettato o per chiedere info a Dogwelcome. Per chiedere info, se non avete trovato nel sito ciò che cercate, scriveteci una mail, grazie ! :)
Per commentare la strutture inserite su Dogwelcome dove siete stati occorre aprire la scheda della singola struttura visitata (ricercandola dalla maschera di ricerca in home page) ed inserire il vostro commento dal link apposito che troverete nella scheda struttura e nella colonna a destra;
- se volete inserire nella nostra lista nera una struttura in cui siete incappati per caso e che non vi ha accettato, occorre aprire una nuova scheda dal link 
SEGNALA STRUTTURASOLO se non è già in lista nera. (Se lo è, recensitela)
- se volete proporre a Dogwelcome una NUOVA struttura da inserire occorre aprire una nuova scheda dal link 
SEGNALA STRUTTURA, solo se non è già in lista (se lo è, recensitela)
- SE VOLETE COMMENTARE UNA SITUAZIONE, UNA ZONA, in regioni, stati, città eccetera, occorre controllare se una zona è già recensita o meno (sezione Destinazioni 
Italia estero), e se lo è, aggiungere il commento tramite l'apposito link nella scheda; se invece non è ancora presente nel database, occorre aprire una nuova scheda di segnalazione (Italia estero
), compilarla ed inserire in quel contesto il vostro commento.
La sezione in cui vi trovate ora è dedicata alle esperienze avute in generale, alle riflessioni, a commenti che non siano inerenti le strutture, gli autogrill, i parchi, le spiagge, i negozi. Tutte le categorie appena citate hanno la loro sezione dedicata.
Ci sono in lista da moderare in questa sezione centinaia di post che sarebbero dovuti afferire ad altre sezioni, come il caso di alcuni dei post qui sotto - chiediamo quindi un po' di pazienza se non vedete ancora online ciò che avete scritto: dobbiamo trasferire i post ad uno ad uno altrove, nelle sezioni adatte
Grazie a tutti, bauu !!


Di seguito, le vostre esperienze:

Vi scrivo per mettervi a conoscenza di uno sgradevolissimo episodio accaduto sul treno Cagliari-Sassari delle 14:45, del giorno 9 Gennaio 2011, certa di trovare nella vostra associazione ascoltatori attenti. Alla sola vista del cane con cui avevo intenzione di viaggiare, un meticcio di 30 cm di altezza dalla profilassi regolare, sono stata aggredita verbalmente dal controllore, nonostante avessi il libretto di iscrizione all'anagrafe canina, nonchè il biglietto precedentemente acquistato e obliterato per l'animale. A tale proposito aggiungo che la biglietteria era chiusa, nonostante partissi dalla stazione ferroviaria principale a scala regionale, e ho fatto i biglietti alla macchina automatica. Era dunque difficile ottenere informazioni sul trasporto dell'animale in stazione.
Essendo sprovvista di museruola, e degli ultimi tagliandini di vaccinazione, poichè essendo questa avvenuta ad Alghero non li avevo ancora attaccati al libretto sanitario, che invece avevo a Cagliari, sono stata buttata fuori dal treno.
Sono consapevole del fatto che il cane non aveva la museruola, e anche del fatto che non ha senso che io sprechi parole per dire quanto il cane non sia aggressivo, ma quello che trovo inaccettabile è il tono e l'atteggiamento violenti e rudi del controllore, una donna, oltre all'umiliazione di scendere dal treno sotto gli occhi degli altri passeggeri, come fossi stata colpevole di qualche reato, e il danno materiale di non aver potuto raggiungere la città in cui vivo e lavoro.
E' dunque così difficile viaggiare con gli animali in Italia?
Credo sia importante rendere pubblico quello che secondo me è stato un vero e proprio disservizio, aggiungo purtroppo uno dei tanti, da parte di Trenitalia.
Vi ringrazio per la vostra attenzione e il vostro lavoro, e vi saluto cordialmente
Silvia Farris


Inserito il 10-01-2011 11:41:09 da Silvia Farris, 28 anni


Scusate lo sfogo, ma non avete idea di quanta fatica abbia fatto a prenotare le mie vacanze !! Quasi tutte le strutture, dagli Hotel ai residence, perfino Pensioni a 2 stelle chiedono la taglia piccola, quando sentono che ho un Labrador, stortano il naso, eh no! Così grande non possiamo! Ma cavoli! Siamo nel 2010 possibile che le cose non cambiano? Ho inviato mail poco simpatiche a quelle strutture che mi rispondevano che i cani non li accettano, dato che io non appartengo a quella categoria che lascia i cani nelle pensioni, altrimenti che vacanze sarebbero senza il mio Max???? Ormai è un membro della famiglia, secondo voi potrei mai lasciarlo a casa? Stavo quasi per rinunciare, quando finalmente in Val Badia a La Val, un alberghetto a due stelle me lo accetta a patto che sia buono e non tanto grande, sul grande ho tralasciato visto che è bello grosso, ma sul fatto che sia buono… un Labrador?? Più che buono, ho risposto! Comunque quando rientrerò dal Trentino vi scriverò, spero che non sia proprio un posto schifosissimo, altrimenti chi li sente i miei figli??? Ma per il mio adorato Max sono pronta a tutto! A risentirci.


Inserito il 02-12-2010 16:39:59 da Laura


Risposta Dogwelcome
Mi dispiace molto... :o( Ecco perchè esiste Dogwelcome... :o)

Prenoto ad un ristorante di Modena centro una tavolata per 15 persone, chiedo alla proprietaria se posso portare con me la mia maltesina, con dispiacere mi dice che da quest'estate il comune ha emanato una disposizione che vieta l'ingresso dei cani nei ristoranti e bar... Ho verificato e purtroppo è proprio così... Sono senza parole... Invece di andare avanti si va sempre più indietro con sempre più normative restrittive... Non ce la faremo mai ad adeguarci agli altri paesi che accolgono con amore i nostri amici a 4 zampe... Quindi se vi trovate a Modena tenete in conto che non potrete fermarmi in nessun bar e in nessuno ristorante... Non per colpa dei proprietari ma per colpa del COMUNE....


Inserito il 27-10-2010 16:55:18 da Emy


Risposta Dogwelcome
Ti riporto quanto ho pubblicato su Facebook questa primavera:

http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/modena/cronaca/2010/03/27/310296-stop_cani.shtml

Come potete vedere dall'articolo linkato, l’assessore alle politiche economiche Graziano Pini annuncia controlli e multe...

Chiediamo che la vecchia ordinanza venga modificata, annunciando che non andremo a Modena sino a che non ritorni ad essere accogliente per noi ed i nostri quadrupedi !!!

Scriviamo tutti a (blocco copia-incolla da inserire nel campo A: del vostro client di posta elettronica):

piazzagrande@comune.modena.it; info@dogwelcome.it

(indirizzo del Comune di Modena, e il nostro, affinchè possiamo contare le mail che pervengono)

SCRIVIAMO IN TANTI PER FAVORE, ALTRIMENTI NON SERVIRA' A NULLA !!

La risposta dell'assessore

"Il Regolamento al quale Ella fa riferimento è, nella sua ultima versione, datato 1997 e trova riscontro in pressoché tutti i comuni italiani, trattandosi di norme igienico-sanitarie di carattere generale. E' stato semplicemente ricordato in questi giorni insieme con diverse altre regole esistenti sui pubblici esercizi, anche più importanti.
Cordiali saluti,
Graziano Pini"

Vogliamo rispondergli ?

Oggi sono andata a fare un giro in montagna con mio marito e Peggy, 5 anni, meticcia, piccola-media taglia. Viene sempre con noi è buonissima ed la prima volta che mi capita quanto sto per raccontare.Entriamo in una piccola osteria, Ca'd'Gaitan, con pochissimi tavoli e contando noi, 5 avventori, a Minozzo (Appennino Reggiano) Fuori non c'è nessun cartello di divieto ai cani, ci sediamo, ordiniamo alla signora. Dopo 5 minuti esce dalla cucina la nuora della signora, intimandoci di fare uscire il cane accampando scuse ridicole del tipo: se entrano altri commensali potrebbero protestare, l'AUSL non lo permette ecc. Allibiti diciamo che siamo entrati proprio perchè non c'è divieto altrimenti ce ne saremmo andati senza fermarci, lei ribatte che il cartello è stato portato via dal vento e cmq il cane non può rimanere.Non c'è verso di farle capire che non dà fastidio ed è la I volta che ci capita, mai nessuno ce l'ha rifiutata. Ovvio che siamo ospiti e quindi ci adeguiamoa questa sua richiesta. La parcheggiamo fuori è buona e rimane a cuccia, sbirciando noi dalla vetrata. Questo episodio mi ha rovinato la giornata e spero non acada MAI più. Quindi se andate da quelle parti siete avvisati.


Inserito il 10-10-2010 16:32:46 da Cristina Castelli


Salve ho due cagnoloni di pura razza meticcia, il maschio, Willy di 33 chili, mi è stato regalato da cucciolo, la femmina, Shana di 27 chili, l'ho presa al canile di Roma, dove mi hanno detto che aveva avuto una vita in una famiglia e probabilmente abbandonata. Quindi ha paura anche del vento. Figuriamoci se può attaccare una persona. Allora la mia storia è questa. Io naturalmente sono di Roma, ed a Roma nel palazzo dove abitavo nessuno diceva nulla dei miei cani (anche perchè su sedici appartamenti c'erano 7 cani e diversi gatti). Anzi quando gli altri condomini mi incontravano li accarezzavano. Ora vivo vicino a Milano con il mio nuovo compagno milanese. Perfetto. Lui ha una gatta (Tabata) e io due cani. Abbiamo riunito lo zoo ed è iniziata la convivenza pacifica e bella (un po' di adattamento tra cani e gatto). Ma cosa succede nella progredita cittadina di Garbagnate Milanese? Che i cani non li possono vedere. Diversi condomini sono venuti addirittura a casa a dire al mio compagno di tenere me e mandare via i cani. Il mio compagno ha detto che si possono tenere i cani in condominio e quindi li tenevamo. Figuriamoci che lascio i miei cuccioloni. E allora è iniziata una battaglia. Ci hanno fatto scrivere dall'amministratore dove diceva che i cani “grattano i muri dell'androne" (e che sono gatti?) che fanno pipì dappertutto (cani educati in casa) e che abbaiano in qualsiasi ora della notte (dormono davanti la mia camera me ne accorgerei). E tutto questo, dopo che abbiamo detto che stavamo cercando casa con giardino perchè i cani ne hanno bisogno. Si sono azzittati? No, addirittura una condomina è andata a parlare di noi ad una vigilessa, nostra amica che ha anche lei il cane. Pensa che deficiente. Ora che sto scrivendo continuano a parlare male sotto la nostra finestra pensando che non ci sono. Pensa che cretini. Ma che si pensano che se potevo non andavamo a vivere a Roma? E questa sarebbe la progredita Milano? Io ho vissuto anche al sud con il maschio che era cucciolo e quando abbaiava e io mi scusavo mi dicevano "e che puoi fare è un cucciolo". Lo giustificavano. E parlano della qualità della vita milanese... uno schifo. Sono razzisti e poi i tanti civilizzati milanesi li ho sentiti bestemmiare sul pianerottolo di casa. (sempre quella che ha parlato con la vigilessa). Siamo più progrediti al sud dove siamo tolleranti. Io i miei cani e il mio gatto non li lascerò mai e poi mai. Assolutamente.


Inserito il 07-10-2010 10:01:06 da Nadia Lucci


Sono stata in vacanza senza il mio cane e i sensi di colpa mi hanno tormentata, rovinandomi quasi la vacanza. Quando sono tornata ho iniziato una campagna volta alla sensibilizzazione delle amministrazioni locali di casa nostra affinchè tolgano il divieto nelle spiagge, o almeno ne dedichino una parte ai bagnanti con animali al seguito. Ho mandato decine di mail a sindaci e presidenti di provincia perchè è inutile che si porti avanti una campagna a favore degli animali in vacanza (mi riferisco a "Turisti a 4 zampe" del ministro Brambilla) se poi le spiagge sono vietate! In effetti le strutture turistiche hanno aperto le porte ai nostri amici, in tantissime ammettono animali... diciamo che hanno fiutato l'affare!!! Allora mi chiedo: se posso portarmi Snoopy in vacanza, come passa la giornata se non può venire in spiaggia? Lo lascio da solo nella camera dell’hotel? O devo rinunciare io ad andare in spiaggia? O ci andiamo insieme rischiando una salatissima multa? (…mai visti controlli … però il rischio c’è!) Insomma, la cosa è un tantino contraddittoria! Avendo investito soldi ed energie per questa civilissima campagna, andava forse continuato il lavoro, affinchè anche le amministrazioni fossero tenute per legge a riservare una parte di spiaggia ad ospiti con animali. Il discorso è lo stesso, dalla Puglia all’Isola d’Elba, dalla Romagna alla Sardegna! Possibile che ci tocchi andare all’estero per portare il cane in vacanza?! In Corsica ad esempio circolano ovunque senza problemi. In Italia spiagge libere dove sono ammessi i cani ne ho trovate poche. Ho sentito di cose assurde tipo recinto mono-postazione composto da ombrellone e lettini dove può stare la famiglia con cane al seguito. Chiuso sui quattro lati! Questo in Emilia Romagna! Che squallore! Io continuerò a tempestare di mail tutte le amministrazioni (ho mandato un richiamo anche al ministro Brambilla) ma se ci lamentassimo in tanti magari ci darebbero retta! Anche perchè le amministrazioni locali, Sindaci e Assessori competenti, hanno davvero piena libertà in materia e basterebbe fossero un tantino più sensibili...


Inserito il 04-10-2010 09:04:36 da ester


Risposta Dogwelcome
Ciao Ester ! E' il lavoro che Dogwelcome sta facendo dal 1999, e di risultati fortunatamente ce ne sono stati :o)
Un problema è che molto spesso siamo lasciati soli (come dici tu, tante campagne in questi anni ma tutto fumo e niente arrosto sinora)...
Un altro problema è la maleducazione di una parte dei nostri colleghi conduttori di quattrozampe, e un ulteriore è il maggior peso che danno le amministrazioni ai feedback dei non cinofili rispetto al peso che danno alle nostre istanze...
Il tutto non è così semplice come potrebbe apparire
Un saluto !

Questa mattina mi sono recata con la mia cucciola (come faccio abitualmente!!!) in un ufficio postale della mia città (Livorno) ed una impiegata dell stesso mi ha fatto notare che vi era un divieto!!!! Io ho detto che molte volte ero andata con il mio cane e nessuno aveva mai brontolato, sono uscita molto amareggiata ed ho chiuso immediatamente il mio c/c presso di loro. Non sarò mai più una loro cliente!!
Mi spiace molto sentirmi un cittadino di serie b solamente perchè ho un'amico a 4 zampe.


Inserito il 22-09-2010 20:28:45 da Lisa & Lamù


Sono a dir poco indignato per quello che mi è successo a Riccione, posto dove adoro passare qualche giorno di riposo. Ci tengo a precisare che sono il proprietario di una splendida bolognese di 6 anni del peso di 4,7 kg. Prima di recarmi a Riccione ho mandato una mail per chiedere se in questo hotel a 4 stelle accettassero i cagnolini di piccola taglia, mi viene risposto che non c'è nessun problema. Mi reco a Riccione dopo aver prenotato una suite e gia da allora mi viene chiesto se desidero fare mezza pensione o pensione completa, mi riservo di comunicarlo quando arrivo. Nel frattempo due zie di una certa età mi chiedono se posso prenotare anche per loro, provvedo anche per prenotare una stanza superior anche per le zie. Arrivo a riccione mi registro con tutto il seguito e mi viene chiesto di nuovo se facciamo pensione completa oppure no. Le zie mi danno l'ok ed io riferisco. Notare che in tutto questo tempo avevo il cagnolino in braccio. Arriva l'ora di cena, al momento di entrare il maitre di sala mi ferma sulla porta e mi dice che in sala non posso entrare e che al limite mi puo servire con il cagnolino fuori dalla sala, non ho ancora capito se lo sono o ci fanno, fatto sta che sono rimasto 2 giorni come prenotato per la modica cifra di 690 euro e mi sono dovuto arrangiare anche per la colazione. Non ho parole per dimostrare la rabbia che ho ancora dentro. P.S. Ho chiesto spiegazioni al portiere di notte il quale mi ha detto che era sottinteso ma allora perchè chiederci più volte se desideravamo fare pensione completa o mezza? Questo è successo all'hotel ROMA di Riccione [NdR: non segnalato da Dogwelcome]. Ciliegina sulla torta il mattino dopo alle 7 in spiaggia con il cagnolino al guinzaglio siamo stati fermati dalla polizia municipale. In spiaggia non si può stare, c'è un'ordinanza municipale apposita. Mi chiedo se non fa più danni un fuoristrada con tre vigili che vanno avanti indietro che un cagnolino. Vi ringrazio e spero serva ad evitare che succeda ad altri lo stesso.


Inserito il 15-09-2010 19:03:14 da Zanella Giuseppe


Ecco cosa può succedere chiedendo in um rifugio montano di poter mangiare fuori con il proprio cane: dopo aver chiesto al rifugio dell'eremo di Carpegna (PU) di poter mangiare li fuori con il mio cane (sottolineo fuori) mi sono sentita dire assolutamente no. Allora ho mandato in allegato all'e'mail che riporto di seguito un simpatico aneddoto di un viaggiatore irlandese (il viaggiatore chiede se può portare il suo cane e l'albergatore conclude che i cani sono molto più civili di noi pertanto il cane può andare sicuramente e il viaggiatore sarebbe stato bene accetto se il cane avesse garantito per lui) questo e' lo scambio di mail:

Da: "Gloria Belotti"
A: info@eremomontecarpegna.it
Data: Thu, 29 Jul 2010 20:46:05 +0200
Oggetto: all'attenzione del Ristorante-rifugio

Pregherei di leggere attentamente per poter capire come in realtà funzionano le cose, poiché in un rifugio montano la non accettazione di certe cose è inammissibile.
Una vostra Ex-cliente
Gloria Belotti

Da: info@eremomontecarpegna.it [mailto:info@eremomontecarpegna.it]
Inviato: giovedì 29 luglio 2010 23.37
A: "Gloria Belotti"
Oggetto: Re: all'attenzione del Ristorante-rifugio

Cara ex cliente la decisione di non ammettere più cani all'interno del rifugio e tantomeno nella veranda ha i suoi buoni motivi, che bene o male conosce anche lei, la differenza è solamente una: a casa sua lei puo fare i suoi comodi, in un locale pubblico no.
il gestore del rifugio.
Marcello Parlanti

Da: "Gloria Belotti"
Inviato: venerdì 30 luglio 2010 20.07
A: 'info@eremomontecarpegna.it'
Oggetto: R: all'attenzione del Ristorante-rifugio

La vostra risposta sottolinea quello che avevo pensato mandandovi il messaggio: maleducate e che fanno i propri comodi sono le persone e non gli animali, il tono della vostra risposta ne è una conferma.
Sempre più convinta ex-cliente
Gloria Belotti


Inserito il 21-08-2010 08:24:01 da Gloria Belotti


E' sabato 14/08/10, e sono appena rientrato dal weekend di riposo... che mi è stato negato !!! Avevo prenotato un'albergo vicino a Martina Franca in Puglia [non segnalato su Dogwelcome, NdR] dove accettano o meglio dicono di accettare animali di piccola taglia, il mio è un barboncino nano bianco. Arrivati ieri sera, visto che il ristorante era all'aperto a bordo piscina ci hanno "concesso" di tenerlo con noi ed abbiamo cenato senza che nessuno si sia nemmeno accorto della presenza del cane. Stamattina siamo andati in piscina per passare la giornata di relax tanto auspicato e ci siamo sentiti dire che il cane non poteva restare con noi, pur essendoci attorno alla piscina un prato in cui il cagnolino avrebbe potuto restare senza dare fastidio a nessuno. Premetto che il cane è in possesso di tutte le vaccinazioni necessarie. Di fronte alle nostre rimostranze, il divieto è stato perentorio, abbiamo quindi deciso di lasciare l'hotel vedendoci addebitare la penale per l'intero soggiorno di 3 notti. E' ora che qualcuno faccia qualcosa per legiferare in modo diverso e civile sulla questione. Ammettere gli animali in una struttura non deve significare doverli poi lasciare in camera da soli, diventa un lager non una vacanza in hotel 4 stelle che dice di accettare gli animali. Quindi oltre il danno della mancata vacanza, anche il danno economico, una notte ci è costata 500 euro !!!


Inserito il 15-08-2010 10:52:30 da André Bourre


Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2020
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2020 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.