Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017
Vacanze con cane e gatto all'estero: Hotel, agriturismo, B&B, case vacanza, campeggi, spiagge per cani e molto altro

Albania Andorra Angola Anguilla Antigua e Barbuda Antille Olandesi Argentina Aruba Australia Austria Bahama Barbados Belgio Bielorussia Brasile Bulgaria Canada Capo Verde Cile Cina Cipro Colombia Croazia Cuba Curaçao Danimarca Ecuador Egitto Emirati Arabi Uniti Etiopia Finlandia Francia Francia - Corsica Germania Giamaica Giappone Giordania Gran Bretagna Grecia Grenada Guadalupa Hawaii India Indonesia Irlanda Isola di Saba Isole Cayman Isole Vergini Americane Isole Vergini Britanniche Italia Lettonia Lituania Malaysia Malta Marocco Martinica Messico Moldavia Montenegro Montserrat Nigeria Norvegia Nuova Zelanda Paesi Bassi Panama Perù Polonia Porto Rico Portogallo Repubblica Ceca Repubblica Dominicana Romania Russia Saint Kitts e Nevis Santa Lucia Serbia Siria Slovenia Spagna Sri Lanka St Marteen Stati Uniti Sud Africa Svezia Svizzera Tanzania Thailandia Trinidad e Tobago Tunisia Turchia Turks e Caicos Ucraina Ungheria Uruguay Venezuela Vietnam

  • Albania

    Aggiornato al 12-02-2016

    Passaporto Ue con sezione del Certificato di buona salute compilata, meglio se nei 7 giorni antecedenti l'arrivo 

  • Andorra

    Aggiornato al 17-07-2016

    Passaporto UE.

  • Angola

    Aggiornato al 25-08-2015

    Angola does not quarantine healthy pets. Dogs and cats must have rabies shots and vaccinated for various other diseases within six months, but not less than 30 days prior to arrival in Angola. Heartworm medication is also advised. Within several weeks of travel, the Angola Veterinary Certificate must be completed. A copy of the Rabies Certificate should also be included. Although Angola does not require an ISO pet microchip, it is advisable to micro-chipped your pet prior to travelling.
    Failure to comply with these regulations will mean that your pet may be refused entry and the relevant authority in consultation with an authorised veterinarian can decide to return the pet home, or place the pet in quarantine at the expense of the owner or natural person responsible for pet, or as a last resort, without financial compensation, put the pet down where the return trip home or quarantine cannot be arranged. 
    All other pets (birds, invertebrates, tropical fish, reptiles, amphibian, mammals such as rodents and rabbits) are not subject to the regulations in respect of the anti-rabies vaccination but may have to meet other requirements as to a limit on the number of animals and a certificate to accompany them in respect of other diseases. Pet owners are strongly advised to seek further information from the relevant authority of their country and/or that of Angola. 
    Do note that the mange parasite is prevalent in Angola; infection may occur if a pet comes in contact with infected animals.

  • Anguilla

    Aggiornato al 25-08-2015

    Solo alcuni animali possono entrare ad Anguilla. Ci sono da fare alcuni documenti, quindi circa sei mesi prima della vostra visita sull'isola, contattate il Dipartimento di Agricoltura per sapere se il vostro animale domestico potrà avere accesso:
    Dr. Pat Vanterpool - Agriculture Department - The Valley, Anguilla BWI - Tel: 264-4970-2615 o 2783 Fax: 264-497-0040
    Vi verrà inviato un modulo di permesso che dovrete fare riempire dal vostro veterinario. Dovrete anche fornire un certificato di buona salute conseguente ad una visita veterinaria, redatto non più di 10 giorni prima della data di arrivo ad Anguilla. Il certificato deve indicare la data dell'ultima antirabbica. Ad Anguilla non vale l'antirabbica biennale come tra gli stati USA: dovrete quindi avere fatto vaccinare il cane entro l'anno dalla data di arrivo nell'isola. Preparatevi alcune fotocopie di questi importanti documenti per il vostro cane perchè potrebbero venirvi chiesti più volte.

  • Antigua e Barbuda

    Aggiornato al 25-08-2015

    Il cane deve avere il microchip e deve fare il test dell'avvenuta immunizzazione alla rabbia pressso un laboratorio ufficiale, come accade per l'Inghilterra.
    Il Laboratorio di riferimento è: Rabies/FAVN Lab - Kansan State University - 1800 Denison Avenue
    Mosier Hall Rm 0-245 - Manhattan, KS 66506 - Tel: 785 532-4483 Fax: 785 532-4298

    Il risultato del test dev'essere inoltrato per l'approvazione a:
    The Chief Veterinary Officer at P.O. Box 1282 - St. John's - Antigua, West Indies - Tel. 268 460-1759 Fax: 268 460-1759
    antiguatourismny@ix.netcom.com
    Vi verrà quindi rilasciato un certificato di ingresso per l'animale.

    BARBUDA:
    Gli animali domestici NON sono accettati in provenienza dagli Stati Uniti ma sono accettati quelli provenienti dalla Gran Bretagna.
    Per gli animali provenienti dagli Stati Uniti, è necessaria una quarantena di 6 mesi.

  • Antille Olandesi

    Aggiornato al 25-08-2015

    ST. EUSTATIUS (STATIA):
    Gli animali domestici sono ammessi aull'isola. Serve un certificato del vostro veterinario.
    La maggior parte degli hotel e delle pensioni non accettano gli animali, ma è facile trovare accesso libero negli appartamenti in affitto.

  • Argentina

    Aggiornato al 17-07-2016

    Di seguito i requisiti per l'ingresso di cani e gatti:
    1. Dati completi del proprietario:
    • nome e cognome
    • Paese di origine e/o provenienza in viaggio
    • Paesi di transito (se ve ne sono)
    • Domicilio
    2. Informazioni sull'animale:
    • razza e sesso
    • data di nascita e taglia
    • peso e aspetto del pelo
    • segni particolari
    3. Certificato di vaccinazione antirabbica per gi animali al di sopra dei tre mesi di età. Per gli animali più giovani o per quelli che provengano da un Paese libero dalla rabbia e/o dove la vaccinazione antirabbica sia proibita, il tutto dovrà essere esplicitato nel Certificato emesso dalle Autorità veterinarie locali del Paese di provenienza.
    4. Certificato zoosanitario di Buona Salute emesso dall'Autorità veterinaria ufficiale (in Italia l'ASL veterinaria) che contenga:
    • la dichiarazione che l'animale non presenta sintomi di malattie infetto-contagiose o parassitarie proprie della sua specie
    • se l'animale proviene da uno dei Paesi che dichiarano ufficialmente che il proprio territorio è affetto da peste equina africana e/o febbre della Valle del Riff, sarà necessario certificare che nel luogo di provenienza dell'animale e in un raggio di 50 km dallo stesso non sono stati registrati casi di queste malattie negli ultimi 12 mesi e che l'animale non è transitato nelle zone affette da almeno 12 mesi.
    5. Quarantena: gli animali che sono accompagnati dalla documentazione sopracitata non devono essere sottoposti a quarentena. In caso di sospetta malattia infetto-contagiosa, o zoonosi di vario tipo ad alto rischio, il SENASA (Servicio Nacional de Sanidad Animal) sceglierà i mezzi per assicurare l'isolamento dell'animale e le misure sanitarie da adottare. Per l'ingresso di altre specie di animali domestici, è obbligatorio contattare il SENASA per avere le norme della fattispecie: Tel. +54 11 41215000
    Il Passaporto UE è accettato, a condizioni che vi siano specificate le vaccinazioni di routine aggiornate e l'antirabbica in corso di validità. Richiesta la compilazione del riquadro inerente la buona salute, eseguita nei 10 giorni anteriori l'arrivo nel Paese.

  • Aruba

    Aggiornato al 25-08-2015

    Vietato l'accesso agli animali provenienti dal centro e dal sud America.
    Cani, gatti, pappagalli e altri volatili sono accettati se accompagnati da un certificato di avvenuta immunizzazione alla rabbia ed un certificato sanitario di buona salute, prodotto da un veterinario accreditato.
    L'antirabbica dev'essere stata fatta entro i 30 giorni precedenti l'arrivo. Il certificato internazionale di buona salute dev'essere stato prodotto da meno di 14 giorni dall'arrivo.
    Attenzione: gli animali domestici NON sono accettati nella maggior parte delle strutture turistiche, quindi informatevi per bene.
    Aruba Tourism Authority - P.O. Box 1019 - Oranjestad, Aruba - Tel.: 297-8-23777 fax: 297-8-34702
    www.aruba.com
    e-mail: ata.aruba@aruba.com

  • Australia

    Aggiornato al 26-01-2016

    La quantità di documenti e cose da fare e preparare richiede anche parecchio tempo.
    L'Australia è libera dalla rabbia. L'AQIS (Australian Quarantine and Inspection Services), opera all'interno del Australian Government's Department of Agriculture, Fisheries and Forestry (DAFF) e si cura delle quarantene degli animali. La quarantena dura a seconda del Paese di provenienza dell'animale e dai tempi trascorsi dalla vaccinazione nonchè dai test di verifica eseguiti. Nella maggior parte dei casi la quarantena dura un minimo di 30 giorni. 
    Gli animali in ingresso in Australia da novembre 2015 devono atterrare obbligatoriamente all'aereoporto internazionale di Melbourne, per poi accedere al Centro di Quarantena di Mickleham. 
    Non sono quindi più permessi gli ingressi attraverso altri aereoporti.
    I cani e i gatti che entrano in Australia devono avere il microchip.
    Inoltre, oltre alle vaccinazioni di routine, è richiesta la vaccinazione antirabbica, con il relativo test di attivazione anticorpi antirabbia (RNAT) - La data in cui è stato eseguito il test conterà sul periodo di quarantena da fare.
    Inoltre è necessario eseguire trattamenti contro i parassiti esterni ed interni (quindi pulci, zecche, ma anche nematodi e cestodi... quindi i vermi, per dirla breve).
    Dopo il periodo di quarantena la Australian Quarantine and Inspection Services (AQIS) visiterà l'animale affinchè possa essere rilasciato. Gli staff alle stazioni di quarantena sono esperti nel mantenimento di animali. Il vostro animale viene assegnato ad un tutore che lo curerà per tutto il tempo di quarantena. Nell'ambito della stazione potrebbe darsi che animali della stessa specie siano alloggiati insieme. Potrete fare visita al vostro animale durante la quarantena, ma non il giorno dell'arrivo. Ricordate di prenotare il posto per il vostro animale alla stazione di quarantena scelta.
    Non è permesso l'ingresso in Australia di animali domestici al di sotto dei 6 mesi di vita e le femmine non possono essere gravide da più di 6 settimane, e nemmeno in fase di allattamento.
    Dall'Italia, la quarantena minima è di 30 giorni [zona 3 - come da Antigua e Barbuda, Argentina, Austria, Bahamas, Belgio, Bermuda, British Virgin Islands, Brunei, Bulgaria, Canada, Cayman Islands, Cile, Croazia, Rep. Ceca, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Francia, Finlandia, Germania, Grecia, Groenlandia, Hong Kong, Ungheria, Israele, Italia, Jamaica, Kuwait, Lussemburgo, Macau, Peninsular Malaysia, Monaco, Montenegro e Serbia, Olanda, Antille Olandesi e Aruba, Polonia, Portogallo, Puerto Rico, Qatar, Reunion, Sabah, Sarawak, Seychelles, Slovenia, Sud Korea, Spagna, St Kitts and Nevis, St Lucia, St Vincent Grenadin, Saipan, Svizzera, (incluso Liechtenstein), Trinidad e Tobago, USA (non incluse le Hawaii), US Virgin Islands, Uruguay]. 
    Le procedure sono piuttosto complicate, occorre prepararsi con antecedenza e rispettare le timetables.
    Per maggiori info, anche sulle tariffe da pagare per la permanenza in quarantena: http://www.agriculture.gov.au/cats-dogs

    Se avete bisogno di una zampa ed info più dettagliate, contattate Dogwelcome alla mail info[at]dogwelcome.it: saremo lieti di potervi aiutare.

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Austria

    Aggiornato al 25-08-2015

    passaporto UE

  • Bahama

    Aggiornato al 25-08-2015

    Le Bahamas sono accoglienti con gli animali. E' necessario avere un permesso d'ingresso per portare animali nelle isole.
    Questo permesso si può scaricare dalla rete, all'indirizzo www.bahamas.com. La spesa è di $10.
    ANIMALI DOMESTICI PROVENIENTI DA U.S.A. e CANADA:
    - L'animale deve essere accompagnato da un certificato veterinario di buona salute da presentare al veterinario esaminatore eseguito non più di 48 ore prima dell'arrivo nel Commonwealth delle Bahamas.
    - L'animale deve avere almeno 6 mesi d'età.
    - L'animale deve essere accompagnato da un certificato valido, che attesti che è stato vaccinato con antirabbica da meno di un mese e non più di 10 mesi dalla data di arrivo.
    Non vi sono eccezioni per gli animali in transito su barche a vela o turisti con animali in gita di un giorno.
    Gli animali senza i documenti richiesti non saranno ammessi nel territorio oppure verranno soppressi. Il documento di importazione è valido per una sola volta e potrà essere usato durante un periodo di validità di 90 giorni.
    Per l'ingresso di altri tipi di animali o per animali domestici provenienti da altri Paesi che non siano USA e CANADA, è necessario rivolgersi al Direttore del Dipartimento di Agricoltura per avere i moduli di importazione:
    Director, Department of Agriculture
    P.O. Box N - 3704
    Nassau, Bahamas
    Tel.: 242-325-7502 fax: 242-325-3960

  • Barbados

    Aggiornato al 25-08-2015

    Gli animali domestici NON sono accettati in provenienza dagli Stati Uniti ma sono accettati quelli provenienti dalla Gran Bretagna.
    Per gli animali provenienti dagli Stati Uniti, è necessaria una quarantena di 6 mesi.
    Per maggiori informazioni:
    Veterinary Services Ministry - Tel.: 246.427.5073

  • Belgio

    Aggiornato al 20-11-2016

    Passaporto UE

    Regolamentazione inerente i cani considerati *pericolosi*

  • Bielorussia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Certificato di buona salute confermato all'ingresso da un Veterinario locale. Libretto sanitario in regola con le vaccinazioni, fatte da più di 2 settimane. La dogana richiederà una tariffa di ingresso per ogni animale. La tariffa ammonta all'equivalente di circa 7 dollari USA. E' consigliabile fare tradurre il certificato di buona salute in russo o bielorusso, se non fosse possibile, almeno in inglese, cosa che però può causare ritardi nell'ingresso. All'arrivo l'animale dovrà essere registrato presso un ufficio veterinario locale entro un mese dall'arrivo in caso di trasferimento definitivo con il suo padrone in Bielorussia.

  • Brasile

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani e gatti vaccinati devono essere accompagnati da un certificato di vaccinazione antirabbica se hanno più di 3 mesi (non valido il passaporto UE) e da un certificato di buona salute recente (10 gg massimo) rilasciato dal veterinario ufficiale (ASL in Italia) riportato sul CZI [Certificato Zoosanitario Internazionale: lo rilasciano le ASL, oppure cliccate qui (portoghese) o qui (italiano)]. Questi documenti vanno fatti vidimare in Prefettura.
    Nel caso in cui il Certificato Zoosanitario Internazionale non riporti la data della vaccinazione antirabbica, il proprietario dovrà presentare un attestato di vaccinazione antirabbica.
    Nel caso in cui si tratti di prima vaccinazione questa dovrà essere fatta almeno 30 giorni prima dell’entrata dell’animale in Brasile.
    ATTENZIONE: In base al Decreto del 6.946, de 21/08/2009, i documenti sopra citati, emessi in Italia, non necessitano più essere legalizzati dai Consolati brasiliani in Italia.
    Per trasportare animali domestici (cani e gatti) all'interno del territorio brasiliano non è più necessario il modulo GTA (MAPA 18 de Julho de 2006, Art.3º).
    Gli animali che dal Brasile dovranno tornare nei paesi Dell’Unione Europea, dovranno essere dotati di “transponder” (microchip) come da normativa ISO 11784 o allegato “A” della normativa ISO 11785.
    È compito del proprietario accertarsi della validità del certificato che varia da 6 a 30 giorni.
    La legislazione brasiliana non prevede che gli animali provenienti dall’estero siano soggetti a quarantena.
    Per i cittadini brasiliani in uscita verso la UE, è necessario che siano in possesso del Certificato Zoosanitario Internazionale (cliccare qui per la versione ufficiale). Lo emette il Ministero dell'Agricoltura ed è valido otto giorni, per un solo senso di viaggio (andata o ritorno). In entrambi i casi, è necessaria la presentazione di un Certificato di buona salute dell'animale, fornito dal Veterinario al massimo tre giorni dopo l'emissione del CZI, e che comprovi la vaccinazione antirabbica, per animali al di sopra dei 3 mesi di età, con il nome del laboratorio produttore e il numero di batch (partita) del vaccino, che dev'essere fatto da minimo 30 giorni e da massimo un anno.
    I gatti ed i cani provenienti da Argentina, Paraguay e Uruguay hanno libero accesso in Brasile. (aggiornato a dicembre 2011)
    www.agricultura.gov.br

  • Bulgaria

    Aggiornato al 02-01-2016

    E' possibile portare con sè fino a 5 animali domestici (cani, gatti, furetti). Gli animali devono essere accompagnati dal Passaporto UE con vaccini antirabbia attivi, devono essere microchippati, ed iscritti all'anagrafe canina di residenza. Vi saranno controlli all'ingresso nel Paese da parte del Servizio Medico Veterinario Nazionale (Националната ветеринарно-медицинска служба) e questi sono i recapiti per un eventuale contatto:
    Bulgarian National Veterinary Medical Service
    5 A Pencho Slaveikov Boul, Sofia
    Tel. +359 2 915 9820
    Fax: +359 2 954 9593

    Attenzione: la rabbia è endemica in Bulgaria.  Per poter entrare, l'animale deve essere stato vaccinato contro la rabbia da non più di un anno (prima vaccinazione o richiamo) e da non meno di 4 settimane se si trattava della prima vaccinazione. 

  • Canada

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani e gatti, accompagnati dal loro padrone, devono essere provvisti di un certificato datato e firmato da un veterinario che attesti l'avvenuta vaccinazione antirabbica nei precedenti 3 anni. Per i cuccioli sotto i tre mesi non è necessario il certificato, ma solo l'evidenza del buono stato di salute. I cani d'accompagnamento ai non vedenti sono ammessi in Canada senza restrizioni.

  • Capo Verde

    Aggiornato al 03-09-2010

    Antirabbica in corso di validità e certificato veterinario recente (7 gg max prima di partire, anche se non viene specificato, ma questo è il tempo che di solito richiedono anche in altri Paesi)

  • Cile

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani e gatti possono entrare in Cile con il certificato di vaccinazione contro la malattia di Carré e la rabbia, vistati dal Consolato cileno.
    La vaccinazione antirabbica deve essere stata fatta minimo 30 giorni prima e massimo 18 mesi prima dell'arrivo in Cile.
    Proibita l'importazione di animali tropicali.
    Servicio Agricola y Granadero (SAG) - Bulnes, 140 - Santiago de Chile - Tel.: 2-6901051 (uff. aeroporto)
    www.sag.gob.cl
    Consolato generale della Repubblica del Cile in Italia - 20121 Milano - Via 5. Pietro all’Orto, 11 - Tel. 02/76016070

  • Cina

    Aggiornato al 12-02-2017

    E' consentito l'ingresso in Cina di un solo animale (cane o gatto) a persona. Necessario il certificato di buona salute e il certificato di vaccinazione antirabbica effettuata da almeno 30 giorni e non più di 365. ATTENZIONE: vige obbligo di quarantena, si tratta di un periodo che varia da 7 a 30 giorni di osservazione (conformemente al Paese di provenienza, dagli USA sono 30 giorni, dalla Gran Bretagna sono 7) presso le strutture veterinarie locali (canile) e le spese di pensione e vitto dell'animale sono a carico del proprietario dell'animale stesso.
    Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C.
    Regolamentazione inerente i cani vietati 
    Aggiornato al 2017.
    Per info: 
    International Center for Veterinary Services
    No. 13-16 Rong Ke Gan Lan Cheng Shang Jie
    Fu Tong Xi Da Jie, Wangjing
    Chaoyang District, Beijing, China 100102
    Tel: (8610) 8456-1939/1940
    Fax: (8610) 8456-1940
    E-mail: ICVS_CHINA@yahoo.com
    web site: www.ICVSASIA.com

  • Cipro

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE per cani, gatti e furetti - E' caduta la quarantena che era in vigore nel 2006 per l'entrata solo da Cipro Nord (Buffer Zone) - aggiornamento giugno 2007 - Requisiti:
    A) 1. Identificazione: Tatuaggio leggibile o microchip ISO 11784:1996 o compatibile con l'allegato A of ISO 11785:1996. Se il chip non ha questi requisiti, quindi non sarà leggibile dai servizi veterinari di Cipro, è necessario portare un lettore che possa leggerlo. L'inoculazione del microchip deve essere certificata come anteriore all'ultima vaccinazione antirabbica. Fino al 1 ottobre 2012 entrambi i metodi sono accettati. A decorrere da questa data solamente il chip ISO 11784:1996 sarà ammesso.
    2. L'entrata a Cipro dovrà avvenire direttamente da Paesi UE
    3. Necessario il Passaporto UE (803/2003/UE, Annex, part C) rilasciato dalle Autorità Veterinarie competenti, ovviamente egeguito in copertura con vaccinazione antirabbica attiva in accordo con l' OIE standard (quindi almeno un'unità di antigene inattivato per dose). L'animale deve avere almeno 3 mesi di età, e la vaccinazione dev'essere fatta almeno 1 mese prima dell'arrivo a Cipro (come da Passaporto UE, più 10 giorni)
    E' necessario un trattamento antiparassitario eseguito 24-48 ore prima della partenza verso Cipro, usando il principio attivo Fipronil contro i parassiti (mosche, pulci, ecc) e Praziquantel contro l' Echinococcus granulosus.
    B) Documenti che mostrino che l'animale arriva a Cipro proveniente da un Paese UE
    C) E' proibito l'ingresso di cani, gatti e furetti al di sotto dei tre mesi di età, qualsiasi sia il loro Paese di provenienza.
    Per info: Lefkosia District Veterinary Office 1417, Lefkosia (Nicosia) CYPRUS Tel: +357 22 805240/241/235 Fax: +357 22 805174 E-mail: animal.health@vs.moa.gov.cy hpipis@vs.moa.gov.cy
    Larnaca District Veterinary Office Tel:+357 24 304275/276 Fax: +357 24 304270 E-mail: dvs.larnaca@vs.moa.gov.cy Larnaka Airport Border Inspection Veterinary Office Tel:+357 24 304703 Fax:+357-24304708 E-mail: biplac@vs.moa.gov.cy
    Lemesos (Limassol) District Veterinary Office Tel:+357 25 305195 Fax: +357 25 305256 E-mail: dvs.lemesos@vs.moa.gov.cy Paphos District Veterinary Office Tel:+357 26 306269 Fax: +357 26 306198 E-mail: dvs.paphos@vs.moa.gov.

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Colombia

    Aggiornato al 22-02-2011

    Il viaggiatore una volta arrivato in Colombia adempie alla DIAN Dirección de Impuestos y Aduanas Nacionales quindi si reca a registrare l'animale domestico alla Oficina ICA de Sanidad Portuaria in aereoporto con i seguenti documenti ed in compagnia dell'animale affinchè sia visitato:

    • Certificato veterinario di buona salute ottenuto da meno di 8 giorni
    • Certificato di avvenute vaccinazioni (antirabbica compresa)
    • Per l'ingresso di cani e gatti l'ICA richiede un certificato veterinario che attesti che l'animale non ha presentato sintomi di rabbia nelle 48 ore precedenti l'imbarco.

    Per maggiori info tel. + 57 (1) 425 1000 (int. 2297 – 2330)

  • Croazia

    Aggiornato al 29-07-2016

    Passaporto UE in regola con le vaccinazioni. La Croazia è membro UE.
    Per l'ingresso quindi, vaccinazioni ed antirabbica eseguita da almeno 21 giorni e non più di sei mesi prima dell'entrata nel Paese.

    Regolamentazione dell'entrata in Croazia dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Cuba

    Aggiornato al 26-08-2015

    Sono necessari il Certificato di Buona Salute e tutte le vaccinazioni in regola. Il Certificato va validato da un notaio e la sua firma va autenticata presso la Prefettura locale prima di inviare il certificato ad uno dei consolati cubani. Il documento dev'essere tradotto in spagnolo, lingua ufficiale del Paese. Se fate tradurre il documento al di fuori dell'Ambasciata o consolato la traduzione va legalizzata ed autenticata, così come per il documento originale.
    Se non portate personalmente i documenti al consolato o ambasciata, potete inviarli per posta o tramite un corriere, ma dovete in questi casi, oltre al certificato, inviare anche: una fotocopia della pagina principale del vostro Passaporto - un'attestazione di pagamento di 32 dollari per la pratica - una busta preaffrancata e precompilata con il vostro indirizzo, affinchè il consolato possa inviarvi i documenti - una nota con il vostro nome completo, indirizzo, numero di telefono, fax, e-mail così che il consolato vi possa contattare in caso di bisogno.
    Avvertenza: la "mange" è presente a Cuba e se vi recate sull'isola ci sono molte probabilità che il vostro animale contragga questa malattia. Semplicemente toccando un animale contagiato potreste passare la malattia al vostro pet.

  • Curaçao

    Aggiornato al 26-08-2015

    Curaçao è un'isola olandese molto accogliente con gli animali. Portate con voi un certificato di buona salute redatto dal vostro veterinario ed il carnet sanitario con l'antirabbica fatta nell'anno corrente. Il Passaporto UE va benissimo ed è riconosciuto.

  • Danimarca

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE

  • Ecuador

    Aggiornato al 26-08-2015

    Sono richiesti i seguenti documenti:
    a) Certificato di Buona Salute (Animal Health Certificate) firmato da un veterinario, che indichi che l'animale non presenta malattie infetto-contagiose e che è stato vaccinato con le vaccinazioni di routine.
    b) Il certificato deve essere reso legale dall' USDA (in Italia la ASL veterinaria) dello Stato di provenienza, al massimo 10 giorni prima dell'ingresso in Ecuador (il Passaporto UE aggiornato cn le vaccinazioni, con allegato il Certificato di Buona Salute, va bene)
    c) In seguito il documento (o i documenti) dovrà essere portato o spedito in Consolato per la vidimazione.
    Costo della vidimazione: circa $50.00 USD (Dollari USA)
    Consolato Generale dell'Ecuador a Milano: Piazza Bottini, 1 - 20133 Milano - Tel. 022662601 - Fax 0226626032 - E-mail: consnmiec@jjsoft.it
    A Roma: Via G.D'Arezzo, 14 00198 Roma - Tel. 06/8541784 Fax 06/85354434

  • Egitto

    Aggiornato al 22-08-2017

    Non vi sono restrizioni particolari per l'ingresso degli animali domestici. I cani devono avere i documenti in regola (ok il Passaport UE, che comunque dovete avere per il rientro in Italia)  ed essere vaccinati conro il cimurro, l'epatite, la leptospirosi, la parvovirosi, la parainfluenza canina, ed ovviamente la rabbia. Per evitare ritardi amministrativi all'ingresso nel Paese, gli animali devono essere accompagnati dai proprietari. Serve inoltre un certificato di buona salute emesso da 14 giorni al massimo dall'entrata nel Paese.

    Commento  Il mio cane Rocco quando siamo atterrati al Cairo... E' arrivato il veterinario per vedere se il cane stava bene e anche i documenti.
    Tutto ok ma volevano 300 euro per lasciarlo passare altrimenti lo portavano via. Io ho fatto molto casino perché non c era scritto da nessuna parte che si deve pagare qualcosa ....Non avevo con me i soldi e mio marito che mi è venuto a prendere nemmeno. Hanno preso il cane e ci hanno detto che lo tenevano finché non avremmo pagato.
    Il cane è un rottweiler di 4 anni... abbiamo dovuto farci portare i soldi e dalla notte fino alle due di pomeriggio dopo essere stati sballottati da un ufficio a un altro (ra l'altro non facevano entrare mio marito ma solo me che non parlo arabo e sono stata trattata molto male) ci hanno ridato il cane che stava ancora chiuso nella sua gabbia in un altra stanza chiusa a chiave... E penso proprio che non gli hanno dato nemmeno l acqua. 
    Io sono tornata in Italia e ho chiamato il consolato ma non ho ricevuto risposte e.lo.stesso per quanto riguardava i documenti per il rientro... Il consolato mi ha mandato per e-mail 3 nomi di veterinari egiziani al Cairo e quando ho fatto chiamare da.mio marito non sapevano nulla.
    Giusy, agosto 2017

    ATTENZIONE: si è trattato di un evidente abuso. Non risulta che sia obbligatorio pagare nulla all'arrivo sul suolo egiziano con un animale domestico al seguito.

  • Emirati Arabi Uniti

    Aggiornato al 26-08-2015

    EMIRATI ARABI UNITI (Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-Qaiwain, Ra's al-Khaimah e Fujairah):
    Gli animali domestici devono essere vaccinati contro la rabbia, il cimurro (vaccinazioni di routine più antirabbica) ed un permesso di ingresso valido. L' Animal Wealth Department (AWD) presso il Ministero dell'Ambiente e delle Acque degli Emirati Arabi Uniti ha la competenza sulla sorveglianza sanitaria e sul benessere della popolazione animale indigena. Il Dipartimento è coinvolto nell'implementazione delle regole che governano l'ingresso/esportazione di animali e volatili provenienti e diretti dal resto del mondo.
    Per l'ingresso dei seguenti animali, dovrete avere i seguenti documenti, ma dovrete contattare in ogni caso il Ministero:
    1. Cani, gatti – permesso di ingresso rilasciato dall'AWD
    2. Altri animali: permesso di ingresso rilasciato dall'AWD, valutato caso per caso, e se l'animale non fa parte delle specie protette dalla convenzione CITES, che vieta il commercio di specie in pericolo di estinzione. Se l'animale fa parte di questa categoria, servirà un permesso rilasciato dal CITES. E' necessario anche il permesso rilasciato dalla compagnia aerea con cui si viaggerà.
    Recapito AWD: uaeagricent@moew.gov.ae (per tutti gli Emirati)
    Per richiedere il permesso di ingresso, previa registrazione (modulo online): http://www.uae.gov.ae/mafeservices/defaulten.aspx
    Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C
    Aggiornato al 2007

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Etiopia

    Aggiornato al 21-05-2017

    Gli animali domestici in ingresso in Etiopia devono essere vaccinati, antirabbica compresa, ed avere un certificato di buona salute emesso nel Paese di origine. Da ricordare assolutamente che per il rimpatrio in Italia occorre avere il Passaporto UE corredato da tutti i vaccini, ovviamente antirabbica compresa, ed attestazione degli anticorpi antirabbia eseguita presso un laboratorio autorizzato UE (Vedere sezione dedicata su Dogwelcome).

  • Finlandia

    Aggiornato al 16-01-2017

    Per gli animali provenienti dall'UE:

    1. Identificazione

    L'animale deve essere identificato da un microchip o tatuaggio chiaramente leggibile. Il microchip deve rispettare la norma ISO 11784 standard e deve essere HDX o FDX-B compliant. Il microchip può essere letto con un lettore di microchip conforme alla norma ISO 11785. Se il microchip non è conforme con i requisiti standard, il proprietario deve fornire un lettore di microchip in grado di leggerlo. A partire dal 3 luglio 2011 solo il microchip sarà approvato come identificazione. Il tatuaggio è accettato come metodo di identificazione se è stato fatto prima del 3 luglio 2011. A partire dal 3 luglio 2011 l'animale che porta un tatuaggio chiaramente leggibile, deve essere corredato della prova che il tatuaggio è stato fatto prima del 3 luglio 2011.  

    L'animale deve essere identificato prima della vaccinazione antirabbica.

    2. La vaccinazione contro la rabbia

    A partire dal 29 dicembre 2014, cuccioli e gattini di età inferiore a 12 settimane non sono da vaccinare. Questo vale solo per cuccioli e gattini delle seguenti specie: cani, gatti e furetti. Il cucciolo o gattino deve avere almeno 12 settimane di età il giorno della prima vaccinazione contro la rabbia. Se, per un motivo o per un altro, l'animale è stato vaccinato contro la rabbia prima delle di 12 settimane di vita, deve essere rivaccinato prima di partire. In questo caso, dopo la vaccinazione il periodo di attesa di 21 giorni deve essere trascorso prima del viaggio. Questa regola si applica a prescindere, sia che l'animale è nato e vaccinato in Finlandia sia in un altro paese.

    L'animale deve essere vaccinato contro la rabbia con un vaccino inattivato di almeno un'unità antigenica per dose (norma OMS). La vaccinazione antirabbica e rivaccinazione, se necessario, devono essere eseguite secondo le raccomandazioni del laboratorio di fabbricazione. L'animale deve essere identificato prima della vaccinazione antirabbica. La vaccinazione deve essere effettuata almeno 21 giorni prima del trasferimento. La vaccinazione di richiamo non ha alcun periodo di attesa di 21 giorni, se il vaccino è stato somministrato entro il periodo di validità della vaccinazione precedente. 

    La precedente vaccinazione deve essere attestata nel passaporto animali da compagnia o in un certificato di vaccinazione. Il veterinario segna l'ultimo giorno della validità della vaccinazione nel passaporto per animali domestici. I vaccini antirabbici attualmente applicati in Finlandia sono validi per due o tre anni (a seconda del vaccino), se la vaccinazione viene effettuata quando l'animale ha più di un anno.

    3. Trattamento contro l'Echinococcus

    Il trattamento anti-echinococcus è necessaria solo sui cani. I gatti o furetti non hanno bisogno di essere medicati. Anche i cuccioli di età inferiore ai tre mesi, così come i cani che viaggiano in Finlandia dalla Svezia, ad esempio, devono essere trattati prima di entrare in Finlandia. Un veterinario in un paese al di fuori della Finlandia deve annotare il farmaco somministrato nel passaporto per animali domestici. 

    Il trattamento è un dosaggio appropriato di medicinale contenente Praziquantel o Epsiprantel contro la tenia echinococco, approvato per le specie interessate. Di regola, il trattamento deve essere somministrato all'estero 1 - 5 giorni prima di entrare in Finlandia. Ciò significa che il farmaco non può più essere somministrato al confine appena prima di attraversare. La normativa precedente, in cui gli animali non avevano bisogno di essere trattati per il ritorno in Finlandia dall'estero entro 24 ore, è stata abolita. 

    In alternativa, la regola di 28 giorni può essere applicata, se il cane viene da un paese dell'UE o da un paese assimilabile ad un paese dell'UE in cui il passaporto dell'animale è in vigore. L'animale deve essere trattato almeno due volte prima di viaggiare per massimo 28 giorni in un paese dell'UE o di un paese paragonabile ad un paese UE e ad intervalli regolari di un massimo di 28 giorni per tutto il tempo che l'animale permane Finlandia. L'ultimo trattamento deve essere somministrato in Finlandia a fine viaggio. Se l'intervallo di 28 giorni è superato, la serie di trattamenti deve essere riavviata. 

    Il passaporto di un animale domestico che segue il programma di 28 giorni deve indicare il medesimo nella pagina di trattamento echinococco, in finlandese o svedese e in inglese. Le annotazioni del programma di 28 giorni sono state richieste nel passaporto per animali domestici a partire dall'inizio del 2012. Se le pagine del passaporto si riempiono, viene emesso un nuovo passaporto. Sia il vecchio che il nuovo passaporto devono accompagnare il cane. 

    Nessun trattamento anti-echinococco è richiesto ai cani che viaggiano in Finlandia direttamente da Regno Unito, Norvegia, Irlanda o Malta.

    4. Passaporto per animali domestici

    L'animale deve essere accompagnato da un passaporto per animali domestici che contiene le informazioni di identificazione sull'animale e una attestazione dal veterinario riguardante una vaccinazione antirabbica valida, l'esame clinico e il trattamento echinococco quando necessario (parti IV, X e VII quando necessario).

    In Finlandia i passaporti per animali domestici possono essere ottenuti da veterinari. Un modello uniforme per il passaporto per animali domestici viene applicato in tutta l'UE, e nessun altro documento di vaccinazione può sostituire il nuovo passaporto per animali domestici.

    Animali che viaggiano senza il loro proprietario

    Non è sempre possibile per un animale che sia costantemente nelle immediate vicinanze del suo proprietario o di una persona autorizzata durante il movimento. Il movimento dell'animale non è considerato commerciale se avviene un massimo di cinque giorni prima o dopo il movimento del proprietario, o se succede fisicamente in un luogo diverso da quello in cui il proprietario si trova. Questo deve essere dimostrato con matrici di biglietti dei voli e le ragioni devono essere giustificate.

    Regole valide a partire dal 29 dicembre 2014 per gli animali provenienti da fuori UE

  • Francia

    Aggiornato al 28-06-2017

    Vietato importare cani e gatti di meno di tre mesi. Sopra i 3 mesi, serve il passaporto UE.
     

    Regolamentazione dell'entrata in Francia di cani cosiddetti pericolosi - se hai un Amstaff, un Pitbull, un Tosa, un Boerbull, ed un Rottweiler leggi attentamente la sezione linkata.

  • Francia - Corsica

    Aggiornato al 17-07-2016

    Passaporto UE in corso di validità.

  • Germania

    Aggiornato al 09-02-2015

    Cani e gatti (fino ad un massimo di 3 esemplari) possono essere portati con sé da stranieri proprietari di animali domestici o da residenti nella Repubblica Federale di Germania che ritornino da un viaggio. È necessario però che siano accompagnati dal passaporto UE.
    Le suddette prescrizioni non hanno validità (dovrebbe restare la legislazione precedente, al di là del cambio verso il passaporto UE) per cani e gatti nel caso in cui:

    • vengano trasportati dai loro proprietari abitanti in comuni prossimi al confine per spostamenti oltre frontiera di breve entità;
    • vengano trasportati nell’ambito di un transito tra due località di uno stato confinante che comporti il passaggio su territorio tedesco o tra due località tedesche che porti ad attraversare il territorio di stato confinante: tra la Repubblica Federale di Germania e lo stato confinante deve esistere un accordo che faciliti tale transito di animali;
    • siano utilizzati in una professione artistica;
    • nel corso di scali aerei;
    • vengano trasportati a bordo di navi, purché non vengano fatti sbarcare;
    • cani per ciechi.
    • Piccoli animali domestici, come conigli, porcellini d'India, rettili, pesci, criceti non sottostanno ad alcuna formalità d’ingresso.

    Per altri animali non precedentemente citati è necessario interpellare gli enti veterinari dei singoli Länder federali tedeschi. È vietato, salvo espressa autorizzazione (certificato veterinario in tedesco rilasciato da non più di 10 giorni attestante che tali uccelli non sono stati in contatto con uccelli malati nel corso dei 30 giorni precedenti), l’importazione di pappagalli e pappagallini, e vietata l'entrata di scimmie.

    Regolamentazione dell'entrata in Germania di cani cosiddetti pericolosi

  • Giamaica

    Aggiornato al 26-08-2015

    NON è ammesso l'ingresso di animali domestici nell'isola.

  • Giappone

    Aggiornato al 26-08-2015

    All'arrivo in Giappone, cani e gatti devono essere messi in quarantena per il periodo necessario ad identificare l'eventuale presenza di rabbia (nel caso dei cani, rabbia e leptospirosi). Gli animali in quarantena saranno ospitati presso il centro giapponese dedicato (AQS, Animal Quarantine Service). Nota bene: anche in caso di necessità di una quarantena di lungo periodo, gli animali non potranno essere ospitati in altro luogo che non sia quello dell'AQS. E' necessario inviare, almeno quaranta giorni prima dell'arrivo, un documento (click qui) con la data di arrivo, il numero di animali e altri documenti (V. sotto) all'Animal Quarantine Service più vicino alla vostra zona di destinazione. Nota bene: è possibile che vi venga richiesto di spostare la vs data o luogo di arrivo, conformemente alla disponibilità di posti nelle zone di quarantena delle sedi AQS. Per cani e gatti provenienti da Paesi esenti da rabbia [Taiwan, Islanda, Irlanda, Svezia, Norvegia, UK (solo Gran Bretagna e Irlanda del Nord), Australia, Nuova Zelanda, Fiji, Hawaii, Guam - l'Italia non fa parte della lista, aggiornata al 2005], la quarantena sarà completata nel giro di 12 ore dall'arrivo all'AQS. Per un animale domestico che arriva da un Paese al di fuori della lista qui sopra (quindi l'Italia), è necessario avere un certificato ufficiale (va bene il Passaporto UE) che contenga: numero di microchip, date della vaccinazione antirabbica e richiami, e l'attestazione del valore degli anticorpi antirabbia, nonchè un'attestazione che dichiari che sono passati almeno 180 giorni dalla quantificazione degli anticorpi: in questo caso il periodo di quarantena potrebbe ridursi a 12 ore. In tutti gli altri casi il periodo di quarantena durerà almeno 180 giorni. (click qui per il modulo di certificazione da allegare al Passaporto UE)
    Il certificato di buona salute, necessario, deve essere fatto preferibilmente due giorni prima della partenza dal vostro veterinario. E' altresì necessario che tutte le altre vaccinazioni siano in regola, quindi
    - per i cani: vaccino polivalente che comprenda cimurro, epatite infettiva, (adenovirus tipo 2 è accettabile), parvovirus, parainfluenza, leptospirosi, coronavirus ecc.
    - per i gatti: vaccino polivalente contro rinotracheite, calicivirus felino, panleucopenia ecc.
    Inoltre, sia per i cani che per i gatti, si raccomanda di provvedere a debellare ogni tipo di parassita (pulci, zecche, nematodi, tenia, echinococco).
    Se l'animale non ha un microchip ISO 11784 / 11785, dovrete portare con voi anche il lettore per poterlo leggere.
    Gli animali domestici provenienti dall'estero possono arrivare solamente in questi aereoporti e porti navali:
    Porti: Tomakomai, Keihin, Nagoya, Osaka, Kobe, Kanmon, Hakata, Kagoshima, Naha.
    Aereoporti: Shin-Chitose, Narita International, Tokyo International (Haneda), Chubu International, Kansai International, New Kitakyushu, Kagoshima, Naha.
    Per ulteriori info: click qui
    Guida completa in formato PDF: click qui

  • Giordania

    Aggiornato al 26-08-2015

    Non vi sono regole particolari per importare animali d'affezione per motivi di turismo: Vi può comunque essere chiesto un Certificato di Buona Salute (che vi consigliamo di avere con voi, oltre al Passaporto UE con antirabbica attiva - Noi di Dogwelcome)
    Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C
    Ambasciata e Consolati del regno Hasmenita di Giordania: Via G. Marchi, 1/B 00161 Roma - Tel. 06. 86205303 / 06.86205304 / 86205474 Fax 06. 8606122
    Consolati onorari - Via Fieno, 3 20123 Milano Tel. 02. 8692903 Fax 02. 8692850 / 8692903 - Via del Carmine, 31 10122 Torino Tel. 011. 4310310 / 5214144 Fax 011. 5212452 /3
    Aggiornato a febbraio 2007

  • Gran Bretagna

    Aggiornato al 20-03-2017

    GENNAIO 2012: ABOLITA LA QUARANTENA PER GLI ANIMALI D'AFFEZIONE

    Dal primo gennaio 2012 è possibile raggiungere l'isola osservando le medesime norme in vigore negli altri Paesi UE (con determinate condizioni).
    Abolita la six-months rule (quarantena a domicilio) per l'ingresso degli animali domestici in Inghilterra (se provenienti dalla UE, se non hanno viaggiato precedentemente in Paesi extra UE, se vaccinati nei tempi corretti e se dotati del test anticorpale eseguito prima del viaggio)

    Fino al 2000 la Gran Bretagna, insieme ad Irlanda, Islanda, Gibilterra, Cipro e Malta, era una delle nazioni che stabiliva procedure più severe per gli ingressi di animali domestici: praticamente i poveri animalini erano obbligati a trascorrere sei lunghi mesi in quarantena prima di poter raggiungere i loro proprietari in suolo britannico. Dallo scorso febbraio 2000 le frontiere inglesi sono diventate meno rigide, con l'entrata in vigore del passaporto per animali ed il programma PETS (PEts Travel Scheme). La procedura è però complicata, costosa e lunga: è necessario iniziare a preparare ciò che serve oltre sei mesi prima dell'entrata in GB (la cosiddetta "six months rule": in pratica la "quarantena" si fa a domicilio - ATTENZIONE: abolita nel 2012). Se i documenti non saranno in regola o lo scanner non riuscirà a leggere il microchip, gli animali dovranno comunque fare la quarantena sul posto se si intende introdurre l'animale nel Paese.
    Secondo le regole del Pets Travel Scheme (PETS), è obbligatorio che l'animale abbia un certificato veterinario che attesti che il cane o il gatto sono stati microchippati, vaccinati contro la rabbia e che ne sia stato verificato il titolo anticorpale da un laboratorio DEFRA (laboratori qualificati in Europa per l'espatrio secondo il PETS). Una volta acquisiti questi documenti l'animale potrà permanere nello stato in entrata per il periodo specificato nel passaporto europeo.

    In ogni occasione di viaggio dell'animale verso la Gran Bretagna dopo avere già ottenuto il passaporto secondo PETS:
    - Va rifatto il certificato di attestata profilassi contro vermi, pulci e zecche da 24-48 ore max prima dell'ingresso in Gran Bretagna, certificato che vi rilascerà il Vs. veterinario all'atto della profilassi
    - Il proprietario dovrà anche rilasciare un attestato che dichiari che l'animale non ha transitato fuori dai Paesi inclusi nel PETS (PEts Travel Scheme) nei 6 mesi antecedenti l'entrata in Gran Bretagna.
    Solo con questi requisiti il vostro animale potrà rientrare in Gran Bretagna.

    Riassunto procedure:
    - Apporre al proprio animale il microchip
    - Vaccinare il proprio animale con i vaccini di routine ma soprattutto contro la rabbia
    - Procurarsi la documentazione per il programma PETS (Passaporto Europeo). Se l'animale proviene da un Paese fuori UE, è necessario un certificato veterinario (Gibilterra e Svizzera rilasciano i Passaporti UE sebbene non siano Paesi UE)
    - Fare le analisi del sangue per avere la titolazione degli anticorpi antirabbia. A titolazione definita, se i valori sono quelli richiesti (0,5 ml/ui) è possibile recarsi in GB.
    Info titolazione anticorpi antirabbia presso l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie: tel. 049/808426 e fax 049/8830046.
    - L'animale deve essere trattato anche contro zecche e la tenia da non meno di 24 ore e non più di 48 prima del check-in con il trasporto autorizzato e seguendo uno dei percorsi autorizzati all'entrata in GB 
    Attenzione: Lo Stronghold NON è accettato come trattamento antizecche (settembre 2007)
    - Informarsi su quali sono le compagnie autorizzate al trasporto e sui percorsi obbligatori per l'entrata (vedi sotto)

    Qui sotto sono a disposizione le schede informative dettagliate

    PETS helpline: Tel. 0870/2411710

    Normativa in vigore dal 17 luglio 2013

    Se qualcuno dovesse avere bisogno, ci scriva una mail per la traduzione.
    In ogni caso, abbiamo aggiornato la lista delle norme qui sotto (febbraio 2016, ovvero le ultime regole uscite)
    Certificati e regole per cani e gatti (provenienti da Paesi UE)
    Certificati e regole per cani e gatti (provenienti da Paesi fuori UE)
    Lista dei Paesi zona 1 (UE e non UE) per cani e gatti
    Lista dei Paesi fuori UE e fuori lista Paesi non soggetti a rabbia
    Percorsi obbligatori per raggiungere la Gran Bretagna

    (Info aggiornate a febbraio 2016, con le ultime normative che sostituiscono quelle del 2005, di aprile 2006, di settembre 2007, settembre 2010, luglio 2013)

    Regolamentazione dell'entrata in Gran Bretagna dei cani cosiddetti "pericolosi"

    ATTENZIONE ALLE INFO che vi vengono date riguardo il PETS (Pets Travel Scheme)... Pubblichiamo la mail di una nostra visitatrice (settembre 2007):

    Ho urgente bisogno di informazioni riguardo al trsporto di un cagnolino verso il Regno Unito. La mia ASL di zona mi ha fatto cominciare la procedura del pets travel scheme solo 3 mesi prima della nostra partenza. Soltanto perchè io stessa ho voluto controllare personalmente in rete sul sito della DEFRA se la procedura che stiamo seguendo fosse corretta, ho sfortunatamente/fortunatamente scoperto che alla mia ASL ignorano completamente la "six months rule", rischiando così di farmi trovare impreparata all'imbarco a Calais, rischiando, ancor peggio di farmi rientrare a casa dopo un viaggio in macchina lungo e molto costoso. Dire che sono arrabbiata e delusa dal servizio della ASL veterinaria è poco. Perchè succedono cose del genere ? La regola dei sei mesi è ancora valida ? Ha delle eccezioni ? Possono trascorrere anche solo 3 mesi dopo la titolazione, se il cane è molto giovane (ha 10 mesi) ? Siamo in una situazione spiacevolissima perchè avremmo potuto muoverci prima ma per colpa degli uffici sedicenti "competenti" ci troviamo in procinto di partire e di non sapere come fare per la questione del cagnolino, trovandoci costretti ad annullare un viaggio molto importante per un nuovo impiego.
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta. Cordiali saluti.
    Antonella, 23 settembre 2007

    La nostra risposta: Mi dispiace, ma sappiamo che gli inglesi sono più che ferrei, non riuscireste a lasciare il pet point a Calais se le procedure non sono perfette... [Noi di Dogwelcome]

    Ancora Antonella: Oggi ci sono stata ancora ed il tipo non vuole sentire ragioni... Dice che la regola dei sei mesi non è valida... Ma che situazione surreale !!! Quindi voi confermate? E' ancora valida la six months rule? Ho anche scritto alla DEFRA ma ancora non mi rispondono... (24 settembre 2007)

    Dì alla tua ASL di guardare qui: http://www.defra.gov.uk/wildlife-pets/pets/travel/pets/index.htm (febbraio 2016: non più attivo, il sito è confluito in quello del Governo -gov.uk )

    Il sito della DEFRA è assolutamente sempre aggiornato (e ci mancherebbe altro) e riportava la "six months rule", eccome... [Noi di Dogwelcome]

    GIBILTERRA (aggiornamento apr. 2006): L'ingresso di animali domestici è regolato dalla normativa UE che dà indicazioni per gli spostamenti di cani, gatti, furetti, roditori (cavie, criceti, topi, ratti, gerbilli), conigli domestici, volatili (eccetto quelli "da cortile"), pesci tropicali, invertebrati (eccetto api ecc. e crostacei), anfibi e rettili. Gli animali citati nella Convention on International Trade in Endangered Species (CITES) resteranno soggetti alle regole di quella legislazione.
    Requisiti per l'ingresso di cani, gatti e furetti oltre i tre mesi di vita a Gibilterra dai Paesi citati qui sotto: Stati UE, (inclusa la Gran Bretagna), Andorra, Canada, Giappone, Nuova Zelanda, Svizzera, Antigua & Barbuda, Isole Cayman, Liechtenstein, Norvegia, U.S.A., Aruba, Croazia, Mauritius, Saint Helena, Vanuatu, Ascension Island, Isole Falkland, Mayotte, Saint Kitts & Nevis, Città del Vaticano, Australia, Fiji, Monaco, Isole Saint Pierre et Miquelon, Isole Wallis e Futuna, Bahrain, Polinesia francese, Isola di Monserrat, Saint Vincent e le Grenadine, Isole Barbados, Islanda, Antille Olandesi, San Marino, Bermuda, Jamaica, New Caledonia, Singapore
    Gli animali devono essere identificati con un tatuaggio o un microchip. Dal 31 luglio 2012 sarà necessario il microchip ed i tatuaggi on saranno più accettati.
    Gli animali devono essere accompagnati dal Passaporto Europeo per animali d'affezione rilasciato da un Veterinario autorizzato all'emissione dello stesso. Nel passaporto dovrà esservi la certificazione della somministrazione del vaccino antirabbico (almeno una dose - WHO standard di vaccino inattivato) o del richiamo dello stesso. Il Passaporto per il movimento degli animali sopracitati dev'essere conforme al modello stabilito dalla Commissione EU doc. 2003/803/EC, comunemente chiamato "Passaporto Europeo per animali d'affezione".
    Vi sono obblighi speciali l'ingresso di cani, gatti e furetti al di sotto dei 3 mesi d'età: contattate per l'ingresso la Environmental Agency di Gibilterra.
    Per l'ingresso o re-ingresso di animali da Paesi terzi (non citati qui sopra): Gli animali devono essere identificati con un tatuaggio o un microchip. Dal 31 luglio 2012 sarà necessario il microchip ed i tatuaggi non saranno più accettati.
    Gli animali devono essere accompagnati dal Passaporto Europeo per animali d'affezione rilasciato da un Veterinario autorizzato all'emissione dello stesso. Nel passaporto dovrà esservi la certificazione della somministrazione del vaccino antirabbico (almeno una dose - WHO standard di vaccino inattivato) o del richiamo dello stesso. Il Passaporto per il movimento degli animali sopracitati dev'essere conforme al modello stabilito dalla Commicìssione EU doc. 2003/803/EC, comunemente chiamato "Passaporto Europeo per animali d'affezione".
    Gli animali dovranno essere sottoposti ad un test di titolazione degli anticorpi antirabbia, che dovranno essere titolati almeno per 0.5 iu/ml con un prelievo effettuato almeno 3 mesi prima del viaggio. Il test dovrà essere approvato da un Laboratorio autorizzato dalla UE. Il test non dovrà essere rieseguito se l'animale sia stato rivaccinato correttamente. Il periodo di tre mesi d'antecenenza per il test non sarà necessario per il rientro di un animale il cui passaporto certifichi che la titolazione è stata rilevata con i valori di cui sopra prima che l'animale abbia lasciato il territorio della UE.
    Regole per l'ingresso di roditori, conigli, pesci, volatili, invertebrati, anfibi e rettili:
    Non vi sono attualmente requisiti particolari per l'ingresso di questi animali

    Regolamentazione dell'entrata a Gibilterra di cani cosiddetti "pericolosi"

  • Grecia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE

  • Grenada

    Aggiornato al 26-08-2015

    Serve un certificato redatto dal veterinario max. 14 giorni prima dell'arrivo sull'isola.
    Potete fare richiesta di invio del modulo di importazione al n. di fax: 212.687.9554.

    GRENADINES:
    Gli animali domestici provenienti dalla Gran Bretagna, dalla Nuova Zelanda e dall'Australia sono ammessi con un certificato veterinario che dimostri l'avvenuta antirabbica ed un certificato di importazione.
    Gli animali provenienti dal nord America e dal sud America, dall'Europa, dall'Africa e dall'Asia NON sono ammessi alle St. Vincent & the Grenadines, a meno che non abbiano fatto una quarantena di 6 mesi.
    E' possibile entrare nelle acque delle isole con animali domestici sulla barca ma l'animale NON potrà scendere a terra.
    Per maggiori informazioni:
    Government veterinary officer - Tel.: 784-457-2452.
    tourism@caribsurf.com
    www.svgtourism.com

  • Guadalupa

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE per Animali d'affezione, certificato di buona salute emesso da mano di 8 giorni, vaccinazioni di routine certificate su libretto o passaporto. Attenzione: molti alberghi dell'isola NON accettano animali. La Guadaloupe è un'isola libera da rabbia. Per soggiorni prolungati, consultare il veterinario per un trattamento vermifugo specifico.
    Aggiornato a febbraio 2008

  • Hawaii

    Aggiornato al 26-08-2015

    Accorciata la quarantena che prevedeva un mese di isolamento per gli animali provenienti dall’estero. Dal 2003 in poi il periodo sarà di 5 giorni se il proprietario seguirà le istruzioni impartite, ovvero: l’impianto di un microchip sotto cute all'animale, la documentazione relativa alla vaccinazione antirabbica, l’esame (negativo) del test sul siero sanguigno, sempre per verificare la presenza di rabbia. Sarà comunque necessario aspettare 120 giorni dopo aver fatto all'animale l’esame del sangue perché venga ritenuta valida la vaccinazione.

  • India

    Aggiornato al 26-08-2015

    Per l'ingresso nel Paese sono ammessi massimo 2 animali per turista. Sono considerati animali domestici i cani, i gatti, gli uccellini, etc. e devono essere accompagnati da un certificato sanitario (V. link che segue) prodotto nel Paese d'origine da un Veterinario. In ogni caso, l'ufficio quarantena si riserva di esaminare gli animali domestici in entrata per verificare le loro condizioni di salute. Link al modulo da riempire e presentare all'arrivo: www.ieport.com/cus2002/Circulars/cir94.htm
    Tutti gli animali da compagnia in ingresso in India devono avere un nulla osta (NOC - NO OBJECTION CERTIFICATE) dall'ANIMAL QUARANTINE STATION (AQCS) indiana, sia che siano accompagnati, sia che viaggino in cargo. Ci vuole minimo una settimana per ottenere il permesso. Il NOC va richiesto personalmente e non online. Verrà in seguito spedito o via fax o via e-mail al richiedente. Il documento deve essere presentato alla compagnia aerea in India allo scalo di entrata dell'animale, prima che venga sbarcato. Se l'animale è accompagnato, il proprietario deve avere sempre con sè il NOC. Se l'animale arriva via cargo, il NOC deve essere attaccato al trasportino in una busta trasparente affinchè resti protetto.
    I documenti necessari per ottenere il NOC sono (valide anche fotocopie):
    1. I dati dell'animale, e tutte le vaccinazioni effettuate;
    2. Un certificato di buona salute emesso da un veterinario ufficiale (V. sopra);
    3. Dati del volo / conferma del viaggio che il passeggero intende effettuare in India / copia del biglietto aereo.
    UFFICIALI PREPOSTI AI PERMESSI DI INGRESSO SANITARI:
    Shri Rajesh Chaudhry - Director Department of Animal Husbandry, Dairying & Fisheries Ministry of Agriculture, Government of India 398, Krishi Bhawan, New Delhi - 110001 Phone : 011 23388534 e-mail: diradmah@nic.in
    Dr. S.K.Dutta - Asst. Commissioner (Trade) Department of Animal Husbandry, Dairying & Fisheries Ministry of Agriculture, Government of India 544, Krishi Bhawan, New Delhi - 110001 Phone : 011 23097034 e-mail: sujitdutta1@gmail.com
    STAZIONI DI QUARANTENA E CERTIFICAZIONI (AQCS)
    1. AQCS, Chennai Dr. Rajiv Khosla, Regional Officer (NR), Animal Quarantine and Certification Service Station 83, Pallikkaranai, Chennai - 601 302. Telefax No.: 044-2246 0659.
    2. AQCS, New Delhi . Dr. Vijay Kumar Quarantine Officer (SR) Animal Quarantine and Certification Service Station, Kapashera New Delhi - 110 037. Tel. No.: 011-2506 3272. Fax No.: 011-2506 0647
    3. AQCS, Kolkatta. Dr. D. Biswas Regional Officer (ER) Animal Quarantine and Certification Service Station Vill. Narayanpur - 743 518, P.O. R-Gopalpur, Distt. North 24-Parganas, West Bengal Telefax No.: 033-2573 9777. Telefax (airport) : 033 25119418
    4. AQCS, Mumbai. Dr. Malik Quarantine Officer (WR) Animal Quarantine and Certification Service Station, Koperkhairane, Sector-11, Navi Mumbai - 400 709. Telefax No.: 022-2755 2021.
    Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C

  • Indonesia

    Aggiornato al 16-03-2017

    L'Indonesia sta strenuamente lottando contro la rabbia, e parte del territorio ora è libero da questa patologia. Vi sono zone libera da rabbia in cui è attualmente vietato introdurre animali domestici, a meno che non provengano da Paesi che l'Indonesia considera liberi dalla rabbia. Ecco quali sono questi Paesi: Regno Unito, Australia,  Bermuda, Brunei, Cipro, Darusalem, Danimarca,  Fiji, Hawaii, Hong Kong, Islanda,  Irlanda,  Giappone, Malta, Nuova Zelanda,  Norvegia, Saba e Sarawak, Singapore, Svezia, Taiwan. L'Italia non è inclusa. 
    Dall'Italia quindi NON è possibile recarsi nelle zone indonesiane libere da rabbia. Ecco quali zono: Bali, Sumatra, Surabaya, Palembang, Papua, and West Kalimantan.
    Per quanto riguarda le altre zone, non libere da rabbia e quindi accessibili, niente restrizioni per gli animali provenienti dai Paesi liberi da rabbia, e per i Paesi come l'Italia, listata fra i Paesi a rischio, è prevista una quarantena di 14 giorni all'arrivo. 
    I cuccioli devono avere almeno 4 mesi per poter entrare nelle zone consentite in Indonesia (vaccinazione a un minimo di tre mesi, più attesa sviluppo anticorpi).
    ATTENZIONE !!!!! Viene effettuato anche un test per l'influenza H3N2. Se l'animale viene trovato positivo, viene ucciso e smaltito.

  • Irlanda

    Aggiornato al 26-08-2015

    ATTENZIONE, GENNAIO 2012 - ABOLITA LA QUARANTENA PER GLI ANIMALI D'AFFEZIONE

    Abolita la six-months rule (quarantena a domicilio) per l'ingresso degli animali domestici in Inghilterra. Dal primo gennaio 2012 è possibile raggiungere l'isola osservando le medesime norme in vigore negli altri Paesi UE

    Fino al 2000 la Gran Bretagna, insieme ad Irlanda, Islanda, Gibilterra, Cipro e Malta, era una delle nazioni che stabiliva procedure più severe per gli ingressi di animali domestici: praticamente le povere bestie erano obbligate a trascorrere sei lunghi mesi in quarantena prima di poter raggiungere i loro proprietari in suolo britannico. Dallo scorso febbraio 2000 le frontiere inglesi sono diventate pero' meno rigide, con l' entrata in vigore del passaporto per animali ed il programma PETS (PEts Travel Scheme). La procedura e' pero' complicata, costosa e lunga: è necessario iniziare a preparare ciò che serve oltre sei mesi prima dell'entrata in GB (la cosiddetta "six months rule": in pratica la "quarantena" si fa a domicilio). Se i documenti non saranno in regola o lo scanner non riuscirà a leggere il microchip, gli animali dovranno comunque fare la quarantena sul posto se si intende introdurre l'animale nel Paese.

    In pratica: Innanzitutto l’identificazione del cane o del gatto tramite l’apposizione di un microchip nel sottocute del collo, in genere sul lato sinistro. Subito dopo l’animale va sottoposto a vaccinazione antirabbica. Dopo trenta giorni, il veterinario esegue un prelievo di sangue e lo invia all’Istituto Zooprofilattico delle Venezie (appartenente al DEFRA, che raggruppa i laboratori certificati nella UE) e l’Istituto certifica che la reazione anticorpale c’è stata. Il periodo di preparazione si conclude con sei mesi di attesa e due trattamenti parassitari per la tenia della volpe e per la zecca della volpe, eseguiti 24/48 ore prima della partenza e certificati dal veterinario. Oltre i tre certificati, il proprietario deve portare con sé il libretto sanitario dell’animale. Info ai Consolati oppure all’Istituto Zooprofilattico delle Venezie: tel. 049808426 e fax 0498830046.

    Attenzione: Lo Stronghold NON è accettato come trattamento antizecche (settembre 2007)

    Secondo le regole del Pets Travel Scheme (PETS), è obbligatorio che l'animale abbia un certificato veterinario che attesti che il cane o il gatto sono stati microchippati, vaccinati contro la rabbia e che ne sia stato verificato il titolo anticorpale da un laboratorio DEFRA (laboratori qualificati in Europa per l'espatrio secondo il PETS). Una volta acquisiti questi documenti l'animale potrà permanere nello stato in entrata per il periodo specificato nel passaporto europeo.

    In ogni occasione di viaggio dell'animale verso la Gran Bretagna dopo avere già ottenuto il passaporto secondo PETS:
    - Va rifatto il certificato di attestata profilassi contro vermi e pulci da 24-48 ore max prima dell'ingresso in Gran Bretagna, certificato che vi rilascerà il Vs. veterinario all'atto della profilassi
    - Il proprietario dovrà anche rilasciare un attestato che dichiari che l'animale non ha transitato fuori dai Paesi inclusi nel PETS (PEts Travel Scheme) nei 6 mesi antecedenti l'entrata in Gran Bretagna.
    Solo con questi requisiti il vostro animale potrà rientrare in Gran Bretagna.

    Riassunto procedure:
    - Apporre al proprio animale il microchip
    - Vaccinare il proprio animale soprattutto contro la rabbia
    - Fare le analisi del sangue per avere la titolazione degli anticorpi antirabbia. A titolazione definita, se i valori sono quelli richiesti (0,5 ml/ui) parte la conta dei sei mesi, passati i quali è possibile recarsi in GB. In questi sei mesi l'animale non deve recarsi nei Paesi non esenti da rabbia (V. lista)
    - Procurarsi la documentazione per il programma PETS (Passaporto Europeo). Se l'animale proviene da un Paese fuori UE, è necessario un certificato veterinario (Gibilterra e Svizzera rilasciano i Passaporti UE sebbene non siano Paesi UE)
    - L'animale deve essere trattato anche contro zecche e la tenia da non meno di 24 ore e non più di 48 prima del check-in con il trasporto autorizzato e seguendo uno dei percorsi autorizzati all'entrata in GB
    - Informarsi su quali sono le compagnie autorizzate al trasporto e sui percorsi obbligatori per l'entrata (vedi sotto)

    Qui sotto sono a disposizione le schede informative

    PETS helpline: 0870 241 1710

    Testo (in inglese) nuova normativa uscita ad aprile 2006
    Testo (in inglese) nuova normativa uscita a settembre 2007
    Testo (in inglese) nuova normativa uscita a settembre 2010

    Aggiornamento (in inglese) 17 luglio 2013
     

    Se qualcuno dovesse avere bisogno, ci scriva una mail per la traduzione
    - in ogni caso, abbiamo aggiornato la lista delle norme qui sotto (settembre 2007, ovvero le ultime regole uscite)
    Certificati e regole per cani e gatti (provenienti da Paesi UE)
    Certificati e regole per cani e gatti (provenienti da Paesi fuori UE)
    Lista dei Paesi zona 1 (UE) per cani e gatti
    Lista zona 2 (Paesi non UE) per cani e gatti
    Regole per i furetti
    Regole per conigli e roditori
    Percorsi obbligatori per raggiungere la Gran Bretagna
    Compagnie di trasporto autorizzate: aereo - treno - traghetti
    Istruzioni per i Veterinari (cani e gatti)
    Istruzioni per i Veterinari (furetti)

    (Info aggiornate a luglio 2013, con le ultime normative che sostituiscono quelle del 2005, di aprile 2006, di settembre 2007, settembre 2010)

    Regolamentazione dell'entrata in Gran Bretagna dei cani cosiddetti "pericolosi"

    ATTENZIONE ALLE INFO che vi vengono date riguardo il PETS (Pets Travel Scheme)... Pubblichiamo la mail di una nostra visitatrice (settembre 2007):

    Ho urgente bisogno di informazioni riguardo al trsporto di un cagnolino verso il Regno Unito. La mia ASL di zona mi ha fatto cominciare la procedura del pets travel scheme solo 3 mesi prima della nostra partenza. Soltanto perchè io stessa ho voluto controllare personalmente in rete sul sito della DEFRA se la procedura che stiamo seguendo fosse corretta, ho sfortunatamente/fortunatamente scoperto che alla mia ASL ignorano completamente la "six months rule", rischiando così di farmi trovare impreparata all'imbarco a Calais, rischiando, ancor peggio di farmi rientrare a casa dopo un viaggio in macchina lungo e molto costoso. Dire che sono arrabbiata e delusa dal servizio della ASL veterinaria è poco. Perchè succedono cose del genere ? La regola dei sei mesi è ancora valida ? Ha delle eccezioni ? Possono trascorrere anche solo 3 mesi dopo la titolazione, se il cane è molto giovane (ha 10 mesi) ? Siamo in una situazione spiacevolissima perchè avremmo potuto muoverci prima ma per colpa degli uffici sedicenti "competenti" ci troviamo in procinto di partire e di non sapere come fare per la questione del cagnolino, trovandoci costretti ad annullare un viaggio molto importante per un nuovo impiego.
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta. Cordiali saluti.
    Antonella, 23 settembre 2007

    La nostra risposta: Mi dispiace, ma sappiamo che gli inglesi sono più che ferrei, non riuscireste a lasciare il pet point a Calais se le procedure non sono perfette... [Noi di Dogwelcome]

    Ancora Antonella: Oggi ci sono stata ancora ed il tipo non vuole sentire ragioni... Dice che la regola dei sei mesi non è valida... Ma che situazione surreale !!! Quindi voi confermate? E' ancora valida la six months rule? Ho anche scritto alla DEFRA ma ancora non mi rispondono... (24 settembre 2007)

    Dì alla tua ASL di guardare qui: http://www.defra.gov.uk/wildlife-pets/pets/travel/pets/index.htm

    Il sito della DEFRA è assolutamente sempre aggiornato (e ci mancherebbe altro) e riporta la "six months rule", eccome... [Noi di Dogwelcome, 2007]

  • Isola di Saba

    Aggiornato al 26-08-2015

    Ammesso l'ingresso di animali domestici. Serve un certificato di buona salute redatto dal vostro veterinario.
    Difficile trovare hotel che accettano animali sull'isola.

  • Isole Cayman

    Aggiornato al 26-08-2015

    Il permesso di ingresso va chiesto a:
    Cayman Islands Department of Agriculture - P.O. Box 459 GT - Grand Cayman Islands - Tel.: 345.947.3090 Fax: 345.947.2634

  • Isole Vergini Americane

    Aggiornato al 26-08-2015

    Nelle Isole vergini americane gli animali domestici ed i loro proprietari sono i benvenuti.
    Serve un certificato valido di buona salute rilasciato dal vostro veterinario.

  • Isole Vergini Britanniche

    Aggiornato al 26-08-2015

    Gli animali domestici NON sono accettati in provenienza dagli Stati Uniti ma sono accettati quelli provenienti dalla Gran Bretagna.
    Per gli animali provenienti dagli Stati Uniti, è necessaria una quarantena di 6 mesi.
    Per maggiori informazioni:
    British Virgin Islands Department of Agriculture - Tel.: 284.495.2451 Fax: 284.495.1269

  • Italia

    Aggiornato al 12-02-2017

    Passaporto UE in corso di validità, microchip.
    UE passport (antirabies vaccine injected since less than 12 months), microchip.

  • Lettonia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE
    Ministero dell'agricoltura, Riga
    e-mail: vvd@vvd.vita.gov.lv, www.vvd.lv

  • Lituania

    Aggiornato al 26-08-2015

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE
    Servizi veterinari della capitale, Vilnius - Tel. 00370/52623513 

  • Malaysia

    Aggiornato al 10-09-2015

    GUIDELINES FOR IMPORTATION OF DOGS AND CATS INTO MALAYSIA
    (Se avete bisogno una traduzione delle norme, scrivete a Dogwelcome: lo faremo per voi)

    A. PRIOR TO IMPORT

    1.0 Vaccination status and implantation of microchip with ISO Standard
     1.1 Importers who wish to import their pets into Malaysia must ensure their pets has been vaccinated against Rabies and also other routine vaccinations practiced in the country of origin
     1.2 The vaccination status must be within the valid period during the import.
     1.3 Has been implanted with microchip which is compliance with ISO standard.
    2.0 Age of the dog or cat
     2.1 The dog and cat wish to be imported into Malaysia must be above 3 months old.
    3.0 Import Permit from the Department of Veterinary Services, Malaysia (DVS)
     3.1 Importers need to obtain an import permit from DVS.
     3.2 The import permit application is done manually and it can be done by the importer itself, friends or relatives of the importer or the forwarding/pet relocating agents.
     3.3 The import permit applicant has to download the Form A which can be downloaded via the DOWNLOAD link in DVS website (www.dvs.gov.my) and fill it up accordingly.
     3.4 The import permit applicant has to go directly to the State DVS office at the respective state together with the documents below;
      i. Completed Form A
      ii. A copy of the pet’s vaccination record which shows that the pet has been vaccinated against Rabies and the other routine vaccinations practiced in the country of origin
      ii. Ensure the vaccination is still within the valid period
     3.5 DVS officers will check the documents and if there is no problem, the application will be registered in the E-Permit 1 online system and an import permit which is valid for 30 days from the date of issuance will be issued.
     3.6 The charges for the import permit are RM5.00 per animal and the import permit can be obtained only after the payment is done.
     3.7 Any applications through email or post will not be entertained and DVS will not also courier the import permits to the applicants.

    4.0 Veterinary Health Certificate from the Exporting Country
     4.1 Importers need to obtain a valid veterinary health certificate from the veterinary authority of the exporting country.
     4.2 The veterinary health certificate must be in English and prepared according to DVS Regulations for the Importation of Dogs and Cats into Malaysia.
     4.3 The veterinary health certificate must be a separate document and any certification of health condition of the pet in the pet passport is NOT accepted.

    5.0 Quarantine & Quarantine Space Booking
     5.1 All the dogs and cats imported from countries other than the countries stated below is compulsory to undergo a quarantine period of not less than seven (7) days and ten (10) days for cats/dogs from Australia at the government animal quarantine station. Scheduled countries (no quarantine)
      i. UK
      ii. EIRI
      iii. NORTERN IRELAND
      iv. NEW ZEALAND
      v. JAPAN
      vi. BRUNEI
      vii. SINGAPORE
     5.2 Importers need to make booking with the respective quarantine stations prior to the import to ensure the availability of the quarantine space.  Please be reminded that list of the scheduled countries (no quarantine) is subject to changes according to the disease status at the respective country.
     5.3 Below are the quarantine stations contact numbers; No. Animal Quarantine Station Telephone Number
     1. KLIA Animal Quarantine Station Jalan Pekeliling 4 64050 Sepang, Selangor 03-87872377 03-87872379 03-87871090
     2. Bayan Lepas Animal Quarantine Station 9583 Jalan Ban 11960 Bayan Lepas Pulau Pinang. 04-6451292
     3. Padang Besar Animal Quarantine Station 02100 Padang Besar, Perlis. 04-9490230 B. AFTER IMPORT

    1.0 Document Submission at the Entry Point
     1.1 Original copy of the documents below need to be handed to the quarantine officers at the entry point;
      i. Import Permit from DVS (the import permit must be within the valid period- 30 days from the date of issuance)
      ii. Veterinary Health Certificate from the veterinary authority of the exporting country
      iii. Vaccination record of the pet

    2.0 Document checking and physical examination
     2.1 Malaysian Quarantine & Inspection Services (MAQIS) officers will check the documents and will conduct physical examinations if it is necessary.
     2.2 Dogs and cats from not scheduled countries will be brought to the quarantine.
     2.3 Dogs and cats from scheduled countries which do not need to undergo quarantine will be released.

    4 IMPORTATION OF RESTRICTED BREEDS OF DOG
    1.0 Importation of restricted breeds of dog is allowed only for the purpose of being own pet and also guard dog.
    2.0 Below is the list of restricted breeds of dogs;
     Rottweiler
     Doberman
     German Shepard/Alsatian including Belgian Shepard and East European Shepard
     Bull Mastiff
     Bull Terrier
     Perro de Presa Canario

    3.0 PRIOR TO IMPORT
     3.1 Official Written Application
      3.1.1 Importers need to make an official written application to the Director of State Veterinary Services (State DVS) in advance for approval to import restricted breeds of dogs.
      3.1.2 The below information’s must be stated clearly or attached in the application letter;
       i. Importers name
       i. Importers telephone number
       iii. Breed of dog
       iv. Age of dog
       v. Sex 
       vi. Microchip ID Number which is compliance with ISO standard.
       vii. Country of origin (exporting country).
       viii. Pedigree Certificate issued by an approved organization in the exporting country which clearly defines the dog’s microchip ID number.
       ix. Vaccination record of the dog
       x. The residence/premise address in Malaysia where the dog will be placed after import.
    3.2 Residence/Premise Inspection
     3.2.1 The residence or premise where the dog will be kept after import will be inspected by officer’s of the respective State Veterinary Department to verify the suitability of the premise and the facilities such as kennel, size of the compound, safety and control of the dog.
    3.3 Issuance of approval letter and import permit
     3.3.1 An official approval letter signed by the Director of the State Veterinary Department and an import permit will be issued if the residence or premise is found to be suitable for the dog. 4.0 AFTER IMPORT
     4.1 Document Submission at the Entry Point
      4.1.1 Original copy of the documents below need to be handed to the quarantine officers at the entry point;
       i. Import Permit from DVS (the import permit must be within the valid period- 30 days from the date of issuance)
       ii. Veterinary Health Certificate from the veterinary authority of the exporting country
       iii. Approval letter from the Director of the State Veterinary Department
       iv. Vaccination record of the dog

    Lista delle razze la cui importazione è vietata in Malesia

  • Malta

    Aggiornato al 07-02-2016

    Aggiornamento 2012:

    Sono state introdotte a Malta nuove modifiche per l'ingresso degli animali domestici dal 1 gennaio 2012. Queste modifiche allineano Malta agli altri Paesi UE.
    Cani, gatti e furetti in ingresso a Malta da un Paese UE o un Paese terzo in lista II allegato C del provvedimento UE riguardo i movimenti  di animali domestici al seguito dei viaggiatori dal 1 gennaio 2012 devono:

    • avere il microchip
    • essere vaccinati contro la rabbia
    • devono passare 21 giorni dalla prima vaccinazione antirabbica
    • avere il passaporto

    Non è più richiesta l'attestazione del titolo anticorpale antirabbia.
    Per quanto riguarda gli animali provenienti da Paesi terzi in lista II allegato C del provvedimento UE, è richiesto un test sierologico antirabbia eseguito 30 giorni dopo la vaccinazione, ed un'attesa di 3 mesi prima di effettuare il viaggio.
    Malta ed altri Paesi liberi da cestodi (vermi parassiti) richiede per l'ingresso che l'animale sia trattato da uno a cinque giorni prima dell'ingresso nel Paese.
    E' consigliato effettuare un trattamento contro le zecche.
    *Queste regole non sono valide per i conigli, i roditori e i volatili.

    Riassumendo:

    Regole di ingresso a Malta dai Paesi UE e dai Paesi non UE in lista II allegato C del provvedimento UE:

    Regole di ingresso a Malta dai Paesi non UE  fuori lista II allegato C del provvedimento UE:

    Aggiornamento 2008:
    The Pet Travel Scheme and Malta's entry in the European Union
    Pet animals entering Malta from qualifying countries without geographical boundaries (for example the United Kingdom, Republic of Ireland, Australia, New Zealand) which have been vaccinated against Rabies but not blood-tested or else have not yet satisfied the six-month requisite following the blood test will be kept quarantined for 21 days.
    These pet animals may be brought into Malta at least 21 days after the Rabies vaccination.
    Pet animals entering Malta from qualifying countries with geographical boundaries, (for example qualifying countries in the mainland of the European continent) which have been microchipped, vaccinated against Rabies and blood tested (the result of the test must show that the pet animal has an antibody titre equal to or greater than 0.5 IU/ml) but have not yet satisfied the six-month requisite will be kept in quarantine for 30 days. These pet animals brought into Malta must have a minimum age of 9 months.
    Pet Animals entering Malta from certain non-qualifying countries
    A) Eastern EU Member States: Czech Republic Estonia Hungary Latvia Lithuania Poland Slovakia Slovenia
    B) Third Countries: Countries Aruba French Guyana Greenland Netherland Antilles Croatia Faroe Islands Grenadines St. Pierre & Miquelon
    Although the countries listed above do not qualify for the Pet Travel Scheme, (the above countries are not included in the list of qualifying countries in the Legal Notice 169/2001) pet animals originating from these countries which have been microchipped, vaccinated against rabies and blood tested (the result of the test must show that the pet animal has an antibody titre equal to or greater than 0.5 IU/ml) will be kept in quarantine for 30 days instead of six calendar months. The pet animals brought into Malta from the above countries must have a minimum age of 9 months.
    Pet Animals entering Malta from Non-Qualifying Countries
    Pet animals entering Malta from non-qualifying countries outside the list in the previous paragraph, (as well as pet animals entering Malta from qualifying countries or from any of the countries in the list of the previous paragraph but which have been outside the qualifying countries or the countries in the mentioned list of the previous paragraph) during the last six months prior to their entry in Malta, will be kept in quarantine for six calendar months, irrespective of any microchipping, vaccinations and blood tests carried out.

    Gli animali domestici possono permanere nell'isola sino alla scadenza delle vaccinazioni.

    Aggiornamento aprile 2006: Gli animali (solo cani e gatti, no furetti e roditori), per non rimanere in quarantena nell'Isola di Malta, Marsa e Albertown, devono provenire dai Paesi aderenti al Pets Travel Scheme UE (l'Italia è compresa)
    Gli animali in ingresso da Paesi terzi possono essere messi in quarantena per sei mesi, e hanno bisogno di una licenza d'importazione rilasciata dal "Food and Veterinary Regulation Division".
    Per maggiori e più dettagliate informazioni, rivolgersi a Ms Lucienne Cassar (la persona di riferimento al F.V.R.D.), chiamando ai n° 00356-21225638 ext.371, oppure al n° 00356-21225930 ext.371, o ancora al n° 00356-21225363 ext.371 o 00356-21243785 ext.371, dalle 8:00 alle 14:00 o mandando un fax al n° 00356-21238105, o per mail: luciennecassar@gov.mt.

    Modulo di richiesta ufficiale (Paesi terzi) per l'ingresso a Malta

    I proprietari provenienti dai Paesi inclusi nel PETS (Pets Travel Scheme della UE) muniti di Passaporto UE devono sapere che l'ufficiale veterinario addetto all'aeroporto è disponibile a rilasciare l'animale da lunedì a venerdì dalle 7:00 alle 14:00, escluse le feste pubbliche. Quindi se l'ora di arrivo del volo a Malta non dovesse coincidere con questa disponibilità l'animale sarà mantenuto in quarantena a Luqa fino al primo giorno lavorativo libero.

    PROTOCOLLO DA SEGUIRE (Paesi terzi)
    I proprietari di animali domestici devono notificare al F.V.R.D. (Food and Veterinary Regulation Division), la data e l'ora di arrivo a Malta con il loro animale. Quindi obbligati a contattare Ms. Cassar o qualcuno dell'ufficio quarantena al n° 00356-21224236, nel momento in cui il volo viene confermato. L'arrivo a Malta deve essere notificato al FVRD non più tardi di 48 ore prima che l'animale inizi il suo viaggio verso Malta.

    PROCEDURA
    Chiedi al tuo veterinario di:
    - microchippare l'animale
    - vaccinarlo dopo il microchip segnando la data, il tipo di vaccino, batch number, data richiamo analisi del sangue trenta giorni dopo
    - rilasciare un certificato ufficiale sei mesi dopo

    Quindi, il tuo animale ha bisogno di:
    - certificato di buona salute (timbrato e firmato da un veterinario iscritto all'albo ...), valido per il solo periodo di tempo specificato dalla scadenza delle vaccinazioni
    - analisi del sangue
    - antirabbica
    - vaccino contro varie malattie e parassiti ("Tapeworm": tenia ?)
    - libretto sanitario
    - identificazione microchip
    - test sangue successivo a sei mesi dopo l'antirabbica per constatare sufficiente protezione contro la rabbia, con valore pari a 0.5 iu/mg

    Regolamentazione dell'entrata a Malta dei cani cosiddetti "pericolosi"


    Ingresso carraio del porto commerciale di Malta (Valletta):
    due innamorati sono stati alloggiati accanto...
    - Foto di Raffaell@

  • Marocco

    Aggiornato al 26-08-2015

    Certificato di buona salute internazionale rilasciato almeno 10 giorni prima e certificato di vaccinazione antirabbica rilasciato tra 1 e 6 mesi prima della partenza.

  • Martinica

    Aggiornato al 01-06-2016

    E' un'isola francese molto accogliente con gli animali. Serve il Passaporto UE ed un certificato di buona salute emesso da meno di 8 gg dal vostro veterinario.

  • Messico

    Aggiornato al 23-01-2016

    Cani e gatti: possono essere importati (massimo 2 cani o gatti a persona) se accompagnati da libretto sanitario in regola con i vaccini di routine ed un certificato sanitario rilasciato da un veterinario in data non precedente a 10 gg. prima dell'arrivo in Messico oltre al certificato di vaccinazione antirabbica.
    NOTA: Sebbene in Messico non sia molto diffusa, la "mange" è presente a Cuba e se vi recate sull'isola ci sono molte probabilità che il vostro animale contragga questa malattia. Semplicemente toccando un animale contagiato potreste passare la malattia al vostro pet.
    Non è possibile entrare in Messico con altre specie animali. Tutti gli uccelli, compresi i pappagalli, devono essere accompagnati da un certificato sanitario rilasciato da un veterinario.
    Indirizzi utili: Secretaria de Agricultura, Ganaderia y Desarollo Rural Direccion General de Inspeccion Fitozoosanitaria
    Insurgentes Sur 476, 13° Col. Roma Sur - 06760 Mexico D.F.

  • Moldavia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani e gatti: certificato di buona salute, vaccinazioni, tassativa l'antirabbica (Tel. al Consolato per sapere quali sono richieste, 02/480.10.473 al mattino fino alle 12.30). Poi la documentazione va fatta avere all'Ambasciata a Roma (Ambasciata della Rep. di Moldova a Roma: Via Montebello 8 - 00185 Roma - Tel: 06/478.24.400 Fax 06/478.81.092) che provvederà a rilasciarvi il permesso d'ingresso per il quattrozampe. L'attestazione dell'antirabbica sul Passaporto Europeo è ovviamente considerata valida.
    E' opportuno mettersi d'accordo con gli uffici per la modalità di consegna (di persona o via fax) e fare le pratiche un paio di mesi prima della partenza, (mettetevi d'accordo con l'Ambasciata per le date) perchè il permesso vale un mese da quando è stato rilasciato. (aggiornato a gennaio 2007)

  • Montenegro

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE, ovviamente con antirabbica attiva. Non vi sono restrizioni pet i cani considerati "pericolosi" (info da noi richieste al Consolato, maggio 2006)

  • Montserrat

    Aggiornato al 26-08-2015

    Per l'ingresso è necessaria la quarantena. Non si tratta di un Paese accogliente per chi viaggia con animali domestici.

  • Nigeria

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani, gatti e animali domestici in generale, devono avere un certificato di buona salute e l'antirabbica effettuata da almeno 10 giorni antecedenti l'arrivo in Nigeria. Gli animali saranno visitati all'arrivo da un veterinario. E' necessario fornire in anticipo i dati completi dell'animale per richiedere il permesso di entrata. Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C
    Ambasciata Repubblica Federale di Nigeria - Roma, via Orazio 18 - Tel. 06/6896672-6896243-6896249-6896231 Fax 06/6832528
    e-mail: nigerian.rome@iol.it - Sito web: www.nigerian.it
    Consolato - Via Cassiodoro, 1 00193 Roma - Tel: 06/683931-6896243-68308514 Fax 06/6832528 e-Mail: embassy@nigerian.it
    - giugno 2007

  • Norvegia

    Aggiornato al 28-06-2016

    Dal 1 ° maggio 2013 i requisiti per portare animali da compagnia in Norvegia sono i seguenti:
    Da paesi UE e Andorra, Svizzera, Islanda, Liechtenstein, Monaco, San Marino, Città del Vaticano:
    - Passaporto UE
    - Microchip.
    Per gli animali che sono stati identificati dopo il 3 luglio 2011, l'unico documento di identità valido è il microchip (gli animali che sono stati identificati con il tatuaggio prima di questa data sono accettati a condizione che il tatuaggio sia ancora leggibile). Il numero identificativo deve essere inserito nel passaporto. Il microchip / transponder deve essere impiantato prima che l'animale sia stato vaccinato contro la rabbia. Il primo vaccino antirabbia deve essere somministrato almeno 21 giorni prima dell'arrivo. L'animale deve essere identificato prima che le modifiche siano inserite nel passaporto.
    - I cani devono essere trattati con un medicinale contenente praziquantel contro l'Echinococcus multilocularis, minimo 24 e massimo 120 ore prima dell'arrivo. In alternativa si accetta che i cani possano essere trattati ogni 28 giorni, per tutto l'anno. In questo caso prima di entrare in Norvegia gli animali devono essere stati trattati due volte nel giro di 28 giorni, e il trattamento deve poi continuare regolarmente. Il trattamento contro la tenia deve essere attestato nel passaporto da un veterinario. Una volta arrivati ​​in Norvegia, il conduttore deve contattare il servizio veterinario di dogana alla frontiera.
    Eccezioni:
    I cani provenienti direttamente dalla Finlandia, Regno Unito, Irlanda e Malta non hanno bisogno di essere trattati contro l'Echinococcus multilocularis. I cani che entrano dalla Svezia non hanno bisogno di vaccino contro la rabbia e il conduttore non ha bisogno di contattare la dogana alla frontiera. I cani importati dalla Svezia devono essere trattati contro la tenia e il trattamento deve essere documentato nel passaporto. La stessa cosa vale per i cani provenienti da altri paesi dell'UE. I gatti provenienti dalla Svezia non hanno bisogno di vaccino contro la rabbia, né microchip o trattamento contro la tenia. I gatti provenienti da altri Stati membri non hanno bisogno di trattamento contro la tenia, ma devono essere identificati con microchip e passaporto. Hanno anche bisogno di essere vaccinati contro la rabbia.

    Dai paesi terzi in lista C allegato II del regolamento UE: Le regole sono le stesse che per gli animali provenienti da paesi dell'UE, tranne che avrete bisogno di un veterinario ed un certificato sanitario se non disponete di un passaporto UE. Gli animali devono essere controllati da un veterinario al confine. L'Autorità per la sicurezza alimentare norvegese (NFSA) deve essere notificata con almeno 48 ore prima della data di arrivo. Se l'animale è stato controllato in un altro paese dell'UE (punto di accesso) può entrare in Norvegia senza contattare la NFSA. Da paesi terzi fuori lista C allegato II del regolamento UE: - Certificato veterinario (o passaporto) - ID (microchip). Stessi requisiti per gli animali provenienti da paesi dell'UE. - Trattamento contro multilocularis Echinococcus tra 24 e 120 ore prima dell'arrivo. Non è più richiesta la quarantena per gli animali provenienti da paesi terzi fuori lista. Ciò che è necessario, oltre a microchip, il certificato di buona salute e il trattamento contro la tenia, è ciò che segue: - Vaccino contro la rabbia - Campione di siero per il controllo degli anticorpi prelevato dopo 30 giorni dal vaccino, quindi bisogna aspettare 90 giorni dopo l'arrivo del referto con test positivo (superiore a 0,5 IE / ml) prima di entrare in Norvegia. - Certificato di buona salute, se non si dispone di un Passaporto UE L'autorità norvegese per la sicurezza alimentare deve essere notificata almeno 48 ore prima dell'arrivo, e si deve arrivare in Norvegia attraverso Oslo (Gardermoen) o Storskog (nord della Norvegia). Per maggiori informazioni rivolgersi in inglese a: Mattilsynet, (Norwegian Animal Health Autorithy) Ullevålsveien, 76. NO-0454 OSLO Tel: +47 23 21 68 00 Fax: +47 23 21 68 01
    Sito web: www.mattilsynet.no
    oppure: Reale Ambasciata di Norvegia a Roma Via delle Terme Deciane 7 00153 ROMA Tel: 06 57 17 031 Fax: 06 57 17 03 26 E-mail: emb.rome@mfa.no
    Sito web: www.amb-norvegia.it

    Regolamentazione dell'entrata in Norvegia dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Nuova Zelanda

    Aggiornato al 26-08-2015

    Per entrare in Nuova Zelanda con il vostro cane è necessario compilare prima di partire un modulo per ottenere il permesso di importazione. La richiesta deve essere presentata al Ministero dell'Agricoltura e della Silvicotura che ha sede nella capitale, Wellington. Il vostro cane dovrà avere almeno 9 mesi e ovviamente dovrà essere riconoscibile attraverso il codice identificativo presente nel microchip. Una volta in Nuova Zelanda vi saranno richiesti tutti i certificati indispensabili per entrare nel paese e successivamente il vostro cane dovrà essere messo in quarantena per almeno trenta giorni e in ogni caso a discrezione delle autorità veterinarie locali.
    Segnalatoci da: Riccardo, che vi ha passato del tempo in vacanza - ottobre 2008

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Paesi Bassi

    Aggiornato al 26-08-2015

    passaporto UE
    Nel caso in cui il vostro cane o gatto abbia meno di tre mesi e che per questo non possa avere fatto la vaccinazione antirabbica, non sarà accettato in Olanda.
    Un gatto o un cane di meno di 3 mesi potrà entrare nel paese solo se vaccinato con vaccino indebolito almeno 30 gg e al massimo 3 mesi prima del passaggio della frontiera;
    Un gatto o un cane di più di 3 mesi deve essere stato vaccinato almeno 30 gg a al massimo 1 anno prima del passaggio della frontiera.
    Il numero di animali è limitato a due per persona.
     

    Regolamentazione dell'entrata in Olanda dei cani cosiddetti "pericolosi"

    Non ci sono controlli, alle frontiere con il Belgio ed il Lussemburgo, sull'importazione di cani e gatti provenienti da questi paesi.

    L'importazione di scimmie è vietata. Ogni famiglia può importare al massimo due animali della famiglia dei pappagalli. Deve essere esibito un certificato di buona salute rilasciato meno di 2 settimane prima dell'arrivo. Per regolamenti concernenti altri animali contattare il consolato olandese.

  • Panama

    Aggiornato al 26-08-2015

    Requisiti per l'importazione di cani e gatti

    1. Certificato di vaccinazioni:

    -Rabbia
    -Cimurro
    -Parvovirus
    -Leptospirosi
    -Epatite
    (vaccinazione CHPPI + antirabbica)

    2. Certificato veterinario di buona salute vidimato dal Consolato di Panama del Paese di origine.

    Orario del medico veterinario per l'ingresso - dal lun al ven dalle 07:00 alle 23:00
    Nel caso in cui l'ingresso venga effettuato al di fuori dell'orario di servizio del medico veterinario sarà applicato quanto stabilito dal Decreto 25 del 31-01-2002, art. 5 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di Panama n. 24488.

  • Perù

    Aggiornato al 26-08-2015

    I cani devono essere provvisti del certificato di buona salute rilasciato da un veterinario abilitato del paese d'origine. E' necessario avere anche il certificato di vaccinazione antirabbica. I certificati devono essere vistati dal Consolato peruviano. Può essere importato un solo cane per persona. In generale è possibile importare un solo animale per persona. In accordo con la Risoluzione 308-2003 del Servicio de Sanidad Agraria del Perú, è proibito l'ingresso nel territorio peruviano di felini domestici e selvatici vivi provenienti dai seguenti Paesi: Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Liechtenstein, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Rep. Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti e Svizzera.
    - aggiornato a settembre 2007

  • Polonia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE. Certificato di vaccinazione antirabbica effettuata da non meno di 30 giorni e non più di un anno dall'ingresso nel Paese. Per i gatti da non più di 6 mesi.

  • Porto Rico

    Aggiornato al 26-08-2015

    Qui gli animali sono molto ben accetti. Vi servirà un certificato di buona salute redatto dal vostro veterinario.

  • Portogallo

    Aggiornato al 15-06-2016

    passaporto UE

    Non è più vietata l'entrata di animali nelle isole Azzorre (aggiornamento aprile 2006-uniformazione al passaporto UE).

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"
     


    Questo è Strike, il bau (cão de agua)
    del nostro amico Luis che ci legge dal Portogallo

  • Repubblica Ceca

    Aggiornato al 26-08-2015

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE. Necessario certificato veterinario per l'ingresso di uccelli e di roditori se il soggiorno sarà di oltre 30 giorni.
    Indirizzo utile: Statni veterinarni sprava CR - Tesnov 17 - 110 00 Praga 1 - tel. 02-21811111 fax. 02-2318282

  • Repubblica Dominicana

    Aggiornato al 25-04-2016

    Servono i seguenti documenti:
    Gatti:
    a) Antirabbica inoculata 30 giorni prima della data di arrivo sull'isola.
    b) Certificato di buona salute prodotto non prima di 15 giorni dalla data di arrivo sull'isola.
    Cani:
    a) Antirabbica, trivalente e vaccino contro la parvovirosi certificate nel carnet internazionale sanitario e datate max. 30 giorni prima dell'arrivo sull'isola.
    b) Certificato di buona salute prodotto non prima di 15 giorni dalla data di arrivo sull'isola.

    Vi sarà un controllo da parte di un veterinario in aeroporto (costa 10 $) che attesterà che l'animale è in buona salute. Se il veterinario non troverà l'animale in buona salute, lo stesso verrà inviato alla stazione di quarantena DEPARTAMENTO DE CUARENTENA ANIMAL, DIRECCIÓN GENERAL DE GANADERÍA - Autopista 30 de mayo, Ciudad Ganadera, Santo Domingo
    Tel: (809) 535-9689, Ext. 230 e-mail:​ cuarent.animalrd@gmail.com
  • Romania

    Aggiornato al 15-06-2016

    Cani, gatti ed altri animali domestici hanno diritto ad entrare in Romania se l'accompagnatore è in possesso del certificato di buona salute (se in inglese, francese o tedesco non è necessaria la traduzione) rilasciato da un veterinario e datato non oltre 10 giorni, ed è obbligatoria la vaccinazione antirabbica, effettuata da min. 1 mese fino ad un max. di 6 mesi.

  • Russia

    Aggiornato al 25-04-2016

    E' necessario un certificato internazionale di buona salute, da fare presso il Veterinario ASL. Il Passaporto UE va bene, con la parte sull'attestazione di buona salute (una delle righe a pagina 18-19) compilata.

  • Saint Kitts e Nevis

    Aggiornato al 26-08-2015

    Gli animali domestici provenienti dalla Gran Bretagna, dalla Nuova Zelanda e dall'Australia sono ammessi con un certificato di buona salute da presentare al Government veterinary office.
    Gli animali provenienti dagli altri Paesi devono fare una quarantena di 6 mesi a spese del proprietario.
    E' ammesso l'accesso dalle vie d'acqua con barche private a condizione che il cane NON scenda dalla barca.

  • Santa Lucia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Gli animali domestici provenienti dalla Gran Bretagna, dalla Nuova Zelanda e dall'Australia sono ammessi con un certificato da presentare al Government veterinary office.
    Gli animali provenienti dagli altri Paesi devono fare una quarantena di 6 mesi a spese del proprietario.
    E' ammesso l'accesso dalle vie d'acqua con barche private a condizione che il cane NON scenda dalla barca.

  • Serbia

    Aggiornato al 12-02-2016

    Passaporto UE in corso di validità, ovviamente con antirabbica attiva. Non vi sono restrizioni pet i cani considerati "pericolosi" (info da noi richieste al Consolato, maggio 2006)
    Link al modulo da compilare per l'importazione di animali domestici (per chi risiede in un Paese fuori UE, quindi non in possesso del Passaporto UE)

  • Siria

    Aggiornato al 26-08-2015

    E' necessario avere con sè il Certificato di Buona Salute emesso nel Paese d'origine, tradotto in inglese e autenticato (Prefettura). Per cani e gatti, è necessaria l'antirabbica attiva.
    Può essere usato il Passaporto UE (valido, quindi con antirabbica attiva), autenticato.
    Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C
    Ambasciata e Consolato della Siria - Piazza D'Ara Coeli, - 00186 Roma Tel: 06 6797791
    Aggiornato a febbraio 2007

  • Slovenia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE

  • Spagna

    Aggiornato al 26-08-2015

    Vietata l'entrata di cani e gatti fino ai tre mesi di età. Oltre i 3 mesi di età, è necessario il passaporto UE (aggiorn. novembre 2007)

    Regolamentazione per l'entrata in Spagna dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Sri Lanka

    Aggiornato al 11-01-2015

    The procedure and the requirements for importation are as follows:
    Application
    The applicant should forward the application form using Form I, to the Director General, Department of Animal Production and Health (Contact, Director/VRA 0094 81 2389342), a minimum of two (02) weeks prior to intended date of import.
    Health Requirements
    Health requirement for the importation of dogs and Cats into Sri Lanka are as follows
    2.1 Dogs
    The importer should forward an International Veterinary Certificate issued by the Government Veterinary Authority in  the exporting country  of dogs attesting that;
    Dog has been kept in the exporting country  since birth or for the  six (o6) months period immediately prior to export to Sri Lanka ;
    Dog was found to be free of any infectious or any contagious diseases at the time of   dispatch;
    The animal was  not in contact with any animals showing any clinical sign of any infectious or contagious disease including Aujeszky's disease, Filariasis, Leptospirosis, Rabies, Canine distemper, Infectious hepatitis, Canine parvo virus infection, and Dermatomycosis for a period of minimum three (03) months immediately prior to embarkation;
    The exporting country  of the animal is either free from rabies. If not, the origin of the animal is an area free from quarantine restrictions for rabies and not within a radius of  25 km from the nearest known case of rabies during the period of minimum six (06) months immediately prior to embarkation;
    The exporting country  of the animal is free from heartworm (Dirofilaria immitis)  infestation, Leishmaniasis. For heartworm infestation, a test have been carried out with negative test result if not country free status should declared by a government veterinarian. The dog is free from any blood parasite.
    The animal was vaccinated against Rabies using an anti-rabies vaccine conforming to the potency standard given by the World Health Organization (WHO), not less than thirty (30) days and not more than six (06) months immediately prior to embarkation;
    In case of puppies under the age of three (03) months, the dam of the animal had (30) days but not less than six (06) months prior to the birth of this animal;
    The animal was  vaccinated using recognized vaccines against Canine distemper, been vaccinated against rabies using an approved anti-rabies vaccine, at least thirty Infectious hepatitis, Leptospirosis, Canine parvo virus infection not less than twenty one (21) days and not more than four (04) months immediately prior to embarkation;
    The animal was  treated within seven (07) days prior to shipment with a broad- spectrum anthelminthic recognized for its ability to eliminate internal helminths of dog.
    The animal was treated for external parasites within seven (07) days immediately prior  to shipment using a reliable parasiticide.
    2.2. Cats
    The importer should forward an International Veterinary Certificate issued by the Government Veterinary Authority in  the exporting country  of cats attesting that;
    The cat is clinically healthy, free from signs of any infectious and contagious diseases at the time of dispatch;
    The cat  was not in contact with any animal showing any clinical signs of any infectious or contagious disease including rabies, Aujeszky’s disease, Filariasis, Leptospirosis for a period of minimum three (3) months immediately prior to embarkation;
    The  cat has been vaccinated using recognized vaccines against feline  panleucopaenia and rabies not less than 30 days and not more than 06 months immediately prior to embarkation;
    The cat has been  treated for intestinal parasites using  a broad- spectrum anthelmintic and, treated for external parasites within seven (07) days immediately prior to shipment using a reliable parasiticide;.
    The  cat has been free from any blood parasite.
    Issuing of Permits
    Once the application is reviewed , DG /DAPH will issue the permit. The permit issued to applicant/importer is valid for 90 days from the date of issue.
    Quarantine Inspection
    Upon arrival of animals the importer should forward the originals of the  International Veterinary Certificates fulfilling  requirements stated in the section(2) of this document,  to the Animal Quarantine Officer, Katunayake Airport;
    Imported dogs/cats will be subjected to quarantine inspection at the Airport. If necessary samples will be taken for investigation;
    Imported dogs/cats  will be subjected to an post-export quarantine period of thirty days (30) in the "owners premises".  For this purpose, the importer should sign the Quarantine Surveillance Agreement with the Animal Quarantine Officer, Katunayake, at the time of importation
    The exact location (address and the Tel. No) of the premises where imported dogs /cats intended to be kept,  should be stated by the importer in the quarantine surveillance agreement.
    Other Information
    The cats are not allowed to import from  BSE ( Bovine Spongiform Encephalopathy /mad cow disease) infected  countries.
    Last Updated: Wednesday, 20 June 2012
  • St Marteen

    Aggiornato al 26-08-2015

    Isola olandese molto accogliente per gli animali domestici: molti hotel li ammettono.
    Serve un certificato di buona salute prodotto entro 7 giorni dalla data di arrivo sull'isola ed il Passaporto UE.

  • Stati Uniti

    Aggiornato al 26-08-2015

    Cani e gatti sono controllati all'arrivo. Tutti i cani di 3 mesi o piú devono avere la vaccinazione contro la rabbia effettuata almeno un mese prima e non piú di 12 mesi prima del loro ingresso.
    Il certificato di vaccinazione contro la rabbia deve fornire dettagli inerenti al vaccino e all'animale. Se non si dispone di documenti validi per l'animale, è prevista una quarantena di almeno 30 giorni e vaccinazioni entro 4 giorni dal suo arrivo.
    Nessuna vaccinazione è necessaria per i gatti.
    I gatti e cani importati dalle Hawai, Guam e Samoa americane sono messi in quarantena (per 120 giorni nelle Hawai).
    Altri animali:
    E' possibile importare al massimo 2 volatili, ma esclusivamente da un ingresso di frontiera dove è presente un veterinario della APHIS. E' possibile importare tartarughe se il carapace non supera i 10 cm di lunghezza, ed esclusivamente per scopi non commerciali.
    E' possibile importare pappagalli. Tutti gli uccelli (tranne alcuni del Canada) devono essere accompagnati da un certificato di buona salute rilasciato da un'autorità ufficiale del paese di origine al massimo 30 giorni prima del loro ingresso negli Stati Uniti e devono essere messi in quarantena in uno dei servizi di quarantena del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.
    Non è possibile importare scimmie.
    Indirizzi utili:
    USDA - APHIS Veterinary Services National Center for Import and Export (NCIE)
    4700 River Road, Unit 40 - Riverdale MD 20737 - 1231 - Tel. 301-734-7830
    http://www.cdc.gov/ncidod/dq/animal.htm
    Center for Disease Control and Prevention
    http://www.cdc.gov.


    Se volete recarvi dagli Stati Uniti in Canada, dovete possedere un certificato che identifichi precisamente il cane/gatto, prodotto dal veterinario, e che attesti che l'animale è stato vaccinato contro la rabbia nei precedenti 12 mesi.
    Informatevi presso le Ambasciate o i Consolati: le varie regioni canadesi possono avere leggi diverse.
    Se volete recarvi dagli Stati Uniti in Messico, dovete avere con voi un certificato di buona salute prodotto dal veterinario al massimo 2 settimane prima di passare il confine. Il certificato deve includere una descrizione accurata dell'animale, il numero di lotto e la marca del vaccino antirabbico e degli altri vaccini e un'attestazione che dichiari che l'animale non presenta segni di virosi o infezioni di qualsiasi tipo. Il certificato va prodotto in USA nel U.S. Department of Agriculture (USDA). Costa $16.50.

  • Sud Africa

    Aggiornato al 17-01-2013

    Link al sito del Ministero sudafricano inerente le norme di ingresso di animali domestici

  • Svezia

    Aggiornato al 01-08-2017

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE. Occorre dichiarare l'ingresso dell'animale domestico in entrata alla frontiera del Paese (qualora sia presente personale addetto).

    Per ulteriori informazioni (ingresso da un Paese UE verso la Svezia e disponibili info anche per chi proviene da altri Paesi) è disponibile questa pagina con informazioni in lingua inglese - aggiornato 2017

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Svizzera

    Aggiornato al 05-07-2016

    Dall'aprile 2006, Passaporto UE.
    Possono essere importati senza certificato di vaccinazione antirabbica:
    - i cani e i gatti provenienti da paesi esenti dalla rabbia e nei quali la vaccinazione antirabbica e' vietata (Australia, Nuova Zelanda);
    - i giovani cani e gatti fino eta' di 5 mesi con un certificato di buona salute stilato da un veterinario (indicante ovviamente l'età dell'animale) e provenienti da un paese europeo (ad eccezione della Turchia e degli stati dell'ex Unione Sovietica), dagli Stati Uniti d'America, dal Canada, dall'Australia e dalla Nuova Zelanda;
    - i cani e i gatti trasportati senza scalo attraverso la Svizzera per ferrovia o per via aerea.
    L'importazione di cani con orecchie tagliate è vietata se gli animali hanno meno di 5 mesi. I giovani cani di detentori stranieri che soggiornano temporaneamente in Svizzera sono esclusi da questo divieto d'importazione.
    Da: Ufficio federale svizzero di veterinaria

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Tanzania

    Aggiornato al 26-08-2015

    (Valido anche per ZANZIBAR)
    E' possibile importare animali domestici, con il certificato sanitario e le vaccinazioni in regola. Cani e gatti devono essere vaccinati contro la rabbia almeno da un mese e da non più di 3 anni dall'ingresso in Tanzania. Il permesso di ingresso si ottiene scrivendo alla Direzione dei servizi veterinari: Director of Veterinary Services in Tanzania, Ministry of Water and Livestock Development - Temeke Veterinary Office, PO Box 9152 - Dar es Salaam, Tanzania - Tel: +255 22 2862592; Fax +255 22 2862538 e-mail: zoosanitary@mifugo.go.tz oppure epid1@mifugo.go.tz, georgemwaka86@yahoo.com. Nella lettera di richiesta va specificato: tipo e razza dell'animale, età, città di arrivo in Tanzania, ed è necessario allegare i certificati di vaccinazione. Sono raccomandate le vaccinzaioni di routine (Parvovirosi, Leptospirosi, Epatite, Cimurro). I cuccioli devono essere vaccinati dall'età di 5 a 7 settimane e devono fare il richiamo due settimane dopo e sei settimane dopo. L'antirabbica dev'essere fatta con la terza vaccinazione, dopo sei settimane. La profilassi antielmintica (contro i vermi) dev'essere fatta ogni 3 mesi oppure possono essere somministrate pastiglie antielmintiche ogni 45 giorni. Se il richiedente ha amici in Tanzania, può essere utile farsi aiutare per la consegna della documentazione. Gli animali in entrata sono visitati da un veterinario all'arrivo e potrebbero essere, se non in buona salute, messi in quarantena. Se volete ripartire con il vostro animale dovrete avere un permesso di esportazione. Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C allegato II. - maggio 2007

  • Thailandia

    Aggiornato al 07-02-2016

    Per l'entrata, certificato di buona salute fatto da meno di 7 gg dall'arrivo nel Paese e vaccinazioni complete - ANTIRABBICA FATTA DA ALMENO 15 GIORNI - è presente la rabbia sul territorio thailandese, in maniera significativa.
    Se l'animale all'arrivo in aereoporto in Thailandia mostra malessere, può essere messo in quarantena, a spese del viaggiatore che lo conduce. Se l'animale resterà in Thailandia più di 6 mesi, gli verrà fatto un permesso doganale, le cui spese saranno a carico del proprietario. Se l'animale resterà meno di 6 mesi, sarà esente dalle tasse doganali, ma verrà comunque richiesto di firmare una certificazione e verrà richiesta una somma a titolo di deposito.
    Dogana Aereoporto di Bangkok Tel: 02-535 1269 - www.customs.go.th
    Bureau of Disease Control and Veterinary Services - Department of Livestock Development - Phayathai road, Ratchtavee - Bangkok 10400.
    Tel. (02) 653-4550 - 7 ??? 4175 Fax. (02) 653-4929 - e-mail: quarantine_dcontrol@dld.go.th
    Il clima è caldissimo e umidissimo: cani e gatti, soprattutto a pelo lungo, non saranno a loro agio, e andranno tenuti buona parte del tempo in un ambiente con aria condizionata, altrimenti avranno problemi di intestino e saranno letargici - attenzione alle zecche, ed alle pulci, che nei climi tropicali trovano un ottimo ambiente per riprodursi ed infestare gli animali. Attenzione alla leishmaniosi ed alla filariosi, nonchè alla dengue, infezione da zanzare rischiosa anche per gli esseri umani. L'animale NON dovrà bere acqua dalle pozzanghere nè mangiare spazzatura per la strada.
    Per il ritorno in Italia, si devono preparare le documentazioni come per l'arrivo da Paesi terzi (non UE) quindi prima di partire dall'Italia è utile fare la titolazione degli anticorpi antirabbia, e seguire il protocollo (V. ns sito), affinchè in aereoporto, al rientro, tutto sia in regola. - aggiornamento ottobre 2006


    Attenti al cane - Thailandia
    Foto di Massimo M. per Dogwelcome - 2011

  • Trinidad e Tobago

    Aggiornato al 26-08-2015

    Non molto accoglienti per chi viaggia con animali domestici, a meno di non arrivare con una barca e pernottarvi con il cane/gatto.
    Il Ministero dell'Agricoltura può essere contattato al Tel.: 868-622-1221.

  • Tunisia

    Aggiornato al 26-08-2015

    Animali domestici come cani e gatti possono essere importati per ragioni di turismo se il conduttore è in possesso di un certificato di vaccinazione antirabbica, la quale deve essere stata effettuata da minimo un mese e massimo 6 mesi prima dell'arrivo nel Paese.
    E' necessario anche il certificato di buona salute (riscontrata da almeno 6 settimane prima dell'arrivo nel Paese dal Vs veterinario). Vietato l'ingresso in Tunisia dei cani da caccia.
    Info: Ministère de l'Agriculture, Direction Générale des Services Vétérinaires - 30, rue Alain Savary - 1002 Tunis (TUNISIE) - Tel. 71/786833
    e-mail: mag@ministeres.tn

    Regolamentazione per l'entrata dei cani cosiddetti "pericolosi"

  • Turchia

    Aggiornato al 23-01-2016

    Possibile l'ingresso di animali domestici (cani, gatti) con certificato veterinario di buona salute, emesso da non oltre 15 giorni. La vaccinazione antirabbica dev'essere stata effettuata non oltre 6 mesi prima e da non meno di 15 giorni dall'arrivo nel Paese. E' necessario certificare anche l'anno di nascita dell'animale, ovvero lo stesso deve avere almeno 3 mesi.
    Con i documenti in regola, è possibile portare un cane, un gatto, un uccellino, e 10 pesci da acquario per persona nel Paese.

    Per entrare in Turchia è necessari il passaporto UE del pet, in ordine con le vaccinazioni (soprattutto quella antirabbica) e una dichiarazione in inglese su carta intestata del veterinario dello stato di buona salute dell’animale non anteriore a 10gg dalla data del viaggio di andata. Per rientrare in Italia, ovvero nella UE, essendo la Turchia un paese non armonizzato con la UE, è necessario avere il certificato della titolazione antirabbica. Tenete presente che in Turchia non esistono laboratori riconosciuti dalla UE in questo senso, quindi è necessario che portiate con voi il certificato uscendo dall’Italia. In Italia esistono solo 3 laboratori riconosciuti UE e sono a Teramo a Padova e a Roma. Se passate dal vs veterinario probabilmente l’iter richiederà circa 3 settimane di tempo. Un grazie ed una segnalazione della gentilezza al laboratorio di Padova per la tempestività con cui ha svolto le analisi con termini di urgenza! Fatta questa premessa, vi segnalo che nessuno a nessuna frontiera ci ha chiesto alcunè della soprannominata documentazione – ma abbiatela pronta che un controllo può significare per il cane il confino al canile locale fino a produzione della documentazione mancante.
    Monica, marzo 2011

    Per tutte le info sul Passaporto UE e gli indirizzi dei laboratori consultate questa sezione di Dogwelcome

  • Turks e Caicos

    Aggiornato al 23-01-2016

    Vi servirà un certificato di buona salute rilasciato dal vostro veterinario, emesso da meno di 8 gg dall'arrivo, ed il Passaporto UE.

  • Ucraina

    Aggiornato al 26-08-2015

    Gli animali domestici, inclusi furetti, conigli, pesciolini e canarini o pappagallini devono entrare in Ucraina con il certificato di buona salute rilasciato dal veterinario, redatto da non più di 10 giorni antecedenti l'arrivo nel Paese. E' altresì obbligatorio il libretto sanitario con le vaccinazioni effettuate, soprattutto per i coniglietti, i quali devono avere tassativamente fatto il richiamo, oppure la prima vaccinazione da non oltre 30 giorni. La vaccinazione antirabbica non è obbligatoria per l'ingresso in Ucraina dall'Italia, ma è sicuramente consigliata per recarsi in Ucraina, inoltre è richiesta al ritorno in Italia, fatta da almeno 30 gg e da meno di 365. Non è permessa l'entrata di piccioni, nè di cuccioli al di sotto dei tre mesi.
    Maggior info: Ministero dell'Agricoltura - Vul. Khreshchatyk, 24 - 252 2001 Kiev - Tel. +380 44/2263466 - 2262504 fax: 44/2298756

  • Ungheria

    Aggiornato al 26-08-2015

    Passaporto UE

  • Uruguay

    Aggiornato al 26-08-2015

    Ingressi nel Paese con provenienza dal MERCOSUR, dall'America e dall'Europa - CANI E GATTI: Occorre avere un certificato sanitario che attesti lo stato sanitario dell'animale e l'avvenuta vaccinazione antirabbica. Valido il Passaporto UE debitamente aggiornato. La documentazione va presentata all'Ufficio di Control Zoosanitario dipendente dal Ministero di Ganadería Agricultura y Pesca, al punto di ingresso nel territorio uruguayano.
    Ingressi nel Paese con provenienza da altri Paesi - CANI E GATTI: Occorre richiedere autorizzazione di ingresso in Uruguay ed a seconda del Paese di prvenienza verranno richiesti i requisiti da presentare prima dell'ingresso. Per altri animali (volatili, rettili, batraci, altri mammiferi) occorre richiedere autorizzazione al Ministero de Ganadería Agricultura y Pesca (MGAP- Departamento de Control de Comercio Internacional -Constituyente 1476 Piso 2 Tel. 412. 63.38). I controlli sanitari all'animale ed alla documentazione saranno realizzati dai servizi del Ministerio de Ganadería, agricultura y pesca al punto di ingresso nel territorio nazionale. Ugualmente, per il trasporto di animali vivi dall'Aeropuerto Internacional de Carrasco verso l'interno del Paese, al fine di evitare inconvenienti all'aereoporto di destinazione, e per sapere quali sono i requisiti da seguire per i trasporti in voli regionali e internazionali, contattare MGAP (Ministero de Ganadería Agricultura y Pesca) Ufficio centrale: 410-41-55 Ufficio presso Aereoporto: 604-03-20
    http://www.mgap.gub.uy

  • Venezuela

    Aggiornato al 26-08-2015

    Requisiti per l'ingresso: presentare al Dipartimento dell'Agricoltura, settore salute animale, un certificato di vaccinazioni fatte da almeno 6 mesi, timbrato da un veterinario. I cani devono essere tassativamente vaccinati contro il Parvovirus.
    Una volta ottenuto il lasciapassare dal Dipartimento, è necessario fare avere i documenti al Consolato o all'Ambasciata venezuelana. Il costo della pratica sarà di $70.00.
    http://www.mac.gov.ve/
    Ministerio de Agricultura y Cría - Av. Lecuna, Torre Este, Parque Central, Piso 6 - Caracas, 1050 - Venezuela
    Tel.: 509-03-576758 Fax: 5090258

  • Vietnam

    Aggiornato al 26-08-2015

    Tenete in conto che il vostro animale d'affezione potrebbe avere problemi di sicurezza in questo Paese. Ricordate che se il vostro cane o gatto si dovesse perdere, potrebbe finire nel piatto di qualcuno. Se non potete fare a meno di portare con voi il vostro animale, tenete anche presente che le condizioni di ingresso per gli animali d'affezione in Vietnam sono variabili ed applicate un po' a casaccio: la cosa più saggia è essere in possesso di tutta questa documentazione: Vaccinazioni in regola, antirabbica fatta da almeno 30 giorni prima del viaggio. Certificato di buona salute emesso da un veterinario non prima di una settimana antecedente il viaggio, tradotto in inglese, e timbrato. Prima di partire, inviare al Dipartimento Veterinario di Hanoi una lettera con i vostri dati ed i dati dell'animale che entrerà con voi nel Paese, ed inoltre le date di arrivo e di partenza. Assicurare che l'animale è stato vaccinato ed farà una visita veterinaria non più di una settimana prima del viaggio. Attendete la risposta del Dipartimento e portatela con voi da mostrare in dogana all'aereoporto. Vi sarà una tariffa da pagare. In ogni caso la lettera non sarebbe obbligatoria, ma è consigliabile averla per evitare qualsiasi tipo di problema. Per uscire dal Paese, dovrete avere un certificato di avvenuta antirabbica, fatta almeno un mese prima della partenza, se sono tre mesi è preferibile. Mostrate i documenti e il vostro animale alla Veterinary Station dell'aereoporto di Noi Bai per ottenere un certificato di buona salute qualche giorno prima della partenza (massimo 7 gg prima della partenza). Non vi è possibilità di comprare trasportini, ma potrete avere da un falegname una cassa di legno su misura con le feritoie per il passaggio dell'aria. Eventualmente Air France sul posto può procurare trasportini adatti. In ogni caso, fatevi dare una mano da un veterinario locale per tutte le procedure.
    Fonte: ambasciata USA in Vietnam - maggio 2006 - Per rientrare in Europa, serve anche il Passaporto UE con procedure di entrata da Paesi terzi fuori lista C

Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.