Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
MENU

Rubriche

Norme per cani considerati pericolosi - Svizzera

Cronistoria e info:
BERNA - 1-12-2005 -
Nonostante il dramma di Oberglatt (ZH), l'Ufficio federale di veterinaria (UFV) non emanerà nuove raccomandazioni più severe sui cani pericolosi. Quelle attuali sono sufficienti secondo la portavoce Cathy Maret. L'UFV rifiuta sempre ancora la proibizione di talune razze e la musoliera obbligatoria. La protezione delle persone contro i cani pericolosi è di competenza dei cantoni, ma l'UFV pubblica delle raccomandazioni. "Non esistono razze di cani più pericolose di altre", ha detto la portavoce all'ats: "ogni cane rischia di diventare pericoloso in certe situazioni". Per questo motivo, l'UFV non vuole raccomandare il divieto di determinati cani, né rendere la musoliera obbligatoria o imporre permessi speciali per i cani potenzialmente pericolosi. L'ufficio federale punta piuttosto sulla prevenzione presso i proprietari e fra i bambini, che rischiano più degli adulti di essere attaccati. L'allevamento di cani selezionati per la loro pericolosità dovrebbe essere presto proibita dalla riveduta legge sulla protezione degli animali. Il Consiglio federale ha inoltre deciso che dal 2006 tutti i cani dovranno essere muniti di un chip o portare un tatuaggio. Ciò dovrebbe facilitarne l'identificazione. Parallelamente, i cani saranno registrati in una banca dati che censirà gli incidenti e i comportamenti devianti. [fonte: Ticino online]

06-12-2005 - Cani pericolosi, luce rossa [fonte: swisstxt] - E' una legge che comporta pesanti oneri soprattutto per i comuni. Con questa motivazione la maggioranza del Governo ticinese ha affossato martedì, per la seconda volta, il progetto di legge cantonale promosso dalla direttrice del DSS Patrizia Pesenti che disciplina il possesso di cani aggressivi. Per l'esecutivo cantonale le nuove disposizioni, già bocciate lo scorso mese di dicembre (e tornate d'attualità dopo la tragedia di Oberglatt), vengono riproposte sull'onda dell'emotività. "Nessuno è contrario", si sostiene in Governo, ma entro fine gennaio saranno definite le nuove misure federali. Proposte cantonali e federali Diverse le novità indicate nel progetto di legge ticinese che disciplina la detenzione di cani pericolosi. Innanzitutto è prevista l'istituzione di un registro in cui verranno iscritti indistintamente tutti i cani. Per la loro identificazione sarà inoltre applicato un microchip all'orecchio. Sulle modalità di detenzione dei soggetti pericolosi vengono poi proposte campagne informative. Ma, soprattutto, si vogliono attribuire specifiche competenze ai comuni per circoscrivere le situazioni a rischio. Gli enti locali potranno così imporre la dotazione di recinzioni o prescrivere l'adozione di museruole, guinzagli, ecc. Ma ci si sta muovendo soprattutto a livello nazionale. E' infatti di lunedì la decisione dell'Ufficio federale di veterinaria di elaborare entro fine gennaio 2006 un pacchetto di misure per proteggere la popolazione dai cani pericolosi. Lo scopo è quello di introdurre rapidamente una regolamentazione uniforme in tutta la Svizzera, sulla scorta delle esperienze cantonali. Nella nuova versione della legge sulla protezione degli animali, in corso di definizione, si vuole in particolare vietare l'allevamento di cani (obbligatoria la castrazione) ai fini di accentuarne l'aggressività. Di sicuro entro fine 2006 tutti i cani dovranno essere registrati.

13 gennaio 2006: proposte sinora 13 razze per la regolamentazione che coprirà tutta la Svizzera entro fine mese.

Dal 1 gennaio 2006, in Vallese sono ad esempio vietate 12 razze di cani pericolosi. Nel mese di agosto dello scorso anno il canton Ginevra ha invece deciso di imporre a titolo transitorio una museruola per tutti i cani nei parchi pubblici. Misure analoghe sono allo studio anche nei cantoni Friburgo, Vaud, Giura, Berna, Zurigo e Basilea-città.

20 aprile 2007, ultime news: la lista dei cani considerati pericolosi in Svizzera sarà stilata Cantone per Cantone. 

27 aprile 2007
Il Canton Vallese può vietare i cani da combattimento

I cani pericolosi, come i Rottweiler, saranno messi al bando in Vallese.
Il Tribunale federale ha confermato la decisione del Canton Vallese di vietare dodici razze canine pericolose. La sentenza apre la possibilità per altri cantoni di adottare misure analoghe. La massima istanza giudiziaria svizzera ritiene che il divieto vallesano non sia anticostituzionale. I Pitbull e altri molossi rimarranno al bando in Vallese. Il Tribunale federale ha respinto un ricorso dell'associazione Canis, che contestava la decisione del governo vallesano di vietare dodici razze canine ritenute pericolose. A detta dei giudici competenti, la regolametazione introdotta nel canton Vallese non è né anticostituzionale, né arbitraria. Il verdetto della seconda sezione di diritto pubblico del Tribunale federale apre ora la strada a divieti analoghi in altri cantoni. Per il momento, il Vallese è il solo cantone svizzero ad aver adottato misure che proibiscono l'allevamento di alcuni tipi di cani da combattimento. Altri cantoni prevedono solo l'obbligo di ottenere un'autorizzazione. «Bisogna riconoscere che in questo ambito i cantoni hanno un ampio potere discrezionale», ha affermato il giudice federale Alain Würzburger, la cui proposta di respingere il ricorso è stata seguita dalla maggioranza dei suoi colleghi (4 contro 1). Di che si tratta?
Tribunale federale (TF) Razze più pericolose
Anche se tutti i cani possono mordere, ha sottolineato il Tribunale federale, le aggressioni da parte di esemplari di determinate razze possano causare ferite particolarmente gravi. Il fatto che l'elenco di razze pericolose sia discutibile e passibile di mutamenti non giustifica l'abolizione del divieto. Secondo i giudici federali, l'interesse ad impedire degli incidenti prevale sul diritto del singolo di allevare cani di qualsiasi razza. Tanto più che le aggressioni riguardano spesso i bambini e per gli allevatori rimane un'ampia scelta fra razze diverse di cani. La lista adottata dal governo vallesano comprende i pitbull, gli american staffordshire terrier, gli staffordshire bullterrier, i bullterrier, i dobermann, i dogo argentini, i fila brasileiro, i rottweiler, i mastiff, i mastini spagnoli, i mastini napoletani e i tosa. Chi possiede già un cane appartenente a una di queste razze deve sottoporlo ad un esame da parte di un veterinario. Il veterinario può decidere di far sopprimere il cane o di concedere al proprietario un permesso speciale. In questo caso il cane deve essere però sterilizzato.

8 maggio 2007
Museruola nei parchi di Ginevra solo per cani pericolosi

LOSANNA - I cani pericolosi dovranno continuare ad avere la museruola quando passeggiano nei parchi a Ginevra: lo precisa il Tribunale federale oggi, pubblicando le motivazioni della sua decisione resa il 17 aprile. I cani appartenenti alle razze considerate "innocue" sono invece esentati dal provvedimento. La Corte suprema ritiene ammissibile che la museruola possa essere imposta ai cani di una decina di razze pericolose e ai loro incroci, nonché agli animali il cui comportamento aggressivo è provato. Sarebbe invece arbitrario estendere l'obbligo a tutti i cani, indipendentemente dalla loro razza e pericolosità. Nel frattempo, il Gran consiglio ha adottato una nuova legge sui cani dalla quale è stato stralciato l'obbligo della museruola per tutti i cani, contestato al TF dalla Società per la protezione degli animali (SPA). Il testo sarà sottoposto in votazione popolare in giugno. I ginevrini decideranno in un secondo tempo della sorte di un'iniziativa che propone di vietare tutti i cani pericolosi, indipendentemente dalla loro razza.
SDA-ATS

Corriere del Ticino, 11.05.2007
Permesso speciale per i cani pericolosi
Il Governo zurighese ha presentato le novità della legge sui cani, che dovrebbero sostituire in via definitiva le misure urgenti prese dopo il dramma di Oberglatt

Un’assicurazione di reponsabilità civile obbligatoria per i proprietari di tutti i cani, l’obbligo di seguire appositi corsi per i padroni di questi quadrupedi di grandi dimensioni e un’autorizzazione speciale per poter tenere cani di razze considerate pericolose: sono queste le novità della legge sui cani che il governo del canton Zurigo sottopone all’esame dell Gran consiglio. Con la revisione di legge il governo zurighese reagisce al dramma di Oberglatt. Le prime misure urgenti erano state l’obbligo di mettere la museruola e di tenere al guinzaglio i cani di quattro razze considerate pericolose. Le novità della nuova legge non sono sostanzialmente cambiate rispetto al progetto messo in consultazione l’anno scorso. L’as­sicurazione di responsabilità civile obbligatoria per tutti i pro­prietari di cani dovrebbe avere una copertura di almeno un milione di franchi. Il governo dovrà ancora definire due liste di razze canine che saranno incluse in due ordinanze che accompagneranno la nuova legge. La prima (lista I) comprenderà i cani di grandi dimensioni, come ad esempio i cani San Bernardo e i rottweiler, i cui proprietari saranno obbligati a seguire appositi corsi di addestramento. Per un’ulteriore categoria di razze considerate potenzialmente pericolose (lista II) la legge prevede l’introduzione di un’apposita autorizzazione. I proprietari di questi cani dovranno in particolare dimostrare di allevare correttamente l’animale e di saper tenere sotto controllo la loro potenziale di aggressività. La lista II dovrebbe comprende­re le razze per le quali il governo aveva già deciso a suo tempo l’obbligo del guinzaglio e della museruola – ossia «american pit­bull », «american staffordshire» «terrier», «bullterrier», «staffordshire bullterrier» – come pure i rispettivi incroci. Un’altra novità prevista dalla revisione di legge è l’obbligo di segnalare alle autorità qualsiasi morsicatura provocata da cani, come pure tutti i casi di comportamento pericoloso.

TICINO LIBERO - 3 SETTEMBRE 2008
Legge sui cani. Torna a casa “Lassie”

Svizzera - Pubblicata la lista dei cani pericolosi.
Sono ben 29, secondo il CdS le razze a rischio. L’ondata emotiva susseguente alla disgrazia di Oberglatt, dove un bambino fu purtroppo ucciso da dei Pitbull sfuggiti ad un proprietario Italiano, che viveva in una roulotte. Fatto questo che nessuna lista di cani pericolosi potrà mai modificare.
Sorprende invece il gran numero di razze inserite in questa lista diramata dal CdS e da ieri in consultazione. Vi hanno inserito anche “Rin Tin Tin”. Mancano i Cocker: un mio caro amico 4 o 5 anni or sono era stato morso violentemente ad una coscia proprio da un Cocker. Le tipologie di cani inseriti nella lista nera, non saranno comunque proibite ma soggette ad una richiesta di permesso per il possesso, dove chi ne farà domanda dovrà presentare l’estratto del casellario giudiziale, mentre per i delinquenti stranieri non é previsto; inoltre dovrà dimostrare le capacità di gestione di questi cani e seguire dei corsi appositi.
Sulla frequenza dei corsi, siamo perfettamente in linea, in effetti é molto più importante una gestione oculata del cane che l’animale medesimo. Capitolo a se andrebbe speso per i Pit Bull, nati da incroci selezionati e sovente, ma non sempre, di difficile gestione. Sui pastori tedeschi abbiamo qualche riserva, sono animali molto sensibili, intelligenti di buon comando. Utilizzati per svariate discipline, come cani da ricerca, sanitari, valanghe e ovviamente come cani da difesa.
Domani se la legge supererà lo scoglio delle consultazioni, per diventarne possessori si dovrà esibire una serie di documenti che come dicevamo, per lavorare in qualsiasi locale, se si proviene da Schenghen, nemmeno necessitano. Paradossi delle leggi e della ricerca o meglio dell’illusione, che queste servano a proteggerci da ogni pericolo. Nulla di più errato.
RAZZE SOGGETTE A RESTRIZIONI
A) TERRIER DI TIPO BULL
Bull Terrier
Staffordshire Bull Terrier
American Staffordshire Terrier
American pitbull
B) MOLOSSOIDI
Rottweiler
Fila brasileiro
Dogo argentino
Alano (Deutsche Dogge)
Bulldog inglese
Mastiff
Bullmastiff
Mastino napoletano
Tosa Inu
Cane Corso
Cane pastore del Caucaso
Cane pastore della Ciarplanina
Cane pastore dell’ Asia centrale
Cane da pastore dell’Anatolia
Mastino del Tibet
C) CANI DA PASTORE
Pastore tedesco
Pastori belga (Groenendael, Laekenois, Malinois, Tervueren)
Cane lupo cecoslovacco
Pastore della Beauce
Komondor Kuvasz
Pastore olandese
Pastore dei Tatra
Pastore della Russia meridionale
D) ALTRE RAZZE
Dobermann

2 ottobre 2008: Da oggi patente per chi intende vivere con un cane
In Svizzera proprietari di cani dovranno seguire un corso di formazione teorica e pratica. Alla fine del corso riceveranno un permesso valido per tutta la vita, una specie di patentino di corretta conduzione del cane.

Ottimo, i nostri vicini d'oltralpe sono sempre più avanti... Sperando che la patente si possa avere senza spese da affrontare !

CANI, SVIZZERA VERSO RINUNCIA A BLACK LIST - 23 feb 2009
In Svizzera si allontana l'ipotesi di un 'bando' nazionale ai cani pericolosi. Dopo l'alzata di scudi riscontrata in procedura di consultazione, la Commissione della scienza e della ricerca del Consiglio nazionale ha infatti ammorbidito il progetto di legge, rinunciando a redigere una lista di cani pericolosi. E' infatti estremamente difficile definire un cane pericoloso, spiega il presidente della sottocommissione preposta all'esame di questo tema, Oskar Freisinger. Il peso dell'animale, per esempio, non è un buon punto di riferimento. Infatti un pitbull pesa soltanto 17 chili, mentre un cane San Bernardo molto di più. Inoltre, non si può calcolare la forza della mascella. Il progetto lascia comunque la libertà ai cantoni di prevedere una legislazione più severa. La Commissione spera tuttavia che quelli che già hanno messo al bando certe razze di cani pericolosi facciano marcia indietro, su esempio dei Länder tedeschi. (Adnkronos Salute). Già il Ticino ha rinunciato a vietare i cani potenzialmente pericolosi, ma per i proprietari di una trentina di razze sarà necessario avere una autorizzazione, dovranno seguire un corso speciale e superare un esame. Il nuovo regolamento entrerà in vigore il 1 aprile 2009. La legge sui cani approvata lo scorso anno dal Gran consiglio permette di vietare certe razze, ma il governo ticinese non ha voluto far uso di questa opzione. Finora soltanto i cantoni di Ginevra, Friburgo, Zurigo e Vallese hanno emanato divieti. Ora il ripensamento a livello nazionale.
Fonte: ANMVIOGGI

Aggiornato al 05-07-2016

Top