Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
MENU

Situazioni

Parco del Triglav e altro

Slovenia

Segnalato da Barbara e Luca con Tosca - luglio 2016

Estate 2015, per sfuggire alla folla, ai prezzi alti e per trovare un posto dove potersi sentire a proprio agio con una giovane bracchetta italiana abbiamo scelto i monti della Slovenia. Abbiamo viaggiato in macchina e pernottato in B&B, ostelli, affittato appartamenti, scegliendo quelli che accettavano cani. Siamo entrati dalla parte di Gorizia e siamo risaliti per le gole dell'Isonzio verso Caporetto e fatto tutto il parco del Triglav compresi i laghi e tutte le passeggiate indicate come più belle con cascate. Poi siamo scesi verso Lubiana, visitato il castello di Predjama, le grotte di Postumia, Lippica, Capodistria. In linea generale ci siamo trovati benissimo e non abbiamo MAI avuto problemi. Per i ristoranti di montagna/campagna abbiamo sempre chiesto se potevamo andare con il cane e non ci hanno mai detto di no. Non siamo però stati al mare eccetto per una passeggiata sul lungomare. Per la visita alle grotte di Postumia hanno delle gabbie singole abbastanza grandi dove abbiamo lasciato la nostra Tosca, bracco italiano di 8 mesi (18 Kg) con la sua copertina e un ossino per cuccioli da sgranocchiare. Al Castello di Predjama la ragazza della biglietteria, che lavora con i cani per il salvataggio, ha tenuto Tosca con lei (in collo!) nel gabbiotto dove vendeva i biglietti durante la nostra visita. A Lippica il cane non può essere presente allo spettacolo perchè potrebbe spaventare i cavalli, ma è ammesso al guinzaglio a fare il tour. A Lubiana siamo stati solo un giorno e l'abbiamo tenuta al guinzaglio. Sulla funivia sul lago ci hanno chiesto la museruola, ma non abbiamo dovuto metterla. Il museo di Caporetto invece lo abbiamo dovuto fare a turno... Ad ogni modo telefonate sempre prima di andare a visitare un posto, magari vi indicano una dog sitter che ve la tiene per il tempo della visita, come a noi quando abbiamo fatto rafting. Eccetto sui dirupi e ponti sospesi, per evitare che ci volasse di sotto (era ancora maldestra sulle zampe lunghe) tutto il resto del tempo la canina è stata libera e molto più felice che a Firenze!
Clicca sulle foto per ingrandire
Top