Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
MENU

Situazioni

Turchia, in generale

Turchia

Segnalato da Vanessa e Andrea, con Nocciolina, novembre 2006

La Turchia è un Paese molto ospitale (anche per le persone), anche se ultimamante soffre per carenza di turismo. Siamo andati questa estate con la nostra cagnolina in auto: ci siamo trovati bene nonostante lì ci siano pochi cani da compagnia. I randagi ci sono ma nei villaggi sono ben trattati, sono un po' di tutti. Non abbiamo quasi mai avuto problemi in alberghi e pensioni: solo un 4 stelle ci ha rifiutato aiutandoci però a cercare una struttura che ci accogliesse. A Bursa siamo stati rifiutati da un taxi, ma quello dopo ci ha raccolti; il centro commerciale in stile "europeo" della città è vietato con tanto di vigilantes che intima di uscire, ma nessun bazar nè mercato "arabo" è vietato. Sui mezzi pubblici di Istanbul, tranne che sul trenino-funicolare e a Bursa, ci hanno fatto salire senza problemi, a volte non sapevano affrontare la situazione perchè non era mai capitato. Nei ristoranti MAI problemi. E dire che lì molte persone hanno il terrore dei cani e li ritengono impuri!!! L'ospitalità alle persone è più importante e non si nega certo a chi ha un cane: è un concetto semplice ma che sfugge ad alcuni europei molto democratici. In Cappadocia c'erano parecchi cani di privati in giro liberi molto affettuosi e che hanno subito fatto conoscenza con la nostra Nocciolina: la pastore tedesco della pensione accanto alla nostra, Pascià, ci ha preso in simpatia e ogni mattina la trovavamo a dormire accanto alla nostra auto, una sera ci ha accompagnati per circa un kilometro, fino al ristorante (molto carino) e poi ci ha aspettato fuori durante tutta la cena fino al dolce, quando ha preso l'iniziativa di entrare a vedere se eravamo ancora lì e si è accucciata al nostro tavolo: nessuno le ha detto niente, anche se non era il ns. cane!!! Siamo stati veramente molto bene! Unico neo del viaggio: il traghetto dall'Italia alla Grecia, che come al solito non accettava cani negli spazi interni, ma solo all'aperto (anche di notte!)
Top