Pet Approved Quality 1st in Italy 1999-2017
In aereo, treno, nave, traghetto ed altri mezzi con cane e gatto

Portare il cane o il gatto in traghetto o in nave in Italia:
scopri i regolamenti delle compagnie di navigazione
e le esperienze della nostra Community
viaggiando in nave con animali domestici al seguito

Compara i prezzi e scegli il trattamento e le tariffe migliori!
Servizio traghetti a cura di Traghettilines

Viaggiare con cane e gatto in nave o traghetto

Viaggiare con cane e gatto in traghetto o nave in Sardegna, Croazia, Sicilia, Corsica, Ischia, Capri, Ponza, Isola d'Elba, Isole Eolie, Isole Tremiti, Grecia, Spagna, Algeria, Tunisia, Marocco, Francia, Isola del Giglio, Baleari, Isole Egadi, Isole Pelagie, Malta.

Portare cani e gatti in traghetto

In questa pagina trovi tutte le info sulle compagnie di navigazione

Adriatica di Navigazione - Blue Navy - Blue Star - Caronte & Tourist - Corsica e Sardinia Ferries - Delcomar - Enermar - Lago di Garda - Lago di Iseo - Lago Maggiore - Lago Trasimeno - Linea dei Golfi - GNV - Grimaldi Lines - Metromare - Moby Lines - Navigazione Laghi Lombardia - NLG Navigazione Libera del GolfoSiremar - SITA - SNAP - SNAV - Stazione Marittima di Olbia (OT) - SuperfastFerries - T-Link - Tirrenia - Toremar - Traghetti Amatori - TTT Lines - Tourist Ferry - Ustica Lines - Vaporetti di Venezia - Vetor

Portare il cane o il gatto in traghetto per viaggiare verso le isole
In traghetto, istruzioni per la conduzione dei cani
Foto: Dogwelcome


Viaggiare in nave o traghetto con cane e gatto è semplice e comodo se ci si informa per bene, e noi siamo qui per questo.


alert Non lasciate MAI Fido o Micio in macchina nel garage della nave ! Le temperature nelle stive sono altissime, e c'è moltissima umidità. Fido ne sarebbe soffocato a morte (Leggere qui)

Se si fa un breve viaggio in ferry, l'animale può anche restare in auto, se la stessa resta fuori all'aria aperta. Attenzione, sempre finestrini spalancati e ombra all'interno dell'auto. Altrimenti, non se ne parla.
Per quanto riguarda i gatti, i piccoli roditori, i volatili in gabbiette ed i pesciolini è comunque più facile che abbiano accesso alle cabine, anche se la compagnia scelta non ha predisposto cabine dedicate a chi conduce un animale domestico.

Solo alcune fra le compagnie di trasporto marittimo ci fanno viaggiare in modo confortevole se abbiamo con noi un animale domestico. 
Oltre a tutti i regolamenti delle compagnie marittime di navigazione vi forniamo alcuni consigli per gestire al meglio il vostro viaggio nel caso in cui non vi siano cabine cani ammessi a disposizione, perchè in questo caso il viaggio sarà meno agevole. Se il cane non potrà entrare nelle zone comuni nè nelle cabine, stare vicino a lui comporterà un viaggio scomodo al sole oppure al freddo (dipende se viaggerete di giorno o di notte) su un ponte, a volte scoperto, e sarà necessario fare i turni per andare al bar ed in bagno o in qualsiasi posto sottocoperta. Vi consigliamo dunque di attrezzarvi per benino: vi servirà un pareo ampio da appendere in un angolo per l'ombra, o i sacchi a pelo per stare accanto a Fido nelle peggiori condizioni climatiche, oppure se avete deciso di alloggiare il vostro cane in una gabbia/canile, dotatelo di una ciotola grande piena d'acqua, legate all'inferriata della gabbia un pareo in modo da ombreggiarne l'interno (se il canile è situato su un ponte esterno aperto) così da fare in modo che Fido possa riposare indisturbato dal passaggio degli altri viaggiatori.
Se siete costretti a mettere il cane in una gabbia-canile, e se il cane tende a considerare subito "casa" il posto dove lo si mette e tende quindi difendere il territorio, oppure tende ad "assaggiare" gli sconosciuti se lo accarezzano attraverso un'inferriata (di solito è un aspetto che rivelano anche a casa), appendete con una graffetta un foglio con avvertenze fuori dalla gabbia per evitare guai: qualcuno potrebbe essere attirato dal cane e beccarsi un morso accidentalmente, solo perchè il cane si sente giustamente stressato.

 

Viaggiare con il cane in traghetto o nave
Chaac e Ken-di, i pelosi di Dogwelcome, in traghetto

 Su un traghetto Moby Lines, con Chaac e Ken-di, nel 2006, al ritorno dall'Isola d'Elba. Siamo riusciti a stare anche all'interno, ovviamente sempre con i bau al guinzaglio, e stando per metà viaggio in zone non moquettate, sebbene abbiamo la buona abitudine di fare "svuotare" il pancino ai cani prima di salire in traghetto, e in questo caso il tempo di traversata è di una sola ora... In ogni caso, non trattandosi di mare aperto su questa tratta, il vento è sopportabile ed il viaggio, anche all'esterno, è stato confortevole.

Navi e traghetti all'estero >>>

 

Cane in traghetto - Sany
Sany, di Gianni, in traghetto
Che bello vedere i traghetti così vuoti... !

 

Cane in nave - Minerva
Minerva di Ilaria va in Corsica

 ADRIATICA DI NAVIGAZIONE - I cani devono essere muniti di museruola e vengono custoditi nel canile di bordo. I gatti e gli altri animali domestici devono essere trasportati in gabbie o ceste. Il nutrimento è a carico dei loro proprietari. Gli animali devono essere muniti di certificato sanitario internazionale valido.
(collegamenti Ancona-Spalato, con aliscafo Trieste-Lignano-Grado-Pirano-Rovigno-Brioni)
Dal 2004 la compagnia è stata assorbita da Tirrenia.

Torna in alto

  BLU NAVY (linea Piombino-Isola d'Elba) - Saranno imbarcati solo se muniti di biglietto e del documento di vaccinazione antirabbica. In ottemperanza a quanto disposto dall'Ordinanza del Ministero della Salute del 27/8/2004 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale nr. 213 art. 2, si ricorda che i detentori di cani devono applicare la museruola e devono tenere i cani al guinzaglio. Gli animali domestici sono ammessi solo sui ponti esterni della nave. I cani guida destinati all’assistenza delle persone non vedenti, se munite di relativa documentazione, sono esonerati dal pagamento del biglietto e potranno accedere alle aree comuni interne.
PERCHE' ANCHE BLU NAVY RICHIEDE CHE VENGA RISPETTATA L'ORDINANZA MINISTERIALE DEL 2004 QUANDO NE SONO USCITE VARIE ALTRE NEGLI ANNI, INCLUSA QUELLA DEL 2010, CHE NON RICHIEDONO L' OBBLIGO DELLA MUSERUOLA?

Torna in alto

  BLUE STAR FERRIES - Abbiamo trovato queste informazioni:
"Gli animali domestici viaggiano gratis negli appositi spazi dedicati. Non sono ammessi negli spazi comuni interni (incluso cabine, ristoranti e bar). Gli accompagnatori devono essere in possesso di validi documenti sanitari degli animali. A bordo i cani devono essere portati al guinzaglio e con museruola"

ed anche queste:

"Sono disponibili alcune cabine per il trasporto di animali domestici (offerta non valida nella motonave F/B Blue Bridge). Per poterne usufruire, è necessaria la prenotazione anticipata. In caso di esaurimento delle cabine a disposizione, è possibile usufruire di un piccolo canile. I proprietari o responsabili devono viaggiare con gli opportuni certificati di sanità degli animali, e sono invitati a rispettare il regolamento a bordo. Gli animali non sono ammessi negli ambienti chiusi (bar, ristoranti ed altre aree pubbliche) o nel proprio veicolo durante la traversata, quando è vietato l’accesso al ponte autoveicoli. Gli animali possono circolare sopra coperta se dotati di museruola e portati al guinzaglio, nonché, naturalmente, accompagnati dal responsabile. Il proprietario o la persona che ha in custodia l’animale dovrà rispondere di qualsiasi danno causato dall’animale. Costo del trasporto in cabina per ogni animale: € 50 a tratta. Le cabine destinate agli animali sono cabine esterne e non sono direttamente proporzionali al numero dei posti-letto assegnati ai passeggeri".
www.blustarferries.com (collegamenti Venezia-Corfù-Igoumenitsa-Patrasso, Bari-Corfù-Igoumenitsa-Patrasso)

Torna in alto

  CARONTE & TOURIST - Il trasporto di animali domestici di taglia piccola (gatti, cani, ecc.) al seguito dei passeggeri è consentito purché siano muniti di certificato di buona salute e sia stato acquistato il relativo biglietto. In conformità alle normative igienico - sanitarie, gli animali domestici, quando accettati dalla Società, dovranno viaggiare nei locali a loro riservati, essendo assolutamente vietato ai passeggeri di tenerli in cabina e nei locali sociali. I passeggeri sono responsabili per qualsiasi eventuale danno provocato alle cose o a terzi dai loro animali. Il vettore declina qualsiasi responsabilità per eventuale sequestro o soppressione degli animali da parte delle Autorità Sanitarie del porto di sbarco/imbarco nonché per lesioni, per lunga, perdita o morte degli stessi verificatesi durante il trasporto o durante l'imbarco e/o lo sbarco. 
www.carontetourist.it [collegamenti dalla Sicilia a Villa San Giovanni, Napoli, Salerno, Ustica, Pantelleria, Isole Egadi (Favignana, Levanzo, Marettimo), Isole Eolie (Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea), Isole Pelagie (Linosa, Lampedusa)]
 

Torna in alto

 CORSICA e SARDINIA FERRIES (collegamenti Savona-Bastia, Savona-Calvi, Livorno-Bastia per Corsica Ferries, e Civitavecchia-Golfo Aranci, Livorno-Golfo Aranci per Sardinia Ferries) 

commento  Siamo stati con Chaac su un traghetto Corsica Ferries ed abbiamo avuto una cabina moquettata dove lui ha potuto tranquillamente dormire assieme a noi. Accesso ovunque tranne in sala ristorante.
Segnalato da: noi di Dogwelcome, con Chaac - aprile 2004, ma avevamo già viaggiato di giorno con Gacchan, il tenero bau con il quale è nato Dogwelcome.
Abbiamo in seguito viaggiato con Chaac, Ken-di e Palluzza varie volte, poi con Ken-di, Palluzza e la micia Nicchia.
(I nostri animalini sono stati tutti adottati, spesso già quasi vecchietti. Un bacio grande ai nostri angeli pelosi.)

AGGIORNAMENTO AL 2017, con Bago, Palluzza e la micia Raki: medesime condizioni, l'unica cosa che è cambiata nel tempo sono le pavimentazioni delle cabine, non più moquette ma linoleum.
Abbiamo fatto davvero anni e anni di viaggi in traghetto con pelosi al seguito!

Viaggiare con il cane in traghetto - Ken-di
Ken-di Dogwelcome
Prendere il traghetto con il cane - Chaac
Chaac Dogwelcome

Cronistoria a ritroso delle recensioni e delle modifiche al regolamento:

commento A settembre 2013 abbiamo scelto il traghetto della Corsica Ferries per andare in Corsica con i nostri due bassotti Oliver e Fester. La compagnia ha dotato alcune cabine di pavimento in linoleum per pulire meglio e poter accogliere anche i pelosi, ma noi abbiamo preferito viaggiare sul ponte. Durante tutto il viaggio da Livorno a Bastia i nostri pelosi sono stati sempre insieme a noi, possono circolare quasi in tutte le zone della nave tranne la sala ristorante. All'imbarco il personale di bordo ci ha offerto snack e shampoo per i nostri pelosi. Guinzaglio obbligatorio, museruola in tasca per regolamento (mai usata). Il viaggio è andato bene nonostante ci fosse un sovraffollamento canino sul ponte e bisognasse stare attenti ad eventuali soggetti poco socievoli. Unica pecca è la zona dedicata ai "bisognini", si tratta di una vasca colma di ghiaia posta sull'ultimo ponte vicino a una ciminiera rumorosissima, tutti i cani avevano paura ad avvicinarsi per il troppo rumore, inoltre abbiamo trovato molto sporco e Oliver e Fester credo avessero provato senso di schifo a mettere le zampine in quella vasca di ghiaia sudicia e puzzolente (hanno preferito tenere tutto dentro per ore...).
Per il resto l'accoglienza e la permanenza sono state ottime. Consiglio di portare tappetini igienici per i bisognini, per il resto tutto ok.

Commento di: Clara e Giovanni, con Oliver e Fester - gennaio 2014

commento Sono appena rientrata dalla Corsica dove sono andata con la Corsica Ferries. Sono partita con la nave sapendo che i cani erano accettati ma non sapevo se avrei dovuto viaggiare per tutto il tempo sul ponte, se avrei dovuto lasciare il cane nelle gabbie (come fanno molte compagnie) etc...  A mia sorpresa appena sono salita dal garage alla nave ho trovato subito un depliant che illustrava come comportarsi a bordo con il cane.  Il cane può accedere in qualsiasi posto (interno/esterno), addirittura, per chi volesse prendere una cabina, ce ne sono alcune dove è possibile portare il cane. C'è una restrizione per il ristorante (ma io ho visto cani anche lì). Unica nota negativa è che c'è una zona "per i bisogni dei cani" che a mio avviso oltre essere troppo piccola è anche molto sporca, con mozziconi di sigarette etc ...
Commento di: Alice. luglio 2013

2013: Anche gli altri traghetti Corsica Ferries sono muniti di zona toilettes per cani, inoltre sono stati affissi alcuni distributori di sacchettini per deiezioni canine. Grazie !
[Noi di Dogwelcome]

Traghetto cani ammessi Nave cani ammessi

La segnaletica presente sui mezzi Corsica Ferries che indica dove si trova l'area igiene animali
- Foto di Dogwelcome - © 2012

AGGIORNAMENTO 2012: Corsica Ferries ha finalmente vietato il trasporto degli animali in stiva ! Da quest'anno è possibile imbarcarli solamente tenendoli con noi, e come già accadeva in precedenza, potranno stare con noi nei locali comuni, eccetto sale ristorante. Abbiamo insistito tanto qui nel portale, nei moduli di feedback a bordo, abbiamo comunicato alla compagnia i risultati del nostro sondaggio su questo tema, via mail e via telefono...
Grazie Corsica Ferries !!! Però non ci aspettavamo un rincaro tale della tariffa cane. Troviamo che pagare 31 euro per il solo trasporto diurno, quindi senza usufruire della cabina dedicata a chi conduce un bau, sia veramente esagerato, così come le tariffe auto e persone, in perenne rincaro. Si tratta indubbiamente di un disincentivo per chi dovesse decidere di fare una vacanza su una delle isole servite dalla compagnia. Peccato.

commento Abbiamo viaggiato con Corsica Ferries, pienissima di cani, perchè l'accesso è consentito ovunque, tranne spaghetteria e zona ristorante, ma sì nel bar e self service.
Raffaella - settembre 2012

commento Io ho viaggiato con Black sulla Corsica Ferries e oltre ad averlo accolto in tutti i locali è stato anche deliziato con uno snack offerto proprio dalla compagnia, una traversata piacevolissima.
Rosanna F. - settembre 2012

In traghetto con il cane
Christian con i suoi bau su un traghetto Corsica Ferries - luglio 2011

commento Vorrei sottolineare come i traghetti Corsica Ferries siano MOLTO "Dogwelcome".
Alessandra e Dodo - gennaio 2011

commento Agosto 2010: tutto ok con Palluzza con Corsica Ferries, come sempre. In cabina c'era il depliantino dedicato a chi conduce un bau, novità di quest'anno  :)
Annalaura, di Dogwelcome

In nave con il cane - Trilly
Trilly di Claudia in traghetto per la Sardegna

AGGIORNAMENTO ESTATE 2009: TARIFFE A BORDO A PARTIRE DA 19 EURO.
Regolamento 2009:
Gli animali domestici sono accettati a bordo e possono circolare nei locali della nave tranne al ristorante. Non sono accettati cani la cui razza è considerata pericolosa secondo la legislazione in vigore (CON LA NUOVA ORDINANZA MINISTERIALE 2009 LA LISTA DEI CANI PERICOLOSI IN REALTA' E' STATA CANCELLATA... [NdR]).
In alcuni casi il personale di bordo potrà imporre alcune restrizioni alla loro circolazione. La società può richiedere un certificato di vaccinazione e buona salute con validità non superiore ai tre mesi dalla data del rilascio. I cani devono essere condotti al guinzaglio e provvisti di museruola. Ogni animale domestico lasciato nel veicolo dovrà avere, a cura del passeggero, per tutta la durata del viaggio, acqua ed aria a sufficienza. La presenza dell'animale deve essere sempre segnalata ad un membro dell'equipaggio.
Durante la traversata il garage non è accessibile e la temperatura, soprattutto in estate, può essere molto elevata. Il proprietario dell'animale potrà, tuttavia, facendone richiesta, essere accompagnato in garage per verificare la condizione dell'animale. La compagnia declina ogni responsabilità per i danni, di qualsiasi natura, che potrebbero verificarsi durante la traversata (malattia, ferimento o morte dell'animale) a cagione della decisione del passeggero di lasciare l'animale nell'autoveicolo anziché portarlo al seguito.
Qualcosa sta cambiando, piano piano, riguardo le possibilità di lasciare i cani in stiva, modalità che abbiamo contestato con tutti i mezzi di cui disponiamo a Corsica Ferries (ribadiamo: non fatelo!) [Nota di Dogwelcome]

Cane in traghetto - Maggie
Maggie di Sonia in traghetto verso l'Elba !

ATTENZIONE: DISAVVENTURE CHE POSSONO CAPITARE CON I MEZZI DI TRASPORTO MARITTIMI - giugno 2008
commento Come è capitato a me potrebbe capitare anche a voi quindi vi metto al corrente dell'accaduto: qualche settimana fa sono andata in agenzia di viaggi a confermare la mia prenotazione per la Sardegna con la compagnia "Sardinia Ferries", che tra le altre cose mi garantiva che potevo tranquillamente portare con me il mio cagnolino senza doverlo mettere in gabbia (che sulla nave viene chiamato canile).
A prenotazione effettuata, e, soprattutto a pagamento effettuato, sono venuta a conoscenza del fatto che per quella tratta, per quella giornata, per quell'ora, la compagnia ha noleggiato la nave alla Tirrenia che però prevede delle regole ben diverse. Su quella nave è previsto che tutti gli animali devono viaggiare nelle gabbie predisposte dalla stessa e che, cosa ancora peggiore, sono situate in prossimità delle ventole d'areazione, per cui i cani, e gli altri animali in genere, si fanno il viaggio con un sottofondo che a confronto sarebbe meno fastidioso un antifurto di un appartamento. 
Punto primo: sono venuta a conoscenza di questo soltanto perché mi sono recata all'agenzia per sapere quali documenti occorrevano e quali certificati avrei dovuto esibire all'occorrenza;
Punto secondo: sul biglietto emesso dalla compagnia non c'è traccia di tale variazione e tantomeno è specificato che il cane va in gabbia (canile… ripeterlo rende meglio l'idea);
Terzo punto: se avessi prenotato il biglietto in internet sul sito della Sardinia non avrei avuto la minima idea di cosa mi sarebbe aspettato una volta arrivata al porto di Livorno, e cioè che avrebbero preso il cane e l'avrebbero messo nelle gabbie perché la nave era un'altra… ma tanto per loro che differenza c'è?!
Quarto punto: indipendentemente dal discorso del cane, la compagnia con la quale ho prenotato ha modificato i termini del contratto senza avvisarmi, per cui stiamo parlando di frode;
Quinto punto: la compagnia per farmi partire col cane mi ha messo di fronte a due scelte: o spostare il biglietto a una data diversa perdendo quindi la prenotazione e pagando le dovute penali, o accettare l'idea del cane al canile!!! Inutile dirvi che non ho accettato nessuna delle alternative ovviamente. Sono ritornata il giorno dopo all'agenzia, che in tutto questo è servita a poco, e ho iniziato diciamo così a "negoziare" la cosa.
Ho chiamato l'ufficio commerciale della Sardinia, li ho aggiornati sul fatto che la modifica del contratto senza preavviso da parte loro prevede il rimborso del costo del biglietto più il 100%. Oppure dovevano, per legge, riproteggermi sulla prenotazione effettuata con un'altra compagnia che mi offrisse le stesse condizioni di viaggio, se non migliori, per cui era evidente che stavano cercando di fregarmi!! Piccolo particolare… con me sono capitati male!!!
Per farla breve alla fine sono riuscita a spuntarla facendomi fare un nuovo biglietto per il mio cagnolino con la data e orario di partenza corrispondente al mio, con l'autorizzazione firmata dal responsabile dell'ufficio commerciale della Sardinia dove c'è scritto che il mio cane può accedere a tutte le sale della nave, tranne quella di ristoro ovviamente.
La morale di tutto questo è che questa gente crede di poter agire come crede specialmente se si tratta di accomodare i nostri piccoli amici a 4 zampe, e se avessi creduto alla prima cavolata che mi avevano detto avrei dovuto mettere il mio piccolino in gabbia e trovarlo dopo 6 ore sconvolto e impaurito da tutti quei rumori assordanti, oppure avrei dovuto sborsare di tasca mia altri soldi per viaggiare su un'altra nave che mi garantiva di poterlo avere vicino.
Mi auguro che questa mail faccia un bel giro, tanto da far arrivare il messaggio a tutti quelli che desiderano andare in vacanza coi propri amici, perché sapere di poterlo fare senza sottoporli a inutili stress non può far altro che migliorare le condizioni di vita dei nostri animali, e di conseguenza anche le nostre su tanti altri punti di vista.

Claudia, 12 giugno 2008

Chaac uno dei cani di Dogwelcome viaggia sul traghetto per la Corsica
Chaac, uno dei bau Dogwelcome, durante uno degli innumerevoli viaggi in traghetto con Corsica Ferries 

Marzo 2008: abbiamo intrapreso ulteriori contatti con Corsica Ferries facendo presente alla compagnia che un sondaggio che abbiamo effettuato tra i nostri visitatori e che è stato partecipatissimo, ha evidenziato che le persone che viaggiano con un cane al seguito la pensano proprio come noi. Corsica Ferries solo a questo punto ci ha riferito che coloro che intendevano far viaggiare in stiva il proprio cane chiuso nel camper erano turisti francesi.

Da una mail del 23 ottobre 2007: 
commento Volevo ringraziarvi per aver contattato la Corsica e Sardinia Ferries e per aver sottoposto loro il problema. Anch'io purtroppo ho assistito a una scena orribile... Ve l'ho scritta diverso tempo fa e credo sia sul vostro sito [è in fondo a questa pagina - Nota di Dogwelcome], come ennesima testimonianza di quanto sia pericoloso lasciare gli animali all'interno delle auto, durante la navigazione. In caso si rendesse necessario, vi confermo il mio sostegno per richiedere di eliminare l'opzione del passaggio in auto per i cani e i gatti. Mi auguro davvero che la prossima estate (ma anche prima...) sia reso possibile il solo passaggio a bordo.
In fondo sono sempre molte le persone con animali al seguito che scelgono questa compagnia, ed è anche nel loro interesse assecondare le richieste dei clienti. Permettono di accedere con i pelosi in quasi tutte le sale interne, già in questo hanno dimostrato di meritare la nostra preferenza; in più, già in due occasioni, gli addetti al controllo dei biglietti, si sono raccomandati con noi di non lasciare la nostra cagnolina in macchina (nonostante avessimo OVVIAMENTE pagato per tenerla a bordo insieme a noi), "non si sa mai" -ci hanno risposto- "ci raccomandiamo sempre"... E mi ritrovo anch'io a controllare tutte le volte che, chi ha animali, li porti su con sé!!! Perchè continuare a renderlo possibile?!?
Un caro saluto,

Katiuscia

Proviamo a contattare Corsica Ferries: non ci sembra per niente positivo dare la possibilità di lasciare il cane in stiva (tra l'altro durante il tragitto l'accesso in stiva è vietato) incentivando di far viaggiare in questo modo gli animali dando una tariffa più bassa. E i nostri visitatori e soci sono totalmente d'accordo con noi.
22 giugno 2007: Abbiamo contattato telefonicamente l'uff. commerciale di Corsica Ferries: ci richiedono una comunicazione per iscritto, cosa che abbiamo fatto prontamente.
Pare che questa nuova modalità negativa di trasporto sia stata messa in atto a seguito di richieste ricevute da parte di alcuni camperisti con cane al seguito. Questo ci hanno comunicato dalla sede della compagnia. 
Crediamo che il camper subisca le stesse temperature della stiva, visto che il climatizzatore può stare accesso solo se è acceso il motore, e ci domandiamo quindi se queste persone hanno la cognizione di ciò che può accadere al loro cane... Forse non ce l'hanno.
[Nota di Dogwelcome]

Da una mail del 22 giugno 2007: 
commento L'anno scorso (estate 2006) insieme al mio ragazzo e alla nostra meravigliosa Phoebe, abbiamo passato le vacanze in Corsica. Il viaggio in traghetto lo abbiamo fatto con la Corsica Ferries e ci siamo trovati benissimo. Nessun problema a circolare ovunque con il cane (tranne nella zona ristorante), cordialità da parte dell'equipaggio sia all'accettazione che durante il tragitto e tanti altri amici a quattro zampe pronti a godersi le tanto attese vacanze. Anche se per il trasporto è richiesta la museruola, Phoebe ha viaggiato tranquillamente senza e nessuno ha avuto nulla da obbiettare. Forse trattandosi di un cane medio-piccolo.
Le uniche cose che ci hanno lasciato un pò perplessi sulla Corsica Ferries sono state la possibilità di fare il viaggio lasciando il cane in macchina e il prezzo del biglietto per il cane, 30 euro A/R. Ma come si fa a proporre un prezzo scontato (10 euro A/R) se si decide di lasciare il proprio cane solo in auto a temperature altissime? La cosa che maggiormente mi infastidisce è che, visto comunque il prezzo abbastanza elevato del biglietto, la possibilità viene offerta come un'occasione di risparmio quasi imperdibile.
Per una compagnia di trasporto che ha sempre dimostrato di gradire la presenza dei nostri amici pelosi (allo stesso modo della bellissima Corsica) questa mi sembra proprio una nota sgradita che si poteva risparmiare. 

Mail di: Linda Pastorelli

TARIFFE CANE ESTATE 2007: 19 € cane a bordo, 9 € cane nel veicolo !!! :o(
commento Quest'anno abbiamo speso ben 114 euro solo per trasportare i bau !!!
Nota di Dogwelcome


Riceviamo una mail il 16 giugno 2007: 
commento Stavo per prenotare un viaggio con Corsica Ferries e ho scoperto che la compagnia nel tariffario ha la voce: "animali nel veicolo". Ma come si può far fare un viaggio ad un animale nella macchina quando ne sono già morti tantissimi per caldo e soffocamento sulle navi e nelle stive degli aerei ? Potete fare qualcosa ?
Mail di: Elena


Anche la bau di Eloise ha viaggiato in traghetto...

Luglio 2006: Le navi traghetto Corsica e Sardinia Ferries chiamate "Mega Express" e "Mega Express Two" si sono attrezzate da quest'anno con aree "toilettes per cani" dove poter condurre Fido a fare i propri bisogni.


Ecco la zona igiene della Mega Express Two di Corsica Ferries
- Foto di Dogwelcome - © 2012


Regolamento a partire dal 5 settembre 2006: Tariffa cani nel veicolo 5 €, a bordo con voi 18 €.
- Gli animali sono accettati a bordo. Per animali domestici si intendono quelli definiti come tali dall’uso comune: cani, gatti, criceti, ecc.
I gatti e gli altri piccoli animali devono essere sistemati in apposite gabbie a cura del proprietario e saranno trasportati gratuitamente. I cani, il cui passaggio deve essere prenotato ed è pagante, devono essere tenuti al guinzaglio ed essere muniti di museruola. Se vi accompagnano a bordo hanno libero accesso a tutte le sale pubbliche, salvo obiezioni da parte di altri passeggeri o restrizioni imposte dal personale di bordo, che ha la facoltà di limitarne la circolazione. In nessun caso è consentito loro l’accesso al Ristorante. Se viaggiano a bordo del vostro veicolo [NON FATELO !!! NON METTETE A REPENTAGLIO LA VITA DEL VOSTRO CANE PER 13 EURO...!!! - Noi del sito, V. fondo pagina ] vi preghiamo di assicurarvi che per tutta la durata del viaggio abbiano acqua ed aria a sufficienza. Vi informiamo che il garage non è accessibile durante il viaggio e che la temperatura, soprattutto in estate, può essere molto elevata. La Compagnia declina ogni responsabilità per gli animali lasciati in auto. Ogni animale dovrà essere provvisto di un Certificato di Vaccinazione e di Buona Salute con validità non superiore ai 3 mesi dalla data di rilascio. Se viaggiate con un animale domestico e prenotate una cabina, ve ne sarà assegnata una di tipologia specifica.

commento  Come vedete, iniziano ad esserci alcune restrizioni rispetto al regolamento vecchio, oltre che un aumento abbastanza sensibile per la tariffa... Noi che abbiamo 3 cani, a posto di 45 euro (solo andata) andremo a spendere 54 euro... Noi speriamo che queste restrizioni non siano state causate da un cattivo comportamento di chi ha un bau al seguito. A questo proposito vorremmo ricordare a tutti che il cattivo comportamento di un singolo va a ripercuotersi su tutti noi: comportiamoci bene, siamo educati, lasciamo pulito !!!
Noi di Dogwelcome

Regolamento fino ad agosto 2006: Tariffa cani: 15 € - I cani devono essere tenuti al guinzaglio ed essere muniti di museruola. Essi hanno libero accesso in cabina e a tutte le sale pubbliche, salvo ristorante. I proprietari devono essere provvisti del certificato di Vaccinazione e Buona Salute (validità non superiore ai tre mesi dalla data di rilascio). Se viaggiano nel veicolo, vi preghiamo di assicurarvi che abbiano acqua e aria a sufficienza.
Vi informiamo che il garage non è accessibile durante il viaggio e che la temperatura può essere molto elevata. La Compagnia declina ogni responsabilità per gli animali lasciati in auto.
Per qualsiasi chiarimento si può contattare l'ufficio prenotazioni al n° 019/215511.

ATTENZIONE: Noi dell'Associazione Dogwelcome vi raccomandiamo di NON lasciare gli animali nel vostro veicolo nella stiva, sebbene provvisti di acqua e aria (aria ?!?). (Vedi fondo pagina)

I nostri tre cani in cabina in traghetto

I tre bau Dogwelcome in cabina in traghetto con Corsica Ferries a settembre 2006. In primo piano la nostra handycanina del cuore, Palluzza, dietro c'è Chaac, e Ken-di è sotto al letto a destra, spunta solo il musetto :o).
Alla réception dove ci siamo presentati per avere le chiavi della cabina, l'impiegata, gentilissima, ha visto che i bau erano tre sul biglietto e dato che seduta al desk ne vedeva solo due ci ha chiesto di vedere il terzo, e quando l'ha visto era tutta contenta... :)


Quattrozampe in traghetto ! Foto di: Dogwelcome
 

 DELCOMAR (linee La Maddalena - Palau / Carloforte - Calasetta)
Cani ammessi, ci risponde la compagnia il 29 marzo 2016. Abbiamo chiesto se ci sono eventuali regole, stiamo ancora attendendo riscontro.
Segnalato da: Dogwelcome

Torna in alto

 ENERMAR (linea Palau - La Maddalena) - Ammessi i cani, senza tariffa aggiuntiva
Segnalato da: Martina, con Wendy e Pepita - luglio 2009

ATTENZIONE: Enermar ha cessato il servizio nel 2016.

Torna in alto

  LAGO DI GARDA: Sono ammessi cani ed animali di piccola taglia. Non sono ammessi su aliscafi e catamarani; sui battelli sono ammessi se muniti di guinzaglio e museruola.
Tariffa ordinaria viaggiatori ridotta del 50%.

Torna in alto

  LAGO D'ISEO: bagagli e piccoli animali accompagnati: Tariffa € 1,20, altri animali accompagnati: Tariffa € 2,20
www.navigazionelaghi.it


Foto di: Brigitte e Geppo, con Peeter - segugi Dogwelcome !
maggio 2008


... ed ecco Peeter, sul traghetto da Sale Marasino
(o da altri punti di partenza) a Monte Isola, nel lago di Iseo

 

Torna in alto

  NAVIGAZIONE LAGHI (Lago di Como, Maggiore, Garda) - LAGO DI COMO: Al nostro solito quesito hanno molto gentilmente risposto che i cani al di sotto dei 50 cm. di lunghezza, coda esclusa, sono ammessi nei battelli, negli aliscafi e nei catamarani. Pagano il 50% del biglietto e non hanno l'obbligo della museruola e del guinzaglio. Devono stare però in braccio al proprietario.
I cani che superano i 50 cm. di lunghezza pagano anch'essi il 50% della tariffa, ma devono avere museruola e guinzaglio. Inoltre, non possono accedere agli aliscafi ed ai catamarani.

Torna in alto

  LAGO MAGGIORE, BACINO ITALIANO: Salvo le eccezioni di cui al prossimo punto 1.2.2, cani, gatti e animali di piccola taglia (animali da grembo) e piccoli animali vivi da casa o da cortile, anche in ceste, gabbie, contenitori o simili sono tassati - per ogni contenitore o esemplare libero - al prezzo per ragazzo previsto dalla Tariffa a cui è assoggettato l’accompagnatore dell’animale. Non incorrono nel pagamento del Diritto di Prenotazione Aliscafo.
I cani devono essere muniti di museruola, custoditi e tenuti al guinzaglio.
1.2.2. Sono trasportati a titolo gratuito, senza l’obbligo del possesso di specifico recapito di viaggio: cane guida per cieco, nella misura di un animale per invalido. L’animale è trasportato gratuitamente anche se il disabile fruisce contemporaneamente del trasporto gratuito per l’accompagnatore al seguito (punto 3.4 del regolamento)

Torna in alto

  LAGO MAGGIORE, SERVIZIO ITALIA-SVIZZERA: 5.1 Salvo le eccezioni di cui al prossimo punto 4.1.1, cani, gatti e animali di piccola taglia (animali da grembo) e piccoli animali vivi da casa o da cortile, anche in ceste, gabbie, contenitori o simili sono soggetti - per ogni contenitore o esemplare libero - all'applicazione della metà della tariffa corrisposta dall'accompagnatore adulto. Non incorrono nel pagamento del Diritto di Prenotazione Aliscafo. Ferma restando l’inderogabile responsabilità del detentore dell’animale,  il cane deve essere munito di museruola, custodito e tenuto al guinzaglio. L’accompagnatore, per l’animale, deve essere in possesso di documentazione - sanitaria ecc. - idonea al transito di frontiera. L’Amministrazione non risponde nei casi di sbarco dell’animale dovuti alla trasgressione delle prescrizioni di cui al paragrafo precedente.
4.1.1. Sono trasportati a titolo gratuito, senza l’obbligo del possesso di specifico recapito di viaggio: cane guida per cieco, nella misura di un animale per invalido.

commento Io abito sul Lago Maggiore e ho preso spesso il traghetto per andare a Laveno: i cagnolini possono salire pagando il biglietto ridotto e devono stare al guinzaglio e con la museruola (ma solo quelli più grandi). Il capitano del traghetto può comunque decidere di non far salire a bordo i cani ritenuti difficili da gestire o considerati aggressivi o pericolosi, in quel caso viene rimborsato il biglietto.
Commento di: Ziakaty - gennaio 2011

  LAGO MAGGIORE, SERVIZIO SVIZZERA-ITALIA: Salvo le eccezioni di cui al prossimo punto 5.1.2, CANI, GATTI e ANIMALI DI PICCOLA TAGLIA (animali da grembo) e PICCOLI ANIMALI VIVI da casa o da cortile sono soggetti - per ogni esemplare libero - all'applicazione della metà della tariffa corrisposta dall'accompagnatore adulto . Non incorrono nel pagamento del Diritto di Prenotazione Aliscafo.
5.1.1. Museruola o guinzaglio per cani: Durante il trasporto in acque svizzere - ferma restando la propria completa responsabilità – l’accompagnatore del cane ha la facoltà di non dotare l’animale di museruola e di non assicurarlo a guinzaglio (Fonte giuridica della norma: Codice Elvetico delle Obbligazioni, art. 56, e specifici richiami dell’Ufficio Federale dei Trasporti). [!!!]  Egli, per l’animale, deve essere in possesso di documentazione - sanitaria ecc. - idonea al transito di frontiera. L’Amministrazione non risponde nei casi di sbarco dell’animale dovuti alla trasgressione delle prescrizioni di cui al paragrafo precedente.
5.1.2. Sono trasportati a titolo gratuito, senza l’obbligo del possesso di specifico recapito di viaggio: I cani, gatti, animali di piccola taglia e piccoli animali vivi riposti in ceste, gabbie, contenitori idonei al trasporto di animali;
cane guida per cieco, nella misura di un animale per invalido
5.1.3. L’animale liberato dalla gabbia (o simile contenitore) durante il trasporto è assoggettato al pagamento della tariffa normale, indicata al precedente punto 5.1.

Torna in alto

  LAGO TRASIMENO, ISOLA MAGGIORE - Battello da Passignano sul Trasimeno: possono salire i cani muniti di museruola... Alekos l'aveva ma poi l'ha tolta, al ritorno l'ho fatto salire senza... non hanno fatto storie.
Segnalato da: Barbara, con Alekos

Alekos sul battello per viaggiare verso l'Isola Maggiore
Alekos di Barbara si riposa in battello in attesa di arrivare sull'Isola Maggiore

Torna in alto

LINEA DEI GOLFI - E' possibile il trasporto di animali domestici.
1. Il Passeggero può portare a seguito, 
nel numero non superiore a due ed a suo completo rischio, animali domestici quali cani, gatti, conigli, criceti o piccoli volatili.
2. La Società declina ogni responsabilità nei confronti del passeggero per qualunque accadimento, nessuno escluso, che possa occorrere all’animale trasportato al seguito.
3. I cani, a prescindere dalla razza o dalla taglia, devono essere tenuti al guinzaglio e muniti di museruola. I gatti e gli animali domestici di piccola taglia devono essere sistemati in apposite gabbie.
4. Il passeggero è obbligato alla custodia degli animale trasporto al seguito ed è responsabile delle conseguenze del comportamenti dell’animale nei confronti del personale di bordo e dei terzi.
5. Il passeggero garantisce ed è responsabile del rispetto delle norme, anche sanitarie, relative alla tenuta di animali domestici.>
6. Il passeggero è tenuto altresì a garantire, a bordo, il rispetto delle misure igieniche connesse al trasporto degli animali.
7. Gli animali domestici non sono ammessi nelle cabine, nelle sale comuni; nè negli altri luoghi ove sia espressamente vietato.
8. La Società declina ogni responsabilità per gli animali lasciati nei veicoli o incustoditi.
www.lineadeigolfi.it (collegamenti Piombino-Olbia)


commento Per le vacanze in Sardegna quest'estate abbiamo optato per la Linea dei Golfi da Piombino. Auto all'aperto, Bianca in auto, ed io e mio marito a turno a portarla in giro e a farle compagnia.
Commento di: Cristina N., settembre 2006


commento La particolarità di questi traghetti, oltre al fatto di essere molto spartani, è che hanno solo il ponte scoperto, senza stiva dunque, ed è permesso ai camperisti o a chi ha la roulotte di dormire nel proprio mezzo sul ponte. E' anche permesso far dormire il cane in macchina e l'accesso al ponte e alla macchina è libero durante tutta la navigazione.
Commento di: Paola e Filippo, con Floridita e Sansone - luglio 2006


commento Non capiamo il motivo della restrizione sul numero massimo di cani... Noi del sito, che di bau al seguito ne abbiamo tre, non potremmo mai prenotare con questa compagnia qualora volessimo sceglierla per recarci in Sardegna. Peccato per loro, clienti in meno !!!
[Noi di Dogwelcome]

Torna in alto

  GNV - Grandi Navi Veloci (Grimaldi Group) - Il trasporto di animali domestici di taglia piccola (gatti, cani, uccelli, etc.) al seguito dei passeggeri è consentito a condizione che siano muniti di certificato di buona salute e che sia stato acquistato il relativo biglietto di passaggio. Al fine di rispettare le normative igienico-sanitarie, gli animali domestici, quando accettati dalla Società,  dovranno viaggiare nei locali a loro riservati, essendo assolutamente vietato ai passeggeri di tenerli in cabina e nei locali Sociali. I passeggeri sono responsabili per qualsiasi eventuale danno provocato alle cose o a terzi dai loro animali. Il vettore declina qualsiasi responsabilità per eventuale sequestro o soppressione degli animali da parte delle Autorità Sanitarie dei porto di sbarco/imbarco nonchè per danni ad animali, per fuga, perdita o morte degli stessi verificatesi durante il trasporto o durante l'imbarco e lo sbarco.
Tariffe 2007 - gatti e piccoli animali: 16 € - cani 25 € 
www.gnv.it (collegamenti Genova-Barcellona, Genova-Tunisi, Genova-Palermo, Livorno-Palermo, Genova-Olbia, Genova-Pto Torres)
ATTENZIONE: AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2009 - SCORRETE PIU' SOTTO - LA NOSTRA PRESSIONE E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTA PAGINA ED IN LISTA NERA FORSE HANNO AVUTO EFFETTO ? ;-)

Cronologia della situazione, a partire dal 1999:

Cosa vi può capitare in una nave traghetto GNV...


commento Ho scelto anche quest'anno per le mie vacanze di muovermi in macchina per poter portare la mia cagnolina, dovendo andare da Trieste alla Sicilia, ho scelto di fare un pezzo del viaggio in Traghetto, cosa che per altro mi era già capitato di fare ma per la Grecia partendo da Ancona con la Superfastferries, e quell'esperienza era stata meravigliosa, infatti ho dormito tranquillamente sull'accoglientissimo ponte riparato con delle vetrate che davano dritte sul cielo e sul mare, una meraviglia. Le cose stavolta sono andate diversamente ho scelto la Grimaldi,  GNV NAVI VELOCI per l'esattezza, avevo letto che la Tirrenia non era Dogwelcome e quindi mi sono indirizzata verso questa altra compagnia.
Ebbene per me che scelgo di dormire all'aperto, e non oso nemmeno chiedere se posso stare in cabina con il cane, non mi è stato nemmno possibile dormire per così dire sotto le stelle: i traghetti in questione, anche i più accessioriati, non hanno spazi esterni abitabili e con la pioggia o con il sole, sei costretto a startene al chiuso negli spazi "sociali" e quindi interdetti agli animali.
Questi traghetti sono costruiti in maniera inglobante è tutto all'interno della nave e all'esterno non c'è nulla, qualche scomoda panchina che io ovviamente ho usato in abbondanza, inoltre ero abituata a canili attrezzati per i bisogni dei propri cani, ma forse ho sognato, perchè pensavo di trovare anche qui quelle specie di piccoli giardini pensili o comunque spazi delimitati e riconoscibili, in maniera tale da poter far fare al proprio cane i bisogni nel posto giusto.
Le gabbie erano gabbie, inutile girarci intorno, sono orrende, il canile era posto sull'ultimo pontile dove le vibrazioni erano infernali e li vicino c'erano le enormi ciminiere che sputavano fumo nero facendo un rumore insopportabile. Perciò non mi dilungherò oltre: è stato un viaggio da incubo che non ripeterò mai più, perciò vi suggerisco di non provarci nemmeno voi, almeno che non siate molto motivati o costretti a farlo, io ne sono comunque uscita indenne, almeno la mia Daisy è qui con me sana e salva. L'ho dovuta lasciare al canile almeno al ritorno per 4 ore circa, sono andata un pò a ripararmi all'interno ed ho lasciato lei al riparo nella gabbia, diluviava e ci stavamo bagnando tutti non era possibile davvero tenerla con me, anche se all'andata confesso di aver trasgredito. E' stata dura separarmi da lei anche per quel poco tempo, infatti appena ha albeggiato sono uscita di corsa a prenderla è ho fatto il resto del viaggio sotto il sole cocente dalle 7 del mattino fino alle 17 del pomeriggio.

Segnalato da: din@ (segugia Dogwelcome 2002 !)

commento Sono Manuela è purtroppo ho consigliato mia madre di prendere la GNV Genova-Palermo per farle risparmiare un viaggio lungo, visto che arrivavano dall'Olanda.
Arrivati lì le gabbie erano totalmente diverse da come mi avevano spiegato al telefono al numero informazioni.
Pretendevano che il gatto venisse trasportato in una gabbietta grande come quelle da uccelli, dove non poteva neanche stare in piedi, figuriamoci fare i propri bisogni. E questo in un viaggio che dura più di 16 ore.
Oltre tutto in quella "stanza" sia i proprietari che gli animali rischiavano un polmonite.
Siccome il mio gatto è abbastanza grande, è stato detto a mia mamma che avrebbe dovuto prenotare una gabbia per animali domestici grandi, ma siamo sinceri, un gatto non può mai avere le dimensioni di un pastore tedesco !
Solo dopo che mia madre ha minacciato il personale di bordo di fare denuncia alla protezione animali erano disposti a dare una gabbia più grande, ma in mezzo ai cani.
Potete immaginare che è stato un viaggio infernale per tutti, e che non prenderemo mai più la GNV.
La denuncia la farò lo stesso, e siccome lavoro per l'agenzia di viaggio della XXXXX, ho subito informato tutti gli uffici competenti di questo maltrattamento di animali, così agli amanti di animali verrà sconsigliato altamente viaggiare in questo modo con il proprio animale.
Speriamo che le condizioni migliorino in un modo o l'altro, perchè non si può chiudere gli occhi davanti a queste cose.

commento  Ho un cane di 1 anno che si chiama Ercole. Già l'anno scorso l'ho portato con me in Sardegna a Valledoria ma il viaggio è stato traumatico! Abbiamo viaggiato con la Grimaldi... Ci hanno trattato malissimo!!!!!
 Non potevamo nemmeno stare sul pontile. Vorrei sapere se qualcuno mi puo consigliare con che compagnia posso andare in Sardegna quest'anno senza essere trattata così male... Il mio cane è un Golden Retriever quindi di taglia grossa.
Grazie e complimenti x il sito!!!!!!!!!!

Samy

Dogwelcome scrive più volte alla GNV, e il 28 ottobre 2004 invia la seguente mail:

Gentili Signori,
Siamo i gestori del "Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al seguito", www.dogwelcome.it,
e Vi scriviamo nuovamente riguardo la condizione di trasporto per gli animali domestici che riservate ai Vs clienti.
Abbiamo ricevuto varie lamentele al riguardo, l'ultima pochi giorni fa.

Come portavoce di ormai 200.000 visitatori, tutti viaggiatori con animali domestici al seguito, Vi chiediamo se non sia finalmente il caso di considerare di lasciare libero accesso all'interno dei traghetti agli animali domestici, come del resto fanno alcune compagnie vostre concorrenti.
Il fatto di segregare animali in gabbie strette e perdipiù contenute in spazi angusti sfiora il maltrattamento, e, colmo dei colmi, è un trattamento a pagamento !
In quelle condizioni, ovvero quelle descritteci da alcuni dei nostri visitatori, il cliente si aspetta perlomeno di avere il trasporto per il proprio animale gratuito...

Quindi, vi chiediamo di accettare all'interno dei traghetti gli animali (i gatti in appositi trasportini, come quelli usati in aereo) e i cani al guinzaglio, come accade senza alcun problema nei traghetti di altre compagnie.
Se doveste decidere negativamente, vi chiediamo perlomeno di azzerare la tariffa che chiedete in cambio di condizioni di viaggio pessime.

Questa mail apparirà nel nostro sito, nella pagina "Trasporti e norme", sezione Nave.

Attendendo un Vs gentile riscontro, Vi inviamo distinti saluti
www.dogwelcome.it
- Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al seguito -

Abbiamo atteso invano una risposta che potesse dare una soluzione a questa situazione incresciosa. Nessuna considerazione sinora riguardo i feedback ricevuti dai clienti.
Ma... nel 2006 la situazione è leggermente cambiata, quindi forse un po' di considerazione in seguito c'è stata, perchè una visitatrice ci manda questo commento:


commento Anch'io ho viaggiato con GNV per la Sardegna quest'anno e vorrei spezzare una lancia in favore di questa compagnia. Si è vero che i nostri cicci devono viaggiare nel canile di bordo. Ma è anche vero che non è tremendo così come ho letto in altri racconti. Si trova nel ponte superiore, ma al coperto. Ha due porte laterali per far circolare l'aria (infatti non si sente nemmeno l'odore), i box tutti in acciaio sono pulitissimi e spaziosissimi. (non c'era un pelo dentro). Ovviamente trattasi sempre di un canile, cioè un posto di costrizione dove i cicci non vorrebbero mai stare. Ma sinceramente confrontato al canile della MOBY era un salotto, non c'erano vibrazioni e non ho visto nessun fumo nero, tra l'altro si trova nella zona con la piscina, quella che dovrebbe essere la migliore della nave. Io Ringhio ce l'ho lasciato solo per 4 ore, giusto il tempo di schiacciare un pisolino, ma almeno lui era al sicuro e la sua gabbia chiusa con un lucchetto di cui solo io avevo la chiave.
Quando al ritorno ho viaggiato con la MOBY sono andata a visitare il canile e mi è venuto il vomito. Sempre sul ponte superiore ma in una stanza con un unica porta, un caldo infernale e una puzza micidiale. Gabbie sporche, anzi, LURIDE. Senza nessun lucchetto. Io il mio piccolo lì non ce lo mettevo nemmeno morta. Allora abbiamo chiesto alla reception se potevamo portarlo con noi in cabina e ci hanno detto testuali parole: "Fate voi". Ovviamente ha dormito con noi per tutta la traversata. Con questo voglio solo dire che nonostante la GNV non li faccia venire con noi in cabina, però cerca di trattarli al meglio e dare anche a loro un posto confortevole.
Se i cani non vengono accettati ovunque è anche colpa dei padroni dei cani. Sulla GNV quando sono salita mi sono stati consegnati 2 sacchetti di carta per la raccolta degli escrementi, spiegandomi che dovevo stare col cane nella zona BLU dove i mozzi passano con le pompe a pulire la pipì, mentre per la cacchina dovevamo raccoglierla (così come si fa per strada, d'altronde, no?!). Invece sapete in quanti la lasciavano lì? Tantissimi. Sulla Moby peggio ancora, addirittura ho visto degli escrementi vicino al sacco a pelo di un ragazzo che stava dormendo (ed era sprovvisto di amico a 4 zampe). Se tutti imparassero il rispetto per gli altri forse anche i cani in un futuro godranno di più considerazione.

Commento di: Giorgia e Stefano, con Ringhio (bulldog) - agosto 2006

Speriamo che questa "accettabile" sistemazione per i bau (sebbene si tratti sempre di gabbie, e non capiamo come mai altre compagnie invece lascino stare i bau ovunque e certe altre no...) si possa trovare in tutti i traghetti GNV e non solo su quello dove si è imbarcata la nostra amica... ;o) - Apprezziamo d'altra parte (sebbene le gabbie canile fossero luride e non sicure, e questo è un punto supernegativo) il fatto che la Moby abbia lasciato stare in cabina il bau, e questo al 100%.
Vergogna vergogna vergogna, infine, a chi non ha raccattato le deiezioni del proprio bau !!! Bella impressione date di voi (e di riflesso di tutti noi) !!! Ecco uno dei motivi per i quali poi le compagnie fanno fatica ad accettarci !!! VERGOGNATEVI !!!!!

 

Una mail del 13 marzo 2008:

commento Dolcissime persone di Dogwelcome, mi chiamo Paola sono italiana di Brescia ma vivo a Maiorca in Spagna. Il 15 dicembre 2007, io e il mio fidanzato abbiamo allargato la famiglia adottando da un canile Gringo, un meticcio che ha piu' o meno 1 anno di vita con alle spalle 7 mesi di canile, 2 abbandoni (preso e lasciato da gente che forse lo pensa un giocattolo) e relativi episodi in canile che debbo dire l'hanno fatto crescere con il suo caratterino. Ma parlando dei viaggi...
Siamo stati in Italia per le vacanze, per tornare a Maiorca, e fare un viaggio tranquillo, dobbiamo prendere 2 traghetti (Genova/Barcellona-Barcellona/Maiorca).
Il 3 marzo alle ore 21 arriviamo al porto di Genova per prendere la GNV, per prima cosa il costo del biglietto per lui e' di 25 euro e deve viaggiare nel canile (piccolo, sporco e a parer mio freddo) mentre io e il mio fidanzato abbiamo pagato a testa la sua stessa somma per un posto letto e passaggio!!!!!! Ah.... 18 ore di navigazione!!!!!!!!!!!!!!!
Saliamo sulla nave, con Gringo in braccio, per posare le nostre cose in camera e poi portarlo fuori, e al piano della camera ci accolgono 3 individui come ''accoglienza camere'', che di accogliente non avevano nulla, ci hanno assalito perchè il cane (che era in braccio!!) non poteva stare lì, che prima dovevamo portarlo al canile, neanche fosse stato un lebbroso... E vogliamo parlare del microscopico angolo davanti al canile, dove, secondo loro, poteva passeggiare.. Perchè, attenzione, non poteva passeggiare su tutti i ponti!!!!!!!!!


Gringo con la sua famiglia in viaggio con la GNV

Dopo tutto un viaggio a fare la veglia al cane (18 ore sono tante e con mare forza 6/7) arriviamo a Barcellona alle ore 15.00 per prendere la seconda nave. La nave che ci porta a destinazione è la spagnola Iscomar, partenza ore 23, e per Gringo ci fa firmare un foglio, in cui affermiamo che metteremo il cane prima nelle ceste all'aperto, e poi dall'una di notte, al chiuso (ma proprio chiuso) nel canile dove tu non potrai vedere il cane fino alle 5 della mattina!!!! Il mare era forza 7... Avevo un po' paura... E se succede qualcosa???????? Mica ti danno il tuo cane... Mi crederete se vi dico che abbiamo passato tutta la notte tra fuori, in un angolo riparato dall'aria, coperti con coperte, giubbini e cappottini, e dentro di nascosto da tutti... Perche' io al mio cane ci tengo!!!! Lui se l'e' passata bene, noi un po' meno per il freddo e l'umidita'...
Basta... Basta... Basta... non sono mica piu' protetti ora 'sti animali... Ma da chi ???
Sono indignata... Baci a tutti... Gringo saluta...

Mail di: Paola, da Brescia

AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2009 - LA GNV SI PUBBLICIZZA IN QUESTO MODO:
"Tu, il Tuo Cane, il Tuo Gatto. In Cabina Insieme. Siete Amici inseparabili. Da oggi lo sarete ancora di più: speciali cabine allestite anche per loro sono prenotabili a richiesta. Così potete dormire insieme. Ma prenota in tempo: le cabine hanno disponibilità limitata! Un Welcome Kit pensato per il tuo cane o il tuo gatto ti aspetta presso la reception di bordo. Sempre per loro, è disponibile uno spazio attrezzato con area di sgambamento, fontanella e panchine per i proprietari: uno spazio pensato per dare ai nostri amici più libertà nel totale rispetto dei viaggiatori non possessori di animali. Servizio valido sulle tratte per la Sardegna e la Sicilia. Le dotazioni possono variare a seconda della nave e del periodo. Le prenotazioni del servizio saranno attive a partire dal 16 Febbraio 2009."

ATTENZIONE PERO': IL SERVIZIO E' PRESENTE (AGG. TO 2 LUG 2009) SOLAMENTE IN 9 NAVI DELLA FLOTTA.

AGGIORNAMENTO 6 LUGLIO 2009:
commento La GNV ha sostituito la M/n Majestic che effettuava il servizio che consentiva di portare il proprio cane in cabina sulla tratta Palermo-Civitavecchia, con la M/n Tenacia ("barchetta" destinata soprattutto alla movimentazione di mezzi) che non effettua il servizio cane in cabina.
Risultato: biglietti acquistati 4 mesi fa, comunicazione di GNV 5 giorni prima della partenza...
Alla faccia della serietà di questa compagnia che tanto si vanta del servizio per gli amici a 4 zampe :-(

Segnalato da: Maurizio Vannini

Una mail dell'11 agosto 2009:
commento La mia cagnolina Sissi - la principessa - è una pinscherina nera focata di 6 anni.- Kg 5 circa - E viaggia molto volentieri. Non disturba, non abbaia...non fa la pipì dove non deve... E' veramente una principessa. Siamo andate in vacanza in Sardegna ed abbiamo viaggiato con la Grimaldi. Nave grande, molto bella, personale gentile... ma...- i cani devono stare nel canile o al massimo sul ponte. Da persona educata mi sono lasciata accompagnare al canile pensando che se ci potevano stare gli altri cani per un po' di tempo potevo lasciare anche la mia Sissi anche se con dolore. ORRORE!!! Mi hanno aperto la porta del canile... specie di ripostiglio poggiatutto. All'11° piano. Un caldo infernale. aria irrespirabile e gabbie di circa 1 metro x 80 e nessun cane presente e neppure una ciotola per l'acqua. A questo punto mi sono rifiutata di far entrare Sissi in quella specie di forno crematorio per non ritrovarla almeno bollita. Abbiamo fatto tutto il viaggio sul ponte al sole e al vento finché la mia mamma di 88 anni - io 68 - dopo aver discusso con un ufficiale di bordo è riuscita ad ottenere il permesso di stare in un angolo quasi all'ombra e un po' più riparato vicino la tettoia del bar evitando così l'insolazione e forse anche la bronchite. Ora dico: le regole sono giuste e vanno osservate, ma è possibile che un animaletto debba essere costretto a viaggiare in una specie di lager? E' possibile che non esista un controllo per queste cose? Ho anche pagato il biglietto per la mia Sissi... Nessuno però mi aveva detto che dovevo farla viaggiare in quelle condizioni... Avrei sicuramente cambiato compagnia. E' molto importante per chi non vuole abbandonare il suo amico fedele che ha diritto di viaggiare comodo quanto chi lo ama.
Mail di: M.C. Palumbo, Roma

AGGIORNAMENTO 2010: IL SERVIZIO E' ORA PRESENTE SOLAMENTE SU 5 NAVI DELLA FLOTTA (Suprema, Superba, Majestic, Excellent e Fantastic). Le linee servite sono: Genova-Palermo, Porto Torres, Barcellona, Olbia).

Ancora una mail su Grandi Navi Veloci - luglio 2010 - ahi ahi ahi !!!
commento Salve mi chiamo Gaetano ho 31 anni e sono di Bologna. Sono il papa' di una splendida dobermann femmina di 2 anni che si chiama Maya. Sono tornato da una settimana da una vacanza traumatica fatta con la mia piccola, sono stato in Sicilia "che sconsiglio vivamente a chi vuole fare una vacanza col cane". Gia' il viaggio di andata è stato tragico in quanto avevo deciso di andare in nave con Grandi Navi Veloci, una delle poche che da la possibilita' di tenere il cane con se' anche in cabina durante il viaggio. Telefonicamente mi ero informato visto la durata del viaggio (21 ore) sugli spazi consentiti agli animali sia per i bisogni che per fargli fare una passeggiata, e mi era stato detto che non c'era problema e che c'erano delle zone a loro dedicate. La sorpresa è stata una volta saliti, premetto che eravamo in tre persone con due cani in una cabina di 3 metri per 2, l'altro cane per fortuna era un pinscher. Come dicevo appena saliti vado per cercare l'area assegnata ai cani e con grande stupore vedo che la famosa zona non era altro che il tetto "non so come si chiama esattamente" della nave, insomma per capirci la parte più alta dove ci sono gli scarichi dei motori e un "caos" che non ci si sta, tanto piu' quando la nave è in mare aperto c'è un vento decisamente forte. Insomma per farla breve la mia Maya aveva una paura che appena la portavo su iniziava a tremare e non voleva starci. Come lei anche altri cani avevano lo stesso comportamento, non sono un esperto di comportamento dei cani ma riesco a capire che forse quello non era il luogo più adatto al relax dei nostri piccoli amici. Quindi fra il malcontento mio ed anche di altri proprietari, me ne sono stato praticamente tutto il viaggio in cabina ad aspettare che finisse l'odissea. Finalmente arrivati mi sono promesso di non ripetere mai piu' un'esperienza così, tanto che al ritorno sono tornato in macchina.

Sempre GNV, un altro feedback negativo pervenuto il 12 agosto 2010 - sempre peggio...

commento Devo denunciare quanto ancora oggi accade nelle GNV grandi navi veloci. In una civiltà che ogni giorno si batte perchè gli animali, nostri compagni di vita, godano degli stessi diritti che vengono riservati a noi umani, per la maggioranza dei casi peggiori delle bestie, esiste ancora chi tratta i passeggeri paganti di biglietto tanto per se che per il proprio fedele animale, come merce. Perchè nonostante la sponsorizzazione attraverso siti o altro le cabine riservate al "pet" ben onerose oltretutto, non rispettano i canoni pagati e quando il proprietario si rifiuta di cedere a compromessi ecco che viene sbattuto sul ponte, unico posto dove possano stare i nostri animali. Il ponte assolato e senza soprattutto una panchina per quel disgraziato di uomo che ama il proprio animale e che non lo lascia certo solo in una gabbia fetida. Vergogna a queste compagnie che si credono navi da crociera e sono invece solo carrette, UNO SCHIFO!!! Non viaggiate mai con questa compagnia! Alla prenotazione avevamo pagato una quadrupla esterna oltre che il biglietto per il nostro cane, saliti sulla nave ci hanno detto che per tenere Whisky come da noi chiesto alla prenotazione dovevamo andare in una cabina interna e pagare in piu' 50€, nonostante noi avessimo già pagato un prezzo ben superiore. Quindi non volendo e non potendo pagare quei soldi in piu' per una sistemazione inferiore abbiamo fatto i turni sul ponte con il nostro cane, unico posto in cui lui poteva stare. Una sola piccola parte del ponte era dedicata a loro, assolata, senza un minimo di ombra, sporca, senza una pompa per potere pulire i bisogni, senza un po' d'acqua e senza una sedia dove poterci sedere per potere stare con lui, non volendolo lasciare solo in una gabbia posta in un luogo sporco e con rumori assordanti. Ricordo che il viaggio dura ben 19 ore!!

Ovvero: GNV ha emesso biglietti per umani e cane, però nessuno ha pensato di destinare ai viaggiatori la cabina adatta... e chi ci ha rimesso sono stati i passeggeri paganti.
Queste cose non devono accadere. Pollice assolutamente verso a GNV ! Se si mette a disposizione un servizio del genere, occorre anche farlo con professionalità, altrimenti non si fa altro che creare ulteriori problemi a chi viaggia...

[Nota di Dogwelcome]

Un'altra mail su GNV pervenuta nell'agosto 2010:

commento Siamo appena tornati da una vacanza in Sardegna con la nostra cagnolina. Anche noi siamo andati con Grandi Navi Veloci ed è stata la prima e l'ultima volta che abbiamo viaggiato con loro ! Chi viaggia con il proprio cane a seguito viene trattato come se avesse una malattia contagiosa ! Sembra quasi di essere messi in quarantena: a parte in cabina e sul tetto della nave (come ben spiegato da Gaetano) non si puo andare da nessuna parte con il cane. La nave arriva al porto alle 07,00 più o meno e si deve lasciare la cabina per le 05,30. Quelli senza cani possono aspettare di arrivare al porto al caldo nei comodi salotti mentre fanno colazione, quelli che hanno i cani invece devono aspettare sul pontile esteriore al freddo !!! Sono rimasta veramente male. A che serve fare tutta questa pubblicità radiofonica: "viaggiate con fido e micio..." se poi si viene trattati in questo modo ? Non ho parole.
Nadia Grosjean

commento Su Tirrenia, GNV e SNAV ti fanno stare fuori, al ponte in alto e non puoi manco entrare dentro con il cane... Ho dovuto pure litigare la scorsa estate con il capitano di GNV perchè sosteneva che dovevamo scendere dalla nave per ultimi avendo i cani perchè portano malattie e zecche, nonchè prenderli in braccio perchè c'era la moquette!!!
Consu Lelo, luglio 2011

commento Noi abbiamo fatto l'anno scorso la traversata in Sicilia e siamo stati benone ! Il sovraprezzo è irrisorio
Cristina, agosto 2011

commento Quest’anno abbiamo deciso di trascorrere le vacanze con la nostra girovaga Odessa (agosto 2011) in Sicilia e per non affrontare il lungo viaggio in auto abbiamo preferito la traversata Genova-Palermo con GNV (altrettanto lunga ma certamente meno stressante) prenotando, ovviamente, una cabina con libero accesso agli animali.
La cabina anche se poca spaziosa era pulita e ci ha permesso di affrontare il viaggio in modo rilassato e con Odessa tranquilla al nostro fianco; punto forza, dovuto forse a una recente ristrutturazione, era il pavimento in linoleum certamente più igienico della vecchia moquette.
Il personale nelle operazioni d’imbarco, sbarco e durante la traversata è stato nei nostri confronti (Odessa conferma) gentile e per nulla maleducato. Ciò che lascia ancora senza parole nelle GNV sono gli spazi esterni: canile e area sgambettamento cani.
Il canile è ancora il maleodorante, buio e triste locale di sempre… Mentre la zona detta “sgambettamento cani”, descritta nel sito come un’area ben attrezzata per far giocare il vostro cane, altro non è che una parte di ponte, adiacente alla zona piscina, esposta a qualsiasi condizione climatica in cui si trovano giusto un paio di panche occupate purtroppo da chi potrebbe sedersi altrove !!!
Qualcosa in GNV è cambiato, abbiamo viaggiato bene anche perché Odessa è di piccola taglia ed è di poche esigenze, ma di strada ne devono ancora fare per definirsi “Dogwelcome”!!!

Stefania e Maurizio, con Odessa - dicembre 2011

Ancora GNV - aprile 2012:

commento Buongiorno, ieri ho prenotato 2 settimane in Sardegna presso un campeggio che ci ha offerto un pacchetto di soggiorno+traghetto GNV, mi è stato detto subito che per il cane avrei dovuto pagare l’imbarco direttamente al porto così per essere più tranquilla ho chiamato l’ufficio di Genova, una operatrice molto gentile mi ha detto che fornendo il numero di prenotazione avrei potuto cambiare la cabina interna che mi era stata assegnata con una dove avrei potuto portare anche il cane. Purtroppo quando ho richiamato per fare la sostituzione un’altra operatrice mi ha detto che per cambiare la cabina avrei dovuto aggiungere € 300 + 29 all’imbarco perchè la tariffa che ci ha fatto pagare il campeggio “è da Tour Operator”- Sinceramente una cifra del genere per una cabina interna da 4 persone mi sembra eccessiva, il mio cagnolino è arrivato in Italia dai paesi dell’est in condizioni a dir poco terribili e non vorrei fargli fare un altro viaggio del genere; ma da quello che ho letto mi pare che poco ci manca. Siamo disposti a farlo viaggiare chiuso nel suo trasportino per tutto il viaggio ma non in quelle gabbie…e non a certe cifre…. Grazie
Barbieri Nicoletta

AGGIORNAMENTO 2012: ORA IL SERVIZIO E' PRESENTE SU 7 NAVI DELLA FLOTTA (Suprema, Superba, Majestic, Excellent, Fantastic, Splendid, SNAV Toscana).

Ancora GNV... Ancora un feed ultranegativo, agosto 2012

commento Grandi Navi Veloci... da evitare come la peste!
Siamo rientrati ieri dalle nostre vacanze nella splendida Sicilia. Ancora prima di disfare le valige eccomi qui per raccontarvi a caldo il nostro viaggio della speranza per le tratte Genova-Palermo (e ritorno) con Grandi Navi Veloci, affinchè possiate tenervi lontani da loro per i prossimi viaggi.
Attorno a Maggio abbiamo deciso di trascorre l'estate in Sicilia, in una villetta a Scopello, con i nostri due cicci.
Ovviamente la scelta del mezzo di trasporto è stata molto ben valutata; l'aereo è dunque stato escluso a priori e così anche l'auto, sebbene abbiamo una grossa familiare con aria condizionata con i fiocchi adattissima agli spostamenti con i bulli. Abbiamo dunque deciso di prendere la nave, dove avremmo poi caricato anche l'auto per gli spostamenti in Sicilia.
Mi sono molto informata sulle varie compagnie e tra le migliori mi sembrava di aver individuato proprio Grandi Navi Veloci. Le loro pubblicità a favore di chi viaggia con i cani si sprecavano sul web, le foto sul loro sito sembravano decisamente promettenti..insomma, il paradiso dei quattrozampe! Una compagnia eccellente che pensa prima di tutto al benessere dei pelosi a bordo! Perfetto!
Mi informo sui prezzi e vedo che esistono cabine con accesso a 2 adulti + 2 cani ma le tariffe erano decisamente proibitive (quasi 1700€ tra andata e ritorno). Perciò, non trovando le info di cui necessitavo sul sito, chiamo il loro Servizio Clienti domandando esplicitamente se acquistando per noi i biglietti poltrona avremmo potuto passare la traversata all'interno della nave con i cani. La signorina si affretta a specificarmi che i cani sono i benvenuti in tutta la nave, dove possono sostare in aree dotate di aria condizionata, ma che non posso entrare unicamente nella zona poltrone né nei ristoranti. Chiedo dunque se avrei potuto sostare con loro in qualche area pubblica al chiuso che non fosse la zona poltrone e la signorina mi rassicura sulla cosa.
Contenti, ci prepariamo a viaggiare come abbiamo visto fare a molta gente in passato su altre navi.. sacchi a pelo, cani vicini, cuscini a terra e buonanotte. Certo, non il massimo della comodità ma avere la certezza di poter stare tranquilli con i cicci al fresco dell'aria condizionata per tutto il tempo era abbastanza.
Il 30 Maggio, dunque, acquisto i biglietti di andata e ritorno per un totale di 650€.
E così il 17 Agosto ci presentiamo all'imbarco della nave. La prima parola del personale di bordo che ci vede con Leone e Regina al guinzaglio è: "Ponte nove, grazie". Scusi? Ci informiamo e nel giro di un minuto ci crolla tutto addosso: i cani non sono accettati all'interno della nave (se non nelle cabine apposite), sia il loro passaggio che la sosta nelle aree pubbliche è espressamente vietato. Il posto a loro destinato è unicamente il ponte all'aperto.. nemmeno interamente, ma solo nelle zone dove a terra si vedono le piastrelle blu. Rimaniamo di stucco ma prima di iniziare il finimondo alla reception andiamo a buttare un occhio al ponte per capire dove poterci sistemare eventualmente per passare la notte con i ciccioni.
Aprendo la porta che dà sul ponte nove rimaniamo a bocca aperta: l'area è uno schifo totale. Non ci sono altre parole, la puzza di pipì ed altro ci arriva addosso come uno schiaffo. Il pavimento è lurido, le piastrelle blu sono bucherellate e nei buchi ci sono rimasugli di qualunque cosa. Se hai le infradito devi aver paura di prendere qualche malattia.. Facciamo un giro e la situazione peggiora: la zona realmente accessibile ai cani è meno della metà dell'intero ponte e ovviamente non può mancare il canile, unica zona dove i cani i cui padroni non hanno la cabina con accesso agli animali possono sostare durante la notte. Difficile immaginare uno schifo simile: in una stanza stretta e lunga trovano spazio una quarantina di gabbie strette, luride, maleodoranti, scure dove riporre gli animali nella notte. Il canile inoltre si trova proprio a ridosso di un'area motori nonchè del bar dove la mattina e la sera l'animazione fa balli di gruppo (........), dunque il rumore è assordante.
Inca**ti come due (anzi, quattro) bestie torniamo alla reception e inizia il finimondo. Spiego a tutto il personale che il loro maledetto Servizio Clienti ci aveva assicurato tutt'altro, loro negano e poi si scusano ma non possono farci niente. Non possono farci niente?? Minacciamo che ci saremmo accampati davanti alla reception tutta notte se non ci avessero trovato una soluzione, dietro di noi si forma un capannello di persone che ci dà ragione. Tutto il personale, chi in modo più garbato chi in modo più cafone, ci dice che non è un problema loro finchè pretendiamo di parlare con il Commissario di bordo.
Unica persona che realmente si interessa alla cosa, il Commissario si sbatte un minimo e alla fine stremati dopo un'ora e passa di litigata accettiamo la sua proposta: comprare la cabina con accesso agli animali a prezzo agevolato.
Ben 125€ di adeguamento. Paghiamo, assicurando alla compagnia denuncia e pessima pubblicità.
Il Commissario ci chiede di effettuare il cambio biglietti anche per il ritorno non appena attraccati, nella loro biglietteria di Palermo. Consapevoli che non ci sono alternative, accettiamo.
Peccato che alla biglietteria non possano fare questi cambi: a Palermo ci viene detto che i ticket comprati online possono essere sostituiti solo a bordo nave. Tiriamo qualche imprecazione un'altra volta ma finalmente inizia la nostra vacanza.
Dieci giorni passano a meraviglia, ma il 26 Agosto dobbiamo imbarcarci nuovamente per tornare a Genova. Stessa tarantella, stesse facce. Corro alla reception appena imbarcati e... tadan! Mi dicono che le cabine con accesso agli animali sono terminate!!! La bile risale più forte che all'andata, chiedo alla tizia se si ricorda di noi, dice di sì ma che non può farci niente. Ma che novità. Dico che una cabina deve saltare fuori, la pretendo perchè io "nel vostro mer*osissimo canile i miei cani non li lascio". Lei abbassa lo sguardo, forse ha capito e dunque ci chiede di lasciarle il nominativo per essere richiamata a partenza nave nel caso in cui si liberasse una cabina. Lo lascio e nel frattempo arriva il solito Commissario; chiede qual'è il problema, lo rispiego per l'ennesima volta e gli dico che in biglietteria non ci hanno potuto cambiare prima i biglietti. Non si fida, mi chiede di seguirlo che andiamo assieme in biglietteria.
Ingoio la bile e dico "Ok, andiamo". Arrivati in biglietteria la stessa tizia ci ripete la stessa cosa, lui risponde "Ah, non lo sapevo". Meraviglioso..
Risaliamo a bordo, ci accomodiamo sul Ponte nove (...); è pieno di padroni di cani nelle nostre stesse condizioni (ma anche di molti che a cuor leggero lasciano i propri pelosi nelle gabbie del canile), tutti neri in volto e che minacciano le nostre stesse cose. Finalmente, un quarto d'ora dopo la partenza della nave, veniamo chiamati dal megafono e ci viene assegnata una cabina. Altri 170€ di adeguamento. Paghiamo e andiamo in cabina, contenti che tutto sia finito in un modo o nell'altro.
Altre chicche dalla nave:
- alle 15 (circa due ore e mezza prima dell'attracco della nave nel porto di destinazione) le cabine devono essere liberate. Ed ovviamente all'interno della nave i cani non sono accettati. Il ponte all'aperto non ha zone d'ombra, i cani e i rispettivi padroni devono cuocere al sole. Noi ed altri padroni ci siamo messi a discutere con il personale per la cosa, dopodichè ce ne siamo fregati dei divieti e ci siamo presi un bel corridoio all'ombra e ventilato.
- ogni membro dell'equipaggio ha una personalissima visione dei regolamenti. Inutile chiedere informazioni, tutti ti risponderanno qualcosa di diverso. Esempi? Al primo imbarco un tizio ci ha detto che i cani non sono accettati nella nave solo di giorno, poi si è scoperto che non sono accettati nemmeno la notte. Alla reception poi ci hanno detto che i cani potevano essere lasciati soli in cabina (ad esempio, per andare a cena) ma nella cabine stesse è pieno di adesivi che attestano il contrario. Senza dimenticare il Commissario che ci ha chiesto di cambiare i biglietti in biglietteria ma che poi ha potuto constatare come sia impossibile.
La nostra esperienza è stata pessima e, soprattutto nel viaggio di ritorno, abbiamo trovato numerosissime altre persone nelle nostre stesse condizioni. Tutti decisi a sporgere denuncia, a contattare chi di dovere, a chiedere un rimborso..insomma, a non lasciar correre la situazione.
Sulla nave i padroni di animali sono stati trattati peggio dei lebbrosi: il rispetto nei nostri confronti è stato nullo, nei confronti dei nostri animali ancora peggio. Siamo indignati e promettiamo di dare seguito a questa cosa che non può e non deve passare in silenzio. Per adesso, nel viaggio di andata abbiamo scritto un esposto alla Compagnia e l'abbiamo consegnato direttamente alla reception facendoci consegnare copia dello stesso. Seguirà sicuramente lettera dell'avvocato e richiesta di rimborso...vedremo come andrà!
Mi scuso per il romanzo, ma spero che la mia esperienza possa tornare utile a tutti voi e che vi possa evitare di ritrovarvi nelle nostre stesse condizioni.
A breve le foto scattate alle zone animali della nave, così che possiate farvi un'idea più completa.

Sara, 28 agosto 2012

commento 2 anni fa siamo stati in Sardegna con GNV è posso solo concordare con tutto quello che ci racconta Sara... è uno schifo (anche se prendi la cabina di notte apposta per la cagnolina) !!!! Quest'anno invece siamo tornati in Sardegna ma con la Corsica Ferries e devo dire che ci siamo trovati benissimo con la nostra cagnolina (prezzi da pazzi a parte)
Nadia G. - agosto 2012

commento Salve, ho viaggiato su GNV a marzo di quest'anno da Genova a Tangeri con scalo a Barcellona e avendo anch'io un cane (ma per fortuna non era con me) per curiosità sono andata a visitare il canile/gattile della nave. Ho trovato un posto lurido, malsano e puzzolente. Io mi chiedo con quale coraggio si pubblicizzano col motto "Porta il tuo fido in vacanza con te" e come possano avere il patrocinio dalla Lega Nazionale Difesa del Cane.
Nara R. - settembre 2012

Continua la lunga serie di feedbacks negativi per GNV, giugno 2014, da una mail inviata a GNV e per conoscenza a Dogwelcome:

commento Buongiorno,
la presente per richiedervi apertura procedura di reclamo e per porre a conoscenza la vs Spett.le società in merito a quanto accaduto in data 23.05.2014 e 01.06.2014 sulla nave Florentia appartenente alla vs flotta.
In data 08.03.2014 è stata inviata dai vs sistemi la e-mail di conferma relativa all’acquisto online del biglietto GN-0060013 con prenotazione n. 06712292642, biglietto A/R  per le date di cui sopra, con partenza da Civitavecchia e destinazione Palermo. Acquisto regolarmente effettuato con carta di credito a nome  Francesco De Cesaris ma che avrebbe utilizzato la sottoscritta, Eva Di Muro Drommi, con al seguito “l’accessorio”  ossia un esemplare di cocker americano spaniel femmina adulta, ufficialmente classificata di piccola taglia ma, in fase di preventivo, obbligati ad inserire con dicitura CANE , vedendosi così addebitato l’importo più alto (euro 25), contro la dicitura GATTI E ANIMALI DI PICCOLA TAGLIA (euro 16). Il biglietto comprendeva inoltre una poltrona, scelte confermate anche per il ritorno, per un totale di euro 172,90 ( si allega copia e-mail ).
Poiché nella stessa comunicazione non veniva citato il nome della passeggera, per un’ulteriore conferma abbiamo ritenuto giusto contattare il call center al numero +39 010 2094591, la cui operatrice non solo ci confermava che alla biglietteria di Civitavecchia sarebbe risultato il tutto, ma ci forniva quale indirizzo per il ritiro dei biglietti Lungoporto Gramsci Civitavecchia ( prima inesattezza ) in quanto la stessa è invece interna al porto, confermandoci ulteriormente la possibilità di poter acquistare una cabina a bordo per entrambe qualora avessimo desiderato farlo e se ancora disponibili presso la reception (seconda inesattezza ) e per ultimo che la nostra cagnolina avrebbe potuto “passeggiare liberamente per i ponti” ad esclusivo patto di restare lontana dalle zone quali lounge bar, self services, ristorante o quant’altro, riservate ai soli passeggeri.
Una volta giunti al porto, effettuato il check- in ci siamo incontrati con una coppia di amici con al seguito il loro cane di razza bulldog francese ed autovettura, i quali di li a poco avrebbero effettuato la procedura di imbarco prima dei passeggeri a piedi. Successivamente, il secondo check-in presso la reception, dove gli è stato subito consegnato il lucchetto per il canile, dove avrebbero dovuto lasciare il proprio cane durante tutte le 14 ore di navigazione e raggiunto il settimo piano, ossia l’ultimo,  trovavano quello che veniva definito “canile” ma che in realtà aveva l’aspetto di un vero e proprio lager.
Contattata immediatamente ed informata della situazione, non appena giunta alla reception venivo anch’io letteralmente bloccata dall’addetta, la quale con tono e maniere molto poco cortesi, mi ripeteva la stessa procedura alla quale non solo mi sono sottratta, ma ho ripetutamente cercato di spiegare che le informazioni fornite dall’operatore a noi clienti erano state ben altre. A questo punto mi è stato detto in malo modo che:
- sulla Florentia i cani non possono assolutamente muoversi sulla nave;
- non vi era alcuna possibilità di acquistare cabine con accesso ai nostri amici a 4 zampe, frase ad effetto a voi molto cara posta sulla homepage del vs sito, ma di cui però non si forniscono dettagli né sui servizi, né sulle navi che li forniscono e, cosa molto più importante, non vi è alcuna foto che illustri la reale situazione delle vere e proprie gabbie-lager in cui sono costretti a viaggiare.
- prima di partire avrei dovuto verificare personalmente, anche direttamente sul sito, che la Florentia non forniva questo tipo di servizio, operazione impossibile da fare poiché non è riportato in nessuna parte  quali sono le navi/traghetti che operano in tal senso, ma al contrario il tutto viene liquidato con un laconico: “Il Servizio GNV "Pets, Welcome on Board" è presente solo su alcuni traghetti. Dotazioni e Servizi di Bordo possono variare da nave a nave e da periodo a periodo” al seguente link:  http://www.gnv.it/it/info-e-servizi/prima-di-partire/animali-sui-traghetti-gnv.html  peraltro alla voce cani non vedenti.  D’altronde, come avrete modo di verificare neanche sulla mail di conferma acquisto biglietto viene citato il nome della nave, a questo punto mi chiedo se secondo la GNV il consumatore debba essere dotato di poteri soprannaturali…
- Per tutta la durata del viaggio sia all’andata che al ritorno mi sono vista costretta a non poter utilizzare la poltrona che avevo pagato, insieme ad altri possessori di cani che si sono rifiutati come me di lasciarli in balìa del vento e dell’acqua (le gabbie sono arrugginite e in alto il tetto ha delle perdite per cui gli animali la mattina seguente erano completamente fradici, si allegano foto del canile). Siamo stati costretti a sostare al settimo piano vicino all’unica porta che dava sul ponte per far si che i nostri cani rispettassero le norme igienico sanitarie a bordo, presumibilmente vicino ai motori dato il rumore, senza aria condizionata, senza poter accedere ai servizi se non a rotazione anche per un semplice caffè o per riuscire ad acquistare qualcosa da mangiare presso il bar della nave.
- Molte informazioni ci sono state fornite dal personale di bordo, addirittura che la nave non era di proprietà della GNV ma bensì “presa in prestito” dopo aver ricevuto recentemente un restyling (???)  e quindi questo giustificava la situazione e il “fraintendimento”, mentre su tutte le altre navi della flotta gli animali potevano viaggiare tranquillamente. Nonostante il disagio arrecatoci e il danno economico che abbiamo subìto, noi insieme ai nostri cani non solo non abbiamo creato alcun problema mantenendo ordine e disciplina, ma ci siamo visti insultare dalla stessa addetta alla reception in turno che, in uno dei suoi passaggi di controllo, ci ha tacciato di puzzare di cane e ha tenuto a precisare che era “per gentile concessione” che ci aveva consentito di restare… in quelle condizioni disumane. Per dovere di cronaca devo anche aggiungere che alcuni addetti, forse mossi da compassione, al ritorno ci hanno offerto acqua e una lattina di Pepsi.
Il tutto mentre ai piani inferiori, lo stesso personale di bordo consentiva ad un numero imprecisato di viaggiatori che avrebbero proseguito per la tratta Palermo – Tunisi di appropriarsi di intere zone living, poltrone (anche delle nostre numerate), poggiare piedi nudi su tavolini, gonfiare materassini e ricoprire buona parte dei corridoi per rivolgere preghiere cantate di un’ora e dormirci successivamente, lavarsi nei bagni con bottiglie d’acqua ed allagare i pavimenti, etc… ma d’altronde il personale nulla può, purtroppo nonostante i ripetuti inviti ad assumere degli atteggiamenti consoni alla situazione, tutto ci si può auspicare tranne che una rissa in mare…
E come se non bastasse, non solo le “gabbie” non erano sufficienti a contenere il numero degli animali presenti a bordo, essendo praticamente attaccate l’una all’altra, permettevano a cani di diverse razze quasi di azzannarsi e dunque era impossibile addirittura avvicinarsi e fare un tentativo. Per ultimo durante il viaggio di ritorno, appena saliti a bordo, le gabbie erano ancora sporche degli escrementi della precedente navigazione. Il personale non si era neanche scomodato a pulirle, magari con una pompa.
Pertanto, a questo punto richiedo che mi venga rimborsato l’importo di 50 euro (25 euro A/R per il mio cane) e 10 euro (costo di 1 euro per l’andata e di 9 euro per il ritorno della poltrona di cui non ho usufruito), per un totale di 60 euro.
Chiedo alle parti che ci leggono in copia di intervenire se possibile, in quanto riteniamo che la pubblicità sul sito se non ingannevole quanto meno risulti essere incompleta di dati essenziali:
- in primis non consentire che nessun tipo di animale possa o debba forzatamente viaggiare in vere e proprie gabbie, arrugginite, sporche, fuori misura  (un cane di grossa taglia non può viaggiare seduto per 14 ore !!!) con tetti spioventi bucati, esposte alla pioggia e alle intemperie, alla contaminazione e al pericolo di contrarre malattie vista la presenza di scolature di precedenti escrementi. Le gabbie non sono igienizzate!!!
- in secundis sapere all’atto del preventivo online quale nave effettuerà la tratta e se fornirà il servizio di Pets on Board, quanto meno suggerire di contattare il call center che dovrà essere aggiornato sulle info/tratte/navi e fornire in tempo reale dettagli corretti per ovviare al problema di far viaggiare i passeggeri ed i propri animali in condizioni disumane.
- invitare le compagnie a rivedere il concetto di gabbia, di canile, perché i cani e gli animali ai quali dicono di offrire un servizio hanno un cuore, un’anima e una salute da difendere. Riteniamo sia ora che in Italia nel 2014 non si debbano più verificare situazioni del genere. In un momento storico così difficile per la nostra economia offrire degli standard di qualità e consentire a milioni di possessori di animali di viaggiare in modo gradevole, pagando per un servizio ottimale, non può che essere un segnale positivo, che nel suo piccolo può sicuramente contribuire alla ripresa del nostro Paese.
Resto in attesa di un vs sollecito riscontro, ringraziandovi per la cortese attenzione.
Distinti Saluti
Eva Di Muro Drommi

Torna in alto

  GRIMALDI FERRIES - Gli animali domestici sono vietati nelle cabine e tutta la zona riservata ai passeggeri. Devono viaggiare nel canile. E’ obbligatorio il porto della museruola durante tutta la traversata. Il passeggero risponde di qualsiasi danno causato dal suo animale. Non sono ammessi a bordo cani di razze pericolose e animali non comunemente definiti domestici.
www.grimaldi-ferries.com (collegamenti Salerno-Tunisi, Salerno-Valencia)

commento Io in estate ho viaggiato con la Grimaldi... Non mi sono trovata malissimo, ma nemmeno benissimo e non solo per colpa della compagnia. Io ho avuto la fortuna di trovare ancora disponibile una cabina con la possibilità di alloggiare la mia Dhesia, ma ho dato anche un'occhiata alle gabbie dove alloggiavano altri cani.. Erano sull'ultimo ponte, proprio nella zona sotto i fumaioli, all'interno di una stanza. All'esterno, la zona di sgambamento non era "privata", ma ci passavano un po' tutti, rischiando tra l'altro di rompersi il collo a causa dell'acqua che ristagnava, usata x lavare via l'urina dei cani. Diverse persone sono cadute, tuttavia senza conseguenze.. Io mi avventuravo tirandomi su i pantaloni fino al ginocchio e persino la canina aveva schifo di camminare lì sopra. C'è da dire però che i padroni di alcuni cani hanno dimostrato (purtroppo come spesso accade) scarso rispetto per gli altri, lasciando "in giro" le deiezioni dei propri animaletti e, cosa ancor più grave, lasciando gli stessi chiusi in cabina ad ululare ed abbaiare per ore... Alla luce di questo =_=' purtroppo posso dire che, da un certo punto di vista, secondo me è anche per questo motivo che le compagnie sono reticenti ad offrire servizi migliori. Tanto loro fanno di tutta l'erba un fascio.
Monia M. - gennaio 2011

Torna in alto

  METROMARE - I mezzi del Consorzio, per le loro caratteristiche tecniche, sono destinati al solo “trasporto veloce per Passeggeri”. Non dispongono infatti di gabbie né di luoghi specificamente destinati al trasporto di animali domestici. E' consentito pertanto, previo acquisto del relativo Biglietto, il trasporto di massimo un animale domestico al seguito del Passeggero, alle seguenti condizioni: durante tutta la durata del viaggio, i cani dovranno essere muniti di museruola e guinzaglio o, in alternativa, restare all’interno dell’idoneo “trasportino”; i gatti invece dovranno necessariamente essere custoditi in idoneo “trasportino”, così come i volatili in apposite gabbie. Gli animali vanno trasportati in condizioni tali da non poter arrecare danni o disagi agli altri Passeggeri e/o al mezzo navale; Il Consorzio si riserva il diritto di chiedere, prima dell’imbarco, certificazione sanitaria attestante lo stato di buona salute e il libretto di vaccinazione dell’animale. Le certificazioni riportanti date di rilascio antecedenti 90 giorni dalla data di partenza non verranno considerate valide. Mantenimento, custodia e cura degli animali durante il trasporto sono a carico e rischio del Passeggero, il quale è tenuto a rispettare le disposizioni sanitarie dettate in materia dalle Competenti Autorità. Il Passeggero si obbliga a manlevare il Consorzio da ogni responsabilità e/o onere che possano derivare alla stessa in conseguenza o per effetto dell'inosservanza da parte sua delle norme regolamentari di cui innanzi, nonché delle leggi esistenti in materia. Aggiornato a novembre 2012
www.metromaredellostretto.it (collegamenti Villa San Giovanni / Reggio Calabria -> Messina)

Torna in alto

  MOBY LINES - Gli animali domestici sono imbarcati solo se muniti di biglietto, del documento di vaccinazione antirabbica (se richiesta nel luogo di destinazione) e di certificato medico in corso di validità; dovranno portare la museruola ed essere tenuti al guinzaglio. 
Non è consentito il loro ingresso in cabina, nella sala poltrone e nelle sale comuni. E' vietato lasciarli in auto nella stiva.
Gli animali sono ammessi sui ponti esterni della nave o negli idonei ricoveri fino ad esaurimento di disponibilità. Sono disponibili cabine interne con accesso agli animali (massimo 3 per ogni cabina).
Tariffe 2017: ticket di 15€ per ogni animale trasportato. Se si viaggia di notte e si intende prenotare una cabina dedicata a chi conduce un animale, viene applicato un supplemento di 30€ per ogni cabina (accessibili agli animali solo cabine interne doppie, senza oblò).

Estate 2016: su Moby e Tirrenia (entrambe ora appartenenti a Onorato Armatori) in distribuzione su tutte le navi un kit di benvenuto, composto da un pratico zainetto contenente circa 1 kg di croccantini (assortiti tra piccola, media e grande taglia), un dépliant con i prodotti dell’azienda sponsor, un buono sconto da 2 euro per i prodotti dell'azienda e un portachiavi promozionale. 

La cronistoria a ritroso delle recensioni e delle variazioni inerenti il regolamento di trasporto:

commento Il viaggio in traghetto Moby e andato benissimo... Spazio per i 4 zampe c'è anche all'interno dove ci sono le poltrone con linoleum.
Recensione di: Tamara N. - luglio 2017

Cane in traghetto animali ammessi: Moby Lines - Tyson di Tamara
Tyson di Tamara su Moby Lines per la Corsica

AGGIORNAMENTO 2014: MOBY LINES HA FINALMENTE DEDICATO ALCUNE CABINE A CHI CONDUCE UN ANIMALE MAX 3 PER CABINA. ANCHE IN QUESTO CASO, RISULTATO RAGGIUNTO.

commento Personale molto gentile e bagni puliti. Ho viaggiato molto bene con una dei miei bau, Palluzza, che ha gravi problemi di deambulazione dalla nascita.
Commento di: Annalaura, Dogwelcome - estate 2011

Anno 2010: confermata la tariffa di 15€ a tratta per ogni animale trasportato (linee Corsica e Sardegna)

commento Siamo appena tornati da una bella vacanza in Sardegna con la nostra amatissima Dharma, un cane labrador. Volevamo testimoniare che sulla nave della Moby Lines ci siamo trovati molto bene. Siamo stati naturalmente sui ponti all'esterno. Durante il viaggio ha piovuto e siamo stati nella parte coperta. Pensavamo molto peggio. Vi ringraziamo per il vostro prezioso sito.
Commento di: Patrizia e Mirko - luglio 2009


Dharma, la cagnolotta di Patrizia e Mirko, in traghetto per la Sardegna

 


Dharma

Cani a bordo, la risposta di Moby Lines 
Da: La Nuova Sardegna - 28 gennaio 2009
Olbia (OT) - Dopo le proteste di alcuni passeggeri che lamentavano la presenza di cani in cabina, la Moby interviene precisando che «per arginare il fenomeno, a bordo di tutte le navi esistono spazi destinati all’alloggio degli animali durante le traversate, verso i quali i proprietari vengono indirizzati sin dal momento dell’imbarco. Inoltre, durante la navigazione vengono fatti numerosi annunci che sollecitano i clienti a recarsi nelle aree appositamente adibite e all’interno delle navi sono affissi molteplici cartelli nei quali viene ripetuto l’invito. Purtroppo - sottolinea il direttore commerciale, Eliana Marino -, non tutti i clienti rispondono alle nostre richieste e non sempre si riesce a incidere sul senso civico di ciascuno».
La Compagnia rassicura, comunque, i passeggeri spiegando che «le cabine e le aree pubbliche vengono pulite e igienizzate almeno 2 volte al giorno, e una volta alla settimana in bassa stagione, più spesso durante l’estate, si provvede a una completa disinfestazione delle cabine e delle aree con la moquette».

Febbraio 2009: Abbiamo contatto telefonicamente la Moby per richiedere che vengano approntate alcune cabine dedicate a chi conduce un cane.
Nota di Dogwelcome

Anno 2008: richiesta tariffa trasporto cani sulla linea per l'Elba (sino al 2008, il trasporto degli animali era gratuito)

Aggiornamento giugno 2007 - Su tutte le linee i cani devono portare la museruola ed essere tenuti al guinzaglio e sono ammessi solo sui ponti esterni della nave o, dove disponibili, negli idonei ricoveri. 

Le bau di Martina in traghetto con Moby Lines

commento Io per andare in Sardegna sono partita da Genova con la Moby, c'erano tanti amici a 4 zampe tenuti al guinzaglio nelle zone aperte (una zona era comunque coperta e c'erano i tavolini e il bar). Poi ho notato che alcuni (specialmente gli stranieri) si erano attrezzati con cucce tipo tenda, e le avevano messe nei posti di passaggio all'interno (pianerottoli delle scale, corridoi) e il personale chiude un occhio, anche 2 !!! Credo siano stati bravi !! Mi hanno detto che ci sono a bordo anche i canili, ma non ho ben capito come sono e dove sono....e se erano anche sulla nave dove ero io!!! :-) Anche al ritorno, sulla Golfo Aranci Livorno, c'erano cani anche liberi, ma nessuno si è lamentato... Quello che mi lascia perplessa è che la gente si porti il cane in Sardegna e poi lo lasci lì !! E nessuno lo segnala!! Cioè, se il mio vicino, o un amico, ha il cane e poi improvvisamente non lo ha più, possibile che nessuno si insospettisca ? E se parto col cane e torno senza perchè non ci deve essere un controllo? Allora posso anche portare là il nonnetto che non so dove tenere, o un bambino e lasciarlo abbandonato da qualche parte dicendo poi che è scomparso ? Ma vi pare possibile?...mahhh... Che mondo !!
Commento di: Dany con Titta, ottobre 2006

Un nostro piccolo commento: i fenomeni di abbandono sul posto si verificano maggiormente (a quanto ci risulta) nelle zone di vacanza dove si hanno difficoltà a stare con il proprio cane in spiagge, ristoranti, ecc. Uno dei posti peggiori è proprio la Sardegna, oppure la Spagna, per esempio. Sappiamo di cani con identificazione francese o svizzera abbandonati in Costa Brava e che stanno ora nei rifugi laggiù. Una vergogna !!!
Condanniamo in primis chi porta il cane con sè e poi lo lascia lontanissimo da casa, come se niente fosse, solo perchè con lui non è riuscito a fare una vacanza come si deve (e per risolvere i problemi ci siamo qui noi, accipicchia, basta avere le dritte giuste...) ma condanniamo altrettanto le zone poco accoglienti con chi ha un cane, perchè così facendo contribuiscono direttamente al fenomeno dell'abbandono, non alla partenza, ma sul posto (e forse è ancora peggio). [Noi di Dogwelcome]

commento L' esperienza di Dogwelcome su un traghetto diurno Moby Lines a settembre 2006, linea Bastia-Genova: Appena arrivati nella hall un addetto ci ha invitato (a noi ed alla coppia appena prima di noi) a recarci sul ponte in alto, perchè avevamo i cani. La coppia è salita, e noi, che abbiamo pensato che volesse che mettessimo i cani nelle gabbie-canile, abbiamo risposto che i cani sarebbero rimasti con noi. Lui ha risposto: "E se sporcano ?" e noi, gentilmente: "Guardi, al di là di averli fatti passeggiare prima di salire, quindi non dovrebbero sporcare, abbiamo tutto il necessario per pulire" (avevamo anche le salviettine inumidite profumate d'emergenza oltre che un rotolone di Scottex e i sacchettini). L'addetto ha risposto: "Ma c'è la moquette !" ed io: "Non staremo sulla moquette, non si preoccupi" con un sorriso, rassicurandolo. In effetti conosciamo i traghetti Moby e sappiamo che vi sono delle sale non moquettate. Bene, individuiamo una zona senza moquette appunto, e ci accomodiamo. Poco dopo decido di andare in bagno. Entro e... AIUTO !!! Non si poteva respirare !!! Un odore di urina pungentissimo che letteralmente respingeva fuori dalle toilettes. Questo alla partenza della nave, forse ancora non ci eravamo mossi dal porto. Faccio la mia bella fila per accedere ad un WC assieme ad altre signore, ognuna che si difendeva dal fetore come poteva (una si è alzata il colletto della tuta a coprire il naso, un'altra con la mano davanti a bocca e naso, io tentavo di respirare il profumo che avevo sui polsi, tenendoli attaccati al naso...) e finalmente posso entrare in un WC. Il pavimento era cosparso di urina !!! La suola delle mie scarpe da ginnastica era immersa nell'urina di chissà quante signore e si vedeva sotto i separé tra un WC e l'altro che il pavimento davanti ai WC era tutto in quello stato, inutile cambiare WC, sarebbe stato uguale (accipicchia, signore, prendete la mira !!! Forse il mare era agitato, e la cosa poteva essere difficile, ma fregarsene altamente è davvero maleducato !!! Appoggiatevi alle pareti, insomma, non ci vuole molto...) e quando sono uscita dalle toilettes per tornare alla mia postazione sono dovuta passare per alcune zone moquettate, dove evidentemente il bagnato sotto alle mie scarpe è stato assorbito.
Bene, tutto questo per raccontarvi che gli addetti Moby si preoccupano per lo sporco dei cani, ma evidentemente non fanno la stessa cosa per lo sporco prodotto dagli umani !!! Beh, del resto, niente di nuovo sotto al sole... :o( - Per inciso: dietro alla porta delle toilettes vi era la scheda di pulizia e le stesse risultavano pulite e disinfettate...
Però, d'altro canto, non possiamo non rilevare che vi sia tolleranza nei confronti dei nostri bau: ne abbiamo tre, e non eravamo gli unici nella sala che avevamo scelto, ad avere bau al seguito... Per questo, in ogni caso, ringraziamo Moby Lines.

TARIFFA CANE: 15 EURO 
Anche con questa compagnia, spendiamo più per i cani che per noi. Es. ad aprile 2008: 2 adulti solo andata 20 euro, 3 cani solo andata 45 euro !!!
Cioè, 1 adulto 10 euro, 1 cane 15 euro.
Segnalato da: Dogwelcome - settembre 2006


Tommy va in traghetto in Sardegna... su un traghetto che si chiama Tommy ;) !!!!

commento Per la prima volta quest'anno per andare in Corsica ho preso il traghetto della linea Moby Lines  (normalmente prendo Corsica Ferries) ed è stata un'avventura perchè, senza saperlo ho prenotato una cuccetta per noi ma soprattutto per il mio Niko Boy per viaggiare tranquilli, cosa che ho sempre fatto normalmente con la Corsica Ferries e questo sia per l'andata che per il ritorno. Premetto che noi ed il cane abbiamo pagato il biglietto per intero! Arrivati sulla nave alla mia richiesta della cabina alla reception mi si sono parati davanti due dell'equipaggio impedendomi di passare e dicendomi che il cane non poteva assolutamente viaggiare in cabina né, tantomeno, stare negli spazi comuni (bar, ristorante corridoi ecc.). Alle mie rimostranze mi è stato detto che potevo stare solo all'esterno sui ponti oppure negli spazi appositi che erano le scale di passaggio senza uno straccio di poltroncina o sedia. Al ritorno ho conosciuto una coppia di signori anziani che avevano un cagnolino piccolo e che, come me, sono stati tutto il viaggio sul ponte. Ho permesso loro di andare a prendere un caffè perchè mi sono offerta di tenere il loro pelosino mentre erano al bar. E' una vergogna! Sulla Corsica Ferries i cani sono ammessi in tutte le aree e posso dire che da anni viaggio con tale linea e mai e poi mai ho visto sorgere problemi per i cani, nè tantomeno sporcizia per loro causa.
Commento di: Maria Rosa e il suo inseparabile Niko Boy, settembre 2006

commento Siamo stati sulla Moby Lally all'Elba a giugno 2006 e dobbiamo dire che vi abbiamo trovato buona tolleranza, i nostri due bau (taglia media) erano al guinzaglio, ma le museruole sono restate nella borsa (meno male, faceva molto caldo). Siamo stati anche all'interno del traghetto (ma in una zona senza moquette, dove non c'era il cartello di divieto ai cani). E' importante scaricare i bau prima del viaggio, di modo che non abbiano "esigenze impellenti" una volta a bordo... Quindi mentre aspettate di essere imbarcati, fate fare un bel giretto al vostro amico peloso !
Segnalato da: noi di Dogwelcome, con Chaac e Ken-di - giugno 2006

Pablo, che va in  traghetto in Corsica con i suoi !
Pablo, sul traghetto Moby Lines per la Corsica

 
Chaac e  Ken-di di Dogwelcome sul traghetto
Chaac e Ken-di di Dogwelcome
sul traghetto Moby per l'Elba

Torna in alto

NLG NAVIGAZIONE LIBERA DEL GOLFO - Salvo diversa prescrizione di legge, è consentito il trasporto di cani, gatti ed altri piccoli animali domestici vivi al seguito dei passeggeri ed a fronte del pagamento della tariffa prevista. Nessun animale può essere introdotto nelle sale e nei locali destinati ai passeggeri, ad eccezione dei cani guida dei non vedenti. I cani debbono essere muniti di museruola e guinzaglio.
I gatti o altri animali domestici devono essere trasportati in gabbie o ceste a cura dei loro proprietari. Il nutrimento degli animali è a cura dei proprietari.
Per gli animali che viaggiano a seguito passeggeri è richiesta la seguente documentazione: certificato sanitario o veterinario in corso di validità attestante che l’animale non è affetto da malattie e, in particolare per i cani, che è stato sottoposto a vaccinazione anti-rabbica. Detta documentazione può essere richiesta al momento del rilascio del relativo biglietto o dal personale di bordo all’atto dell’imbarco.
www.navlib.it (collegamenti Napoli/Sorrento/Castellammare di Stabia-Capri, Napoli-Sorrento, Costiera Amalfitana, Termoli/Vasto/Vieste-Isole Tremiti, Ventotene/Terracina-Ponza)

Torna in alto

  SIREMAR - Salvo diversa prescrizione di legge, è consentito il trasporto di cani, gatti ed altri piccoli animali vivi, al seguito dei Passeggeri.
I cani devono essere muniti di guinzaglio e museruola e tenuti fuori delle sale passeggeri o alloggiati nel canile di bordo, ove la nave ne sia provvista. I gatti ed i piccoli animali devono essere sistemati in gabbie o ceste, a cura del Passeggero.
Nessun animale può essere introdotto nelle sale e nei locali destinati ai Passeggeri ad eccezione dei cani guida dei non vedenti.
Il trasporto degli animali domestici al seguito dei Passeggeri è regolato dalle disposizioni sanitarie dettate in materia dalle competenti Autorità.
www.siremar.it (collegamento Napoli-Milazzo, Pantelleria)

commento Sono Alessia e quest' anno abbiamo sperimentato un modo nuovo di viaggiare Roma-Pantelleria in auto con relativi traghettamenti !! L'esperienza è stata un po' faticosa ma mi aspettavo un lungo viaggio al freddo della notte sul traghetto Siremar Trapani-Pantelleria e invece no: abbiamo prenotato una cuccetta e abbiamo fatto presente di avere un cane, un ingombrante labrador di 30 kili ! Sono stati gentilisssimi e Axel sia all'andata sia la ritorno ha dormito con noi in cuccetta... L'unica condizione era quella di infilarci velocemente in cuccetta affinchè gli altri passeggeri non vedessero!!! Forse siamo stati fortunati... Ma abbiamo trovato persone gentili, ovviamente il nostro Axel era pulitissimo e con l'adeguata prevenzione per pulci e zecche... Che dire! Una piacevole sorpresa !
Segnalato da: Alessia, settembre 2008

commento Come ogni anno si presenta il problema delle vacanze a Pantelleria con i nostri tre cani, labrador beneducati. Noi arriviamo in macchina dalla provincia di Milano, dopo 20 ore di viaggio dobbiamo imbarcarci sulla nave Siremar che dopo 6 ore con tutta calma ci porta alla meta. I cani pagano il biglietto, la compagnia non ci mette a disposizione non dico una cabina, ma neanche una straccio di tettoia per ripararci dal vento, così tocca dormire per terra disputando il possesso dei materassini con i cani. Dovesse piovere o far freddo ???
Segnalato da: Alessandra F., giugno 2010

Torna in alto

  SITA SPA - NAVIGAZIONE IL BURCHIELLO® - Tel. 049/8206910 - Effettua l'itinerario lungo il Naviglio del Brenta, portando a visitare le residenze estive dei nobili veneziani, fino a Venezia. Non è consentito il trasporto di animali e di bagaglio ingombrante salvo specifiche autorizzazioni.

Torna in alto

  SNAP (Navigazione Ponza) - Art. 17 – Al fine di rispettare le normative igienico-sanitarie, il passaggio degli animali a seguito del viaggiatore è accettato esclusivamente in coperta, i cani dovranno essere muniti di museruola, i gatti dovranno essere sistemati in gabbie o cesti a cura del passeggero. Non sono ammessi animali nei saloni comuni. Accudire e mantenere gli animali è a carico, cura e responsabilità del proprietario. Il trasporto degli animali domestici al seguito dei passeggeri, è inoltre regolato dalle disposizioni sanitarie, dettate in materia dalle competenti Autorità. Il passeggero si obbliga a tenere indenne la SNAP nei confronti degli altri passeggeri, del personale di bordo e di altri animali trasportati, da ogni e qualsiasi responsabilità, nonché da ogni e qualsiasi onere derivante a carico della stessa in conseguenza e per effetto del trasporto di cui trattasi o per effetto di sua inosservanza delle norme regolamentari di cui innanzi, nonché di quelle di legge esistenti in materia, e ciò sempre che responsabilità ed oneri derivano da cause imputabili alla SNAP.
Art. 23 - E’ vietato introdurre nei saloni animali e cose che possono arrecare disturbo ai passeggeri, o che siano contrari alle norme di igiene ed al decoro.

Torna in alto

  SNAV - Ammessi animali domestici, tariffa attorno a 10€ in alta stagione, altrimenti gratis - Salvo diversa prescrizione di legge, è consentito il trasporto di animali domestici negli appositi spazi destinati a bordo, purché muniti di regolare biglietto e del documento di vaccinazione. L’accudimento degli animali domestici è a carico, cura e responsabilità del passeggero. In conformità all’Ordinanza del Ministero della Salute del 27 agosto 2004, i detentori di cani hanno l’obbligo di applicare la museruola e il guinzaglio ai cani condotti nei locali pubblici e sui mezzi di trasporto.
www.snav.it (collegamenti Palermo-Napoli e Reggio Calabria - Isole Eolie - Sardegna)

commento Il giorno 18 agosto 2010 eravamo all'imbarco per la Sardegna con SNAV, tutto ok, imbarcati, la nave è pulita ma poi la cortesia e l'accoglienza... Appena arrivati su alla reception con la piccola Laky in braccio a Bruno e trasportino d'ordinanza veniamo praticamente cacciati sul ponte più alto, all'11° piano :( :( praticamente sotto al fumaiolo perchè "quelli che hanno cani" devono stare lì, praticamente 8 ore sotto il sole (arrivo a  Olbia alle 19 e passa....), perché li posti all'ombra non ce ne sono... Conseguenza: scottatura mega x noi e bella scaldata per Laky :( - Ergo: al ritorno ci rimettiamo i soldi già pagati e prendiamo la Moby da Bastia su Livorno (tutto un altro trattamento) visto che decidiamo per una puntatina veloce in Corsica.  Perciò per noi, mi dispiace dirlo, POLLICE VERSO x la SNAV!
Rosanna e Laky - agosto 2010

Torna in alto

Stazione marittima Olbia Porto (OT), biglietteria interna
commento Accettato, sono andato a cambiare biglietto con il cane fino alla cassa, qualcuno ha storto la bocca e l'ho mandato fuori con mia moglie per rispetto, ma la direzione comunque acconsente accesso totale allo stabile sia fuori che dentro, che in sala d'attesa...
Segnalato da: Stefano Galletti, con Milo

SUPERFASTFERRIES OK 
commento Da ANCONA alla GRECIA, sulla SUPERFASTFERRIES, ho potuto fare tutto il viaggio di 19 ore con la Daisy, dormendo in sacco a pelo sul meraviglioso pontile attrezzatissimo, riparato e con due bar aperti, con le toilette pulitissime, mai visto niente di più igienico, e dove tra l'altro proprio nei pressi della piscina, in una zona molto elitaria quindi, dietro un vetro fumè vi era un giardino pensile, proprio attrezzato per i cani e i loro bisogni.
Segnalato da: din@
www.superfast.com - (collegamenti Ancona-Patrasso, Ancona-Igoumenitsa-Patrasso, Bari-Igoumenitsa-Patrasso)

Torna in alto

T-LINK LINES -Animali: sono imbarcati solamente se muniti di biglietto e vaccinazione antirabbica valida. Obbligatori museruola e guinzaglio - gli animali domestici sono ammessi solo sui ponti esterni delle navi o, dove disponibile, negli idonei ricoveri e non sono accettati nelle cabine. Ai cani guida, se accompagnanti un non vedente con i documenti in regola, non viene applicata la tariffa di trasporto.

commento Buongiorno, sono una ragazza di 27 anni e possiedo un cane meticcio di taglia medio grande di nome Cloe. Vorrei segnalare una mia recente esperienza di viaggio in compagnia del mio amico a 4 zampe. Durante le vacanze di Natale ho deciso di acquistare un biglietto di andata e ritorno da Genova Voltri a Termini Imerese Palermo. Sul sito dell'azienda di trasporti marittimi T-link lines era comunque specificato che i cani non erano ammessi nelle cabine e che vi era una gabbietta a loro dedicata durante la navigazione.
Fin qui tutto ok se non fosse per le condizioni igieniche in cui erano tenute le gabbie (vi erano incrostazioni di escrementi nelle griglie che facevano da pavimento alle stesse) e per la discutibile scelta del posizionamento degli alloggi per gli animali. Questi si trovavano, infatti, sul ponte di poppa proprio nel parcheggio delle autovetture che veniva chiuso a chiave dal personale durante la navigazione, per ragioni di 'sicurezza'. Il proprietario del cane veniva comunque rassicurato che poteva occuparsi dell'animale in ogni momento ma che l'accesso al ponte di poppa doveva avvenire in presenza del personale di bordo poichè poteva essere pericoloso passeggiare così vicino alle auto in caso di accidentale movimento delle stesse.
A quel punto io mi domando; la sicurezza degli animali non viene così tutelata visto che le gabbie sono proprio dietro le auto e d'altro canto neppure quella del proprietario che potrebbe malauguratamente trovarsi sul ponte-parcheggio mentre una delle auto scivolasse. A parte queste mie riflessioni, il viaggio di andata è trascorso tranquillo. Il disagio più grande lo abbiamo subito al ritorno. Quando la mattina mi sono svegliata per dare da mangiare al cane, non c'era personale alla reception, così mi recai al bar, per chiedere a chi avrei dovuto rivolgermi per far aprire il ponte- parcheggio. Le ragazze che stavano al bar mi hanno risposto che non potevo aiutarmi e che avrei dovuto attendere l'annuncio del comandante di bordo che avviene una volta al giorno. Io chiesi gentilmente spiegazioni e puntualizzai che ovunque sulla nave e sul biglietto vi era scritto che il personale avrebbe dovuto essere disponibile in ogni momento. Mi hanno così liquidata dicendomi di aspettare. Io in effetti credevo fosse questione di minuti allora chiesi se dovevo aspettare lì al bar o alla reception. La barista per tutta risposta mi disse: - aspetta dove ti pare!- Inutile dire che l'atteggiamento di totale disinteresse e la poca professionalità del personale mi hanno indotto alla soluzione di non utilizzare più la T-link lines come compagnia di trasporto perchè la ritengo poco seria ed poco sicura sia per me sia per il mio cane, non volendo affatto immaginare cosa sarebbe successo in una situazione di emergenza.
Spero che la mia esperienza sia utile a chiunque volesse viaggiare con il proprio amico peloso.
Grazie mille per il servizio che fate!

Sabrina C. - gennaio 2011

Torna in alto

TIRRENIA - E' possibile il trasporto di cani e gatti al seguito. I cani debbono essere muniti di museruola e durante il viaggio vengono alloggiati nel canile di bordo. Sono ammessi cani di piccola taglia in cabina previo benestare del Comandante. I gatti debbono essere sistemati in gabbiette o cesti a cura del proprietario. Il mantenimento e la cura degli animali durante il trasporto sono a carico e rischio del proprietario. Per l'animale che viaggia è richiesta la seguente documentazione:
• per tutti i collegamenti: un certificato veterinario attestante che l'animale non è affetto da malattia;
• per i collegamenti con scali esteri: un certificato sanitario internazionale.
www.tirrenia.it (collegamenti Genova-Pto Torres, Olbia, Cagliari; Napoli-Palermo, Cagliari; Cagliari-Palermo, Trapani; Trapani-Tunisi, Civitavecchia-Olbia, Arbatax, Golfo Aranci; Fiumicino-Golfo Aranci, Arbatax, Termoli-Isola di San Domino, Tremiti) - aggiornato aprile 2007

commento Abbiamo atteso con ansia l'estate per condividere l'amata Sardegna con Zoe, la nostra golden retriever di un anno. Sapevamo dell'esistenza di un canile sul ponte 8 del traghetto che ci avrebbe portato a destinazione ma, quando l'abbiamo visto... non credevamo ai nostri occhi... e voi che ne dite? Preciso che due giorni prima di partire, dopo aver letto le condizioni generali di trasporto di Tirrenia, avevamo sottoposto Zoe alla visita del veterinario per la certificazione del suo buono stato di salute; il vaccino antirabbia era già segnalato sul libretto sanitario che diligentemente ho inserito tra i biglietti, dal momento che all'imbarco, al guinzaglio, c'era pure la pelosa, unitamente alla sorella " non pelosa", Ilaria. Ebbene nessuno ha chiesto nulla; una gran solerzia da parte dell'equipaggio però affinchè provvedessi subito a disfarmi di Zoe, mettendola "al ponte 8, dove c'è il canile". Vi lascio immaginare i sentimenti provati nel verificare lo stato di pulizia e di igiene del canile (a tacere del frastuono e del continuo passaggio di umani, amanti e non, degli animali.....) Se tutti i cani venivano lì ricoverati, obbligatoriamente, senza però verificare le attestazioni del veterinario richieste, chi mi poteva garantire le condizioni sanitarie di quelle gabbie ? (Altro che antirabbia, meglio l'antitetano!!!!) E quale sarà la ragione per cui in cabina "possono stare solo i cagnetti piccoli, sa, quelli che abbaiano??" (frase riportata proprio dal personale di bordo). Ogni commento mi pare superfluo.
Un saluto a Dogwelcome ed a tutti gli amici dei quattozampe da Manuela, Ilaria e Zoe !!!! - estate 2007

commento Su una nave Tirrenia abbiamo dovuto passare una notte intera sul ponte perchè secondo loro Toffee non poteva stare nella sala poltrone ma il suo posto era una gabbia orribile sul ponte vicino ai motori...
Commanto di: Stefania M. - gennaio 2009


Ecco le famigerate gabbie-canile delle navi Tirrenia !!!
Foto di: Manuela - estate 2007

NO COMMENT !!!
Noi che abbiamo uno o più cani al seguito non abbiamo alternativa in certi casi per raggiungere una località, soprattutto se si tratta di isole...
O l'aereo (con il cane in stiva), o il traghetto, a volte con condizioni inaccettabili... Alcune compagnie meriterebbero di essere disertate.
[Noi di Dogwelcome]

ATTENZIONE: NEL 2011 TIRRENIA E' FALLITA ED E' STATA COMPRATA DA MOBY (ONORATO ARMATORI) QUINDI SARA' FORSE POSSIBILE UN CAMBIAMENTO IN POSITIVO DELLE CONDIZIONI DI TRASPORTO DEI NOSTRI BAU.

AGGIORNAMENTO 2014:
E' possibile viaggiare insieme ai vostri animali domestici pagando il biglietto per il loro trasporto. Al vostro arrivo rivolgetevi al Ricevimento, per i vostri amici a 4 zampe in omaggio il Tirrenia Welcome Pet, un tappetino igienizzante realizzato con polimeri superassorbenti e antiodore, per accucciarsi comodamente. I gatti devono essere sistemati in gabbiette o cesti a cura del proprietario, mentre i cani devono invece indossare la museruola ed essere tenuti al guinzaglio. Gli animali possono circolare liberamente sui ponti esterni della nave e sono a loro completa disposizione le cucce esterne. Non possono invece accedere alle sale poltrone, circolare negli spazi comuni e non sono ammessi in cabina, ad eccezione delle cabine per animali, nuovo servizio di Tirrenia che offre la possibilità di acquistare cabine appositamente dedicate, igienizzabili e dotate di tutti i comfort per trascorrere insieme al vostro fedele amico la traversata. Da quest'estate infatti Tirrenia offre a tutti i passeggeri che viaggiano in compagnia dei loro piccoli amici a 4 zampe l’opportunità di prenotare un numero limitato di cabine appositamente dedicate, igienizzabili e dotate di tutti i comfort. La tipologia di cabine acquistabili è tra quadruple e/o doppie sia interne che esterne. Il supplemento cabina animali è di € 50, a prescindere dal tipo di cabina, ed è comprensivo del costo del biglietto dell’animale al seguito.

Meglio tardi che mai. Grazie Tirrenia.


AGGIORNAMENTO ESTATE 2016: su Moby e Tirrenia (entrambe appartenenti a Onorato Armatori) in distribuzione su tutte le navi un kit di benvenuto, composto da un pratico zainetto contenente circa 1 kg di croccantini (assortito tra piccola, media e grande taglia), un dépliant con i prodotti dell’azienda sponsor, un buono sconto da 2 euro e un simpatico portachiavi.

Ringhio, di Giorgia e Stefano, in traghetto nell'estate 2006
Il peloso di Claudia e Stefano, in traghetto - estate 2006

Torna in alto

  TOREMAR: Salvo diversa prescrizione di legge, è consentito il trasporto di cani, gatti ed altri piccoli animali vivi, al seguito dei Passeggeri. I cani devono essere muniti di guinzaglio e museruola e tenuti fuori delle sale passeggeri o alloggiati nel canile di bordo, ove la nave ne sia provvista. I gatti ed i piccoli animali devono essere sistemati in gabbie o ceste, a cura del Passeggero. Nessun animale può essere introdotto nelle sale e nei locali destinati ai Passeggeri ad eccezione dei cani guida dei non vedenti. Il trasporto degli animali domestici al seguito dei Passeggeri è regolato dalle disposizioni sanitarie dettate in materia dalle competenti autorità.
Aggiornamento anno 2006: Salvo diversa prescrizione di legge, è consentito il trasporto di cani, gatti e altri piccoli animali vivi, al seguito dei passeggeri. I cani devono essere muniti di guinzaglio e museruola, gli altri piccoli animali devono essere sistemati in gabbia o ceste, a cura del passeggeroI passeggeri con al seguito animali devono sostare nelle aree appositamente riservate oppure alloggiare gli animali nei canili di bordo, ove il mezzo nautico ne sia provvisto. Fanno eccezione i cani guida dei non vedenti. Il trasporto degli animali domestici ed il loro mantenimento sono a carico e cura dei possessori. Il trasporto degli animali domestici al seguito passeggeri è, inoltre, regolato dalle disposizioni sanitarie dettate in materia dalle competenti autorità. Il passeggero si obbliga a mallevare la Società da ogni responsabilità ed onere che possano derivare alla stessa in conseguenza o per effetto dell’inosservanza da parte sua delle norme regolamentari di cui innanzi, nonché delle leggi esistenti in materia. La Società non risponde dei sinistri che dovessero colpire gli animali domestici, se l’evento è derivato da causa ad essa non imputabile. Il trasporto di altri animali può essere effettuato solo sulle navi traghetto utilizzando esclusivamente appositi veicoli, debitamente omologati ed in viaggi ed orari preventivamente concordati con la Società.
www.toremar.it (collegamenti Livorno e Piombino-arcipelago toscano)

Torna in alto

TRAGHETTI AMATORI - Gli animali domestici (cani, gatti, ecc.) viaggiano gratis. Gli stessi devono essere muniti di certificato sanitario valido. I cani devono essere muniti di museruola ad eccezione dei cani guida dei non-vedenti. Il nutrimento degli animali è a carico dei proprietari.
Sui catamarani: gli animali domestici (cani, gatti, ecc.) viaggiano gratis. Gli stessi devono essere trasportati in gabbie o ceste sicure, a cura dei loro proprietari e devono essere muniti di certificato sanitario valido. Il nutrimento degli animali è a carico dei proprietari.
Linee per la Turchia: Tutti gli animali domestici devono viaggiare in appositi box per animali di proprietà o forniti dalla nave (per questo bisogna contattare l'ufficio prenotazioni). Il prezzo del biglietto è pari a € 25,00 per tratta e per stagione.

Torna in alto

TTT Lines - Ammessi animali domestici, tariffa 10€
www.tttlines.it (collegamento Napoli-Catania)

commento Il trasporto di animali domestici di taglia piccola (gatti, cani, ecc.) al seguito dei passeggeri è consentito purché siano muniti di certificato di buona salute e sia stato acquistato il relativo biglietto. In conformità alle normative igienico - sanitarie, gli animali domestici, quando accettati dalla Società, dovranno viaggiare nei locali a loro riservati, essendo assolutamente vietato ai passeggeri di tenerli in cabina e nei locali sociali. I passeggeri sono responsabili per qualsiasi eventuale danno provocato alle cose o a terzi dai loro animali. Il vettore declina qualsiasi responsabilità per eventuale sequestro o soppressione degli animali da parte delle Autorità Sanitarie del porto di sbarco/imbarco nonché per lesioni, per lunga, perdita o morte degli stessi verificatesi durante il trasporto o durante l'imbarco e/o lo sbarco."
Segnalato da: Giuseppe S.

Nino di Maria Vittoria in traghetto per la Sardegna
Nino di Maria Vittoria in traghetto per la Sardegna

TOURIST Ferry Boat (collegamenti Messina-Villa San Giovanni): Cani e gatti rimangono nelle autovetture; non é possibile farli passeggiare sul ponte - tempo di navigazione Calabria-Sicilia: 20 minuti.
www.carontetourist.it

USTICA LINES - E' consentito, previo acquisto del relativo biglietto di passaggio, il trasporto di piccoli animali domestici in gabbie o al guinzaglio, a cura del passeggero e, comunque, in condizioni tali da non poter arrecare agli altri viaggiatori danno o disagio alcuno. I cani debbono essere muniti di museruola e quelli di media e grossa taglia devono essere tenuti fuori dai saloni per passeggeri.
www.usticalines.it


I bau di Francesca in traghetto !!

Torna in alto

VAPORETTI A VENEZIA: - A bordo dei mezzi sono ammessi al trasporto gratuito, nel numero massimo di uno per passeggero:
- cani guida per non vedenti, comunque muniti di museruola
- cani di piccole dimensioni purché tenuti in braccio e con museruola
- (solo nel servizio di navigazione) cani purché muniti di museruola e tenuti al guinzaglio
- altri animali di piccole dimensioni (gatti, uccelli, ecc.) purché chiusi in appositi contenitori, gabbie o altri contenitori di dimensioni ridotte non superiori a cm. 120 quale somma delle tre dimensioni.
Previo acquisto di idoneo titolo di viaggio al prezzo previsto dalle norme tariffarie vigenti, è ammesso il trasporto di animali purché chiusi in appositi contenitori, gabbie o altri contenitori di dimensioni non superiori a cm. 150 quale somma delle tre dimensioni
- aggiorn. febbraio 2007

George di Daniela in vaporetto
Il peloso di Daniela in vaporetto a Venezia

Torna in alto

VETOR - Tariffa animali domestici € 3,00 - Gli animali domestici al seguito del viaggiatore sono accettati esclusivamente in coperta, e dovranno essere muniti di museruola o posti in apposito contenitore.
(collegamento in aliscafo Ponza-Ventotene-Anzio)

commento Comincio col farvi i miei più sinceri complimenti per questo vostro sito che abbiamo recentemente scoperto e che oltre ad essere essenziale per reperire info di pubblica utilità, da finalmente voce ai nostri amici a quattro zampe e a chi come noi possiede un cane e non sempre... spesso... viene penalizzato. Volevo mettervi a conoscenza di una situazione che trovo a dir poco assurda e disdicevole. Mio marito ed io siamo i felici proprietari di una cockerina americana spaniel di nome Molly e abitiamo in provincia di Roma, sulla costa laziale. In passato eravamo soliti recarci a Ponza, con partenza dal porto di Anzio, per trascorrere una piacevole giornata sull'isola. Da quando Molly é entrata nella nostra vita, a causa di leggi restrittive e norme a dir poco ridicole, siamo stati letteralmente costretti e rivedere le nostre abituali destinazioni. Fin qui nulla di nuovo perché sappiamo di non essere i soli e per lei sinceramente faremmo questo ed altro. Il 18 Luglio del 2009 abbiamo deciso di recarci nuovamente sull'isola ma con nostra incredibile meraviglia ci siamo trovati in una situazione che lasciamo a voi giudicare. Ci chiediamo come sia possibile che gli aliscafi Vetor richiedano per 90 minuti di navigazione andata e ritorno il costo intero di n.2 poltrone ( NON ESISTE ALTRA SISTEMAZIONE ) al quale aggiungere 6 euro per il nostro cane e diritti vari e pretendere che il cane NON abbia accesso all'interno ma bensì viaggi in spazi angusti e scoperti posti lateralmente la cabina di pilotaggio? Naturalmente ciò significa che sia io che mio marito PUR AVENDO PROFUMATAMENTE PAGATO per due poltrone, ovviamente rimaste VUOTE, ci siamo dovuti letteralmente abbarbicare su degli scalini per non lasciare sola la nostra cagnolina tra spruzzi d'acqua, rumore del motore e aria a go-go! Partendo dal presupposto che comunque il 18 Agosto é ancora considerato alta stagione, nulla da ridire, ci chiediamo: é mai possibile che si debba pagare un prezzo intero per viaggiare come dei clandestini ?? Oggi il costo totale é di 160 euro fino a fine Agosto 2011, all'epoca era di poco inferiore, ma NULLA é cambiato e quindi abbiamo rinunciato. Non pretendiamo che la traversata sia gratuita né per noi né per il nostro cane MA ALMENO pagare la tratta come posto in piedi o trovare una qualsiasi altra formula che eviti di sentirsi clienti di classe B pur avendo gli stessi diritti e NON potendo utilizzare a pieno un servizio per cui si é pagato ESATTAMENTE come gli altri. Comprendo che questa domanda dovrebbe essere posta alla società di navigazione, così sarà fatto, ma ritenevamo comunque giusto rendere noto agli altri viaggiatori che acquistano biglietti on-line ad esempio che possono trovare questa bella "sorpresa" al loro imbarco. Vi allego il link del sito dove alla voce ANIMALI il costo riportato é di 3 euro invece di 4 (aumentato anche quello!!) e NON viene menzionata alcuna disposizione in merito alla sistemazione. http://www.vetor.it/animali.htm
Grazie per la vostra attenzione e per l'ottimo lavoro che svolgete, buona giornata.
Commento di: Eva De Cesaris - settembre 2011

separatore

comment Mandaci la tua recensione  sulla compagnia di navigazione con cui hai viaggiato con il cane o il gatto!
 

separatore

Torna in alto

Una brutta esperienza:

Al ritorno da una vacanza in Sardegna vari anni fa, su un traghetto Corsica Ferries Bastia-Savona, ho visto ciò che mi porta, in questo sito e comunque sempre, a raccomandare di NON LASCIARE IL CANE IN MACCHINA NELLA STIVA SE SI VIAGGIA IN TRAGHETTO.
Purtroppo mi è capitato di vedere una famiglia svizzero/francese in preda al panico perchè aprendo il bagagliaio (sì, avete capito bene, bagagliaio) della loro macchina, che si trovava nella stiva davanti alla mia, vi hanno trovato il loro pastore tedesco stecchito.
Credo che non dimenticherò mai quella visione ed il tremore che mi ha preso le gambe per il nervoso: pensavano che il loro povero cane potesse viaggiare in quelle condizioni... (con Corsica Ferries avrebbero potuto portarlo in cabina o ovunque tranne in sala ristorante...). Il cane, ormai morto da chissà quanto tempo (la traversata è durata circa 7 ore) aveva la lingua penzoloni, il pelo era tutto bagnato, gli occhi erano fissi e terrorizzati.
Di nuovo: se prendete un traghetto, tenete Fido con voi al fresco !!! NON LASCIATE IL CANE IN STIVA !!!

Annalaura, la presidente di Dogwelcome

 

Ci scrive Katiuscia, dicembre 2004:

Quest'estate ho trascorso delle splendide vacanze in Corsica, dove l'accoglienza per i nostri amici a quattro zampe è stata ancora meglio di quanto non mi aspettassi! Purtroppo però proprio nell'attesa del traghetto per il ritorno a casa, mi è capitato di assistere a una scena che ancora ho davanti agli occhi....
Poco lontano dal porto di Bastia, in un angoletto ombreggiato con accesso al mare dove io e il mio ragazzo facevamo bere e mangiare le nostre due canine, ho visto due ragazzi (corsi) immersi in mare con un terranova in braccio e una coppia (italiana) che nel mentre ridacchiava guardando la cartina della Corsica; quando sono usciti dall'acqua, mi sono resa conto. Il cane era della coppia italiana e i due ragazzi corsi gli stavano prestando soccorso dato che era collassato dopo un viaggio in macchina... nella stiva del traghetto... Stavano cercando di raffreddarlo nella speranza che si riprendesse.
Non so dirvi se il cane ce l'abbia fatta, era in condizioni davvero disperate; uno dei due ragazzi ha accompagnato gli italiani con il cane da un veterinario appena fuori città, non so altro. L'indifferenza dei "proprietari" mi ha fatto vergognare di essere italiana. Il "proprietario" del cane non voleva nemmeno prenderlo in braccio per metterlo in macchina perchè era bagnato e quando lo ha toccato si è pulito subito le mani e si è controllato la camicia per assicurarsi di non essersi sporcato... Inutile scrivervi cosa avrei voluto dire e fare a quelle due "persone", ma in quel momento l'unica cosa importante era che andassero prima possibile dal veterinario; è anche inutile scrivervi che l'altro ragazzo corso era sotto shock, ci ha solo detto "ma come si fa!?"
Lasciare un cane nella stiva è veramente incommentabile (in agosto poi..) e chiunque abbia con sé un cane dovrebbe sapere che per loro le alte temperature sono pericolosissime (anche per noi!), non so per quale motivo si possa fare una scelta del genere; spero non per risparmiare pochi euro o per starsene al ristorante della nave....
Aggiungo solo che proprio la Corsica Ferries, permette l'accesso ai cani in tutti gli ambienti della nave, escluso il ristorante (...ma è così importante il ristorante !?).

Grazie per l'attenzione che mi avete dedicato. Spero che quel bel terranova ce l'abbia fatta; io e il mio ragazzo, sulla nave verso casa, abbiamo visto una stella cadente e il desiderio è stato tutto per lui...

Katiuscia e Maurizio, con Luna e Cleo

separatore

Chaac e Ken-di in traghetto
Chaac e Ken-di Dogwelcome

separatore

comment  Condividi con la Community di Dogwelcome le tue esperienze: invia il tuo feedback inerente un viaggio in traghetto con il tuo cane o gatto

buon viaggio
CON FIDO E MICIO ALL'OMBRA AL FRESCO
E NON NELLA STIVA DEL TRAGHETTO, DOVE POTREBBERO MORIRE !!!


Pagina a cura di Annalaura e Federica V.
Sezione online da ottobre 1999 - Dogwelcome, il primo sito italiano per Viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Aggiornata a gennaio 2017

Il Sito per Viaggiatori con Quadrupedi al Seguito © 1999-2019
- Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata ai sensi dell'art. 3 dir. CE n.9/1996 -

Torna su
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito
Geolocation visitatori Dogwelcome.it
Il sito per viaggiatori con Quadrupedi al seguito

Partners:   logo Booking         logo Prenotazioni24

Gemellaggi: Frida's Friends Onlus - Amici del Goldenretriever.it

Hanno parlato di noi:

www.dogwelcome.it © 1999-2019 - All Rights Reserved -
Il materiale pubblicato NON può essere riprodotto, in qualsiasi formato (pubblicazione sul web, cartacea, o di qualsiasi altro tipo) ai sensi dell' art. 3 dir. CE n.9/1996
Dogwelcome® è un marchio registrato: è quindi vietato l'uso del vocabolo, anche in due parole staccate.