Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
Dal 1999, in viaggio con i tuoi amici a 4 zampe
MENU

Itinerari

◄ Tutti gli itinerari

Escursione con il cane al parco protetto fluviale La Rupe

Trento

In bici o a piedi, un interessante biotopo da esplorare con il nostro bau

Immagine principale
Escursione con il cane al parco protetto fluviale La Rupe
Escursione con il cane al parco protetto fluviale La Rupe
Clicca sulle foto per ingrandire

Il biotopo "La Rupe" è un'area protetta e costituisce uno degli ultimi lembi dell'antico paesaggio fluviale del fiume Noce. Il biotopo si trova lungo questo corso fluviale che scende delle Valli di Sole e Non sino alla Piana Rotaliana, antistante l'imbocco della Valle di Non. Posto ad una quota media di 210 metri, ha una superficie complessiva di 42 ha, e gravita sui comuni di Mezzolombardo e Nave San Rocco. Il biotopo comprende diversi ambienti naturalistici e paesaggisti di notevole interesse, con delle ampie anse, meandri, pozze e lame d'acqua. Un vero e proprio parco fluviale (lungo un paio di km), che si imbocca nei pressi del ponte che porta all'abitato di Mezzolombardo e che porta, mantenendo la destra orografica del fiume, lungo un piacevole e facile sentiero e per stradine di campagna in piano, sino al ponte multicolore di Zambana Vecchia. Diversi i punti di osservazione e le aree di sosta, per visitare questo biotopo, raggiungibile anche in bicicletta.

- http://www2.areeprotette.provincia.tn.it/riserve-naturali/repertorio/provinciali/36.html -

Il Biotopo comprende ambienti diversificati che presentano differenti condizioni per la vita di piante ed animali: il corso d'acqua con ampie anse, meandri, pozze e lame d'acqua; le rive caratterizzate da campagne e da vegetazione ripariale con salici (Salix, più specie) e pioppi (Populus, più specie). In un tratto di fondovalle in cui la vegetazione ripariale del tipo qui rappresentato è molto scarsa, il Biotopo costituisce una sorta di piccolo "parco fluviale" per la fauna. L'elevato pregio naturalistico di questo tratto di torrente è in primo luogo testimoniato dal popolamento ittico, rappresentato da varie specie, alcune delle quali divenute ormai rare in Trentino a causa dell'alterazione dei corsi d'acqua. Lungo il torrente nidificano uccelli tipici delle zone umide, come il germano reale (Anas platyrhynchos), il martin pescatore (Alcedo atthis), l'usignolo di fiume (Cettia cetti) e uccelli di ripa, come il piro piro piccolo (Actitis hypoleucos). Inoltre sia durante le migrazioni che d'inverno qui sostano numerose interessanti specie dell'avifauna. I lembi di bosco ripariale sono frequentati da vari anfibi, uccelli e mammiferi, che qui trovano sicuro rifugio e ricche possibilità di alimentazione. La presenza di pareti rocciose e di aree aperte adatte alla caccia favoriscono la presenza di uccelli da preda sia diurni che notturni, come i rari pellegrino (Falco peregrinus) e gufo reale (Bubo bubo).

PRESENZA DI ACQUA POTABILE: SI

Segnalato da Roberto

46.176160548754, 11.092522144318

Top